Community
 
CoppiaDanza
   
 
Creato da CoppiaDanza il 09/04/2006
... una vita su otto ruote

Area personale

 

FACEBOOK

 
 

I nostri successi:

In Coppia:

  • Campioni Internazionali "Memorial Filippini" nelle stagioni 2005 e 2007.
  • Campioni Italiani AICS nel 2003 e nel 2007;
    Campioni Italiani UISP nelle stagioni 2003 e 2005;
    Campioni Italiani ACLI nel 2004;
  • Vice-Campioni Italiani FIHP nelle stagioni 2003 e 2007;
  • Bronzo Internazionale "Memorial Filippini" nelle stagioni 2006 e 2008.

Matteo:

  • Vice-Campione Italiano AICS nel 2002.
  • Bronzo Italiano AICS nel 2001.
  • Nominato dal Comitato di Pesaro-Urbino della UISP LEGA PATTINAGGIO come miglior atleta della Provincia nel 2001.

Martina:

  • Campionessa Italiana AICS nel 2008

 

Ultime visite al Blog

artisticoazzurradema_eclaben17simonabruntiziana.danzimzdecorazionifreemoveshopmammaanto1linapafundoflaviag61bathbodypublishop48casamasinasilvia.chiericoalefrajd
 

Campioni del Mondo in carica sul ghiaccio:

 

N.B.

Si avvisano i gentili lettori che questo è un Blog Amatoriale, pertanto, malgrado la cura posta nella raccolta di materiale, non possiamo assumerci la responsabilità totale delle informazioni riportate. Si fa nota anche che i 3/4 delle informazioni che leggerete sono date da un copia incolla da altri siti e che comunque potete trovarvi il link nel post stesso.

 

Se avete dei consigli o volete fare delle proposte riguardanti questo blog od altro, scrivete a:
mattymarty@libero.it

Se volete parlare con matteo su MSN, scrivete a:
matty-maina@hotmail.it

Se volete visitare la pagina di Myspace di matteo,
cliccate qui!

 

 

« Mollano anche Julia e SlavnovTutti insieme a pattinare! »

Paura di cadere: ecco come vincerla!

Post n°657 pubblicato il 30 Settembre 2007 da CoppiaDanza
 

Sul forum del pattinaggio (www.icewire.it) ho trovato un bell'argomento: come superare la paura di cadere.
Ne riproporrò di seguito un breve riassunto.

E' vero, il pattinaggio non è pericoloso in sè, ma per i neofiti, ossia quelle persone che si avvicinano per la prima volta a questo sport, specialmente quando non hanno 4-5 anni, può rappresentare un blocco il lasciarsi andare su un terreno non stabile.
Ecco allora che si usano delle tecniche, o meglio, che esistono dei consigli. Eccoli:

  1. le prime volte entrate in pista con qualcuno che sappia già stare ben saldo in piedi sui pattini;
  2. non vi fate prendere dal panico;
  3. iniziate facendo dei giri di pista con le mani alla balaustra e gradualmente levate prima una mano e poi andate senza;
  4. non restate sempre attaccati alla balaustra, ma staccatevi quanto prima in modo da comprendere gli spostamenti di peso necessari;
  5. se avete un istruttore fidatevi cecamente di lui;
  6. potreste provare le posizioni prima senza pattini;
  7. osate, osate, osate!!!

E ricorda che per vincere la paura di cadere serve soprattutto... cadere!
Per vari motivi tra i quali: cadere non provoca tutto il danno che può sembrare ad occhi esterni e cadere è il primo passo per imparare!

E non demoralizzatevi se siete sempre con il sedere per terra. E' un dato di fatto, chi pattina cade!

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Commenti al Post:
cupidina_82
cupidina_82 il 01/10/07 alle 19:55 via WEB
cavolacci che botta...
(Rispondi)
rayondusoleil
rayondusoleil il 03/10/07 alle 23:21 via WEB
eh eh... ricordo ancora la sensazione che si prova quando sei in aria e sai già se cadrai o porterai a buon fine il salto... è vero, cadendo si impara a cadere e dopo un po' di tempo nn ci si fa più male... il problema è dopo qualche anno che nn ci si allena più e rimettendosi i pattini si prova a fare le cose che si sapevano fare... quando me li sono rimessi ho avuto un po' di problemi a rifare l'axel, nn so, la partenza in avanti, dopo 5 anni che nn rimettevo i pattini, mi ha messo in soggezione... anche perchè poi il mio baricentro era cambiato notevolmente!!!! nn mi sono nemmeno avvitata... e sono atterrata su entrambi i pattini... poi dopo un po' mi è riuscito di nuovo, ma nn completo!!!! le trottole invece nn mi hanno causato problemi!!!!
(Rispondi)
 
Utente non iscritto alla Community di Libero
Anonimo il 05/10/07 alle 12:12 via WEB
Ciao...ma che nome difficile......comunque vedo che sei una pattinatrice...e anche di un certo livello (o almeno lo sei stata).....e come tale.....credo che tu possa beneficiare già della simpatia di tutti noi appassionati di questo magnifico sport (perchè non ne parli sul tuo blog ?)Ciao da FRANCO
(Rispondi)
 
 
rayondusoleil
rayondusoleil il 07/10/07 alle 13:33 via WEB
Ciao! Si, lo sono stata ormai 10 anni or sono... smisi intorno ai 19 anni per sopravvenuti impegni universitari... in realtà nn è che sia stata chissà che campionessa, ho fatto gli italiani piazzandomi sempre all'incirca a metà classifica e poi negli ultimi anni mi dedicai quasi esclusivamente agli obbligatori...un po' perchè mi piacevano, mi rilassavano... (come quelli che fanno 40 vasche a nuoto x rilassarsi e mandare la mente a ruota libera...) un po' perchè comunque era bravina e mi dava più soddisfazione!!! E poi a 19 anni dopo 12 anni di sport mi ero anche un po' stufata di allenarmi 3 o 4 ore al giorno... Così smisi da un giorno ad un altro, con la mia insegnante che rimase un po' spiazzata!!! Nel libero diciamo che facevo i doppi salti, a volte completi e a volte no, a volte esteticamente bellini e altre meno... insomma ero una come tante!!!! Per un periodo ho anche insegnato alle principianti x guadagnare qualcosina durante l'università, e spesso accompagnavo le atlete alle gare della domenica quando nn c'era l'insegnate ufficiale... diciamo che il pattinaggio ha occupato pienamente la mia vita dai 10 al 22 anni circa... poi ho cambiato (Danza e Yoga)ma anche di queste nuove passioni nn ne parlo nel blog... Sono un po' logorroica???? ^___^
(Rispondi)
 
 
 
CoppiaDanza
CoppiaDanza il 07/10/07 alle 16:31 via WEB
No, anzi, a noi interessano tantissimo le esperienze altrui!!!
(Rispondi) (Vedi gli altri 1 commenti )
 
 
 
rayondusoleil
rayondusoleil il 07/10/07 alle 20:38 via WEB
Anche se le mie sono ormai un po' datate!!!^__^ Comunque volevo farvi i complimenti, il programma di esibizione è molto bello, peccato che nn avete messo i video del libero, me li sarei gustati tutti!!!! ^__^
(Rispondi)
 
 
 
Utente non iscritto alla Community di Libero
Anonimo il 08/10/07 alle 11:44 via WEB
Ciao gentile rayndusoleil sono del parere di Matteo ( che saluto con simpatia)che è sempre interessante sentire le esperienze degli altri, specie se del tuo livello - Spero che comunque dopo i tuoi eccellenti trascorsi scenderai di tanto in tanto in pista per diletto... Pensa che lo faccio ancora io...che forse ho il doppio dei vosti anni- Comunque io trovo che il patt. artistico è veramente affascinante -Ciao e complimenti- FRANCO
(Rispondi)
Utente non iscritto alla Community di Libero
Anonimo il 02/04/08 alle 13:59 via WEB
Carissimi amici, ho tratto dal mio blog Pattinare sul Web http://pattinaresulweb.blogspot.com/2008/02/alcune-considerazioni-psicologiche-sul.html queste considerazioni sulla caduta: E' importante rammentare che rispetto proprio le capacità coordinative, il pattinaggio vive il problema dell’equilibrio, la ricerca dell’equilibrio non è soltanto un equilibrio proprio mentale che è una delle tendenze dell’essere umano per poter essere...... quando si parla di essere equilibrato. Quindi l’attività del pattinare ha a che fare con una componente che per noi è coordinativa, ma dal punto di vista antropologico la paura di perdere l’equilibrio è una delle più antiche paure. Noi lo vediamo quando nasciamo, il bambino viene poggiato sul dorso e la prima cosa che fa è quella di spalancare le braccia per paura di cadere, quindi di perdere un equilibrio. Allora capite bene quanto e come diventa importante acquisire questo equilibrio sul piano psicologico, ormai dovrebbe essere cosa acquisita e non dobbiamo stancarci di ripeterlo che non c’è separazione tra gli aspetti della mente, gli aspetti cognitivi rispetto gli aspetti motori. Nel pattinare un aspetto importante è quello riguardante la caduta: nella nostra cultura europea la caduta e cadere significa scendere in basso anche nello stato sociale, quindi c’è questo problema visto anche sotto l’aspetto della scala sociale, di accettare la caduta come la possibilità di risoluzione di un problema, ossia superare la caduta ritornando in equilibrio, quindi la caduta ha un effetto educativo pedagogico proprio nel momento in cui c’è l’alternativa allo stare in piedi, certe cose si trasferiscono quindi aiutano sul piano del transfert. Quando una persona cade, perché viene derisa? Perché quando un Bambino scivola la gente si mette a ridere? La caduta è considerata anche dal punto di vista culturale religioso all’inferno, ci sono delle considerazioni rispetto alla caduta, la paura di cadere non è soltanto la paura di cadere e farsi male, è proprio una paura simbolica di perdere una propria identità rispetto agli altri, specialmente in persone adulte , la paura di fare una magra figura, quindi l’insegnante o il genitore si porta anche questo tabù rispetto alla caduta, viene razionalizzato come farsi del male. Vincere questo demone della caduta deve essere fatto capire perché significa una maggiore sicurezza interiore, quindi l’equilibrio non è solo fisico ma anche mentale che favorisce una sicurezza interiore nel bambino ed una accettazione di sé rispetto al mondo ed alle cose e quindi una voglia di andare verso il futuro, questa è una carica di ottimismo in un mondo che non ne presenta molto. Possiamo affermare che: con il pattinare il bambino scopre la sicurezza interiore, quindi l’immagine di sé, un’immagine corporea di un corpo che sta in movimento in situazioni precarie, allora si capisce bene che aspetto enormemente afrodisiaco ha sull'individuo il pattinare. Non è il camminare o il correre, sono situazioni diverse. Gli americani addirittura dicono: fall in love (cadere in amore), proprio perché il pattinare presuppone la caduta. Un’altra cosa importante nella simbologia del pattinare è la questione del piacere fine a sé stesso di vincere una cosa che noi non potremo mai vincere. Questi sono gli eventi che regolano la vita dell’universo ,quindi lo spazio e il tempo, ossia noi non possiamo mai batterlo il tempo, è impossibile, però c’è questa pia illusione che attraverso un mezzo si possa , allora il pattino è uno strumento che favorisce innanzitutto il superamento di una velocità, superare questa, sicuramente è un piacere universale, quindi il pattinare supera gli originali schemi motori, come il camminare e il correre. Si capisce bene che insegniamo con il pattinare un nuovo schema motorio, allora noi spostiamo con l’insegnamento del pattinare il sapere umano, il sapere del Bambino. Questo periodo della vita, è anche un epoca critica deve fare un bilancio sulla propria esistenza, il bambino perde certe caratteristiche dell’infanzia per avvicinarsi sempre più verso un’età pre-adolescenziale, è un momento in cui il bambino vive anche un rapporto magico con la vita e questo è il bello . Secondo un’analisi e uno studio sulla struttura delle fiabe, in quelle tradizionali spesso c’è sempre un oggetto magico che va ad aiutare l’eroe per superare l’ostacolo. Allora il pattino può raffigurare nella mente del Bambino questo oggetto magico che va ad aiutare l’eroe per superare l’ostacolo, quindi raffigurare nella mente del Bambino questo oggetto magico-simbolico. saluti Michele Poli
(Rispondi)
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.
 
 
 

Almeno tu nell'universo di Mia Martini
di

Orazi Martina/Mainardi Matteo

Orazi Martina / Mainardi Matteo

 

Tag

 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Contatta l'autore

Nickname: CoppiaDanza
Se copi, violi le regole della Community Sesso: M
Età: 13
Prov: PS
 

Ultimi commenti

sono Raffaella , sono una pattinatrice della domenica e un...
Inviato da: RAFFAELLA
il 10/02/2010 alle 16:18
 
Matteo.....allora.....ci sarai di nuovo ?BUON 2010 franco
Inviato da: franco
il 17/01/2010 alle 19:16
 
invito la gentile pattinatrice a visionare il film dei...
Inviato da: FRANCO
il 05/12/2009 alle 19:05
 
Scusate l'intromissione, ma io sono una pattinatrice...
Inviato da: goMao!
il 23/11/2009 alle 12:33
 
auguro a Matteo,grande pattinatore,e a tutti i...
Inviato da: Anonimo
il 27/12/2008 alle 12:03
 
 

Per sapere quando e dove il grande pattinaggio entra in tv, clicca sul televisore qui sotto:

immagine

 

BlogItalia.it - La directory italiana dei blog

 
Citazioni nei Blog Amici: 20
 

Campioni del Mondo in carica su rotelle:

 
 

Archivio messaggi

 
 << Settembre 2014 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30          
 
 

In questo momento...

counter

...persone stanno visitando questo blog!