Blog
Un blog creato da vocedimegaride il 09/11/2006

La voce di Megaride

foglio meridionalista

 
 

UN MUSEO NAVALE STORICO PER NAPOLI

FIRMA E DIVULGA LA PETIZIONE
 
www.petitiononline.com/2008navy/petition.html 

UN MUSEO NAVALE STORICO PER NAPOLI

"mamma" della MARINA MILITARE ITALIANA


 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Agosto 2017 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30 31      
 
 

FAMIGLIE D'ITALIA

"ARGO" (dim.di LETARGO) il caporedattore de "LA VOCE DI MEGARIDE"/blog, coraggioso foglio indipendente, senza peli sulla lingua... ne' sullo stomaco!
ARGO

Il social family project di Umberto Napolitano
http://famiglieditalia.wordpress.com/

 

IL BLOG DI ANGELO JANNONE

LE NOSTRE VIDEO-NEWS

immagine
L'archivio delle video-news e delle interviste filmate per "La Voce di Megaride" è al link http://www.vocedimegaride.it/Fotoreportages.htm

********* 

 

SFIZIOSITA' IN RETE

 Il traduttore online dall'italiano al napoletano
http://www.napoletano.info/auto.asp

*********

Cliccando http://www.box404.net/nick/index.php?b  si procede ad una originalissima elaborazione del nickname ANCESTRALE di una url. "La Voce di Megaride" ha ottenuto una certificazione ancestrale  a dir poco sconcertante poichè perfettamente in linea con lo spirito della Sirena fondatrice di Napoli che, oggidì, non è più nostalgicamente avvezza alle melodie di un canto ma alla rivendicazione urlata della propria Dignità. "Furious Beauty", Bellezza Furiosa, è il senso animico de La Voce di Megaride, prorompente femminilità di una bellissima entità marina, non umana ma umanizzante, fiera e appassionata come quella divinità delle nostre origini, del nostro mondo sùdico  elementale; il nostro Deva progenitore, figlio della Verità e delle mille benedizioni del Cielo, che noi napoletani abbiamo offeso.
immagine

 

FACEBOOK

 
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 23
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

AREA PERSONALE

 

 

« Le finte larve di S.M. C...L'eterno dramma dell'e... »

L’OLTREMARE

Post n°657 pubblicato il 22 Aprile 2008 da vocedimegaride
 

un valore aggiunto per GALASSIA GUTEMBERG
di Umberto Franzese

Galassia Gutemberg segna il passo. Non fa impressione, non desta stupore, non crea interesse. Sono mancati nell’edizione 2008 gli autori di grido, le Case Editrici giganti, il pubblico dei grandi eventi. Tra le presenze distinte quella di Renato Curcio, figura emblematica del terrorismo rosso. Sciolto dai nodi carcerari, ora scorrazza per lo Stivale a impartire lezioni di “saper vivere”. Galassia brilla  per le graziose imprese di movimentatori, poi di anno in anno va spegnendosi anche per l’infelice passaggio dall’Oltremare a Castel dell’Ovo e  infine alla Stazione Marittima, dove in due anni stentatissimi, ha collezionato due tonfi paurosi. Dall’accesso faticoso all’intero intricato circuito, all’allestimento immiserito, all’esposizione appesantita all’eccesso, senza gusto, sembra nel girandolare, sostando un po’qua un po’ là per accostarsi ai banchi d’esposizione, di trovarsi tra bancarelle di un comune mercatino rionale. E’ assai significante l’assenza di editori, come Laterza, Sellerio, Rubettino, meridionali di gran conto e di Adelphi, Baldini Castoldi, Bollati Boringhieri, Fazi, De Agostani, Feltrinelli, Newton Compton, Utet, solo per citare alcune delle latitanti di grossa entità. Ma abbiamo, tra quelle nostrane di spicco, notato mancanti all’appello: Adriano Gallina, De Rosa, Pironti, Controcorrente. In verità, su Galassia 2008 incombe a discredito degli attuali amministratori della cosa pubblica, il disastro ecologico causato dai cumuli di rifiuti accatastati nelle vie cittadine da mesi e mesi e mai rimossi. Forse sarà stata pure questa la causa gravissima che ha tenuto lontano dalla Fiera napoletana del Libro editori e visitatori delle più fortunate regioni d’Italia dove ‘a munnezza per le strade non esiste. Per la Città del Sole è questo il periodo più buio, più oscuro, più disastrato dal dopoguerra ad oggi. Galassia, però, per buona parte, si è giovata della  felice scelta di sedi, come: l’Oltremare e la Stazione Marittima, impianti che ricordano l’architettura futuribile, ducesca, mussoliniana. La odierna Stazione Marittima, dove attraccano i transatlantici delle linee mediterranee e oceaniche, fu realizzata su concorso bandito nel 1933 ed a cui parteciparono architetti delle correnti tradizionalista e razionalista che auspicavano un’architettura moderna attenta alle “esigenze del momento”.  La disputa particolarmente vibrante fu dominata dagli accademici che la spuntarono sui loro rivali ed il progetto fu affidato all’ingegnere Cesare Bazzani. La Stazione si presentava così com’è ora: bella, svettante, razionale, funzionale, atta ad operazioni di sbarco e imbarco di merci e passeggeri. Tra il molo S. Vincenzo e il bacino del Littorio ad ovest; al centro specchiandosi tra il molo Luigi Razza nel bacino Principe di Piemonte; ad est tra il molo del Carmine, il bacino di carenaggio Principe di Piemonte, il molo Cesario Console, la darsena Diaz e il Pontile Vittorio Emanuele. Al di là del molo S. Vincenzo l’avanporto Regina Elena e le dighe Duca degli Abruzzi e Thaon de Revel. L’epopea dell’architettura fascista e successivi anni genera criteri di qualità, si fonda su valori tradizionali in stretta connessione con l’architettura romana, legando l’uomo al proprio territorio in un habitat più umano, ponendo il bello come modello di appartenenza alla civiltà mediterranea. Persino l’edilizia popolare è caratterizzata dagli stessi canoni estetici e da una meticolosa ricerca di qualità formali e funzionali. Nascono così i rioni Duca d’Aosta e Miraglia in Fuorigrotta; Vittorio Emanuele e Diaz a Poggioreale-Arenaccia; Luzzatti nella zona industriale; Duca di Genova in  piazza S. Luigi a Posillipo; Cotoniere Meridionali a Capodichino; Bagnoli- Agnano nei Campi Flegrei. Rioni dotati di ampi cortili e giardini, di adeguate strutture religiose, sanitarie, sportive, ricreative. L’impianto che celebra i fasti delle imprese di missionari, di esploratori, di conquistatori nelle terre oltremare è la Mostra della civiltà e del lavoro italiano nel mondo. Ai giorni nostri Galassia Gutemberg, ma anche il Nautic Sud, la Borsa Mediterranea del Turismo, Vitigno Italia, Exposudhotel, basano il loro successo sull’Oltremare. Nel settembre del 1963 la Mostra è l’efficiente centro dei IV Giochi del Mediterraneo. In quella all’origine Torre del Partito Nazionale Fascista, sono installate le postazioni  degli uffici stampa di tutti i Paesi che si affacciano sul Mare Nostrum. I giornalisti di Francia e Spagna esprimono il più alto gradimento per quella struttura accogliente, pratica, razionale. Giudizi entusiastici esprimono anche greci ed egiziani: L’Oltremare, il più prestigioso complesso espositivo d’Europa, veniva dichiarato aperto dal Duce il 9 maggio 1940. La Mostra si estendeva su una superficie totale di mq. 1.066.197 così ripartita: superficie interna mq.642.187; superficie esterna mq.424.010. Sull’area interna furono costituiti 36 padiglioni destinati alla esposizione dei prodotti, teatri, parchi, caffè, ristorante, fontane, impianti sportivi, aree attrezzare a verde. Sull’area esterna furono installati officine, autorimesse, spogliatoi e mensa per il personale dipendente dell’Ostello della Gioventù, detto anche Albergo delle masse. I grandiosi impianti comprendevano: il Teatro e il Palazzo dell’Arte, l’Arena Flegrea, la Fontana dell’Esedra, la Piscina Olimpica,  Ristorante e Bar, Caffè Arabo, l’Acquario Tropicale, le Serre Botaniche,  la Pista di Pattinaggio,il Parco Faunistico, la Stazione Trenini, il Palazzo degli Uffici,  la Stazione della Funivia  Mostra – Posillipo,  la Chiesa di S. Francesca S. Cabrini, il Teatro dei Piccoli. Un tale imponente complesso sarebbe rimasto certamente semiparalizzato in parte o quasi se fosse stato inaccessibile a parte della città. Ed allora ulteriormente intensificati risultarono le comunicazioni da e per il centro e con le zone periferiche dell’area ovest e di quella industriale ad est. Ecco perciò l’aumento delle corse della “Metropolitana”, il potenziamento dei servizi della “Cumana”, tram, autobus, funivia.  Ma la Triennale delle Terre Italiane d’Oltremare, inaugurata il 9 maggio del 1940, chiudeva i battenti dopo soltanto trenta giorni d’intensa attività conseguentemente all’entrata in guerra dell’Italia. Pur tra mille difficoltà e ostacoli d’ogni sorta, riapriva l’8 giugno 1952 col taglio del nastro effettuato dal Presidente della Repubblica Luigi Einaudi. Al vero e proprio rilancio della Mostra contribuì innanzi tutto l’apertura della Fiera della Casa avvenuta il 28 giugno 1958. Non meno importanti furono altri avvenimenti come quello della inaugurazione dell’Arena flegrea del luglio 1953 con la rappresentazione dell’Aida presenti ben diecimila spettatori e i Giochi del Mediterraneo del 1963. In queste occasioni di grande rilievo fu l’intervento della Radiotelevisione Italiana. Con la Fiera della Casa iniziavano dal Centro di Produzione RAI, sorto proprio all’interno dell’Ente Mostra su una superficie di mq. 10.417, i primi esperimenti di trasmissioni televisive in diretta. Il tentativo doveva saggiare, mettere alla prova le effettive, reali capacità di tecnici e maestranze, giornalisti, operatori in genere alla loro prima esperienza. Furono ideati i programmi “Ora di punta” - che doveva comprendere per tutto il periodo che durava la Fiera della Casa, dal 28 giugno al 14 luglio - un notiziario regionale, nonché spettacoli che si andavano svolgendo al Teatro Mediterraneo, all’Arena flegrea, alla Piscina Olimpica. La fontana della Mostra – costruita sul finire degli “anni trenta” sotto la direzione dell’ing. Tocchetti e del ceramista Giuseppe Macedonio – sia in occasione della Fiera della Casa che durante i Giochi del Mediterraneo e nel corso del Festival della Canzone Napoletana, fu il simbolo della Napoli che lavora e produce, della Napoli proiettata nel futuro. Galassia Gutemberg  può, con la caduta del duo Russo Iervolino - Bassolino, causa del degrado napoletano e, con il ritorno all’Oltremare, badando meno ai profitti e garantendo agli espositori più accessibile tariffe, recuperare il terreno perduto.

 
 
 
Vai alla Home Page del blog
 
 

PREMIO MASANIELLO 2009
Napoletani Protagonisti 
a Marina Salvadore

Motivazione: “Pregate Dio di trovarvi dove si vince, perché chi si trova dove si perde è imputato di infinite cose di cui è inculpabilissimo”… La storia nascosta, ignorata, adulterata, passata sotto silenzio. Quella storia, narrata con competenza, efficienza, la trovate su “La Voce di Megaride” di Marina Salvadore… Marina Salvadore: una voce contro, contro i deboli di pensiero, i mistificatori, i defecatori. Una voce contro l’assenza di valori, la decomposizione, la dissoluzione, la sudditanza, il servilismo. Una voce a favore della Napoli che vale.”…

 

PREMIO INARS CIOCIARIA 2006

immagine

A www.vocedimegaride.it è stato conferito il prestigioso riconoscimento INARS 2006:
a) per la Comunicazione in tema di meridionalismo, a Marina Salvadore;
b) per il documentario "Napoli Capitale" , a Mauro Caiano
immagine                                                   www.inarsciociaria.it 

 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

versione integrale

 

DEDICATO AGLI EMIGRANTI

 

NOMEN OMEN

E' dedicato agli amici del nostro foglio meridionalista questo video, tratto da QUARK - RAI 1, condotto da Piero ed Alberto Angela, che documenta le origini della Nostra Città ed il nome del nostro blog.

 

IL MEZZOGIORNO CHE DIFENDIAMO

immagine

vuoi effettuare un tour virtuale e di grande suggestione tra le numerose bellezze paesaggistiche, artistiche ed architettoniche di quel Mezzogiorno sempre più obliato dalle cronache del presente?
per le foto:
http://www.vocedimegaride.it/html/Articoli/Immagini.htm
per i video:
http://www.vocedimegaride.it/html/nostrivideo.htm

 

VISITA I NOSTRI SITI

 

I consigli di bellezza
di Afrodite

RITENZIONE IDRICA? - Nella pentola più grande di cui disponete, riempita d'acqua fredda, ponete due grosse cipolle spaccate in quattro ed un bel tralcio d'edera. Ponete sul fuoco e lasciate bollire per 20 minuti. Lasciate intiepidire e riversate l'acqua in un catino capiente per procedere - a piacere - ad un maniluvio o ad un pediluvio per circa 10 minuti. Chi è ipotesa provveda alla sera, prima di coricarsi, al "bagno"; chi soffre di ipertensione potrà trovare ulteriore beneficio nel sottoporsi alla cura, al mattino. E' un rimedio davvero efficace!


Il libro del mese: