Creato da monellaccio19 il 12/10/2010
scampoli, ritagli, frizzi e...lazzi
 

La Virtual Global Taskforce (VGT POLIZIA DELLE COMUNICAZIONI) è composta dalle forze di polizia di tutto il mondo che collaborano tra loro per sconfiggere l'abuso di minori online. Il pulsante "Segnala un abuso" è un meccanismo efficace. Cliccate sul tasto in basso se siete a conoscenza di pericolo per un minore.

Il comportamento predatore sessuale comprende: Chi  produce e scarica immagini di bambini vittime di abusi sessuali. Chi avvicina un bambino per sesso on-line (ad esempio attività sessuali tramite testo o webcam) grooming -

Il predatore crea situazioni allo scopo di  formare un rapporto di fiducia in linea con il bambino, con l'intento di facilitare in seguito il contatto sessuale. Questo può avvenire in chat, instant messaging, siti di social networking ed e-mail.

Non tutte le persone che conosci on line sono sincere.
Aiutaci e rendere internet più sicura...Aiutaci a fermare la pedofilia.

Per favore, copia e incolla questo post
ed inseriscilo in un tuo box. Grazie di cuore._A®

 

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Luglio 2017 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31            
 
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 168
 

Ultime visite al Blog

lattanzi_silviaumbrella4raingiussaniservicelascrivanagrazia.pvhotelfooddrinkdivinacreatura59monellaccio19e.rubellicoba3mariateresa.savinodomenico.palombellautente76P311944pablito26
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
I messaggi sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
 

 

« A CIASCUNO IL SUO...SOCIALORGOGLIO E PASSIONE...DI... »

SI PESCA ANCORA NEL TORBIDO

Post n°2192 pubblicato il 21 Aprile 2017 da monellaccio19
 

Risultati immagini per raffaele cantone anticorruzione

 

La legge detta "Anticorruzione", in vigore da un anno circa, è un nuovo codice degli appalti teso a combattere la malavitosa contrattazione tra politici, burocrati e imprese per accaparrarsi appalti pubblici a botte di mazzette e regali. Purtroppo, ha subito un piccolo taglio, una modifica nella sua stesura: furtivamente e senza alcun risalto, senza passare dal Parlamento (almeno per ora), è sparito il comma 2 della art.211 che conferiva speciali poteri a Raffaele Cantone presidente della ANAC "Autorità Nazionale Anti Corruzione". Sappiamo il lavoro svolto dal Magistrato, i grossi risultati ottenuti, magari avrebbe potuto fare di più visti i traffici sottobanco  e corruttivi che ancora macchiano il nostro paese; tuttavia come tutte le leggi italiane ricche di virgole, parentesi, e frasi da interpretare, il nostro Cantone si è mosso con cautela e professionalità e aveva solo da continuare questo suo buon lavoro. Ebbene, il consiglio dei ministri, senza scomporsi più di tanto, ha provveduto a modificare questa legge e in particolare, ha manomesso il comma 2: è esattamente il comma che riguardava Cantone; ovvero, eliminando il comma è stato ridimensionato significativamente il compito e il raggio d'azione del presidente della "ANAC". Poiché è risoluzione del consiglio, qualcuno avrà pur firmato l'atto sul quale si sia discusso e poi accettato da tutto il consiglio...o no? Non si può sapere nome e cognome del/dei firmatari? Chi sta remando contro? A chi ha dato fastidio Cantone? Perché mettere mano ad una delle poche cose buone fatta in Italia? Sono domande sorte un po' dappertutto, se pensavano che non se accorgesse nessuno, si sono sbagliati. Hanno scavalcato il Parlamento e si dovrà dar conto, ora viene ridimensionato il lavoro di Cantone e si dovrà dare risposte esaurienti. I cittadini come molti politici, si sono già scatenati, vogliono capire perché si punti a delegittimare chi potrebbe fare qualcosa contro il dilagare notorio e compulsivo della nostra corruzione. Insomma un blitz vero e proprio che resta anonimo e speriamo per poco ancora: i nomi e i cognomi vogliamo e non come al solito per ogni cosa che accada in Italia: "Non sono stato io, è stato il signor Scaricabarile!".

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Commenta il Post:
* Tuo nome
Utente Libero? Effettua il Login
* Tua e-mail
La tua mail non verrà pubblicata
Tuo sito
Es. http://www.tuosito.it
 
* Testo
 
Sono consentiti i tag html: <a href="">, <b>, <i>, <p>, <br>
Il testo del messaggio non può superare i 30000 caratteri.
Ricorda che puoi inviare i commenti ai messaggi anche via SMS.
Invia al numero 3202023203 scrivendo prima del messaggio:
#numero_messaggio#nome_moblog

*campo obbligatorio

Copia qui: