Creato da ildiariodellalinda il 05/04/2006

il senso della vita

per chi crede nella vita, anche quella più piccola nella pancia di una donna. Questa è la mia storia, un esperienza attraverso interruzioni di gravidanza, una morte perinatale e due splendide bambine.

IO ...

 

GENITORI DI UNA STELLA

immagine 

Un associazione per chi, come noi, deve affrontare la morte perinatale del proprio figlio. Un’associazione di mamme e papà a servizio di altre mamme e papà, che si propone innanzitutto di offrire un aiuto immediato per lenire, per quanto possibile, la solitudine e lo smarrimento iniziale.
L'associazione  è nata dall'incontro mio e di Giovanna, avevamo condiviso le stesse emozioni, e
provato la stessa voglia di essere mamma, forse di una stella, ma mamma comunque, ma soprattutto avevamo la stessa voglia di aiutare gli altri.

l'inizio dell'associazione

 

 

IL LIBRO

immagine

Della serie "tutti possono pubblicare un libro", ecco la mia storia e quella della mia bambina che è iniziata con un diario della gravidanza, diventato poi una terapia al dolore del tutto personale, passata dopo 4 anni e 1/2 su una pagina web ed ora un libro. Così uno può leggere tutto su internet, oppure con due pagine sul divano. Senza nessuna pretesa quello che con una parola un po' grossa posso chiamarlo:

 

Il mio libro: "il diario della Linda"


Support independent publishing: Buy this e-book _n Lulu.

 

Fotografie di strade, piazze, panorami e particolari di una Londra vestita di Natale.

 
 

ESPERIENZE D'ABORTO

La parola alle donne che hanno fatto l'IVG, che hanno avuto un raschiamento, che hanno rinunciato per sempre al loro figlio.
Basta chiacchiere e giudizi Ŕ ora di leggere.
 

RICORDI MUSICALI

 

ULTIME VISITE AL BLOG

ildiariodellalindapeppino.loiaconocassetta2vivodi_folliaLSDtripIltuocognatinoCrepuscolandorayman88zeronuvolettaaltair768pepedgl16cile54cianfaluimisteropagano
 

ULTIMI COMMENTI

NON CI CREDO!!!

G r a z i e  ! ! !

 

 

Il dovere

Lettera a mia figlia grande...

Le mie priorità sono sempre: la famiglia (come mamma, come moglie, come casalinga e come tassista), il lavoro e solo se il tempo avanza vado a correre oppure mi dedico alle mie amate foto. L'esempio di chi mette il dovere prima di tutto lo puoi vedere tutti i giorni sotto ai tuoi occhi.

Sei una ragazza che sta crescendo e che inizia a raccoglie i frutti delle sue scelte e delle sue priorità, stai costruendo il tuo futuro e comunque vada, la scelta sarà tua, sia se vuoi costruire un futuro sull'argilla, dando la priorità alle scelte futili, sia se lo vuoi costruire di mattoni, dando la priorità alle cose importanti, al tuo unico dovere, che è lo studio.

Hai tutte le capacità di fare bene e di avere un futuro brillante, nessuno ti vuole negare i divertimenti, le amiche, il ragazzo, dovresti solo imparare a mettere avanti il dovere.

Ricordati, la sicurezza arriva dallo studio, mentre la paura quella la devi domare, ma stai tranquilla che più studi e meno avrai paura. E ricordati che quando porti a  casa dei buoni voti, è molto più facile per noi genitori dirti di sì.

Ti voglio una marea di bene.

La mamma   

 
 
 

Fotografie

E così sacatto fotografie fermando il tempo a quell'attimo e a quelle sensazioni che altrimenti mi sfuggirebbero via, scatto fotografie per fermare i ricordi, per lasciare una traccia di vita, per lasciarne memoria.

La vita cambia veloce, i figli sono piccoli e te sei come un bruco che non sa cosa sarà del suo futuro.

Il tempo corre e sei sempre ad inseguirlo, non basta mai, dedita al lavoro, alla famiglia, con solo due ore a settimana che ti sei ritagliata per la tua passione a costo zero "la corsa".

E le figlie nella corsa al tempo diventano grandi, lasciano la tua mano e iniziano il loro cammino, tu osservatrice attenta, consigliera ignorata, mamma premurosa.

All'immprovviso ti capita un pomeriggio che non hai niente da fare, apri un libro ti metti sul divano con i piedi appoggiati sul tavolino e ti riapproriopi della tua vita, felice di un ora inaspettata tutta tua e il tempo si dilata diventando il doppio.

 
 
 

Lacrime

Post n°539 pubblicato il 19 Febbraio 2018 da ildiariodellalinda
 

Il principio fondamentale in questa vita dovrebbe essere "non far soffrire chi ti ama"

 
 
 

Amarezza e atleti in uscita

Post n°538 pubblicato il 06 Gennaio 2018 da ildiariodellalinda

Ci sono ragazzi umili che lavorano a testa bassa, mai una volta che gli stia fatica andare ad allenarsi, perché a loro piace lo sport, il gioco di squadra, gli spogliatoi con la goliardia tra atleti. E anche se a volte durano fatica, si sforzano, perché sanno che dopo aver toccato quella palla da basket si sentiranno meglio. Lavorano e s'impegnano per migliorare, anche se vengono sempre segregati nelle ultime fila, s'impegnano per la voglia di far bene in partita,  anche se poi sono solo due minuti perché "sei riserva". Così a volte si entra per poco e si è felici,  a volte non si entra affatto, ma è finito il tempo delle lacrime, oggi sono solo sorrisi amari e la consapevolezza che a volte basterebbe poco per non perdere un atleta, che invece oggi uno ha perso.

 

 
 
 

19 anni di noi

Io e te ... diciannove righe per descrivere quello che provo

Prima di tutto sei mio marito

Colui che ha generato insieme a me, i nostri amori più grandi

Sei la mia parte razionale

La mia memoria (visto che spesso mi dimentico le cose)

Sei quello che stressa le poche volte che pulisce

Ma sei anche quello che mi aiuta nelle piccole faccende

Sei quello che se ne va in bicicletta

E poi dimentica la rosa per l'anniversario

Ma se ci scontriamo in cucina perchè è piccola, non manca di ricambiare un abbraccio

Sei la persona che conosco meglio al mondo 

E anche quella che conosce meglio me

Sei il mio supporto e il mio aiuto

Sei la parte critica della famiglia 

E dopo una discussione non riesci a far pace subito

Ma hai bisogno di tempo che ti porta a riflettere e risolvere

Io e te ci compensiamo nei nostri pregi ma soprattutto nei difetti 

Sei la mia esatta metà

Ti amo ... oggi più di ieri, domani più di oggi (questa volta l'ho scritta bene ;)

 
 
 

e son 45

Post n°536 pubblicato il 16 Ottobre 2017 da ildiariodellalinda
 

Una riflessione di qualche tempo fa e poi oggi mentre scendevo le scale di una libreria, mi soffermo su una foto e su una scritta “Lasciami tutte le rughe, non me ne togliere nemmeno una. C'ho messo una vita a farmele!” Anna Magnani

Così anche io voglio scrivere, che mi piace quella ruga che venne dopo una lacrima è ancora di più quella che è venuta dopo una bella risata, mi piacciono quelle ai lati della bocca perché sono le le parentesi di tutti i miei sorrisi.
Mi piacciono tutte le rughe sul collo che vedo quando faccio i selfie dal basso, che sistematicamente, dopo essermi fatta una risata, cancello.
Mi piacciono i miei occhi che si stringono sempre più perché non riesco a leggere senza occhiali e anche i miei fili argentei che forse corrispondono ai miei pensieri e alle preoccupazioni. 
Va bene la mia pancina morbida che mi ricorda le mie tre figlie. 
E quando mi guardo allo specchio sono felice della "signora" che sono diventata, felice del mio volto maturo e della mia anima provata, ma forte e piena di vita e di emozioni da vivere ancora.

Oggi ringrazio per essere così ... con l'augurio e il monito di accettarmi sempre per quella che sono ma avendo sempre l'impegno di curare anima e corpo.

Grazie infinite a tutti per gli auguri    mi sono sentita coccolata da tante persone, pensieri e parole!

 
 
 

... alla ricerca di energia positiva

Quando avevi i figli piccoli eri spossata e stanca, era tanto l'impegno fisico, sia di notte che di giorno, ma bastava quell'abbraccio, quelle manine che prendevano le tue, quel sentirsi chiamare mamma come su tu fossi il centro del suo universo o un solo sorriso, per ripagarti di tutte le fatiche ed ecco che era come una carica energizzante che ti spronava ad andare avanti.

Quando hai figli adolescenti, niente baci, niente abbracci, li accompagni nei posti, loro ti guardano e ti dicono "mamma, te ne puoi andare!" e certo, sono solo un taxi, perchè chiamarmi mamma?

Vai a prenderli la sera (ti sta tremendamente fatica uscire dopo cena, ma lo fai con uno sforzo immane e con tanto amore) entrano in macchina, forse ti salutano appena, prendono il cellulare e vedi che sorridono mentre messaggiano ... wow allora dici "certo è vero, sono proprio un taxi"

Lo scontro è continuo, gli fai mille piaceri e tu che ne chiedi uno, non vieni nemmeno considerata

E l'energia cala ... sempre di più senza trovare niente che ti dia un po' di carica, faccio del terapeutico running, ma non è abbastanza.

Sono alla ricerca di energia positiva che possa mantenermi in piedi, perchè al livello morale ... è davvero "sotto i tacchi", forse è per questo che fotografo sempre i mie piedi, stò cercando il morale perso!!!

 
 
 

Sorella

Ho sempre desiderato una sorella, per scambiarmi i vestiti con lei, per chiacchierare la sera di quello che era successo durante la giornata, per le cotte che mi prendevo per ragazzi impossibili.

Desideravo una sorella perché mi avrebbe capito fino in fondo facendo parte della stessa natura femminile ed essendo parte della stessa famiglia con la mia la solita educazione, gli stessi privilegi e limiti.

Non avrei voluto mai una nemica, una persona di cui essere gelosa, ma avrei voluto un amica, la migliore che si potesse avere sulla terra ... quella che voi chiamate bff (best friend forever).

Ho cercato delle amiche che potessero essere sorelle e per me lo erano, lo sono tutt'ora ... solo che loro le sorelle le hanno davvero ed io, forse, non sarò per loro la stessa cosa.

Voi avete la fortuna di esserlo e non lo apprezzate mai abbastanza, pensate alla sorella che non c'è più (che sono sicura vi protegge e vi accudisce) ma non pensate a proteggervi a vicenda e a custodirvi.

Siate complici, non nemiche, siate gentili l'una con l'altra, rispettatevi sempre e non prendetevi in giro.

Siete sempre a caccia di amici e amiche e non vi rendete conto ... che quella più importante è accanto a voi ❤

ricordatelo sempre 😘 la mamma

messaggio alle mie figlie inviato per whatsapp

 
 
 

Non mi lasciare mai

Post n°533 pubblicato il 04 Luglio 2017 da ildiariodellalinda
 

Sei anni da quando stringevo la tua mano, sei anni da quando ti abbracciavo per l'ultima volta ed anche se sono sicura che tu ora sei nella gioia e nella vera felicità che la vita ci concede, mi manchi.

Non lasciare la mia mano, non credere che possiamo fare a meno di te, rimani vicino a noi, custodiscici e avvolgici nel tuo amore, che si fonderà con il nostro per te.

Piccola
Post n°430 pubblicato il 27 Giugno 2011 da ildiariodellalinda
 
 
 

Anno Scolastico 2016 2017 ... andato!

7 giugno 2017
Ultimi giorni di scuola, ultimo sforzo, non sappiamo come mai invece di allentare i compiti, negli ultimi giorni si concentra lo studio, sarà perchè gli insegnanti devono finire il programma e sono in ritardo? Ma ciò che conta è che finalmente e ufficialmente inizia il periodo estivo e vacanziero, non solo per loro ma anche per me, che finalmente mi trovo in ritmi più rallentati, non ho bisogno di dire continuamente la frase "hai finito i compiti per domani?"
Gli allenamenti delle figlie, anche se presenti diventano un modo per non stare a "bighellonare" tutto il giorno. 
Unico problema momentaneo, gli esami di Siria, che conclude anche questo ciclo delle medie, sempre più grande, sempre meno per mano mia e sempre di più accompagnata dal fidanzato, amici e tutto ciò che non siano i genitori.
Iniziano le prime scelte importanti, le scelte che costruiscono il futuro: come la scelta delle scuole superiori e l'impegno di studio che ne deriverà.
Prendiamo questo sole di giugno e godiamoci il caldo, i piedi infilati in un bel paio di sandali o ancora meglio, infilati nella sabbia, il corpo riscaldato dal sole per levare l'umidità dell'inverno, iniziano le lucciole (sempre meno), i grilli la notte e tra un po' anche le cicale. 
Diamo inizio al mio periodo preferito dell'anno, addio scuola, addio inverno e primavera e BENVENUTA ESTATE!

 
 
 
Successivi »
 

TUTTA LA MIA STORIA

immagine

... la mia storia e quella della Linda, la bambina che mi ha cambiato la vita con il suo breve e luminoso passaggio !  

 

La storia di questo aborto, l'inizio della gravidanza, la speranza e infine la delusione ...

immagine

 

BENVENUTI NEL MONDO DELL'ADOLESCENZA

IL MIO NUOVO BLOG

Scenette di delirio familiare dalla mattina alle 7 alla sera alle 23.

Ma la domanda fondamentale è: Riuscirò ad arrivare ai 20 anni delle mie figlie senza un trapianto di fegato?

 

LE MIE FOTO SU ...

 

AREA PERSONALE

 

La mia non Ŕ una vita di rimpianti, ma una vita fatta dal presente, proiettata nel futuro e costruita sul passato. Ilaria

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Aprile 2018 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30            
 
 

Ho sentito che creavo
(di Gigliola Borgia)

 

Uno scritto sulle mamme, scritto da una ostetrica, che ha contribuito aiutando nel
Centro di Aiuto alla Vita

 

 

 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

OLTRE LE NUVOLE

 

IN RICORDO DI LINDA

Questa è la musica che ho ascoltato durante la gravidanza della Linda, musica a cui mi sono sempre sentita legata.
Mentre ascoltavo questa canzone, è il ricordo dei suoi calcetti!

 

TAG

 

NEI MOMENTI DI SCONFORTO ...

... ci ha accompagnato la nostra colonna sonora!!!

 

ADOTTA UN BAMBINO A DISTANZA

 

 

 

GIORNATA DEL RICORDO

Il 15 0ttobre - ore 19.00

accendiamo una candela, per ricordare i nostri bambini, quelle stelle che hanno fatto parte della nostra vita e che occupano parte del nostro cuore tutti i giorni.

http://www.babyloss-awareness.org

Diffondi l'iniziativa:
banner per ilátuo blog

 

QUALE EROINA SONO?

counter

 

Free counters
 

LA MIA FOTO

Ila simpsonizzata

 

 

 

CONTATTA L'AUTORE

Nickname: ildiariodellalinda
Se copi, violi le regole della Community Sesso: F
EtÓ: 45
Prov: FI