Creato da ceraunavolta89 il 09/04/2006

C'era una volta...

Se uno pensa una cosa e poi non la scrive, dove vanno i pensieri?

 

 

« Ne so tante di ultime pa...# Ci vuole spina dorsale... »

Parigi a me va bene per non tornare piu'.

Post n°1249 pubblicato il 01 Febbraio 2009 da ceraunavolta89

"Cara Joey, come sai non sono bravo negli addii, ma credo che questo lo sia. Quello vero stavolta. Perchè pur ripensando che quello che volevo era stare insieme, quello che desidero di piu' è essere una persona che vive ogni momento senza indecisioni nè rimpianti. E che non ha paura di affrontare le conseguenze di quello che fa. E tu non sei così. O almeno [non ancora]. Forse un giorno mi dimostrerai che ho torto, spero di sì. Chissà... Dicono che chi nasce rotondo non muore quadrato. Forse siamo [destinati] a ripetere sempre gli stessi errori, indipendentemente da come siamo giudicati.
Io spero sempre in un lieto fine...Che follia, vero? Abbi cura di te."

La Domenica pomeriggio si tirano sempre fuori vecchi ricordi. Vecchi diari, vecchie fotografie, vecchie parole. Si sfogliano pagine impolverate perchè si ha semplicemente voglia (bisogno) di soffrire un po', forse.
Io spruzzavo sempre un po' di profumo sulla prima pagina del mio diario così adesso ogni volta che lo riapro mi basta quello per tornare indietro di uno-due-tre anni. Il problema qua è che non tutti i ricordi sono belli, non tutte le cicatrici si sono definitivamente chiuse. Tante sono ancora aperte e bruciano appena le sfiori, forse quasi tutte.
Chè io non sono una che sa dire addio, si sa.

La Domenica, verso sera, ti colgono di sorpresa tutte quelle domande -inutili- che ti rendono il cervello un purè. La Domenica sera non hai nulla da fare percio' le devi affrontare per forza -non hai scampo. E io non sono una che le cose le sa affrontare di petto, sono una fifona. Una di quelle fifone che arrivano alla maturità sbronze, già, proprio così.
Una di quelle che nascono tonde e poi quando crescono non capiscono più di che forma sono e cercano in tutti i modi di stare nelle righe ma proprio non ci riescono. Chè io mi ripeto in continuazione le stesse cose da sempre ma a quanto pare [crescere], [maturare] non mi riesce bene, non è cosa per me, ultimamente.
Ed è strano perchè ho sempre pensato di essere una persona responsabile, intelligente, indipendentemente dallo studio, dalle scelte fatte in passato, dai -grandi- a volte davvero *troppo*- cambiamenti.
Ho sempre pensato che tutto questo mi avesse reso un po' più -nonsobenecomedire- [responsabile] [adulta] [affidabile].
E invece adesso mi sembra di camminare all'indietro come i gamberi. Sto facendo piu' passi indietro di quanti ne abbia fatti in avanti in tutti questi anni.
Forse è che tutte queste scelte, queste finte responsabilità mi hanno impedito di vivermi tutto il resto.
E adesso ne pago le conseguenze. Evitando sguardi, parole, sensazioni.
Dicono che questo non è vivere. Dicono che bisognerebbe respirare tutto, seguire il cuore, le emozioni, la passione: questo è [vivere.fino.infondo].
Ma il rispetto? Le responsabilità? Dove le mettiamo?
Cazzo, proprio io che parlo di rispetto! Io che di rispetto non ne ho nemmeno per me stessa, come posso pensare di averne per gli altri?
La verità è che io ho una gran voglia di vivere ma non mi riesce.
Ho un maledetto bisogno di [vita], di viverla in ogni direzione, di respirare tutto l'amore possibile, in mille modi diversi.
La verità è che sono nata-sbagliata e che devo imparare a con[vivere] con me stessa. Imparare che crescere significa scelte importanti, promesse infrangibili, rimpianti certi. Imparare che crescere non significa necessariamente sbagliare per poi capire l'errore, significa anche evitare di farlo per evitare di ferire qualcuno. La verità, signori miei, è che a volte si sente soltanto il bisogno di [scappare via]. Senza portarsi dietro niente. Per poi tornare e ritrovare tutto cambiato o tutto uguale a come l'avevamo lasciato. La verità è che ho veramente [veramente!] un grandissimo bisogno di estraniarmi da tutto e da tutti per cercar[mi]. Chè ho gli occhi troppo scuri e non mi basta guardarmi allo specchio. Non mi basta guardare sotto il letto -lì ci ritroverei soltanto vecchi ricordi- e nemmeno sotto il tavolo. C'è bisogno di tempo, di certezze, di punti fermi.
Perchè la mia vita -come quella di tutti, forse- è piena di persone che se ne vanno, di parole dette un po' troppo in fretta, di sentimenti malsani, di baci un po' troppo [sognati].

La verità è che io mi innamoro un po' troppo in fretta -di quello che mi circonda.
Mi innamoro delle parole dolci, dei profumi, dell'amore sotto le lenzuola, delle frasi sussurrate al buio, degli sguardi in mezzo alla folla, delle canzoni stonate, degli applausi, delle idee...specialmente delle idee. Mi innamoro delle battute stupide, delle risate, degli occhi dolci, delle pazzie. Mi innamoro dei ricordi.

Anche se in verità di Parigi non ho ancora nessun ricordo -credo.
 

 
 

*Ecco, è per tutti questi motivi che io [odio] la Domenica.

La URL per il Trackback di questo messaggio è:
http://blog.libero.it/flyaway/trackback.php?msg=6427626

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
Nessun trackback

 
Commenti al Post:
A_L_W_A_Y_S
A_L_W_A_Y_S il 01/02/09 alle 20:52 via WEB
sei semplicemente splendida!
 
 
ceraunavolta89
ceraunavolta89 il 01/02/09 alle 21:22 via WEB
Grazie mille, ma non penso sia vero :S
<3
 
DOLCIOLA
DOLCIOLA il 01/02/09 alle 21:16 via WEB
voglio anche io un biglietto di sola andata per parigi...
 
 
ceraunavolta89
ceraunavolta89 il 01/02/09 alle 21:23 via WEB
Sì, lo vorrei forse piu' di ogni altra cosa al mondo...
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.
 

TAG

 

AREA PERSONALE

 

CONTATTA L'AUTORE

Nickname: ceraunavolta89
Se copi, violi le regole della Community Sesso: F
Età: 27
Prov: VA
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Giugno 2017 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30    
 
 

MUSIC=LIFE



 

"Tutte le canzoni finiscono.
Ma questo è un motivo per non godersi la musica?"
 
 

 

[MY].MUSIC

CLICK.ME.

READ [ME].

ODI ET AMO.

Odio: Odio alzare la voce, sentirmi egoista e litigare, ma lo faccio spesso.  Odio le bugie, quelle dette sotto voce e quelle urlate. Odio quelli che credono di potersi permettere di avere pre-giudizi. -quelli arroganti. Odio l'indifferenza, le prese in giro e gli addii. Odio il silenzio-solo quello straziante. Odio le promesse non mantenute. Odio i capelli biondi ma amo le mie amiche bionde. Odio il caffè in tutte le sue forme e ancora di più odio il fatto di odiare il caffè. -bisogna fare qualcosa!(proviamo con il latte!)

Amo: Amo le facce buffe che fanno i bambini. Amo le sensazioni che mi lasciano addosso i [tele]film e la mia musica. Amo l'inchiostro stampato sotto la pelle. Amo i [vestiti da sera], quelli che mi fanno un po' più bella. Amo mangiare [gelato alla fragola] e i [tramonti] al chiaro di [luna]. Amo la dolcezza dei [tuoi] baci sotto la [neve]. Amo le [margherite gialle] e ne vorrei mille, nè una più nè una meno. Amo il mio fratellino che perde i denti e i miei [due] nipoti.

 

PAULO COELHO.

Se un giorno qualcuno avesse deciso di raccontare la sua storia, gli avrebbe chiesto di cominciarla come una favola, con le parole: C'era una volta...

[Undici minuti]

"Per il guerriero della luce non esiste amore impossibile.
Egli non si lascia intimidire dal silenzio, dall’indifferenza, o dal rifiuto. Sa che, dietro la maschera di ghiaccio che usano gli uomini, c’è un cuore di fuoco.
Perciò il guerriero rischia più degli altri, ricerca incessantemente l’amore di qualcuno
, ancorché ciò significhi udire spesso la parola “no”, tornare a casa sconfitto, sentirsi rifiutato nel corpo e nell’anima.
Un guerriero non si lascia spaventare quando insegue ciò di cui ha bisogno. Senza amore, egli non è nulla."
 
[Il manuale del guerriero della luce]

''Nessuno deve chiedersi mai:
 - Perchè sono infelice? -
In questa domanda alligna il virus della [distruzione.di.tutto].
Se ce la poniamo,
è perchè  vorremmo scoprire cosa ci rende [felici].
E se ciò che ci rende felici è [diverso] da quanto stiamo vivendo..
le soluzioni sono due
o [cambiamo.radicalmente]
oppure ci sentiremmo [ancora.più.infelici].''
 
[Lo Zahir]
 

[SEMPRE.E.PER.SEMPRE]


 
Quest'anno ho desiderato l'Amore.
Di immergere me stessa in [qualcun.altro]
e risvegliare un cuore
a lungo timoroso di sentire.
Il mio desiderio è stato esaudito. 
E se questo significa tragedia...
allora datemi la tragedia.
Perchè non lo darei indietro per nulla al mondo.

 

[IO.SOLE.TU.LUNA]

"Loro due erano
la [luna] in Giove
e il [sole] in Venere,
allineati nel cielo"

 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

FACEBOOK

 
 

ULTIME VISITE AL BLOG

Butturfly66ceraunavolta89frisillinasuperceviemilytorn82renatoquaranta33ElogioDellOmbrapantaleoefrancavirgi.greeneyesDiego75dgllibra.82annamaria.augelliAss.Verbadressner7Procace_Opulenta
 

ULTIMI COMMENTI

*A* STA PER *AMORE*

A innamorarsi son capaci tutti.
Ma Amare è un'altra cosa.
 
Non credeva più nell'amore finche non ha trovato lei...
 

[Ho camminato al
freddo

ma il mio
cuore mi ha scaldata]

Tell me all you need and I will try. I'm going to love you more than anyone.

Posso tenerti con me per sempre?

"Non importa quanto io urli o quanto tu stia in silenzio.
Io ti ascolto"


 
"Perchè una volta ogni tanto può capitare che le persone ti sorprendano.
Una volta ogni tanto le persone possono anche toglierti il fiato. "


 
 
[Anche se non ne sono
poi tanto capace]

Se dovrò cambiare, cambierò.
Non posso pensare alla mia vita senza di lui.
 

 

BEAUTIFUL AGONY.

Ho sentito le tue labbra
prendere forma sulle mie.
Ho sentito le tue mani calde
sciogliere il mio cuore.
Ho sentito il tuo respiro
sul mio collo e ho capito
di esser viva.

Io, solo per te, 
voglio essere [
troia.e.sposa]

 

Se è davvero così,
se ti senti [tra parentesi],
permettimi allora
di infilarmici dentro,
e che tutto il mondo
ne rimanga fuori,
che sia solo l'esponente
al di fuori della parentesi
e [ci moltiplichi] al suo interno.

Finchè avrò fiato
io soffierò via le tue nuvole.

[Perchè  sei tu che cancelli il buio]

"Ora sei tu la mia [Famiglia]. L'unica cosa [vera] che ho.
Non voglio perderti [
mai]."

Quando saremo due
non avremo metà
saremo un due che non si può dividere con niente.

 

SCORCI DI POESIA.

E' come se tutto implodesse, di notte.

I sospiri, gli sguardi.

Le mani che si accarezzano.

I corpi che si sfiorano.

Anche a chilometri di distanza.

Sei dentro di me.

***

Lascio scivolare le dita sul cuscino.

Sento il tuo respiro.

Non dire mai “Ti Amo”
se davvero non è quelo che hai dentro.

Non dire mai “ciao”
se ciò che intendi dire è “addio”.

 

SILENCE.

Un sospiro che diventa Neve...

Tutto un gran rumore foderato di silenzio...

*E mi attacco alle *stelle* altrimenti si cade.
E poi alzo il volume di questo silenzio che fa stare Bene.*

 

L'ALTRA METÀ DELL'AMORE.

Io mi farò una capanna di giunchi al tuo cancello e con l'anima entrerò nella tua casa, comporrò madrigali al condannato Amore e te li canterò ad alta voce tutte le notti. Esalterò il tuo nome alle rieccheggianti colline finchè non risuonerà in tutto l'aere un grido solo. 
[ L'altra metà dell'amore - Lost And Delirious ]

 

ME [LISSA].

Mia madre mi diceva che le libellule devono essere uccise e dimenticate.

Perchè sbatti così tanto bella libellula con la punta delle ali rossa?
Ferma su quel muro bianco col tuo corpo nero
sembri una parola su una pagina scritta male.
Perchè gonfi le tue ali ad ogni battito di respiro?
Non capisci che ogni volta che fiondi i tuoi occhioni verdi dentro i suoi  tu mi stai strappando un pezzo di vita, di aria?
Se mi togli il respiro lui non potrà più amarlo, non potrà più odorlarlo.

[Melissa P. L'odore del tuo respiro]

Una principessa così bella
che anche i sogni vogliono rubarla...

Una piccola principessa

[Melissa P. 100 colpi di spazzola]