Quid novi?

Letteratura, musica e quello che mi interessa

 

AREA PERSONALE

 

OPERE IN CORSO DI PUBBLICAZIONE

Cliccando sui titoli, si aprirà una finestra contenente il link ai post nei quali l'opera è stata riportata.
________

I miei box

Piccola biblioteca romanesca (I miei libri in dialetto romanesco)
________

Cento sonetti in vernacolo romanesco (di Augusto Marini)

Centoventi sonetti in dialetto romanesco (di Luigi Ferretti)

De claris mulieribus (di Giovanni Boccaccio)

Il Novellino (di Anonimo)

Il Trecentonovelle (di Franco Sacchetti)

I trovatori (Dalla Prefazione di "Poesie italiane inedite di Dugento Autori" dall'origine della lingua infino al Secolo Decimosettimo raccolte e illustrate da Francesco Trucchi socio di varie Accademie, Volume 1, Prato, Per Ranieri Guasti, 1847)

Miòdine (di Carlo Alberto Zanazzo)

Palloncini (di Francesco Possenti)

Poesie romanesche (di Antonio Camilli)

Poesie varie (di Cesare Pascarella, Nino Ilari, Leonardo da Vinci, Raffaello Sanzio)

Romani antichi e Burattini moderni, sonetti romaneschi (di Giggi Pizzirani)

Storia nostra (di Cesare Pascarella)

 

OPERE COMPLETE: PROSA

Cliccando sui titoli, si aprirà una finestra contenente il link ai post nei quali l'opera è stata riportata.

I primi bolognesi che scrissero versi italiani: memorie storico-letterarie e saggi poetici (di Salvatore Muzzi)

Il Galateo (di Giovanni Della Casa)

Osservazioni sulla tortura e singolarmente sugli effetti che produsse all'occasione delle unzioni malefiche alle quali si attribuì la pestilenza che devastò Milano l'anno 1630 - Prima edizione 1804 (di Pietro Verri)

Picchiabbò (di Trilussa)

Storia della Colonna Infame (di Alessandro Manzoni)

Vita Nova (di Dante Alighieri)

 

OPERE COMPLETE: POEMI

Il Dittamondo (di Fazio degli Uberti)
Il Dittamondo, Libro Primo

Il Dittamondo, Libro Secondo
Il Dittamondo, Libro Terzo
Il Dittamondo, Libro Quarto
Il Dittamondo, Libro Quinto
Il Dittamondo, Libro Sesto

Il Malmantile racquistato (di Lorenzo Lippi alias Perlone Zipoli)

Il Meo Patacca (di Giuseppe Berneri)

L'arca de Noè (di Antonio Muñoz)

La Scoperta de l'America (di Cesare Pascarella)

La secchia rapita (di Alessandro Tassoni)

Villa Gloria (di Cesare Pascarella)

XIV Leggende della Campagna romana (di Augusto Sindici)

 

OPERE COMPLETE: POESIA

Cliccando sui titoli, si aprirà una finestra contenente il link ai post nei quali l'opera è stata riportata.

Bacco in Toscana (di Francesco Redi)

Cinquanta madrigali inediti del Signor Torquato Tasso alla Granduchessa Bianca Cappello nei Medici (di Torquato Tasso)

La Bella Mano (di Giusto de' Conti)

Poetesse italiane, indici (varie autrici)

Rime di Celio Magno, indice 1 (di Celio Magno)
Rime di Celio Magno, indice 2 (di Celio Magno)

Rime di Cino Rinuccini (di Cino Rinuccini)

Rime di Francesco Berni (di Francesco Berni)

Rime di Giovanni della Casa (di Giovanni della Casa)

Rime di Mariotto Davanzati (di Mariotto Davanzati)

Rime filosofiche e sacre del Signor Giovambatista Ricchieri Patrizio Genovese, fra gli Arcadi Eubeno Buprastio, Genova, Bernardo Tarigo, 1753 (di Giovambattista Ricchieri)

Rime inedite del Cinquecento (di vari autori)
Rime inedite del Cinquecento Indice 2 (di vari autori)

 

POETI ROMANESCHI

C’era una vorta... er brigantaggio (di Vincenzo Galli)

Er Libbro de li sogni (di Giuseppe De Angelis)

Er ratto de le sabbine (di Raffaelle Merolli)

Er maestro de noto (di Cesare Pascarella)

Foji staccati dar vocabbolario di Guido Vieni (di Giuseppe Martellotti)

La duttrinella. Cento sonetti in vernacolo romanesco. Roma, Tipografia Barbèra, 1877 (di Luigi Ferretti)

Li fanatichi p'er gioco der pallone (di Brega - alias Nino Ilari?)

Li promessi sposi. Sestine romanesche (di Ugo Còppari)

Nove Poesie (di Trilussa)

Piazze de Roma indice 1 (di Natale Polci)
Piazze de Roma indice 2 (di Natale Polci)

Puncicature ... Sonetti romaneschi (di Mario Ferri)

Quaranta sonetti romaneschi (di Trilussa)

Quo Vadis (di Nino Ilari)

Sonetti Romaneschi (di Benedetto Micheli)

 

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Maggio 2017 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31        
 
 

Messaggi del 13/05/2017

Ma tu sei scemo

Post n°3866 pubblicato il 13 Maggio 2017 da valerio.sampieri
 

Povia - Ma tu sei scemo



Ma tu sei scemo
quando dici che Ruggero con Simone
non avranno mai una vera relazione
perché non potranno mai avere un figlio

Cosa?!

Ma tu sei scemo
e capisco che stai diventando vecchio
parli sempre di avanguardia e di progresso
poi continui a fare i conti con la lira

Cosa?!

Ma tu sei scemo
e quando parli non ci credo
attento a questo tempo che
sta cambiando te
sta cambiando te
e a me invece no

perché sorrido
e molto sottovoce grido
e riesco a fare finta che tutto intorno a me
tutto intorno a me
va bene com'è

La la la la la la la la la

Siamo tutti figli di quell'arca se diluvierà chiamate Noè

Marina è strana
tifa juve ed è una gran vegetariana
e al suo bimbo non vuol dargli la fettina
poi s'incazza perché tifa fiorentina

Cosa?!

Pamela è scema
quando dice che lui non è più lo stesso
parla poco e si addormenta troppo presto
lei si mette il pigiamino con l'orsetto

scusa

Ma tu sei scema
lo vedi che non è un problema è solo questo tempo che
sta cambiando te
sta cambiando te
e a me invece no

perché sorrido
e quando c'è una crisi rido
e riesco a fare finta che tutto intorno a me
tutto intorno a me
va bene com'è

La la la la la la la la la

Siamo tutti figli di quell'arca se diluvierà chiamate Noè

Andiamo d'accordo perché non andiamo d'accordo su niente davvero non trovi
che un mondo più strano di questo davvero non c'è

Siamo tutti figli di quell'arca se diluvierà chiamate Noè

se no gli scrivo

siamo tutti figli di quell'arca se diluvierà chiamate Noè
e che non si scordi i due leocorni...

Fabrizio Mocata, Giuseppe Povia, 2006

 
 
 

Sonetto acrostico

Sonetto acrostico

Valacchi, Moscoviti, Colombiani,
Idriotti, Curdi, Estoni e Indocinesi,
Vengheno a Roma e restano sorpresi
A rimirà la groria e li romani!

Roma però, madre de' li cristiani,
Orgojo e vanto da prestiggi estesi,
Mostra 'sto vanto a tutti li paesi
A braccia aperte a sentimenti umani!



Ner Coloseo 'na croce insegn'ar monno
Onesta fratellanza e fede in Dio
Senza più schiavitù, né odio profonno!

Tramezz'a tant'idiomi, brutti o belli,
Roma ch'è santità dice a 'gni fìo:
Abbracciateve qua, sête fratelli!

Nello Governatori
Da Rugantino, supplemento ai nn. 12832, 12833 del 13 e 20/4/2010

 
 
 

Li minchioni...

Li minchioni se ne stann'a ccasa sua

C'era 'na vorta un gallo che, siccome s'era annojato de stà' ar su' paese, se messe in viaggio   pe'   ggirà'   un   po'   de   monno.
Cammina, cammina e t'aricammina, je se fece notte; allora lui bbussò a 'na casa pe' ttrovà' alloggio. Bussa, bussa.
- Chi è?
- So' ggallo.
- E io so' ggallina - arispose la padrona de drento. -
J'oprì la porta e l'invitò a ccena; e, intanto che gallo magnava, disse a la padrona che llui viaggiava er monno pe' ddivertisse.
Allora gallina je fece:
- Si nun v'annojo, domani a mmatina viengo co' vvoi. -
E ggallo je disse:
- Volontieri: anzi sarò ccontento d'avecce una accusì bbella compagnia. -
Infatti se n'agnedeno a lletto e bbôna notte.
La matina appresso gallo e ggallina se mésseno in viaggio e viaggiorno tutt'er giorno; quanno fu notte, bbussorno a 'na casetta.
- Chi è? -
E loro:
- Gallo e ggallina. -
E quella de drento j'arispose:
- E io so' mmadama Croccolina. -
J'oprì, li fece entrà', je fece un sacco de comprimenti e, quanno intese che ggallo e ggallina viaggiaveno er monno, je disse che, si a lloro nu' j'arincresceva, ce sarebbe annata volontieri puro lei. Quelli je disseno che anzi ciaverebbeno avuto assai piacere.
Infatti, la mmatina appresso, gallo, gallina e mmadama Croccolina se mésseno in viaggio.
Cammina, cammina e t'aricammina, ècchete che sse fece notte; loro allora disseno:
- Annamo a bbussà' a quela casetta che sse vede llaggiù. -
Bussa, bussa.
- Chi è? - fece una de drento.
- Gallo, gallina e mmadama Croccolina.
- E io so' oca - fece quella intanto che j'opriva.
Je fece un sacco de comprimenti; e, quanno intese che viaggiaveno pe' ddivertimento, je disse che, si nu' j'arincresceva, ce sarebbe ita puro lei. Quelli c'ebbeno tanto piacere; e la mmatina, appena se fece ggiorno, gallo, gallina, madama Croccolina e oca se mésseno in viaggio. Ècchete che cammina, cammina e t'aricammina, je se fece notte. Allora védeno 'na casetta e cce vanno a bbussà'. Bussa, bussa.
- Chi è?
- Gallo, gallina, madama Croccolina e oca.
- E io - fece quella intanto ch'opriva - so' ochéssa. -
Abbasta: una cosa e 'n'antra, fatto sta cche la mmatina appresso puro ochéssa se messe in viaggio assieme a lloro. Doppo d'avé' ccamminato tanto, quanno se fece notte, agnédeno a bbussà' a 'na casetta. Bussa, bussa.
- Chi è?
- Gallo, gallina, madama Croccolina, oca e ochéssa.
- E io - fece quella - so' ccornacchia principessa. -
Li fece entrà'; e la matina appresso puro lei vorse annà' a ggirà' un po' de monno.
Camminorno, infatti, tutto er giorno; e, quanno viddeno che sse faceva notte, agnédeno a bbussà' a 'na casetta. Bussa, bussa.
- Chi è?
- Gallo, gallina, madama Croccolina, oca, ochéssa e ccornacchia principessa. -
Quello de drento j'oprì e j'arispose:
- E io so' ppiccione rugatore. -
Entrorno, cenorno, se n'agnédeno a lletto e, la matina appresso, se mésseno in viaggio tutt'assieme. Fatta che sse fu nnotte, agnédeno a bbussà' a 'na casetta. Bussa, bussa.
- Chi è?
- Gallo, gallina, madama Croccolina, oca, ochéssa, cornacchia principessa e ppiccione rugatore.



- E io so' vvorpe traditore - je fece quella intanto che j'opriva.
Quelli sei se diédeno 'na bôna guardata, come a ddì': «Sémo capitati a ciccio!»
Abbasta; entrorno drento casa e vvorpe li servì come ssei principi. Je preparò 'na bbôna cena, un ber fôco e, quanno fu ch'avéveno d'annà' a ddormì', vorpe fece:
- Serviteve pure der mi' letto, ch'intanto io 'sta sera, siccome ho d'annà' via pe' 'na certa faccenna, nun ariviengo a ccasa. -
Li salutò e sse n'agnéde. Queli birboni der gallo e der piccione se mésseno a ddormì' su li travicelli der solaro; quela miccarola de la cornacchia, pe' nun esse vista, se messe sott'a la cappa der cammino ch'era nera; e oca, ochéssa, gallina e mmadama Croccolina se mésseno tutte contente in de lletto de la vorpe. Ècchete che a ppunta de ggiorno riviè' la vorpe a ccasa; s'accosta piano piano a lletto e sse magna oca, ochéssa, gallina e mmadama Croccolina. Gallo, piccione e ccornacchia, che tte viddeno 'sta funzioone, siccome vorpe aveva lassata la porta uperta, préseno e se la sciancorno in furia in prescia.
Quanno   vorpe   s'accorse   l'agnéde p'acchiappà'; ma quelli, vall'a pija si j'ariusciva!, volaveno. E vedénno vorpe correje appresso je féceno:
- Cuccù! Nun ce bbuscheri ppiù.

(da Giggi Zanazzo, Tradizioni popolari romane, Roma, 1907-1910)

 
 
 
 
 

INFO


Un blog di: valerio.sampieri
Data di creazione: 26/04/2008
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

cuomolsrogiuradaacquasantavittoriashady842006valerio.sampierimolto.personalegiovannino_1958REGINA.LEONESSAVince198NORMAGIUMELLIi.cascianiferaco.rosangelanina.monamourrolverona
 
 

ULTIMI POST DEL BLOG NUMQUAM DEFICERE ANIMO

Caricamento...
 

ULTIMI POST DEL BLOG HEART IN A CAGE

Caricamento...
 

ULTIMI POST DEL BLOG IGNORANTE CONSAPEVOLE

Caricamento...
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom