Creato da monellaccio19 il 12/10/2010
scampoli, ritagli, frizzi e...lazzi

La Virtual Global Taskforce (VGT POLIZIA DELLE COMUNICAZIONI) è composta dalle forze di polizia di tutto il mondo che collaborano tra loro per sconfiggere l'abuso di minori online. Il pulsante "Segnala un abuso" è un meccanismo efficace. Cliccate sul tasto in basso se siete a conoscenza di pericolo per un minore.

Il comportamento predatore sessuale comprende: Chi  produce e scarica immagini di bambini vittime di abusi sessuali. Chi avvicina un bambino per sesso on-line (ad esempio attività sessuali tramite testo o webcam) grooming -

Il predatore crea situazioni allo scopo di  formare un rapporto di fiducia in linea con il bambino, con l'intento di facilitare in seguito il contatto sessuale. Questo può avvenire in chat, instant messaging, siti di social networking ed e-mail.

Non tutte le persone che conosci on line sono sincere.
Aiutaci e rendere internet più sicura...Aiutaci a fermare la pedofilia.

Per favore, copia e incolla questo post
ed inseriscilo in un tuo box. Grazie di cuore._A®

 

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Novembre 2017 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30      
 
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 168
 

Ultime visite al Blog

erminiadepietrochissa.forse.boh1monellaccio19maresidog1b9egidio.aulicinovecchi.ma48lascrivanastatistico.siculofaustina.spagnolNoRiKo564roberto.biagi50Vengo.Tra.5.Minutianiellobuono67istitutomarchio
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
I messaggi sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
 

 

« FORZA ITALIA: IL PIATTO PIANGEVENEZIA E I TURISTI »

IL FUMO FA MALE ANCHE...ALL'ESTERO

Post n°2599 pubblicato il 09 Novembre 2017 da monellaccio19
 

Risultati immagini per vaticano roma


Ancora una storica decisione per un piccolo ma importante stato: la "Città del Vaticano" dal 2018, per espressa decisione di Papa Francesco, all'interno dei suoi  confini, non venderà più sigarette e tabacco in genere. Non è una decisione popolare, non  ha carattere polito e religioso, ma è solo una presa di posizione chiara e decisa, verso una delle cause di morte più ricorrenti al mondo. Così come tanti paesi e governi al mondo si stiano allineando su posizioni rigide alienando e vietando il fumo in tanti luoghi pubblici, così anche nel piccolo stato si procederà nella stessa maniera, ma con un argomentazione più diretta e coinvolgente. Sapete che il tabacco renda alla casse del Vaticano una buona entrata per i suoi "abitanti": infatti le sigarette non solo costano meno rispetto all'Italia, per accise e tasse, ma sono anche vendute con un prezzo ridotto del 20% in meno. Quindi tutti coloro che lavorano e sono impiegati nell'ambito della Santa Sede, se vorranno comprare dovranno "entrare" in Italia: "Papa Francesco vieta la vendita di sigarette nella Città del Vatican"La Santa Sede non può cooperare con un esercizio che danneggia chiaramente la salute delle persone. Secondo l'organizzazione mondiale della sanità, ogni anno il fumo è la causa di più di sette milioni di morti in tutto il mondo". Una decisione che ritengo giusta socialmente e in grado di dissuadere, almeno una buona parte,  i fumatori abituati all'acquisto di sigarette: non solo risparmieranno ma se vorrano continuare a fumare, sapranno che fuori i confini dello  Stato del Vaticano, pagherebbero molto di più il...vizio mortale". Parola di un fumatore di sigaro molto disciplinato: due mezzi toscani al dì.

 

 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
La URL per il Trackback di questo messaggio è:
http://gold.libero.it/monellaccio19/trackback.php?msg=13582809

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
 
Nessun Trackback
 
Commenti al Post:
aldogiorno
aldogiorno il 09/11/17 alle 17:30 via WEB
CIAO MONELLACCIO, COMPLIMENTI PER IL POST, UNA BUONA SERATA ED UN CARO SALUTO , ALDO.
(Rispondi)
 
 
monellaccio19
monellaccio19 il 09/11/17 alle 17:39 via WEB
Una buona serata a te Aldo. Grazie.
(Rispondi)
 
g1b9
g1b9 il 09/11/17 alle 17:52 via WEB
Ecco uno stato coerente. Vieta e rinuncia alla vendita, come ogni stato dovrebbe fare. In Italia invece, lo Stato incassa e molto, come dal gioco d'azzardo, salvo poi fare campagne dissuasive. Come per tutto, i nostri governanti pretendono la perfezione dai cittadini senza impegnarsi minimamente nel dare il bun esempio.
felice serata, Carlo, un sorriso:))
(Rispondi)
 
 
monellaccio19
monellaccio19 il 09/11/17 alle 18:04 via WEB
Sarebbe una bella scelta ma tu comprendi benissimo come sia impossibile oggi prendere tale decisione. Già v'è un errore di fondo per tutte quei balzelli che ci opprimono malignamente da una vita: guerre, alluvioni e terremoti di moltissimi anni fa: un obolo imposto nelle varie epoche a mai più abolito. Pochi soldi, ma che sommati fanno belle cifre. Noi paghiamo e ci siamo scordati di tutte queste piccole tassazioni. Se passassimo a togliere allo stato tutte queste piccole rapine, saremmo in una situazione fallimentare. Ma stai tranquilla, l'anno prossimo arriva Silvio e ci toglierà tutte questa assurde imposizioni. Buona sera Giovanna. Un abbraccio.
(Rispondi)
 
maraciccia
maraciccia il 09/11/17 alle 18:42 via WEB
Ciao Carlo, presenterò i tuoi saluti all'Elfo..^___^ , che mi sgrida sempre perchè fumo..uffi..non riesco a smettere nemmeno ora che sui pacchetti hanno messo quelle brutte foto dissuasive..
(Rispondi)
 
 
monellaccio19
monellaccio19 il 09/11/17 alle 19:17 via WEB
Non ti criticherò mai perché capisco cosa sia il vizio del fumo. Io ho smesso di fumare le sigarette agli inizi anni novanta. Avevo un po di tosse, non sopportavo il fumo e per alcuni giorni non fumai. Ebbene, quella pausa mi ha concesso la possibilità di ragionare sul fumo: fa male e su questo non si discute, per cui, mi dissi: continuerò a non fumare. Ebbene ci sono risucito per sei mesi, ma cominciai a sentire la voglia di "tirare". Allora pensai al sigaro: ovvero il sigaro come attrezzo per tirare e niente di più.Infatti prendendo due caffè al giorno, mattina alle dieci e pomeriggio alle 16, sono i momenti in cui mi concedo il mezzo sigaro. Intendiamoci, fa male lo stesso, ma mi salvo platonicamente con la scusa che tiro ma non aspiro. Tra l'altro aspirare un mezzo toscano, anche se aromatizzato alla grappa, sarebbe spararsi un colpo di pistola al petto! Va avanti così da allora, mi soddisfo con le tirate, non aspiro e limitò l'assunzione del fumo dalle vie respiratorie. Il danno c'è, non è come fumare 20 sigarette al giorno però. Questa è la mia esperienza: per quanto ti riguarda passa a fumare solo in certi momenti della giornata, solo in alcune circostane e occasioni. Mia moglie ha smesso da poco, ma fumava dalle tre alle quattro sigarette al giorno, di cui due erano sui due caffè quotidiani. Ora ha smesso del tutto. Gradualmente si può ottenere qualche risultato: provaci e mettici buona volontà. Visto mai che...???? Ti abbraccio e buona serata Mara. Salutami l'elfo e ricordagli che gli ho prestato cinquanta euro!!!! A quando il rientro? >AhAhAhAhAhAh!!!!!
(Rispondi)
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.