Quid novi?

Letteratura, musica e quello che mi interessa

 

AREA PERSONALE

 

OPERE IN CORSO DI PUBBLICAZIONE

Cliccando sui titoli, si aprirà una finestra contenente il link ai post nei quali l'opera è stata riportata.
________

I miei box

Piccola biblioteca romanesca (I miei libri in dialetto romanesco)
________

Cento sonetti in vernacolo romanesco (di Augusto Marini)

Centoventi sonetti in dialetto romanesco (di Luigi Ferretti)

De claris mulieribus (di Giovanni Boccaccio)

Il Novellino (di Anonimo)

Il Trecentonovelle (di Franco Sacchetti)

I trovatori (Dalla Prefazione di "Poesie italiane inedite di Dugento Autori" dall'origine della lingua infino al Secolo Decimosettimo raccolte e illustrate da Francesco Trucchi socio di varie Accademie, Volume 1, Prato, Per Ranieri Guasti, 1847)

Miòdine (di Carlo Alberto Zanazzo)

Palloncini (di Francesco Possenti)

Poesie varie (di Cesare Pascarella, Nino Ilari, Leonardo da Vinci, Raffaello Sanzio)

Romani antichi e Burattini moderni, sonetti romaneschi (di Giggi Pizzirani)

Storia nostra (di Cesare Pascarella)

 

OPERE COMPLETE: PROSA

Cliccando sui titoli, si aprirà una finestra contenente il link ai post nei quali l'opera è stata riportata.

I primi bolognesi che scrissero versi italiani: memorie storico-letterarie e saggi poetici (di Salvatore Muzzi)

Il Galateo (di Giovanni Della Casa)

Osservazioni sulla tortura e singolarmente sugli effetti che produsse all'occasione delle unzioni malefiche alle quali si attribuì la pestilenza che devastò Milano l'anno 1630 - Prima edizione 1804 (di Pietro Verri)

Picchiabbò (di Trilussa)

Storia della Colonna Infame (di Alessandro Manzoni)

Vita Nova (di Dante Alighieri)

 

OPERE COMPLETE: POEMI

Il Dittamondo (di Fazio degli Uberti)
Il Dittamondo, Libro Primo

Il Dittamondo, Libro Secondo
Il Dittamondo, Libro Terzo
Il Dittamondo, Libro Quarto
Il Dittamondo, Libro Quinto
Il Dittamondo, Libro Sesto

Il Malmantile racquistato (di Lorenzo Lippi alias Perlone Zipoli)

Il Meo Patacca (di Giuseppe Berneri)

L'arca de Noè (di Antonio Muñoz)

La Scoperta de l'America (di Cesare Pascarella)

La secchia rapita (di Alessandro Tassoni)

Villa Gloria (di Cesare Pascarella)

XIV Leggende della Campagna romana (di Augusto Sindici)

 

OPERE COMPLETE: POESIA

Cliccando sui titoli, si aprirà una finestra contenente il link ai post nei quali l'opera è stata riportata.

Bacco in Toscana (di Francesco Redi)

Cinquanta madrigali inediti del Signor Torquato Tasso alla Granduchessa Bianca Cappello nei Medici (di Torquato Tasso)

La Bella Mano (di Giusto de' Conti)

Poetesse italiane, indici (varie autrici)

Rime di Celio Magno, indice 1 (di Celio Magno)
Rime di Celio Magno, indice 2 (di Celio Magno)

Rime di Cino Rinuccini (di Cino Rinuccini)

Rime di Francesco Berni (di Francesco Berni)

Rime di Giovanni della Casa (di Giovanni della Casa)

Rime di Mariotto Davanzati (di Mariotto Davanzati)

Rime filosofiche e sacre del Signor Giovambatista Ricchieri Patrizio Genovese, fra gli Arcadi Eubeno Buprastio, Genova, Bernardo Tarigo, 1753 (di Giovambattista Ricchieri)

Rime inedite del Cinquecento (di vari autori)
Rime inedite del Cinquecento Indice 2 (di vari autori)

 

POETI ROMANESCHI

C’era una vorta... er brigantaggio (di Vincenzo Galli)

Er Libbro de li sogni (di Giuseppe De Angelis)

Er ratto de le sabbine (di Raffaelle Merolli)

Er maestro de noto (di Cesare Pascarella)

Foji staccati dar vocabbolario di Guido Vieni (di Giuseppe Martellotti)

La duttrinella. Cento sonetti in vernacolo romanesco. Roma, Tipografia Barbèra, 1877 (di Luigi Ferretti)

Li fanatichi p'er gioco der pallone (di Brega - alias Nino Ilari?)

Li promessi sposi. Sestine romanesche (di Ugo Còppari)

Nove Poesie (di Trilussa)

Piazze de Roma indice 1 (di Natale Polci)
Piazze de Roma indice 2 (di Natale Polci)

Poesie romanesche (di Antonio Camilli)

Puncicature ... Sonetti romaneschi (di Mario Ferri)

Quaranta sonetti romaneschi (di Trilussa)

Quo Vadis (di Nino Ilari)

Sonetti Romaneschi (di Benedetto Micheli)

 

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Ottobre 2017 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31          
 
 

 

Tramonto romano

Post n°4253 pubblicato il 19 Ottobre 2017 da valerio.sampieri
 

Tramonto romano
(dal poeta danese Sigurd Trier)

Roma! bella tu sei, che tutta d'oro
Su gli augusti palagi una corona
E intorno di San Pietro il gran tesoro
Di santità la gloria il sol ti dona.

Oh me! chè tardi venni al gran ristoro
Del tuo bel sole, a te dove risuona,
Nelle gran piazze, tinniente il coro
Dei getti d'acqua in floreal corona.

Oh potessi rivivere! Immortale
Tu mi daresti la tua gloria; e fonti
Eterne avrei di tua forza vitale.

È tardi troppo omai: già spento è il sole,
Le porte ha chiuse Trinità de' Monti ...
E all'orizzonte cadon le viole.

Antonio Spinola
Da: Strenna dei Romanisti, 1947, pag. 150

 
 
 

Er bijetto da mille

Er bijetto da mille (1)

Un Bijetto da Mille,
riposto in una vecchia scrivania,
diceva: - Er mi' padrone è un imbecille:
so' già quattr'anni che me tiè rinchiuso
come un pezzo de carta fóri d'uso!
Puzzo de muffa ... Che malinconia!

Invece, se m'avesse
tenuto ne le casse de lo Stato,
a parte l'interesse
ch'avrebbe guadagnato,
servivo a fa' le spese
pe' rinforzà er Paese.
Ma er padrone è ignorante e nun capisce
che er mi' valore cresce in proporzione:
so' forte finché è forte la Nazzione,
m'indebbolisco se s'indebbolisce.
Se fosse un omo pratico
me terrebbe a la Banca certamente;
ma qui drento che fo? Nun conto gnente
e perdo tempo come un dipromatico.

Note:
1 Scritto per il Banco di Roma, in occasione del Prestito nazionale.

Trilussa
18 febbraio 1917
Trilussa tutte le poesie, a cura di Pietro Pancrazi Note di Luigi Huetter, con 32 illustrazioni dell'Autore e 3 facsimili, Arnoldo Mondadori Editore, V Edizione: settembre 1954, pag. 420

 
 
 

Casetta abbandonata

Casetta abbandonata

I

Si vai pe' la montagna e fai la corta,
quanno che stai a metà de l'appettata,
trovi 'na casettaccia abbandonata
co' 'n buco pe' finestra e senza porta.

L'edera e li spinari, un po' pe vorta
l'hanno stretta, coperta, soffocata,
pare quasi che l'hanno abbraccicata
pe' protegge 'na pôra cosa morta.

Er paesano che ce passa accanto,
se fà, tremanno, er segno de la croce
come passasse avanti a 'n camposanto;

e certe vorte, quann'è notte fonna,
se sente come barbottà 'na voce
che invoca, fra li pianti, la Madonna.

II

Da la povera casa arampicata
su la schina der monte, nun se sente
un lamento, 'no strillo, un fiato, gnente ...
A vedella così, pare incantata!

Ma de notte 'sto rudero dormiente,
co' que la finestraccia spalancata
che guarda fissa verso la vallata,
lo confonni co' 'n essere vivente.

Preggiudizzi de gente paesana
o suggestione de le cose morte
esistite in un'epoca lontana?

Grinzosa, co' quell'occhio senza fonno,
la porta sbiega, le fiancate storte,
pare 'na smorfia amara in faccia ar monno.

Armando Morici
Da: Strenna dei Romanisti, 1947, pag. 134

 
 
 

Due navi

Post n°4250 pubblicato il 18 Ottobre 2017 da valerio.sampieri
 

Povia - Due navi



Che mi avresti amato sempre
è da sempre che me lo dicevi
ebbene amore in questo mare ora
siamo due navi
  
Ne abbiam viste di tempeste
ma se ti stringevo mi stringevi
e non sapevo che io ti salvavo
mentre mi salvavi
  
Ne abbiamo avuti "amici passeggeri"
ma quelli veri erano i delfini
che ci portavano nelle acque calde
come le Indie
 
Seguendo il vento di ponente
fino al rosso di un tramonto
addormentati in un qualsiasi "porto"
mi rendo conto che la vita è breve breve breve noi.

Due navi da sempre vicine
che lentamente arriveranno sempre più lontane
due frasi divine
Come morivo quando mi chiedevi
chi ero chi ero chi ero...

Io quello che veniva dai corsari
invece tu da posti un po' più rari
è stato questo che ci ha unito
noi non eravamo uguali

Ma come cambi rotta se ti trovi
solo in mezzo al mare
"e aspetti che si gonfiano le vele"
e tu più avanti che gettavi l'ancora e che mi aspettavi noi...

Due navi da sempre vicine
che lentamente arriveranno sempre più lontane
due frasi divine

Ma io lo so che ancora ti chiedevi
chi ero chi ero chi ero chi ero chi ero chi ero...

Due navi
che lentamente arriveranno sempre più lontane
due frasi divine
adesso e per sempre
Ti amo ti amo ti amo ti amo ti amo ti amo
adesso e per sempre ti amo.

 
 
 

Inverno a Piazza del Laterano

Inverno a Piazza del Laterano

Il sole pomeridiano
dai selci fa ovunque spuntare
tanti tanti bambini
donne, sgabelli e cestini
per lavorare.
Il muro è spalliera
di un lungo divano
della lunghezza del sole;
sparsi intorno i bambini
si rincorrono, intersecati
da preti colorati, da frati,
da monache alate.
Nell'aria è quasi sospesa
la musica della reale
e vorrei ritrovarti bambina
per dire alla tua signorina
"Permette che venga a giocare?".

Livio Gasparini
Da: Strenna dei Romanisti, 1947, pag. 125

 
 
 

Affaccete Nunziata

Affaccete Nunziata

L'urtima serenata
ch'io m'aricordo la sentii pe' Ponte
ch'ero fanello: Affaccete Nunziata!
Una preghiera quasi a mano gionte
che la risento, tal'e quale, solo
si canta ne la macchia e' rosignolo.

Che tempi allora pe' le serenate!
Che batticori pe' l'innammorate!

In fonno, poi ched'era?
Tre o quattro sonatori in circoletto
e un tenore, diggiuno de cariera:
semplicità e rispetto.
Più in là e' "rigazzo", quasi sempre un greve
cor fazzoletto ar collo e in camiciola.
- Si la fate affaccià pago da beve ...
vojo vedella pe' 'na vorta sola! -
E massiccio de porzo e de statura
te pareva, alle vorte, 'na cratura;
tanto ch'er polizzotto de piantone
nove vorte su dieci scantonava
e ... addio contravenzione!
chiudeva un occhio e come annava annava,
mentre le finestrelle de le case
daveno er posto a cento ficcanase.
Si ar contrario ce stava un malumore,
'na gelosia, un sospetto ...
la serenata, allora, era a dispetto:
una scherma d'amore
tra innammorati in pena
legati a la medesima catena.

Così co' 'na romanza
tu chiedevi l'amore
a la barba, più o meno, de l'usanza
de la lettrina co' la fronna d'ellera
o un pugnaletto che sbucava un core.
Ogni felicità stava ancorata
a li sospiri de la serenata.
...............................
Serenate riposte da 'sto secolo
come robba fôr d'uso in una sporta,
oggi nun sete che le cenerentole
de la solita favola:
C'era 'na vorta ...

Romolo Lombardi
Da: Strenna dei Romanisti, 1947, pag. 102

 
 
 

Ar sor Professor Chiappini

Ar sor Professor Chiappini

Catterina de bacco! Quer ceroto
Der Professore tra l'omini dotti
Er primo è lui! Perbrìo, che terramoto!
Mejo d'un giocator de bussolotti.

A vède lui tra vetri sani e rotti,
Madonna mia, come se dava moto,
P'addimostrà co' na mucchia de bòtti
Er modo e la magnera de fà er vòto.

Ma in 'sta faccenna lu' po' avè raggione
Che invece der ministro de finanza
C'era er ministro de la distruzzione,

Che si era l'antro, v'assicuro io
Gli avrebbe detto: No, nun è creanza
De vienimm'a rubbà er mistiere mio.

Luigi Ferretti
Da: Strenna dei Romanisti, 1947, pag. 101

 
 
 

La campana de San Rocco

La campana de San Rocco

È 'na campana tanto vecchia e stinta
che, quanno se sta zitta, pare finta.
Ma si la corda, cor ballaje accanto,
la smove e je fa fa' la canofiena
pe' la novena, intanto
che sgrulla li rondoni da la gronna,
manna la gloria ar santo e, cor patocco
che su la bocca tonna
je trittica a 'gni tocco,
pare che rida come ride nonna:
cor un dente 'gni tanto.

Armando Fefè
Da: Strenna dei Romanisti, 1947, pag. 83

 
 
 

A ppijjà mojje penzece un anno e un giorno

A ppijjà mojje penzece un anno e un giorno

Io je l'avevo detto a cquer bardasso: (1)
sin che ccampa tu' madre êssi (2) zitello.
Ma lui ha ttrovo un porton de trapasso, (3)
e l'ha vvorzuta fà de su' sciarvello.

La vecchia (4) sbuffa come un zatanasso,
la ggiovene (5) tiè in culo farfarello: (6)
e si annamo ppiú avanti de sto passo,
famme bbusciardo, cqua nnasce un mascello.

Cquella llí la vò ccotta, e cquesta cruda:
cquesta vò iggnommerà? (7) quell'antra innaspa;
e ffanno come lo strozzino (8) e Ggiuda.

Se dícheno impropèri a ttutte l'ora:
sò er cane e 'r gatto, la lima e la raspa: (9)
via, cuer che sse pò ddí soscera e nnora.

Note:
1 Questo vocabolo non esprime in Roma che la semplice idea di «ragazzo giovinetto».
2 Sii.
3 Donna aperta da tutti i canti.
4 La suocera.
5 La nuora.
6 Il demonio.
7 Da gnommero, gomitolo.
8 Capestro.
9 Proverbi.

Giuseppe Gioachino Belli
Roma, 12 novembre 1831 - D'er medemo
(Sonetto 234)

 
 
 

Scacco Matto

Post n°4244 pubblicato il 16 Ottobre 2017 da valerio.sampieri
 

Povia - Scacco Matto



C’è stato un tempo in cui non tenevo a freno
la diffidenza mia nel genere umano
è stato un tempo sì sporco ma pulito
però quel tempo lì non è mai finito

Ed ogni nuova storia che scoprivo
mi ricordava sempre che ero vivo
vivevo di entusiasmi e rivolte
e di cazzate quelle ancora molte

Ora mi muovo sopra il mondo come su una scacchiera
come un pedone su una casella bianca e una nera
come una torre che si arrocca sempre in laterale
come un alfiere che ti fotte sempre in diagonale

E questo grande amore che vivo
mi sembra il grande amore, quello vero
in cui io sono il re e lei regina
su due cavalli che si muovono a elle insieme

Ma non puoi sempre e solo andare avanti
e non puoi comandarli i sentimenti
perché il tuo mondo dentro è troppo vario
restare soli a volte è necessario

Lo scacco matto è sempre una conquista
per ogni attacco c’è la mossa giusta
per questo devo avere mille occhi
perché la vita appunto è una partita a scacchi
è una partita a scacchi

Mi metto in gioco e punto alla vittoria
e se poi perdo allora cambio aria
perché non posso sempre solo andare avanti
perché non posso sempre comandare i sentimenti

Per questo devo avere mille occhi
perché la vita è una partita a scacchi
ma non mi pento più di quel che ho fatto
anche un pedone, sì perché anche un pedone
può dare scacco matto
può dare scacco matto

E io voglio giocarmi un’altra partita
voglio giocarla a scacchi con la vita.

 
 
 
 
 

INFO


Un blog di: valerio.sampieri
Data di creazione: 26/04/2008
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

NORMAGIUMELLIVince198nina.monamoursofficenuvoladgl3valerio.sampierimolto.personalehef67RavvedutiIn2lucre611Bloggernick10solosorrisoSono44gattinfilax6.2the.pink.shadeonlyemotions71
 
 

ULTIMI POST DEL BLOG NUMQUAM DEFICERE ANIMO

Caricamento...
 

ULTIMI POST DEL BLOG HEART IN A CAGE

Caricamento...
 

ULTIMI POST DEL BLOG IGNORANTE CONSAPEVOLE

Caricamento...
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom