Creato da labirintidelcuore il 01/02/2010

LUCE CHE FILTRA.....

seppur debole, il suo chiarore può illuminare le notti...

 

 

il cielo in me

Post n°428 pubblicato il 13 Maggio 2016 da labirintidelcuore
 

 

Il cielo in me

 

Io non devo scordare
che il cielo
fu in me.

Tu
eri il cielo in me,
che non parlavi
mai del mio volto, ma solo
quand'io parlavo di Dio
mi toccavi la fronte
con lievi dita e dicevi:
- Sei più bella così, quando pensi
le cose buone -

Tu
eri il cielo in me,
che non mi amavi per la mia persona
ma per quel seme
di bene
che dormiva in me.

E se l'angoscia delle cose a un lungo
pianto mi costringeva,
tu con forti dita
mi asciugavi le lacrime e dicevi:
- Come potrai domani esser la mamma
del nostro bimbo, se ora piangi così? -

Tu
eri il cielo in me,
che non mi amavi
per la mia vita
ma per l'altra vita
che poteva destarsi
in me.
Tu
eri il cielo in me
il gran sole che muta
in foglie trasparenti le zolle

e chi volle colpirti
vide uscirsi di mano
uccelli
anzi che pietre
- uccelli -
e le lor piume scrivevano nel cielo
vivo il tuo nome
come nei miracoli
antichi.

Io non devo scordare
che il cielo
fu in me.

E quando per le strade - avanti
che sia sera -
m'aggiro
ancora voglio
essere una finestra che cammina,
aperta, col suo lembo
di azzurro che la colma.
Ancora voglio
che s'oda a stormo battere il mio cuore
in alto
come un nido di campane.
E che le cose oscure della terra
non abbiano potere
altro - su me,
che quello di martelli lievi
a scandere
sulla nudità cerula dell'anima
solo
il tuo nome.

 

Antonia Pozzi

 

Erik Friedlander

Dream song

 

immagine Francesca Della Toffola

 
 
 

A come Amore

Post n°426 pubblicato il 24 Aprile 2016 da labirintidelcuore
 
Tag: amore, Pilar

Lee Jeffries

 

 

Pilar - Il colore delle vene

 
 
 

43

Post n°425 pubblicato il 23 Aprile 2016 da labirintidelcuore
 

XLIII


Quando ho gli occhi chiusi essi vedon meglio,
di giorno infatti scorrono su cose senza merito;
ma quando dormo, in sogno essi ti guardano
e nel buio lucenti, son fari nel buio protesi.
E tu, la cui ombra rende brillanti l'ombre,
qual divina forma assumerebbe la tua ombra
al chiaro giorno con la tua luce ancor più chiara,
se a occhi chiusi la tua immagine è così lucente!
Come gli occhi miei, ripeto, si sentirebbero felici
ammirando te nello splendor del giorno
se nella morta notte la tua bella incerta ombra
nel sonno profondo è vita in occhi senza vista!
Finché non ti vedo ogni giorno è notte per vederti
e ogni notte giorno luminoso se mi appari in sogno.

 

Anouar Brahem

Le Pas du chat noir 

De tout ton coeur

 
 
 

due

Post n°424 pubblicato il 09 Aprile 2016 da labirintidelcuore
 

 

Rogerio Silva - Edifice

 
 
 

Alfa - Omega

Post n°423 pubblicato il 25 Marzo 2016 da labirintidelcuore
 

 

 

25 MARZO 2016

 

ANNUNCIAZIONE

 

 

AGONIA E MORTE

 

 

Quest'anno lo stesso giorno fa memoria di due eventi strettamente connessi, quasi due facce della stessa medaglia, l'inizio e la fine dell'esperienza terrena del Figlio di Dio, il Nazareno.

L'inizio, grazie al fidarsi di Maria che fece spazio in sè all'Ineffabile,  perchè la Parola si facesse carne ed abitasse in mezzo a noi.

La fine, sul Golgota, Uomo dei dolori che ben conosce il patire...

Anche la nostra esperienza si intreccia fra vita e morte, dal nascere grazie all'amore di chi ci ha chiamato alla vita, fino a quando i nostri giorni giungeranno al termine.


MEMENTO MORI

in attesa del mattino di Pasqua

 

Annunciazione - Jan Van Eyck dal Polittico dell'Agnello Mistico 1426 ca

Crocifissione - Antonello da Messina - particolare - 1457

 

 

J.S.Bach Befiehl Du Deine Wege - BWV 270

The Hilliard Ensemble


 
 
 
Successivi »
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

*


 

CONTATTA L'AUTORE

Nickname: labirintidelcuore
Se copi, violi le regole della Community Sesso: F
Età: 55
Prov: EE
 

AREA PERSONALE