« LA SETTIMANA BIANCA

LOVE KAPUTT

Post n°344 pubblicato il 24 Maggio 2017 da manser11
 

Ormai entro molto raramente in questo blog per recensire o consigliare libri. Sarà perchè l'avvento di Facebook ha calamitato le mie incursioni in rete, sarà perchè parlare di libri dà la sensazione di rivolgersi a delle lapidi, fatto sta che passo di qua solo per segnalare libri che mi colpiscono particolarmente. Questo tra l'altro è un romazo di un mio vecchio amico, ancor più amico perché la nostra è una conoscenza puramente virtuale e letteraria. Avevo già avuto modo in precedenza di apprezzare le sue doti creativo-letterarie e posso dire che il ragazzo ha talento... Di cosa tratta questa sua opera lo scoprite leggendo le parole sottostanti; io mi limito a dire semplicemente che l'ultimo libro di Antonio Giugliano mi è piaciuto molto e mi dimostra ancora una volta quanto "buono" ci sia negli scrittori "puri" e nell'editoria non gestita dai soliti Grandi Burattinai.

Dal sito www.recensionelibro.it: Love kaputt di Antonio Giugliano racconta una storia d’amore prima e di guerra interiore poi. Ciò che sembrava fonte di felicità diventa il suo opposto lacerante, quello che appariva normale diviene la messa in scena di un atteggiamento formale nei confronti dell’altro. E poi c’è un colpo di scena che dà quel tocco in più alla storia.

Protagonisti di Love kaputt sono Maurizio ed Elena, se prima la passione li aveva coinvolti in una storia intensa, con il passare del tempo il loro rapporto, i cui fili vengono mossi in questo caso da lei, si fa finto.

Elena appare distaccata, distratta da altri pensieri, fredda e difficile da comprendere. È come se nascondesse qualcosa di oscuro e indicibile dentro di sé, tant’è che viene trovata morta sul luogo di lavoro. I dubbi sono tanti: la donna si è uccisa o c’è la mano di qualcuno in questa morte? Insomma siamo davanti a un suicidio o a un omicidio?

Dopo i primi tentennamenti, il caso è archiviato come suicidio, ma Maurizio vuole comprendere, andare a fondo e la sua anima si logora giorno dopo giorno alla ricerca della verità.

“… di’ la verità, non credi che un po’ di ‘sano’ Alzheimer sarebbe stato molto meglio di quell’incontenibile follia?”

Depressione e rabbia sono le costanti nella vita di Maurizio, che non si arrende e scavando nella sua mente e nella sua anima, muovendo i suoi passi verso qualcosa da chiarire, scopre una parte di sé che non immaginava neppure di avere e si sentirà spinto a sopravvivere in una realtà crudele, da cui è stato deluso, da cui si sente tradito.

L’intensità di Love kaputt non è solo nella storia che racconta e nel rapporto d’amore tra i due protagonisti lacerato da menzogne, non è solo da ricercare nel modo di affrontare l’esistenza da parte di Maurizio, ma anche nella descrizione critica della società.

Terza protagonista del romanzo è la periferia napoletana in cui le persone sono quasi svuotate di significato, come se non ci fosse più umanità dentro quelle anime allo sbando.

Antonio Giugliano in questo libro ci racconta di degrado, di ossessioni, di contraddizioni insite nella società. Il contorno della storia, l’ambiente in cui le vicende sono inserite, diventa parte integrante del romanzo, non sfondo come nella maggior parte dei libri.

Con un linguaggio diretto, crudo, a tratti estremo e la voglia di dare risalto all’aspetto psicologico, Gugliano mostra ciò che si nasconde dietro la normalità e un atteggiamento ordinario. Gugliano ci fa vedere che andando oltre il primo sguardo c’è molto di più: spesso vizi più che virtù, spesso ossessioni più che sane passioni, quasi sempre l’istinto di sopravvivere che porta a gesti estremi.

LOVE KAPUTT, Augh Edizioni, pagine 155, euro 13

Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
Commenta il Post:
* Tuo nome
Utente Libero? Effettua il Login
* Tua e-mail
La tua mail non verrà pubblicata
Tuo sito
Es. http://www.tuosito.it
 
* Testo
 
Sono consentiti i tag html: <a href="">, <b>, <i>, <p>, <br>
Il testo del messaggio non può superare i 30000 caratteri.
Ricorda che puoi inviare i commenti ai messaggi anche via SMS.
Invia al numero 3202023203 scrivendo prima del messaggio:
#numero_messaggio#nome_moblog

*campo obbligatorio

Copia qui:
 
 
 

Archivio messaggi

 
 << Dicembre 2017 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 17
 

Ultime visite al Blog

manser11nolfiagostino_marcomgf70Stolen_wordsfante.59moles_mots_de_sabler.11.11.11Sky_EagleTheArtIsJapancile54pedrino1uomosenzanimalubopo
 

Ultimi commenti

bello questo post. Buona giornata da Artecreo
Inviato da: sexydamilleeunanotte
il 10/09/2016 alle 10:38
 
Certamente.
Inviato da: Simone
il 17/02/2016 alle 11:40
 
40? in un anno? potresti fare di più
Inviato da: several1
il 03/02/2016 alle 19:04
 
Metti in lista anche "La prigione della libertà"...
Inviato da: manser11
il 25/01/2016 alle 11:20
 
Non ho idea di quanti libri ho letto nell'ultimo anno...
Inviato da: Pitagora_Stonato
il 25/01/2016 alle 10:39
 
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom