Quid novi?

Letteratura, musica e quello che mi interessa

 

AREA PERSONALE

 

OPERE IN CORSO DI PUBBLICAZIONE

Cliccando sui titoli, si aprirà una finestra contenente il link ai post nei quali l'opera è stata riportata.
________

I miei box

Piccola biblioteca romanesca (I miei libri in dialetto romanesco)
________

Cento sonetti in vernacolo romanesco (di Augusto Marini)

Centoventi sonetti in dialetto romanesco (di Luigi Ferretti)

De claris mulieribus (di Giovanni Boccaccio)

Il Novellino (di Anonimo)

Il Trecentonovelle (di Franco Sacchetti)

I trovatori (Dalla Prefazione di "Poesie italiane inedite di Dugento Autori" dall'origine della lingua infino al Secolo Decimosettimo raccolte e illustrate da Francesco Trucchi socio di varie Accademie, Volume 1, Prato, Per Ranieri Guasti, 1847)

Miòdine (di Carlo Alberto Zanazzo)

Palloncini (di Francesco Possenti)

Poesie romanesche (di Antonio Camilli)

Poesie varie (di Cesare Pascarella, Nino Ilari, Leonardo da Vinci, Raffaello Sanzio)

Romani antichi e Burattini moderni, sonetti romaneschi (di Giggi Pizzirani)

Storia nostra (di Cesare Pascarella)

 

OPERE COMPLETE: PROSA

Cliccando sui titoli, si aprirà una finestra contenente il link ai post nei quali l'opera è stata riportata.

I primi bolognesi che scrissero versi italiani: memorie storico-letterarie e saggi poetici (di Salvatore Muzzi)

Il Galateo (di Giovanni Della Casa)

Osservazioni sulla tortura e singolarmente sugli effetti che produsse all'occasione delle unzioni malefiche alle quali si attribuì la pestilenza che devastò Milano l'anno 1630 - Prima edizione 1804 (di Pietro Verri)

Picchiabbò (di Trilussa)

Storia della Colonna Infame (di Alessandro Manzoni)

Vita Nova (di Dante Alighieri)

 

OPERE COMPLETE: POEMI

Il Dittamondo (di Fazio degli Uberti)
Il Dittamondo, Libro Primo

Il Dittamondo, Libro Secondo
Il Dittamondo, Libro Terzo
Il Dittamondo, Libro Quarto
Il Dittamondo, Libro Quinto
Il Dittamondo, Libro Sesto

Il Malmantile racquistato (di Lorenzo Lippi alias Perlone Zipoli)

Il Meo Patacca (di Giuseppe Berneri)

L'arca de Noè (di Antonio Muñoz)

La Scoperta de l'America (di Cesare Pascarella)

La secchia rapita (di Alessandro Tassoni)

Villa Gloria (di Cesare Pascarella)

XIV Leggende della Campagna romana (di Augusto Sindici)

 

OPERE COMPLETE: POESIA

Cliccando sui titoli, si aprirà una finestra contenente il link ai post nei quali l'opera è stata riportata.

Bacco in Toscana (di Francesco Redi)

Cinquanta madrigali inediti del Signor Torquato Tasso alla Granduchessa Bianca Cappello nei Medici (di Torquato Tasso)

La Bella Mano (di Giusto de' Conti)

Poetesse italiane, indici (varie autrici)

Rime di Celio Magno, indice 1 (di Celio Magno)
Rime di Celio Magno, indice 2 (di Celio Magno)

Rime di Cino Rinuccini (di Cino Rinuccini)

Rime di Francesco Berni (di Francesco Berni)

Rime di Giovanni della Casa (di Giovanni della Casa)

Rime di Mariotto Davanzati (di Mariotto Davanzati)

Rime filosofiche e sacre del Signor Giovambatista Ricchieri Patrizio Genovese, fra gli Arcadi Eubeno Buprastio, Genova, Bernardo Tarigo, 1753 (di Giovambattista Ricchieri)

Rime inedite del Cinquecento (di vari autori)
Rime inedite del Cinquecento Indice 2 (di vari autori)

 

POETI ROMANESCHI

C’era una vorta... er brigantaggio (di Vincenzo Galli)

Er Libbro de li sogni (di Giuseppe De Angelis)

Er ratto de le sabbine (di Raffaelle Merolli)

Er maestro de noto (di Cesare Pascarella)

Foji staccati dar vocabbolario di Guido Vieni (di Giuseppe Martellotti)

La duttrinella. Cento sonetti in vernacolo romanesco. Roma, Tipografia Barbèra, 1877 (di Luigi Ferretti)

Li fanatichi p'er gioco der pallone (di Brega - alias Nino Ilari?)

Li promessi sposi. Sestine romanesche (di Ugo Còppari)

Nove Poesie (di Trilussa)

Piazze de Roma indice 1 (di Natale Polci)
Piazze de Roma indice 2 (di Natale Polci)

Puncicature ... Sonetti romaneschi (di Mario Ferri)

Quaranta sonetti romaneschi (di Trilussa)

Quo Vadis (di Nino Ilari)

Sonetti Romaneschi (di Benedetto Micheli)

 

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Maggio 2017 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31        
 
 

 

Odore de fieno

Odore de fieno

La guazza de' la notte se riposa
sopra le fronne e l'erba profumata:
l'arba sbadija e appronta la parata
ne' la campagna tutta vaporosa.

Er tempo chiede er sole: e ne' l'afosa
giornata che s'appresta a la vallata
li farciatori sotto a' l'arberata
so' pronti ar via pe' l'ora faticosa.



'N odor de fieno e de menta romana
esala ne' respiro a mano a mano
e come incenso va lungo la piana

pe' spannese a' l'artare più feconno:
la madre tera ch'er genere umano
ancora nun capisce inzino a fonno!

Romeo Collalti
Rugantino n. 12847 del 27 luglio 2010

 
 
 

A punta de giorno

Post n°3918 pubblicato il 29 Maggio 2017 da valerio.sampieri
 

A punta de giorno

Di' un po': de maggio, te sei mai affacciato
verso le quattro e mezza de matina
a 'na finestra che dà sopra ar tetto,
quanno ogni passeretto
se fa toletta co' 'na sgrullatina
e zompetta qua e là, e fa capoccella
come pe' salutà l'urtima stella?

Nun l'hai veduta mai 'sta meravìa
de cappe, lucernari e tettarelli
tinti d'azzuro e de malinconia?
E nun l'hai intese mai quante canzoni,
co' li beccucci tanto carinelli,
sanno intonà 'sti passeri birboni?

Si li vedessi! Manco spunta er sole
ch'è già un viavai dar tetto ar campanile
e da questo a le gronde e soffittole
co' quarche sosta intorno ar funtanile
smosso dar giro de le «ventarole».



È come un corre pe' le vie celeste
de pupi spensierati; è 'na fatica
de passerotte ner vedé le teste
spennacchiate da tutti li «crocchioni»
che chiedeno 'na crosta o 'na mollica,
a becco uperto su li cornicioni.

Ma nun appena ch'ogni finestrella
s'opre a la brezza de la matinata,
senti un fru-fru: so' loro
che se vanno a buttà come in parata
cor passero più ardito in sentinella.

In che punto? Su quarche finestrino,
su 'na grondara o quarche tettarello,
pronti a bevesse un sorso de turchino
o dà er bongiorno a un sogno d'oro e bello
sognato da un grugnetto screpantello,
forse ancora anninnato sur cuscino.

Matinate de maggio che ristoreno
lo spirito ammalato
cor fatte beve un monno d'incantesimo
tutto d'un fiato.

Romolo Lombardi
Rugantino n. 12838 del 25 maggio 2010

 
 
 

Er ghiacciarolo

Post n°3917 pubblicato il 29 Maggio 2017 da valerio.sampieri
 

Er ghiacciarolo

Passa lungo er mercato dopp'er tocco,
va pe li banchi e chiede: - Chi vò er ghiaccio? -
S'appunta li commanni su un brojaccio,
poi se ne va pe fotte lo scirocco.

Un'ora doppo, torna locco-locco,
co la mandritta avvorta in d'uno straccio,
e, cor trapeso a spalla, in cima ar braccio,
sbologna er «freddo» in cammio der bajocco.

'Na colonna de ghiaccio ar pesciarolo,
una ar norcino, mezza a l'abbacchiaro
e una colonn'e un quarto ar frittarolo.

Cusì j'attappa a tutti la magagna ...
Ché intanto ognun già sa ch'er bujaccaro
dimani viè a spiccià la martufagna.

Luciano Luciani
Rugantino n. 12848 del 3 agosto 2010

 
 
 

L'indennità

Post n°3916 pubblicato il 28 Maggio 2017 da valerio.sampieri
 

L'indennità

Adesso, ar Parlamento Nazzionale,
ogni rappresentante der Paese
sai quanto pija? Mille lire ar mese:
dodici mila all'anno ... Nun c'è male!

Chi je le dà? Nojantri: è naturale!
Ne la paga, però, ce so' comprese
l'opinioni politiche e le spese
pe' sostené la fede e l'ideale.

Quelli che ne potrebbero fa' senza,
perché so' ricchi e cianno robba ar sole,
li spenneranno pe' beneficenza.

Er mio, defatti, pare che li dia
ar Pro-Istituto de le donne sole
ch'hanno bisogno d'una compagnia ...

Trilussa
1913. Da: Ommini e bestie - Elezzioni, 1923
Trilussa, Tutte le poesie, Mondadori, 1954, pag. 373

 
 
 

Hostaria

Post n°3915 pubblicato il 28 Maggio 2017 da valerio.sampieri
 

Hostaria

Mo a Roma dapertutto l'osteria
la chiameno «hostaria», co' tanto d'acca.
Mo puro l'osti metteno la cacca
sott'ar naso, hanno arzato l'arbaggia.

Ogni bucetto adesso a Roma mia,
quarsiasi bujaccaro mezza tacca:
«Hostaria». 'N accidente che te spacca!
Ma parla come magni, anima mia!

È diventata tutta 'na Babbelle;
puro er parlà nun è più cristallino
come viè l'acqua da le funtanelle.

Si vai a la frasca a bevete un quartino,
manco lì drento, caro sor Micchelle,
se dice pane ar pane e vino ar vino!

Mauro Marè
Rugantino n. 12849 del 10 agosto 2010

 
 
 

La Commeta

Post n°3914 pubblicato il 28 Maggio 2017 da valerio.sampieri
 

La Commeta

Pensamio: "La Commeta porta male",
invece è solo 'na superstizzione,
l'ha ritrasmesso la televisione
e l'hanno ristampato sur giornale.

Be', a parte lo squilibrio nazionale,
puro si c'è un tantino d'infrazione,
un po' de crisi e disoccupazione,
co' quarche sciopereto generale,



pure si er carovita stà a le stelle
e ar posto de la solita moneta
circoleranno tutte carammelle,

esse superstizziosi è da imbecilli,
perché si nun fa danni la Commeta
pe' 'st'anno grazziaddio se stà tranquilli!

Aldo Fabrizi
Da: Nonna minestra, Mondadori 1974, pag. 11

 
 
 

La propaganda nel collegio

La propaganda nel collegio

- E che me dà? ducento lire sole?
ducento lire? Pe' l'amor de Dio!
Costa più a me! J'ho fatto un lavorìo
che già ciavrò lograto (1) un par de sôle (2).

E ho da trattà co' certe canajole
che, si sapesse, signorino mio...
Eppuro, vede? appena arivo io
convinco tutti quanti in du' parole.

Sarò teppista, sì, ma je so' amico
e cerco d'appoggiaje l'elezzione
perfino ne li posti che nun dico;

c'è infatti Nena, quella co' li nei,
ch'ogni notte se pianta sur cantone (3)
e dice a tutti de votà pe' lei.

Note:
1 Consumato.
2 Di suole.
3 All'angolo della strada.

Trilussa
21 ottobre 1913. Da: Ommini e bestie - Elezzioni, 1923
Trilussa, Tutte le poesie, Mondadori, 1954, pag. 371

 
 
 

Nun se spreca gnente

Nun se spreca gnente

Lui strillava a la moje: - 'Sta minestra
dalla ar maiale! - Te sarai impazzito! -
urlava lei. - Si è fatta da maestra!
Sei te che ciai er palato aruzzonito! -

E lì minacce, insurti. - A ribbambito,
te metto l'ossa drento a 'na canestra! -
Poi lui l'arzò de peso, incecalito,
e la fece volà da la finestra.

Ma pe' fortuna quela disgraziata
annò a finì su un mucchio de monnezza
che stava propio sotto, accatastata.

Passava un tale e fece: - Che pazzia!
Buttalla via me pare 'na sciocchezza.
Ancora è bòna. - E se la portò via.

Francesco Possenti
Rugantino n. 12838 del 25 maggio 2010

 
 
 

Io nun me meravijo

Post n°3911 pubblicato il 27 Maggio 2017 da valerio.sampieri
 

Io nun me meravijo

Io nun me meravijo quanno sento
che tanti ladri e tanti truffatori
che fanno li mijoni a cento a cento
so’ cavajeri, so’, e commennatori.

Tu dichi che nun cianno er sentimento.
Lo so, ma cianno tanti protettori.
Pe’ questo, si so’ presi e messi drento,
doppo du’ mesi o tre ristanno fòri...

Lo so, lo so che all’epoca der nonno
bastava solo de rubbà ’na noce
p’èsse spedito dritto all’artro monno!

Ma mo è cambiato tutto, co’ rispetto:
’na vorta e’ ladro se metteva in croce
e mo la croce je se mette in petto!

Natale Polci
Rugantino n. 12843 del 29 giugno 2010

 
 
 

L'amichi all'osteria

L'amichi all'osteria

«Hai raggione per Dio! nun zò ccattive
ste sciriole». «E tte piasce er marinato?».
«Me tiro un antro pezzo de stufato.
Maggnete st'ova che ssò ffresche vive».

«Pe mmé, cquanno ho ppijjato antre du' olive
ce n'ho dd'avanzo, ché ssò ggià arrivato.
...No, nun me fà piú bbeve: ho ssiggillato.
Chi bbeve pe mmaggnà mmaggnà pe vvive».

«Ma eh? ccorpo dell'anima de ghetto!
pare er pisscio, sto vin de pontemollo,
dell'angelo custode bbenedetto?».



«Ohò! cciavemo ancora un antro pollo?!
Maggni ala o ccoscia?» «No, nnemmanco er petto:
si mme vôi fà sscialà, ttajjeme er collo».

Giuseppe Gioachino Belli
Nella locanda di Monterosi, De Pepp'er tosto - 10 ottobre 1831
(Sonetto 205)

 
 
 

Er poeta

Post n°3909 pubblicato il 27 Maggio 2017 da valerio.sampieri
 

Er poeta

La mente der poeta è un mulinello,
'na fornace, un vurcano addirittura.
Studia er bono e er cattivo, er brutto e er bello,
tanto la verità che l'impostura.

Er poeta lavora cor cervello
e s'ispira a la gente e a la natura,
ma je piace l'amore, ché co' quello
l'ispirazzione è facile e sicura.



L'amore fa più semplice la rima;
le donne, pe' chi scrive, so' le dee
o addirittura la materia prima.

A me basta che sto co' Nina mia:
me vengheno l'idee, ma certe idee
che nun sta bene a mette in poesia.

Giggi Spaducci
Rugantino n. 12838 del 25 maggio 2010

 
 
 

Violetta Mammola

Violetta Mammola

Mammoletta gentile,
sei bella senza inganno,
er soriso d'aprile
ce mostri tutto l'anno.

Tra l'erbetta, accucciata
ner bosco e ner giardino,
fai bella la giornata
cor profumo divino.

Si un core innamorato
è timido a discore,
pe' lui ciai preparato
er linguaggio d'amore.

Sur petto a' la donzella
la fai deppiù soave;
mammola carinella,
a' la tu' grazzia: ave!



Ne' li dorci simposi
fai er quadro perfetto;
in convegni amorosi
fai completo er diletto.

Ne' la casa modesta
sollevi er sentimento;
dove er lusso s'appresta
fai l'animo contento.

Artisti e sognatori
s'ispireno ar tu' incanto;
de' la modestia t'onori,
de' la dorcezza ciai er vanto.

E mostri a tutta prova
primaverile stato
pure a chi già se trova
ne' l'inverno inortrato.

Cittadino Moscucci
Rugantino n. 12835 del 4 maggio 2010

 
 
 

Ministro

Post n°3907 pubblicato il 26 Maggio 2017 da valerio.sampieri
 

Ministro

Se sa: l'omo politico italiano
procura d'annà appresso a la corrente;
si lui nun ciriolava (1), certamente,
mica finiva cór potere in mano!

Perché da socialista intransiggente
un giorno diventò repubbricano,
poi doppo radicale e, piano piano,
sortì dar gruppo e fece er dissidente.

Adesso? È ricevuto ar Quirinale!
E, siccome è Ministro, nun te nego
che sia 'na conseguenza naturale:

però nun so capì co' che criterio
chiacchieri cór Sovrano, e nun me spiego
come faccia er Sovrano a restà serio!

Nota:
1 Non si barcamenava.

Trilussa
1911. Da: Ommini e bestie - Politica e dipromazzia, 1923
Trilussa, Tutte le poesie, Mondadori, 1954, pag. 370

 
 
 

Nun ze bbeve e sse paga

Nun ze bbeve e sse paga

Vedemo un po' ssor oste da finocchi
fùssimo Cacasenno e Bbertollino!
Mezzo bbicchiere quinisci bbaiocchi!
Quant'a la bbotte l'arivenni er vino?

Fa ccommido eh sor Lappa er fiaschettino
quanno capita er passo de l'alocchi?!
Chi smezza paga: tu ppoi l'aribbocchi, (1)
e ccusì un fiasco te viè a ddà un quartino. (1a)



Tu dunque doveressi avelle (1b) intese
quele sstorie inventate da Margutte,
dove disce accusì, che a cquer paese

a ttempi der Patriarca Sorfautte
se cantava st'antifona a le cchiese:
un cojjone che vviè le paga tutte.

Note:
1 Lo riempi.
1a  Cinque paoli.
1b  Dovresti averle.

Giuseppe Gioachino Belli
In legno, da Civitacastellana a Monterosi, De Pepp'er tosto - 10 ottobre 1831
(Sonetto 204)

 
 
 

Li critici de la pittura...

Li critici de la pittura moderna

Te fanno er tempo brutto o er tempo bello
e, a seconna der vento che je tira,
un fregno che nun vale mezza lira
l’immortaleno artista de cartello.

Se studieno li tocchi der pennello
cor monocolo a l’occhi e, gira gira,
si troveno ’no sbaffo che l’attira
er guazzetto diventa un Raffaello.

Nun danno mai un giudizzio a prima vista;
fanno dumila analisi a un lavoro
pe’ trovacce er pensiero de l’artista.

Ma quanno un certo quadro je dà gusto
allora fanno a mozzichi fra loro
pe’ stabbilì si sta dar verso giusto!

Luciano Luciani
Rugantino n. 12851 del 24 agosto 2010

 
 
 
Successivi »
 
 
 

INFO


Un blog di: valerio.sampieri
Data di creazione: 26/04/2008
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

mariella.mncr.contirobertosebymarypiaNORMAGIUMELLIvalerio.sampieriStolen_wordssolosorrisoro.ro47Birba79infermieramilitarearistofane4giuseppebelvedereVince198serapione
 

ULTIMI COMMENTI

Buonanotte anche a te, Vale :-)))) Albertino dà un bel da...
Inviato da: NORMAGIUMELLI
il 29/05/2017 alle 21:53
 
:-)))) :-* :-*
Inviato da: NORMAGIUMELLI
il 29/05/2017 alle 21:52
 
Peccato!!!! Avrei avuto la scusa buona ... :-* :-*
Inviato da: NORMAGIUMELLI
il 29/05/2017 alle 21:52
 
Come può portare male? :-* :-*
Inviato da: NORMAGIUMELLI
il 29/05/2017 alle 21:51
 
e poi scusa, la stella cometa non si vede anche nelle...
Inviato da: NORMAGIUMELLI
il 29/05/2017 alle 21:50
 
 
 

ULTIMI POST DEL BLOG NUMQUAM DEFICERE ANIMO

Caricamento...
 

ULTIMI POST DEL BLOG HEART IN A CAGE

Caricamento...
 

ULTIMI POST DEL BLOG IGNORANTE CONSAPEVOLE

Caricamento...
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom