Creato da ilsognor il 16/06/2011

kaen

venti della mia anima

 

sguardo

Post n°111 pubblicato il 30 Aprile 2013 da ilsognor

Incastono la mia anima nel tuo sguardo

rispecchiandomi  nei riflessi dell’iride

tra quelle infinite sfumature che

mi trascinano in un mondo

dove la tua unicità regna sovrana.

 

Libero i mei pensieri  affidandoli al vento

affinché li trasporti  oltre l’orizzonte che ci sovrasta

dove ogni desiderio si trasforma in realtà

ed i sogni sono quotidianità da ingurgitare

 

Chiudo gli occhi inebriandomi

 nell’essenza della tua pelle

che mi conduce

le fragranze della tua imperiosa femminilità

mentre le mie labbra

sfiorano il tuo collo, perdo ogni ragione

riverberandomi in quegli amplessi dalle mille sfaccettature

che li rendono unici ed irripetibili nel loro essere.

 

Stretti, avvinghiati tra le nostre braccia

danziamo nell’impero dei sensi

peculiari nel nostro amarci incondizionato

suggellandolo nell’unione dell’atavico nettare.

 

Spossati ci abbandoniamo nel nostro insaziabile

Sguardo.

@Kaen   

 


 
 
 

Mia Ventura

Post n°110 pubblicato il 23 Aprile 2013 da ilsognor

Fermarsi ad ascoltare

il silenzio che improvvisamente mi fascia.

Lo sguardo rivolto al cielo

a decrittare empirici disegni

creati da tenebrose nuvole

che giurano

marosi di pioggia.

 

Seguire le follate di vento

che combattono con qualunque energia

per pulire lo sprazzo di cielo che

ingabbia la mia anima.

 

Abbassando ogni barriera

cancellando ogni muro

non trovo la forza

per rialzarmi a spiccare il volo.

La tiepida aria primaverile

non riesce a rinvigorire le mie ali 

ed allora, solo adesso, prendo coscienza,

e mi abbandono alla mia ventura.

 

C@KAEN

 

 
 
 

mia ventura

Post n°109 pubblicato il 23 Aprile 2013 da ilsognor

Fermarsi ad ascoltare

il silenzio che improvvisamente mi fascia.

Lo sguardo rivolto al cielo

a decrittare empirici disegni

creati da tenebrose nuvole

che giurano

marosi di pioggia.

 

Seguire le follate di vento

che combattono con qualunque energia

per pulire lo sprazzo di cielo che

ingabbia la mia anima.

 

Abbassando ogni barriera

cancellando ogni muro

non trovo la forza

per rialzarmi

C@Kaen

 


 
 
 

Estrinsecazioni

Post n°108 pubblicato il 05 Aprile 2013 da ilsognor

Effondo fiumi di espressioni

che si riversano

nelle acque di un oceano lontano,

 essenze

che si sbaragliano

nell’immensità di acque salate

nel loro sbracciarsi

per emergere

sulle increspature delle onde,

accecano gli occhi

disperdendo le forze del loro lottare

 

Stanche

si inabissano in remote sacche

 ove il silenzio regna sovrano

e alla luce

non vi è permesso accesso.

 

Copyright ©Kaen

 


 
 
 

aaaaaaamore

Post n°107 pubblicato il 04 Aprile 2013 da ilsognor

Albe e tramonti

a susseguirsi nel voler

sigillare l’incanto dell’amore  

che viviamo

ogni giorno sulla nostra pelle

sulle nostre pulsioni.

 

Amore che inonda l’aria

lasciando dentro di noi

pienezza e desiderio

incontrastato,

appagando ogni nostra bramosia

pur non riuscendo a placare

la nostra inedia.

 

Non vi sono coperte

su lenzuola stropicciate

ma il tuo corpo a sigillare

i nostri umori

uniti in un'unica materia.

 

Amore, il nostro,

che ci dona ogni volta

emozioni diverse e mai vissute.

 

Amore unico, travagliato

ma desiderato con tutte le forze

presenti in noi stessi …  

 

Copyright ©Kaen

 


 
 
 

Imbarazzo

Post n°106 pubblicato il 29 Marzo 2013 da ilsognor

Imbarazzo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Per imbarazzo (dallo spagnolo cinquecentesco embarazo, "ingombro materiale"[1]) si intende di solito uno stato emotivo più o meno intenso e generalmente di breve durata che si manifesta esclusivamente in una situazione sociale, comportando senso di fastidio o di disagio espresso in contesti psicofisiologici e comportamentali, anche per incertezze nel decidere rispetto a soluzioni in contrasto tra loro; per imbarazzo può intendersi anche un ostacolo, la difficoltà a risolvere un problema, o un semplice disturbo digestivo[2].

L'imbarazzo può essere un sentimento simile alla vergogna, ma il senso di vergogna può essere anche provocato da motivazioni che nessun altro conosce, mentre l'imbarazzo è sempre pubblico (riferibile al concetto di "ansia sociale"[3]). Inoltre l'imbarazzo di solito è causato da un atto socialmente inaccettabile piuttosto che moralmente sbagliato.

La rappresentazione artistica dell'imbarazzo è più frequente nella letteratura umoristica, ad esempio in Una signorina in imbarazzo (A Damsel in Distress, 1919) di P. G. Wodehouse o nell'opera buffa, come in L'ajo nell'imbarazzo, libretto di Jacopo Ferretti tratto dalla omonima commedia del 1807 di Giovanni Giraud, già adattata per l'opera da altri librettisti e compositori, e musicata da Gaetano Donizetti.

 

 
 
 

voglio

Post n°105 pubblicato il 28 Marzo 2013 da ilsognor

Voglio vivere

tra le tue braccia

e perdermi in quelli istanti

che solo tu

mi hai saputo donare.

 

Facendomi conoscere

L’amore  

 

Copyright ©Kaen

 


 

 
 
 

non so amare

Post n°103 pubblicato il 26 Marzo 2013 da ilsognor

Accartocciato in un angolo dell’universo osservo figurazioni scorrere lungo i miei pensieri quasi palpabili come immagini di un vecchio film in bianco e nero, colori assoluti contrastanti opposti che non si attraggano ma nel loro respingersi creano nell’universo disarmonia ed un precario equilibrio su cui si basa il corso della vita.

Provo a scrutare la mia anima, a sbriciolare la mia ragione, il mio esser uomo, ma non mi trovo, cerco nelle mie tasche quella luce che trascina la bellezza dell’amore, con la punta delle dita tasto gli angoli remoti delle sacche cercando di afferrare l’ incanto, l’essenza della vita, la festosità dell’amare, ma le mie mani rimangono vuote, le mie dita screpolate dal freddo che s’è creato nella sua assenza.

Osservo, scompongo  il mio io e mi rendo conto  del mio non saper amare.

Si sgretolano le convinzioni del mio saper donare l’amore, le certezze nell’amare, nel donare senza chiedere, nella bellezza di un bacio, nel desiderare di vivere l’amore.  Non so amare e non conosco il valore dell’amore. Solo adesso che le certezze non sono illusioni e le illusioni non sono verità mi colloco tra quel disequilibrio tra il bianco ed il nero, nutrendomi della disarmonia che vi regna attendendo invano il solo tramontare e le tenebre avvolgere le mie stanche spoglie.

So di non saper amare .

 

Copyright ©Kaen

 
 
 

Perduta

Post n°102 pubblicato il 25 Marzo 2013 da ilsognor

Smarrirsi  in un unico abbraccio

svincolarsi dalle proprie  zavorre

per vivere nell’interezza

le emozioni che fluiscono

nelle vene

legandosi

In un unico respiro

facendo degli altrui desideri

i propri sogni

le proprie aspirazioni

respirando con l’altrui respiro

parlando attraverso

le sue labbra

sentendosi un unico corpo

sagomando in sola essenza.

 

Fai delle tue aspirazioni

la mia luce.

Rivestiti dei mie sentimenti

colorando con essi il tuo sguardo

e profumando la tua pelle.

 

Amami e abbandona ogni tua logica

in questo amore  

 

Copyright ©Kaen

 


 

 
 
 

Passi

Post n°101 pubblicato il 22 Marzo 2013 da ilsognor

Annuso l’aria di nuova primavera

intrisa nella fragranza della tua femminilità.

Assaporo lentamente

quel primordiale miele

che stilla  da un’intimità

celata, agli occhi dei profani,

ma illuminata, e svelata ai miei.

 

Amando nella pienezza di se stessi

si perde la certezza della razionalità.

Gli occhi dell’amore

liberano i nostri passi

verso orizzonti mai esplorati

carichi di unicità nelle emozioni,

profanatrici di segreti inconfessati

e demolitrici  di barriere che sembravano

invalicabili .

 

Perdersi coscientemente

uno dentro l’altro

è aspirazione di vita nell’amarsi

 

Copyright ©Kaen

 


 
 
 

...e poterti dire ancora tra nuvole e lenzuola

Post n°100 pubblicato il 20 Marzo 2013 da ilsognor

 

 
 
 

Imperiosa Femminilitą

Post n°99 pubblicato il 20 Marzo 2013 da ilsognor

Uno scrigno inabissato

nel profondo degli oceani,

la sua imperiosa femminilità,

nascosta ai raggi

di un nuovo sole

nato nel crepuscolo

di un era colma di nubi,

strati di acqua a celarne i suoi ornamenti

offuscati agli occhi dell’ intelletto,

impedendone il suo riverberarsi.

 

Concatenazioni che nel loro trascinarsi

rubano il respiro

ingollando in un  angolo dell’universo

quell’aria di magia

colorata dalla semplicità del compiacersi .

 

Essenze, libere in corpi avvinghiati

ove la carnalità non è padrone,

inondano l’aria ricadendo

tra le pieghe di lenzuola stropicciate

ed una coperta troppo corta

per offuscarne la propria assenza.

 

Assistendo ai mutamenti

di un grembo

che urla l’imperiosa  femminilità,

provo a raccoglierne

l’assenza di quelle sfaccettature

che profumano di primavera .

 

 

Copyright ©Kaen

 


 
 
 

Totalitą del donarsi

Post n°98 pubblicato il 19 Marzo 2013 da ilsognor

Smania, aspirazione di avvinghi

passione intrisa nelle entusiasmi,

emozioni

di un amplesso mutevole.

 

Ingurgitando l’estasi del conoscersi

diveniamo essenza di infuocati

riverberi,

perenni nel loro rincorrersi

verso quell’orizzonte

mai troppo lontano

e mai troppo vicino,

che affrancandosi in una rinnovata

follia incantatrice

inebriano  gli animi e le menti.

 

Nella completezza del proprio donarsi

si sfamano gli occhi della ragione

ricevendo l’essenzialità

di quell’essere unica sostanza

nella bellezza primordiale dell’amarsi.

 

Copyright ©Kaen

 


 
 
 

a te ... chiarina

Post n°97 pubblicato il 17 Marzo 2013 da ilsognor

 

 
 
 

lo sgomento

Post n°96 pubblicato il 16 Marzo 2013 da ilsognor

Non cerco tranquillità.

Non ho bisogno di parole che ingentiliscono il mio peregrinare.

Non ho bisogno di miraggi sahariani

per rifocillare l’arsura della mia essenzialità.

Non ho bisogno di chimere ingannatrici

pronte a sfidarmi nell’illusione

di un vivere non vissuto

 

Volevo solo sentire sulla mia pelle

la dolcezza dei tuo occhi,

il profumo del tuo tegumento ambrato,

l’essenza primordiale della tua aura,

essenza di vita

per un rozzo pellegrino

pronto a sfidare a mani nude

le ripide e scoscese pareti di una inespugnabile montagna.

 

Ho paura di sognare;

nella mia reviviscenza

lo sgomento  ha afferrato

la conciliazione, che solo poche ore prima,

si era impadronita della mia esistenza.

 

Ho paura del sogno

peculiare di una verità inconfessabile.

 

Vorrei vivere e non sopravvivere

 

 

Copyright ©Kaen

 


 
 
 

incunearsi

Post n°95 pubblicato il 14 Marzo 2013 da ilsognor

Fiumi di parole

a rincorrersi

verso l’infinito di un orizzonte

mai scoperto,

occhiate ad incunearsi

nell’ iride

di sguardi che si aggrappano

all’essenza della vita.

 

Sentirsi, ascoltarsi  

nei propri battiti del cuore,

mentre nella ragione

si riversano acquazzoni carichi di pensieri

senza trovare un mare dove sfociare.

 

Vivere

l’emozione di un incantesimo

che profuma di unica essenza

intrinseca nel proprio

appartenersi.  

 

Copyright ©Kaen

 


 
 
 

I Belong To You (Il Ritmo Della Passione)

Post n°94 pubblicato il 13 Marzo 2013 da ilsognor

 

 
 
 

.... sono ... sono.. sono ....

Post n°93 pubblicato il 12 Marzo 2013 da ilsognor

 

 
 
 

Io Che Amo Solo Te

Post n°92 pubblicato il 07 Marzo 2013 da ilsognor

 

 
 
 

impero nel desiderarsi

Post n°91 pubblicato il 07 Marzo 2013 da ilsognor

Perdermi nel tuo sguardo

quando il tuo corpo freme

vibrando come corde di violini

pizzicottate da mani esperte

di orchestrali di antica data,

mentre il piacere s’impossessa

della tua ragione.

 

Scapitare in quegli occhi

che indossano i colori di un  arcobaleno

mai nato, nel corso di una tempesta

di amplessi indescrivibili.

Non vi sono parole

e cantori, ad oggi, capaci nel descriverne

l’intensità o le sfumature,

 

Impossibile resistere,

nessun argine di cemento o acciaio

imbriglia, il desiderio

di vederci avvinghiati

intenti, da attori protagonisti,

in quella danza ancestrale

che ogni essere umano desidera

almeno una volta

vivere nella sua pelle e nella sua ragione.

 

Sazia, mansueta la mia sete

con il nettare atavico

che sgorga dalla tua fonte

femminile.

Fa che il tuo respiro

sia linfa per il mio vivere

imbrigliami tra le pareti

della tua anima, mia sovrana.

 

Copyright ©Kaen

 


 
 
 
Successivi »