Community
 
robertocass
Sito
Foto
   
 
 
Creato da robertocass il 22/03/2011
Storie di Vita Ordinaria

Area personale

 
 

Archivio messaggi

 
 
 << Luglio 2014 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30 31      
 
 

Cerca in questo Blog

 
  Trova
 

FACEBOOK

 
 
 

I miei link preferiti

 

Ultime visite al Blog

 
vololowtrentaadaprile_MDisoccupandaarc_in_cieldeteriora_sequorrobertocassdairydaisyfatenzaghdoudiannare38comelunadinonsolopolf.dellasporasos.52piterx0Black_Poisonmammagc
 

Ultimi commenti

 
Citazioni nei Blog Amici: 1
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

Tag

 
 

Chi può scrivere sul blog

 
Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
 
 

 

 

Storie di Famiglia

Post n°53 pubblicato il 05 Luglio 2014 da robertocass
 
Foto di robertocass

3° Puntata

 

 

 

E' così che si cresce pensava mentre s'incamminava verso l'appuntamento e quando torno parlo con Nazzarena, è questo il suo nome, gli dico subito che io voglio farmi una famiglia ed è anche se siamo ancora giovani io voglio sistemarmi con una brava ragazza.

Voglio uscire appena possibile di casa, io non sono come mio padre, non ce l'ha faccio a stare buono e a sopportare in silenzio.

Buongiorno capo, sono pronto.

Bene carica tutto che partiamo.

E' questo il tuo primo viaggio?

Ti auguro che sia il primo dei tanti che farai e di trovare quello che cerchi.

Forza che partiamo.

Partono e il vecchio furgone fa un sobbalzo in avanti, ma poi prende il ritmo e si cammina che è un piacere.

Dove andiamo?

Devo fare tutti gli impianti, bagni e riscaldamento, di una villa a circa 80 km da qui, è per questo che ci dormiamo, non c'è nessuno e così evitiamo di fare avanti e indietro e di spendere soldi di benzina.

Ne ho parlato con il padrone e a lui non interessa, basta che non sporchiamo e che mettiamo tutto a posto, c'è anche la cucina e possiamo arrangiarci.

Bene allora cucino io, sono capace di fare la pasta col sugo.

Bravo il mio Egidio, ho trovato un assistente cuoco.

Il ragazzo gli sorride, si sente bene, si sente grande, ed è felice anche perchè verrà pagato e con quello al ritorno andrà subito a comprarsi un motorino.

Arrivano ad un grande cancello, davanti una stradina e poi una casa così grande che al ragazzo sembrava un castello.

Che lusso e chi è il padrone.

Oh è di un direttore di banca, gente importante, su vieni che scarichiamo.

La villa era su una collinetta, circondata da alberi, dall'alto si vedeva una città grande che sembrava non finire mai.

E quella?

Come? ma quella è Roma.

Roma? Io l'ho vista solo su qualche giornale, è lì che andrò a vivere.

Va bene, vedo che hai le idee chiare, su che abbiamo tanto da fare.

Il primo giorno sembrava non finire mai, dopo aver scaricato il furgone aveva dovuto sistemare tutto piano per piano,la sera era a pezzi.

Il padrone in cucina aveva lasciato di tutto, fecero un po' di pasta e poi finirono con il prosciutto che avevano portato da casa.

La sera le luci della città erano uno spettacolo meraviglioso, sembravano un enorme albero di natale.

Egidio rimase a guardarle tanto che ci si addormentò.

Lo svegliò il fresco della notte.

Dove ha messo i materassi?

Trovò il suo in un angolo della cucina, ci si buttò sopra stremato.

Il lavoro era pesante ma che soddisfazione quando provarono tutto, l'acqua usciva dai rubinetti e i termosifoni si scaldavano, tutto funzionava perfettamente.

Il ragazzo ne era felice, cosciente che questo mese era stata per lui una scuola importante, si sentiva in grado di fare qualsiasi cosa.

Capo, sei sicuro che quel tuo amico ha sempre quella Vespa che vuole vendere?

Bò, penso di sì, appena rientriamo ci andiamo subito.

E così fecero, la Vespa era bianca, perfetta, l'aveva tenuta proprio bene, Egidio ne era entusiasta.

Aveva investito tutto su quell'acquisto ma tornare motorizzato era un sogno che diventava realtà.

L'ingresso in piazzetta fù trionfale, tutti intorno a complimentarsi, così giovane e già con la testa sulle spalle, bravo hai fatto bene.

A casa fù uguale anche se poi la madre lo chiamò da parte.

Bravo, e per Rino?

Come per Rino?

Eh sì Rino è tuo fratello tu devi pensare a lui, dovevi portargli qualcosa, dargli un po' di soldi.

E perchè non si muove anche lui?

Che c'entra, lui è più sfortunato, tu devi aiutarlo.

Egidio non sapeva che questo era solo l'inizio, e che questa storia non sarebbe mai finita, quel fratello a cui non somigliava sarebbe stato sempre fra lui e sua madre.

Margherita non pensava ad altro, d'altra parte Egidio era nato da un matrimonio di cui non si era nemmeno resa conto, Rino era invece figlio dell'amore.

L'incontro con Giovanni era stato per lei sconvolgente, un uomo bello, alto, istruito, sempre ben vestito che aveva scelto lei, lei che non era bella, lei che non sapeva nemmeno leggere e scrivere.

Era stato qualcosa che lei non avrebbe potuto nemmeno immaginare, un amore forte in cui lei si era persa completamente.

E poi la scelta di vivere insieme a danno di quel pover'uomo di Alessandro, a cui lei era affezionata e gli dispiaceva trattarlo così, ma tutti i suoi dubbi svanivano quando entrava Giovanni, quando la chiamava in camera appena uscivano tutti.

Non riusciva a resistere ai suoi baci, alle sue carezze ed allora dimenticava tutto, le chiacchere e i rimorsi, e si convinceva che non era niente di strano, che potevano tranquillamente vivere così.

E poi guardava quel ragazzo che si alzava a mezzogiorno e che non combinava niente di buono.

Oh era simpatico a tutti, raccontava tante storielle ma di lavoro non parlava mai.

E per lei era diventato un chiodo fisso, appena poteva ne parlava a quell'altro figlio che invece cominciava a guadagnare e che già portata soldi a casa.

Tanto fece che alla fine costrinse Egidio a portarselo al lavoro, a farlo assumere dove lavorava, solo che Rino s'impegnava poco, era sempre in ritardo e anche se alla fine il lavoro lo faceva anche bene, non andava mai bene ai titolari.

Egidio non se ne preoccupava più di tanto, lo presentava mettendo bene in chiaro che lui non c'entrava nulla e che assumerlo o no era una loro scelta, sulla quale lui non avrebbe messo mai bocca.

Aveva 18 anni e faceva già il capoccia, Michelini era andato in pensione, restava in ufficio e lasciava tutto in mano a lui, a lui che era un capo nato, a lui che a comandare gli veniva proprio bene.

Trattava sempre tutti cordialmente e con il sorriso ma otteneva sempre quello che voleva, usava sempre il cervello e prima di parlare controllava sempre tutto in modo da non poter mai essere contraddetto.

Quella sera era proprio contento, aveva sistemato tutto, aveva fatto assumere Rino da un altro idraulico in modo da non averlo più fra i piedi, ed aveva chiesto al capo due ore di permesso per l'indomani.

 
 
 

Storie di Famiglia

Post n°52 pubblicato il 04 Giugno 2014 da robertocass
 
Foto di robertocass

2° Puntata

 

 

 

Egidio si avvia verso casa, gli dispiace per il padre, aveva visto la difficoltà che aveva nel rispondere e quanto dovesse soffrire per una sitiuazione che andava avanti ormai da tanti anni.

Ma lui doveva capire ed era intenzionato a continuare.

Mamma sono casa.

Vieni non c'è ancora nessuno, siediti che è pronto.


Margherita stava impastando il pane nella mattera, l'avrebbe lasciato lievitare tutto il giorno e poi la mattina dopo avrebbe iniziato a cuocerlo.

Egidio già sentiva il profumo del pane caldo, un profumo che gli piaceva e che lo metteva di buonumore tanto che gli sembrava di essere in sintonia con tutto e con tutti.


La vede indaffarata ma non c'è nessuno e allora parte all'attacco.

Mamma perchè io e Rino siamo così diversi?


Margherita lo guarda, è chiaro che si sta alterando ma risponde al figlio con calma.

Vedi, mi aspettavo prima o poi questa domanda, so benissimo quello che dice la gente, ma è solo invidia.

Giovanni è un uomo bello, intelligente, importante ed ha scelto di vivere con me, scusa volevo dire con noi.

Questo non è andato giù a tanta gente, ma a me non importa, per me possono parlare quanto gli pare.

E poi per la somiglianza , che c'è di strano siamo parenti, è normale.


Ma scusa che parentela abbiamo con lo zio? E poi perchè lo abbiamo sempre chiamato zio Giovanni?

Oh senti adesso basta, io ho da fare e mi fai perdere tempo.

Se vuoi mangiare la pasta è a tavola, su sbrigati che mi hai fatto fare tardi.


Egidio mangia di corsa ed esce, si siede sulle scale penserioso.

I gatti sono in amore e i maschi urlano il loro richiamo tanto forte che sembrano tanti bambini che piangono.

E' vero come dice papà che abbiamo troppi gatti, d'estate la puzza del piscio è insopportabile.

Ma Giovanni vuole così, li tiene sul tavolo quando mangia, anzi quasi mangiano nel piatto con lui, e Rino è uguale, sempre con un gatto in braccio.


A me non piacciono, anzi avrei voluto un cane ma come sempre quello che pensiamo io e papà conta poco.

Devo andare via, non mi piace stare qui a poltrire o ad alzarmi a mezzogiorno come Rino,io voglio fare qualcosa, io voglio realizzarmi.

Stò diventando bravo come idraulico e anche se Rino come sempre cerca di fare quello che faccio io, io devo muovermi.

Domani vado a Narni a parlare con Michelini, si dice che cerca operai per un lavoro che deve fare fuori.

Però prima devo capire una volta per tutte come stanno qui le cose.


Egidio era testardo e quando voleva una cosa diventava matto fino a quando non riusciva ad ottenerla, quando faceva un lavoro doveva finirlo e quasi sempre finiva funzionante ma rattoppato e sempre per la fretta di completarlo.

Non aveva molti amici anzi nessun amico vero, nessuno di cui poteva fidarsi, ma era un compagnone, finiva sempre al centro dell'attenzione e diventava senza volerlo il capo del branco, quello a cui tutti si rivolgevano, quello a cui tutti chiedevano consigli.

Gli amici già pensavano alle ragazze, lui no, lui pensava al lavoro, anche se aveva già visto una ragazza che portava tutte le mattine le pecore al pascolo.

Non sapeva come si chiamava ma sapeva che veniva da una famiglia povera dove la madre rimasta vedova aveva fatto di tutto per mantenere la famiglia, aveva lavorato come un uomo e ancora oggi con i figli ormai grandi faceva lo stesso.

Prima o poi ci parlo, ma c'è tempo prima devo sistemarmi con il lavoro.

Erano anni difficili, si era appena usciti dalla guerra ed in campagna la vita era dura, chi riusciva ad entrare in fabbrica e ad impararsi un lavoro era visto come un arrivato, uno che aveva svoltato.

Era questo quello che voleva Egidio.

La mattina dopo si alza che è ancora notte, doveva fare 30 km a piedi prima di arrivare al paese e voleva arrivarci presto.

E' buio non c'è la luna e non si sente nessun rumore, inizia a camminare, si era portato del pane e comincia a mangiarlo.

Cammina a passo veloce senza pensare a niente e intanto s'iniziano a vedere i primi raggi del sole al di là delle colline.

Gli è sempre piaciuta l'alba e non è raro che esca la mattina presto solo per vederla.

Le prime case, c'è movimento, oggi c'è mercato ed sono tanti i contadini che arrivano per vendere frutta, ortaggi o animali.

Arrivano presto per prendersi i posti migliori, fra poco arriverà tanta gente e qualcosa si vende sempre.

Sicuramente verrà anche Zio Giovanni, è meglio che mi sposto dal mercato, tanto a me non interessa.

Buongiorno.

Michelini stava caricando un vecchio furgone di tubi e di valvole, si gira e sorride al ragazzo.

Buongiorno Egidio.

Senti posso venire a lavorare con te, non voglio nulla, mi basta che mi insegni il mestiere.

Sì certo, lo faccio volentieri con te, tu impari presto, non fai domande e come dovrebbero fare tutti, impari con gli occhi, e poi mi aiuti, dai monta che partiamo.

Egidio era contento, gli piaceva stare con quel vecchio idraulico, brusco ma di cuore, e poi a fine giornata gli regalava sempre qualche soldo.

Senti è vero che hai preso un grosso lavoro e che cerchi un operaio?

Sì perchè t'interessa?

Magari mi piacerebbe, pensi che potrei farcela.

Come lavoro sì, ne sai abbastanza, ma dovremo dormire fuori per almeno un mese e come ti metti con tua madre?

Oh non preoccuparti, hanno altro a cui pensare, devo solo dirlo a mio padre.

E' sera quando rientrano, Egidio era felice sarebbero partiti l'indomani.

Papà, domani mattina vado fuori per lavorare con il vecchio Michelini.

Bravo vai via da questo posto, vai via tu che puoi farlo, io non ne ho avuto mai il coraggio.

Va bene, dillo tu a mamma.

 
 
 

Storie di Famiglia

Post n°51 pubblicato il 09 Maggio 2014 da robertocass
 
Foto di robertocass

1° Puntata

 

 

 

Non gli era mai piaciuto vivere in campagna e sperava sempre un giorno di riuscire ad andare via.

Egidio, vieni a fare colazione.

Sì mamma arrivo.

Come sempre erano a tavola sua madre Margherita, il padre Alessandro, lo zio

Giovanni e suo fratello Rino.

Egidio aveva 15 anni ma si sentiva a disagio e ogni volta li guardava senza parlare.

Guardava quel fratello alto e magro che somigliava come una goccia d'acqua

a quello zio che non gli era stato mai tanto simpatico, poi vedeva sè stesso nel padre, come lui basso e con lo stesso viso.

Guardava poi sua madre, una donna non bella ma sveglia e intelligente, che sembrava a suo agio e che parlava sempre e che dava sempre ragione allo zio,

tanto che Alessandro alla fine si alzava e andava via borbottando.

Era sempre così, a colazione e pranzo, ogni volta che sedevano a tavola tutti insieme, ed era per questo che si cercava un pò tutti di evitarlo, si andava sempre più tardi e non si rispondeva mai alle chiamate di Margherita che sembrava non accorgersi della situazione.

E come sempre dopo il padre si alzava anche Egidio.

Io scendo che ho da fare, ci vediamo dopo.

Rino lo guarda ma come sempre non si muove, non sono andati mai molto d'accordo, da bambini sì, giocavano insieme ma poi avevano iniziato a prenderli in giro dicendo che Rino era il figlio di Giovanni e che la madre si era parecchio divertita, e tutto quello che si può dire.

E così avevano evitato si stare insieme, uscivano sempre separati, ognuno aveva i suoi amici e così andavano avanti.

Egidio guarda il padre e come sempre pensa:

Come ha fatto a sopportare una cosa del genere?

Come fa a convivere con tutte le chiacchiere che in un piccolo paese, dove tutti sanno tutto, diventano argomento quotidiano, di cui si parla sempre e dove ti guardano con un sorrisino e dove non ti parlano in faccia, ma ti guardano con un fare complice di chi dice, io sò che tu lo sai.

Come ha fatto a sopportare tutto questo?

Lo guarda che sta prendendo la roncia.

Papà dove vai?

 

Vado a fare un pò di legna, vuoi venire?

Sì arrivo.

Erano giorni che cervava questa occasione, da soli nel bosco, sperava di riuscire a farlo parlare, per cercare di scoprire la verità, o almeno la sua versione.

Allora andiamo.

Il sole si stava affacciando dalle nuvole e la foschia si stava alzando, non faceva freddo e loro camminavano in silenzio.

Egidio era in ansia, voleva cominciare il discorso ma aveva paura di una sua reazione.

Cominciano a salire, gli alberi diventano più fitti, arrivano ad una piccola radura dove avevano già iniziato a tagliare e dove avevano già accatastato del legname.

Iniziano a tagliare, Alessandro usa la sega per i rami più grandi, Egidio la roncia per pulire i pezzi e per metterli via.

Comincia a fare caldo e si tolgono la giacca.

Papà, come è stato con mamma, come vi siete conosciuti?

Che domanda, mà, siamo cresciuti insieme, si conoscevano le famiglie, praticamente eravamo già fidanzati da bambini, era stato già deciso che dovevamo sposarci e così è stato.

Ma tu ne eri innamorato?

Bò, non lo so, è sempre stato così, sì, penso di sì, è normale siamo spostati da 15 anni.

Egidio lo guarda, non è molto convinto.

E Zio Giovanni?

Alessandro si gira, non sorride più, ha il viso contratto e parla come se gli facesse tanta fatica.

Anche lui c'è sempre stato, quando sono morti i miei genitori io sono andato a vivere con lui, io non avevo nulla, o almeno quello che c'era è stato sempre gestito da lui.

Lui ha studiato e queste cose le capisce.

Tutto quello che abbiamo è suo, anche la casa dove abitiamo, e poi lavora al comune come stradino, è un lavoro importante e ben pagato e viviamo tutti con i suoi soldi.

Ne parla a voce alta come per convincersi ancora una volta.

 

Vedi Egidio, ora che la guerra è finita dobbiamo trovarci tutti un lavoro, tu devi

essere indipendente, devi andare a lavorare fuori, devi farti una posizione, devi

continuare come idraulico, ci riesci bene, potrebbe essere quello il tuo futuro.

Papà perchè Rino non mi somiglia?

Egidio ha parlato in fretta quasi senza respirare, ha gli occhi bassi.

Il padre lo guarda, rimane in silenzio un tempo infinito, poi fa un bel respiro, come per prendere coraggio.

Lo so, quello che dice la gente, sò bene quanto è cattiva.

E' per questo che mi vedi sempre da solo, sono anni che mi prendono in giro,

sono anni che gira questa storia.

E' vero siete tanto diversi, e Rino assomiglia tanto allo zio, ma io l'ho chiesto

a Margherita, ma lei mi dice sempre che non devo preoccuparmi, che sono solo chiacchere, che anche Rino è figlio mio come te.
Ma tu mi assomigli, si vede che sei mio figlio, perchè Rino invece no?

Alessandro abbassa la testa, si siede sul tronco e rimane così in silenzio.

Papà scusami, non volevo...

No, ormai sei grande, è giusto che ti parlo così.

Ma io non so niente, non so darti una risposta diversa, sono anni che ho questi dubbi, sono anni che non ci dormo, ma non posso farci nulla.

Si alza e riprende a tagliare, in silenzio, a testa bassa.

Lavora come un forsennato e suda copiosamente, il sole è alto e inizia a fare caldo.
Papà è ora di pranzo, andiamo a casa.

No, Egidio, tu vai, io rimango, non ho fame e voglio finire.

Il ragazzo si gira, il padre ha ripreso a lavorare come se dovesse finire tutto da un momento all'altro, ma alza gli occhi, lo guarda e abbozza un sorriso.

 

 
 
 

Tutto successe all'improvviso

Post n°50 pubblicato il 04 Aprile 2014 da robertocass
 
Foto di robertocass

 

 

 

Tutto successe all'improvviso, mi ricordo che stavamo partendo per una piccola gita.

Erano diverse volte che si rimandava o per mancaza di tempo o di soldi, ma stavolta eravamo decisi, si sarebbe partiti comunque e come al solito senza destinazione, ci saremmo fatti un giro, solo per staccare la spina.

Stavo caricando la macchina e la cuccia per Camilla che mi girava intorno come se avesse capito che partivamo, quando il clielo si scurisce all'improvviso e diventa buio, ma non notte, come se fossimo sotto un ombrellone.

Una penonbra piacevole che ovattava tutto quello che avevo intorno, e poi c'era tanto silenzio.

Un silenzio strano, come quella volta che ci fù il black out, quando svegliato dal silenzio, sono uscito di casa e tutto sembrava fermo, non si sentiva niente, solo qualche finestra che si apriva e qualcuno come me che scendeva a vedere cosa fosse successo.

Siamo troppo abituati ai rumori, il frastuono ci tranquillizza, il silenzio ci mette paura, non sappiamo spiegare cos'è e il non sentire nulla ci preoccupa.

Mi ricordo che cominciai a girarmi intorno e a camminare, mi girai mi sembrava strano che Camilla non mi seguisse, ma era tutto in penonbra, quando la sento abbaiare, la vedo che abbaia al cielo.

Alzo gli occhi, il cielo non si vedeva, c'era qualcosa di enorme che lo copriva interamente.

Mi giro, tutti guardano in alto e cercano con gli occhi qualcuno, nessuno parla, tutti si muovono increduli e impauriti.

Vado subito su internet, la stessa cosa è successa in tutto il mondo.

E' un attacco alieno?

Sono arrivati?

Mi vennero in mente tutti i film di fantascienza e i libri letti, avevo sempre creduto in una vita aliena, avevo sempre creduto negli ufo che ogni tanto venivano a trovarci.

Ed ora era tutto vero.

Sono loro, sono venuti in pace o vogliono conquistarci?

Il mondo cominciò a guardare in cielo, a guardare quella che tutti ormai chiamavano l'astronave, tutti aspettavano, tutti nell'attesa di un segno, di una porta che si apriva, tutti aspettano di vedere qualcuno uscire.

Tutti gli scienziati, i ricercatori e quant'altro lanciavano verso il cielo tutte le onde possibili, i messaggi in tutte le forme conosciute, vennero utilizzate tutto le tecniche possibili ma sempre senza risultato.

Passarono i mesi ma tutto restava uguale, non vi erano segni di risposta e nulla si muoveva su quella che sembrava una superfice liscia e lucida.

Tutti i governi si unirono per studiare una tattica comune, si provò di tutto, anche possibili azioni missilistiche ma alle prime prove tutto sembrava rimbalzare come fosse un enorme muro di gomma.

Alla fine si dovette prendere coscienza che non c'era nulla da fare, un attacco nucleare avrebbe distrutto la vita sulla terra e non c'era altro che aspettare.

 

Sono passati vent'anni da quel giorno e ormai ci siamo abituati a vivere così in penonbra, certo di notte non vediamo le stelle ma mai si era vissuti con un benessere così distribuito in tutto il mondo.

Gli eserciti sono stati smantellati da tempo e quella spada di Damocle appesa sul mondo ha spinto i potenti a muoversi diversamente, a cercare alleanze, a studiare progetti comuni e ad unire tutte le risorse per combattere quella cosa che staziona immobile sopra le nostre teste.

E' nato un governo mondiale e tutti e tutti gli enormi capitali che prima venivano utilizzati in armamenti e viaggi spaziali sono stati ulizzati per il miglioramento delle condizioni di vita.

L'Africa è diventata un grande giardino,sono scomparsi i deserti, l'inquinamento è solo un ricordo e si producono solo oggetti ecosostenibili.

Il benessere ha consentito l'aumento delle speranze di vita ed oggi si arriva senza problemi a 150 anni.

E' scomparsa la povertà e tutti guardano il cielo.

Tutti guardano il cielo, tutti guardano in alto e tutti i telescopi sono puntati al cielo, ormai l'astronave è stata studiata in ogni suo centimetro, alla ricerca di qualche segno, di qualche apertura.

Ma la superficie è liscia e nonostante ormai si conosca tutto perfettamente non sono stati mai trovati segni o movimenti di nessun genere.

E così dopo tanti anni di studio la scienza si è dovuta arrendere, arrivando alla conclusione che forse non è nemmeno un'astronave.

 

Allora cos'è?

 

Ha portato pace, benessere, nel mondo è scomparsa la cattiveria e il male, quella presenza sopra la testa spinge tutti a comportamenti diversi.

 

Allora è Dio?

 

Oggi molti la pregano e lentamente è entrata nella gente la convinzione che è un segno divino, un Dio grande e misterioso che ci guarda e ci controlla.

Un Dio che stanco di come gli uomini si stavano comportavano ha voluto porre rimedio, un rimedio definitivo per costringerci a vivere meglio, senza ucciderci l'un l'altro.

Un Dio che ci guarda sempre e comunque.

 

Ma allora bastava questo per farci cambiare, eravamo arrivati ad un punto di rottura insanabile, le guerre, l'inquinamento, la povertà di molti per il benessere di pochi, tutto sembrava presagire che si era arrivati ormai al punto del non ritorno, i danni dell'uomo sull'ambiente erano diventati talmente grandi da non consentire rimedi, i conflitti fra nord e sud del mondo erano ad un punto tale che si era molto vicini ad una guerra totale e definitiva.

Una guerra che avrebbe portato alla fine della nostra civiltà e dell'umanità tutta.

Ma poi è comparsa la cosa, l'astronave, Dio, e tutto è cambiato, l'uomo è stato costretto a diventare migliore.

Tutto è cambiato ed ora?

 

Ed ora che succederà?

 

Tutto successe all'improvviso.

 

Stavamo pregando con le mani e gli occhi verso il cielo quando dalla cosa si apre uno squarcio e una luce acceccante c'investe, non vediamo più niente e sentiamo un calore che ci entra nelle ossa.

Un calore che aumenta, aumenta ed una luce mai vista avvolge tutto, tutto intorno prende colore, il cielo è blu, vediamo le nuvole, le montagne e il mare di un azzurro intenso increspato dal bianco delle onde che si rifrangono sugli scogli.

Vediamo il sole, il cielo è libero, ma non ci preoccupiamo, lo spettacolo davanti ai nostri occhi è meraviglioso, tutto ha preso colore e il sole è caldo, siamo sdraiati sul prato con gli occhi chiusi e sentiamo il calore che ci accarezza.

 

Siamo rimasti sdraiati tutto il giorno, abbiamo aspettato la notte per vedere le stelle.

Le stelle, miliardi di puntini luminosi, ci siamo divertiti a contarle e a riconoscere le costellazioni.

 

Avevamo perso tutto questo, eravamo felici di essere protetti ma non sapevamo quello che ci stavamo perdendo.

 

Ed ora che succederà?

 

Avremo ancora la possibilità di scegliere?

 
 
 

Il Country Rock: da Jim Reeves a Albert Lee e da Donovan a Joan Baez.

Post n°49 pubblicato il 03 Marzo 2014 da robertocass
 
Foto di robertocass

 

 

 

 

Jim Reeves(1923-1964)

Famoso per la sua voce baratonale, incide brani come He'll Have to Go, Adios Amigo, Welcome To My World e Am I Losing You.

Dopo un breve periodo come giocatore di baseball, inizia come speaker in una radio locale.

I primi successi sono del 1955 con I Love You, Mexican Joe e Bimbo e poi nel 1959 con He’ll Have To Go e Distant Drums.

Muore nel 1964 precipitando alla guida del suo aereo.

 

Albert Lee

Nasce nel 1943 in Inghilterra, chitarrista, famoso per la sua particolare tecnica mista plettro e dita della mano destra (chicken picking).

Inizia a suonare nel 1958 seguendo le orme di Buddy Holly e Jerry Lee Lewis.

Nel 1974 si trasferisce a Los Angeles ed entra nel gruppo di Emmylou Harris.

Dal 78 al 83 suona con Eric Clapton, e poi con gli Everly Brothers.

Attivo ancora oggi, è considerato il migliore chitarrista country vivente.

 

Donovan

Donovan Philips Leitch nasce nel 1946, scozzese.

Esordisce nel 1965 con Catch the Wind, suonata in puto stile folk con sola voce e chitarra acustica.

Nel 1966 incide Sunshine Superman allontanandosi dallo stile acustico ed utilizzando anzi delle sonorità psicadeliche.A queste registrazioni partecipano musicisti come Jimmy Page e John Paul Jones, i futuri Led Zeppelin.

Tra il 1967 e il 1968 escono molti dei suoi classici come Mellow Yellow, Wear Your Love Like Heaven, Jennifer Juniper e Hurdy Gurdy Man.

Sempre nel 1968 l'artista, deciso anch'egli a seguire la dottrina dello yogi Maharishi Manesh, raggiunge i Beatles in India.

Nel 1969 registra Barabajagal con l'ausilio del Jeff Beck Group (del gruppo faceva parte anche Ron Wood futuro Rolling Stone).

E' l'ultimo grande successo da classifica di Donovan e anche se molti eseguono cover dei suoi brani (la stupenda versione di Season of the Witch sull'album Supersession di Mike Bloomfield, Al Kooper e Stephen Stills), la sua carriera inizia la parabola discendente.

Incide senza grande fortuna Open Road nel 1970, Sutras nel 1996 e Beat Cafè nel 2004.

 

Joan Baez

Joan Chandos Baez nasce nel 1941,conosciuta anche per il suo impegno politico e per l'unione artistica e sentimentale con Bob Dylan.

Inizia la sua carriera nel 1959 con il suo primo album omonimo.

Il suo secondo disco Joan Baez vol.2 del 1961 diventa disco d'oro, così come i successivi dischi dal vivo Joan Baez in Concert, Part 1 e Part 2 pubblicati nel 1962 e 1963.

In quegli anni Joan Baez emerge come esponente del revival del root-folk, presentando ai suoi concerti un allora meno famoso Bob Dylan e ispirando altre cantanti quali Joni Mitchell.

Durante questo periodo, in cui la guerra nel Vietnam e la lotta per i diritti civili negli Stati Uniti diventano temi al centro dei dibattiti politici e sociali del paese, Joan Baez comincia a spostare la sua attenzione su di essi, fino a rendere la sua musica ed il suo impegno politico sostanzialmente inseparabili.

La sua esecuzione di We Shall Overcome alla marcia di Martin Luther King a Washington è entrata nella storia.

Nei suoi concerti oltre ad esprimersi contro la guerra annunciava pubblicamente la propria obiezione fiscale alle spese militari, rifiutandosi di pagare il 60% delle tasse (la quota destinata al ministero della difesa) e incoraggiava l'obiezione di coscienza.

Nel 1965 fonda l'Institute for the Study of Nonviolence.

Nel 1969 pubblica David's Album, dedicato al marito Davis Harris, un esponente del movimento pacifista.

Nel 1972 si unisce ad una delegazione pacifista che attraversa il Vietnam, Hanoi viene distrutta dai bombardamenti e da questa esperienza nasce l'album Where Are You Now, My Son? che incide nel 1973.

Nei primi anni '70 sostiene attivamente Amnesty International.

Nel 1979 denuncia le violazioni dei diritti umani nel Vietnam comunista attraverso la pubblicazione di una lettera aperta in cui accusa il regime di aver creato un incubo.

Nell'agosto del 2005 partecipa al movimento di protesta pacifista avviato da Cindy Sheehan e il mese successivo canta Amazing Grace durante il Burning Man Festival come parte di un tributo alle vittime dell'uragano Katrina.

Nel dicembre 2005 partecipa alla protesta contro l'esecuzione di Tookie Williams.

Nella sua carriera la Baez non si è mai lasciata coinvolgere dai partiti politici, ma il 3 febbraio 2008 scrisse una lettera all'editore del San Francisco Chronicle per sostenere Barack Obama nelle elezioni presidenziali statunitensi del 2008.

Suonando sul palco del Glastonbury Festival nel giugno 2008, la Baez disse che uno dei motivi per cui le piace Obama è che le ricorda un suo vecchio amico: Martin Luther King.

Prima di Obama la Baez non aveva mai appoggiato un candidato politico, sebbene nella sua autobiografia "E una voce per cantare" del 1987 abbia dichiarato di essere andata a votare due volte contro Richard Nixon.

E' ancora stupendamente attiva.

 
 
 
Successivi »