Creato da archetypon il 03/08/2005

Ombre di Luce

Davanti a me fluttua un'immagine, uomo o ombra, più ombra che uomo, più immagine che ombra. (W.B. Yeats)

 

« Parentesi n. 16Messaggio #309 »

il favore degli dèi

Post n°308 pubblicato il 16 Febbraio 2007 da archetypon
 
Foto di archetypon

Carissima,

  non è così difficile riuscire a trovare uno spicchio di umanità. Ma bisogna avere il favore degli dèi per incontrare persone che recano quel filo bianco invisibile del meraviglioso che avvolge e che accomuna parti di Sé.

  Di cosa è fatto quel filo? Di sensibilità, di apertura alle strane cose del mondo, di equilibrato intelletto, di sofferenze patite e di ferite mai rimarginate. E di quella precisa attenzione che si presta quando ci si ritrova con qualcuno che è legato, come te, a quel filo bianco invisibile.

  E questo non vuol dire che riconosci solo le luci. Sai che quel filo consegna anche le ombre a cui nessuno può e deve rinunciare; ombre che rendono particolari, a volte migliori.

  Gli dèi sono stati gentili: dovrò, al loro messaggero, recare in dono la mia semplicità e naturalezza, ma anche le mie difficoltà. Il tuo aedo,

AM


 
 
 
Vai alla Home Page del blog

AREA PERSONALE

 

AVVERTENZE

Leggerete in trenta secondi;
poi torneremo al silenzio.

I testi in corsivo sono citazioni.

Protected by Copyscape DMCA Takedown Notice Checker

 

TAG

 

ULTIME VISITE AL BLOG

archetyponunblogpercasoVasilissaskunkSignorina_Golightlytekilaladorable2017apungi1950_1IrrequietaDmarittiellaolgy120ishtar.deavololowannamatrigianoLa_Cura_dgl
 

CIÒ CHE ORA LEGGO

A MEMORIA

Si può mancare non solo la propria felicità, ma anche la propria colpa decisiva senza la quale un uomo non raggiunge mai la propria totalità.

- C.G. Jung
 -


Quando uno ha avuto una volta la fortuna di amare intensamente, passa la vita a cercare di nuovo quell'ardore e quella luce.

- A. Camus -



Il serpente aveva appena guardato quella venerabile immagine quando il re prese a parlare e domandò: «Da dove vieni?». «Dai crepacci in cui abita l'oro» rispose il serpente. «Che cosa è più stupendo dell'oro?» domandò il re. «La luce» rispose il serpente. «Che cosa è più vivificante della luce?» domandò il primo. «Il dialogo» rispose il secondo.

- Goethe -


Quando devi scegliere tra due cammini, chiediti quale abbia un cuore. Chi sceglie il cammino del cuore non sbaglia mai.
- Popol Vuh -

 

Chiunque prende la strada sicura è come se fosse morto.

- C.G. Jung -

 

Nel coltivare se stessi non esiste la parola "fine". Chi si ritiene completo, in realtà, ha voltato le spalle alla Via.

- Yamamoto Tsunetomo -


La vita, per compiersi, ha bisogno non della perfezione ma della completezza. Di questa fa parte "la spina nella carne", la tolleranza all'imperfezione, senza la quale non c'è né progresso né ascesa.

- C. G. Jung -


Un uomo che dubiti del suo proprio amore può, o meglio deve dubitare di qualsiasi altra cosa meno importante.

- S. Freud -

 

Io sono, più di ogni altra cosa, quel che non sono riuscito a compiere. La più vera delle vite che indosso, come un fascio di serpenti annodato a un'estremità, è la vita non vissuta. Sono un uomo che ha vissuto immensamente. E che nella stessa misura non ha vissuto.

- V. Vosganian -


Tutto ciò che teniamo dentro di noi senza viverlo cresce contro di noi.

- M.L. von Franz -


E poi ti voglio bene, nel tempo e nel freddo.

- Julio Cortàzar -

 

TWITTER

 

 
Citazioni nei Blog Amici: 181
 
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova