Creato da diavoletto52 il 05/01/2009

anello d'argento

la vita...

 

auguriiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiiii

Post n°802 pubblicato il 10 Maggio 2014 da diavoletto52

Image and video hosting by TinyPic

Storia e origini del giorno della Festa della mammaLe origini

La festa della mamma non è una ricorrenza presente solo in Italia ma, in realtà, è diffusa in tutto il mondo.

Le sue origini sembrano essere legate alle antiche popolazioni politeiste che, nel periodo primaverile, celebravano le divinità femminili legate alla terra e alla sua ritrovata fertilità.
Nell’antica Grecia gli Elleni dedicavano alla loro genitrice un giorno dell’anno: la festa coincideva con le celebrazioni in onore della dea Rea, la madre di tutti gli Dei.
Gli antichi romani, invece, intitolavano una settimana intera la divinità Cibele, simbolo della Natura e di tutte le madri.

La festa in epoca moderna

In epoca moderna la festa della mamma è stata interpretata e festeggiata in modi diversi a seconda della regione o dello Stato di riferimento. Tutte le tradizioni però hanno messo e mettono tuttora al centro la mamma e il suo ruolo all’interno della famiglia.

REGNO UNITO

In Inghilterra le celebrazioni legate alla festa della mamma risalgono al XVII secolo. Originariamente il “Mother’s Day” non era inteso come un’occasione per festeggiare la propria madre con fiori o regali, ma assumeva un significato completamente diverso.
La festività, chiamata  "Mothering Sunday", coincideva con la quarta domenica di quaresima. In quell’occasione, tutti i bambini che vivevano lontano dalle loro famiglie, chi per imparare un mestiere  e chi perché costretto a fare il servo per guadagnarsi da vivere, potevano ritornare a casa per un giorno.

A poco a poco si è diffusa la tradizione di riunirsi a metà del periodo di quaresima per festeggiare la propria famiglia e soprattutto la mamma, considerata un elemento fondamentale dell’unione tra consanguinei. I ragazzi che facevano visita alle loro famiglie portavano alle mamme fiori o altro genere di regali.
La tradizione del "Mothering Sunday" sopravvive ancora oggi in Inghilterra, dove è più comunemente conosciuta come “Mother’s Day” (Festa della mamma).

STATI UNITI D’AMERICA

A differenza dell’Inghilterra, negli Stati Uniti il "Mothering Sunday" non ebbe successo, dal momento che la popolazione era restia alle tradizioni popolari. Per questo motivo la festa della mamma si diffuse negli Stati Uniti come una festività legata ai movimenti sociali che chiedevano il suffragio alle donne e predicavano la pace.
Nel maggio 1870, negli Stati Uniti, Julia Ward Howe, attivista pacifista e promotrice dell’abolizione della schiavitù, propose l'istituzione del Mother's Day: un’occasione in più per riflettere sull’inutilità della guerra a favore di una pace duratura.
Altro nome legato all’origine della festività è quello di Anna M. Jarvis, che si batté per l’istruzione di una festa in onore di tutte le vittime della Guerra Civile americana.  Dopo la morte della madre, alla quale era molto legata, Anna cominciò a inviare lettere a diversi ministri e membri del congresso, affinché venisse istituita una festa nazionale dedicata a tutte le mamme. L’obiettivo di Anna era quello di fare in modo che tutti celebrassero la loro madre, mentre questa era ancora in vita. Anna riuscì nel suo intento e nel maggio del 1908, a Grafton nel Massachusetts, venne celebrata la prima festa della mamma. L’anno seguente fu la volta di Filadelfia. La Jarvis scelse, come simbolo di questa nuova festa, il garofano: il fiore preferito dalla sua defunta madre.

Nel 1914 l’allora presidente degli Stati Uniti d’America Woodrow Wilson, per dimostrare profondo rispetto nei confronti di tutte le mamme, con una delibera del Congresso, istituì il “Mother's Day”. Non venne stabilita una data fissa sul calendario ma, per convenzione, si decise di celebrare tutte le mamme americane la seconda domenica di maggio.

ITALIA

In Italia la festa della mamma fu festeggiata per la prima volta nel 1957 da don Otello Migliosi, un sacerdote del borgo di Tordibetto ad Assisi. Successivamente la festa è entrata a far parte del nostro calendario e, come in molti altri Paesi, viene celebrata la seconda domenica di maggio.

RESTO DEL MONDO

Su esempio americano, quasi tutti i Paesi del mondo hanno fatto propria la festa della mamma con modalità e date diverse.


 
 
 

papaveri....

Post n°801 pubblicato il 22 Aprile 2014 da diavoletto52

Image and video hosting by TinyPic

 

In un tempo lontano accadde un giorno che il Sole, mentre camminava

 attraverso la volta celeste, cominciò a dolersi dicendo:

"Oh! Questi giorni d’estate sono così lunghi,

 e nemmeno una nuvoletta che mi faccia compagnia.
In questi giorni il tempo sembra, non passare mai !

Gli spiriti dell’aria che udirono le sue parole, non sapendo cosa fare,

 decisero di chiedere aiuto ai folletti dei boschi.
Questi si riunirono e discussero a lungo, perché era veramente difficile

trovare qualcosa di così bello e sempre nuovo,così da vincere la malinconia del sole.

Pensa e ripensa, discuti e ridiscuti, alla fine tutti si convinsero che non

c’era niente di più bello e vario dei fiori.
"Chiederemo alla terra di inventare un nuovo fiore", disse uno,

 ma il folletto più vecchio e saggio disse:

"Il fiore che doneremo al Sole, in segno di ringraziamento, dovrà essere

 un fiore speciale, un fiore nuovo e mai visto, dovrà nascere dai sogni di un bambino".
Fu dunque deciso. Tutti partirono alla ricerca di fiori, sognati, inventati,

o disegnati dai bambini di tutta la terra.

I giorni passarono e dopo un lungo cercare, si ritrovarono nel cuore del bosco.
Ognuno portava con sé le immagini bellissime dei fiori sognati dai bambini

che avevano incontrato nel loro peregrinare.

Erano fiori grandi e piccoli, umili e sfarzosi, fiori di carta o di seta, fiori di cristallo
o di semplici fili d’erba intrecciati, fiori d’oro o d’argento.

 Era veramente difficile scegliere il fiore più bello, tanto che i folletti

cominciarono a discutere e a litigare tra di loro.

Ma ecco, che la porta si aprì lentamente, cigolando, nel silenzio improvviso che

regna nel cuore della foresta: nessuno dei folletti si era accorto che il più

piccolo di loro non era ancora ritornato dal suo viaggio.
Lo videro entrare ancora affannato e stanco per il lungo cammino, e con sé,

 non aveva che una piccolissima scatola.

Tutti lo osservarono con curiosità, e pensando che tanta fatica lo aveva portato
a quella scatolina insignificante, scoppiarono in una fragorosa risata.
Ma il più vecchio e saggio, li zittì, chiedendo al piccolo Evelino,
di raccontare per primo la sua storia.

Ancora ansante e un poco intimorito, Evelino cominciò il suo racconto:
"Ho viaggiato nei sogni dei bambini, ed ogni volta credevo di aver

trovato il fiore più bello,  così lo raccoglievo e lo portavo con me.

Ma quando lo riponevo nel cesto con gli altri fiori, rimanevo stupito e

guardando il cesto rimanevo incantato e non sapevo più riconoscere il più bello.
Così continuai a cercare, e cercare ancora, e il mio cesto fu presto colmo.

Decisi allora di ritornare, quando un vento dispettoso venne e cominciò a soffiare
e soffiare sempre più forte, finché perduto il mio cammino, turbinando mi portò con sé.
Quando la bufera si placò, mi ritrovai nei pressi di una capanna, sperduta tra i monti.
Qui viveva un bambino molto povero; non aveva i soliti giocattoli
delle vetrine di città, ma era ricco di fantasia e ogni volta sapeva inventare o

creare nuovi giochi, usando sassi, fili d’erba e pezzi di legno.

Lo vidi correre e saltare nel suo piccolo regno, quand’ecco trovò fra l’erba del

 prato un foglio di carta leggera che il vento aveva lasciato cadere.

Lo raccolse, lo porto in casa e lo colorò con l’unico pastello che possedeva,
di un bel rosso vivo. Ritagliò i petali delicati e li cucì tra loro con un

sottile filo nero. Ne nacque un fiore così bello, come non ne avevo mai visto.
Lasciai in dono al bambino il cesto con tutti i fiori raccolti, e gli chiesi in cambio

 quel suo unico fiore.

 

Intanto che raccontava, il piccolo folletto aprì la piccola scatola,

e alla vista di quel fiore tanto intenso quanto delicato, tutti rimasero incantati.

 Allora il più vecchio disse:"Piccolo Evelino, hai scelto col cuore.

Il fiore che hai portato verrà dato alla Terra, perché lo custodisca,

 e possa farlo nascere.
Esso fiorirà nei campi di grano, e tra le spighe selvatiche sul ciglio dei fossi;
mischierà il suo colore a quello del sole, perché sempre si ricordi che nacque
per portare gioia e serenità."

 

Quando poi il sole vide il nuovo fiore rosseggiare tra le spighe dorate,

 commosso per il dono ricevuto,lo ricambiò donandogli la sua luce.

 E ancora oggi, nel tramonto delle sere d’estate, i papaveri,

come fiammelle accese, portano memoria di quel tempo che fu.

 
 
 

che belle preparazioni per pasqua

Post n°800 pubblicato il 15 Aprile 2014 da diavoletto52

Image and video hosting by TinyPic

 

Image and video hosting by TinyPic

io mangio uova....

 
 
 

la natura....

Post n°799 pubblicato il 03 Aprile 2014 da diavoletto52

Image and video hosting by TinyPic

Quattro elementi - con i quali siamo quotidianamente in contatto

"L’esistenza quotidiana è una serie di incontri ai quali non si presta sufficiente attenzione. Che cosa sono respirare, mangiare, bere, lavarsi, ricevere la luce e il calore del sole, se non incontri con i quattro elementi: la terra, l'acqua, l'aria e il fuoco? Tutta la nostra esistenza non solo è fatta di tali incontri, ma dipende da essi.
Ogni giorno noi entriamo in contatto con i quattro elementi: con la terra quando mangiamo, con l’acqua quando beviamo e ci laviamo, con l’aria quando respiriamo, con il fuoco quando lo accendiamo, ma anche quando riceviamo la luce e il calore del sole. I quattro elementi non sono unicamente quelle forze della natura che vediamo eccezionalmente manifestarsi quando si verificano fenomeni come i terremoti, le burrasche, le trombe d’aria o le eruzioni vulcaniche: essi fanno parte della nostra vita quotidiana, e quindi ogni giorno possiamo entrare coscientemente in relazione con essi. "


Omraam Mikhaël Aïvanhov

 
 
 

informazione....UTILE

Post n°798 pubblicato il 16 Marzo 2014 da diavoletto52

Image and video hosting by TinyPic

Ci si puo’ chiedere perche’ i gestori  di telefonia mobile non danno questa informazione agli utilizzatori !

quando comperate un cellulare nuovo proteggetevi…

come ? cosi’ !

sul vostro bel cellulare nuovo eseguite questa semplice operazione:

STELLA*

CANCELLETTO#

ZERO 0

SEI 6

CANCELLETTO#

Cosi facendo otterrete il numero di serie del vostro telefono portabile che compare immediatamente sul vostro schermo,

Questo codice e’ unico !!!!!!notatelo e conservatelo preziosamente,

Se vi rubano il telefono chiamate il vostro gestore e comunicategli il codice.

Il vostro telefono sara’ allora copletamente bloccato anche se cambiano la carta sim.

Non recupererete il vostro telefono forsa ma…il ladro non potra’ assolutamente servirsene

E voi non riceverete fatture astronomiche

 

 
 
 
Successivi »
 

Image and video hosting by TinyPic

 

 

 

Image and video hosting by TinyPic

Grazie Mary

 

creazione siti web 

 

Image and video hosting by TinyPic

Image and video hosting by TinyPic

iltelaiodipenelope.it^^

 

Image and video hosting by TinyPic

 E' con immensa gioia

che espongo questo

regalo...

grazie STEFY 

 

 

  getbox! Not seeing a widget? (More info)

 

StefyGrafica il 08/09/10 alle 19:02 via WEB

a me è capitato di vedere ciò che era bello brutto e viceversa.. a volte sono i nostri desideri o paure chiusi nel cuore che ci fanno vedere ciò che non è.. proprio come i sogni!! Ancora ti ringrazio per le dolcissime parole che hai saputo donarmi l'altra mattina.. non sai quanto bene mi ha fatto sentirle.. Sei una persona eccezionale e sono davvero felice di esserti amica.. Non dimenticherò mai quello che hai fatto per me.. e x come mi sei stata vicina in un momento così di sconforto.. Proprio vero.. gli angeli esistono, solo che troppo spesso li chiamiamo solo Amici! dolcissima serata Amica mia.. tvb!!

 

 

Visita il blog di  StefyGrafica

 

 

Image and video hosting by TinyPic

 

Image and video hosting by TinyPic

 

Image and video hosting by TinyPic

 

 

 

 

 

AREA PERSONALE

 

TAG

 
Citazioni nei Blog Amici: 72
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Dicembre 2014 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31        
 
 

ULTIME VISITE AL BLOG

LaNinfaMaiasabrinatelandroambradistellegpaologmanuma.mfran111laura1953defrancesco.danielacedro66diavoletto52panpanpigitana100bobby1nero2donnadaipassiperdutipasqualina2008