Creato da monellaccio19 il 12/10/2010
scampoli, ritagli, frizzi e...lazzi
 

La Virtual Global Taskforce (VGT POLIZIA DELLE COMUNICAZIONI) è composta dalle forze di polizia di tutto il mondo che collaborano tra loro per sconfiggere l'abuso di minori online. Il pulsante "Segnala un abuso" è un meccanismo efficace. Cliccate sul tasto in basso se siete a conoscenza di pericolo per un minore.

Il comportamento predatore sessuale comprende: Chi  produce e scarica immagini di bambini vittime di abusi sessuali. Chi avvicina un bambino per sesso on-line (ad esempio attività sessuali tramite testo o webcam) grooming -

Il predatore crea situazioni allo scopo di  formare un rapporto di fiducia in linea con il bambino, con l'intento di facilitare in seguito il contatto sessuale. Questo può avvenire in chat, instant messaging, siti di social networking ed e-mail.

Non tutte le persone che conosci on line sono sincere.
Aiutaci e rendere internet più sicura...Aiutaci a fermare la pedofilia.

Per favore, copia e incolla questo post
ed inseriscilo in un tuo box. Grazie di cuore._A®

 

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Maggio 2017 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31        
 
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 168
 

Ultime visite al Blog

fra270gabbiano642014umanicnojacketrequiredtizio79ladydidi0f.boeriosantarcangelotermicamonellaccio19pierofiumanolatinogianfrancoNoRiKo564tonybascoLavanda4everLETERNOINNAMMORATO
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
I messaggi sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
 

Messaggi di Maggio 2017

UNO SU MILLE CE LA FA

Post n°2269 pubblicato il 31 Maggio 2017 da monellaccio19
 
Foto di monellaccio19

Risultati immagini per igor ricercato

 

Non si può definire, dopo oltre due mesi, che sia stata una missione riuscita. Igor il russo, è ancora libero e dato ancora più preoccupante, potrebbe essere lontano chissà dove. Le forze spiegate, un migliaio di uomini provenienti da reparti operativi diversi, pare che siano ancora nelle zone dove si riteneva che l'assassino fosse ancora nascosto. Molti sono invece convinti che il latitante sia già oltre il cerchio magico creato apposta per stringerlo e catturarlo. Un fatto è certo, è stato commesso un grave errore: abbiamo creato un mito, un modello di strategia e di militarismo esasperato, un soggetto capace di sfuggire in condizioni proibitive, per la zona particolare nel cui contesto è difficile muoversi ma facile nascondersi, e per il nutrito gruppo di cacciatori sguinzagliati con ogni mezzo per dargli la caccia.Troppi! Gli abitanti del luogo cominciano ad averne abbastanza e se prima ponevano cibo e qualche euro fuori dalla porta per evitare la sua pericolosa intrusione, oggi si è rotta le scatole e chiedono a gran voce di interrompere la caccia perché sono convinti che il russo sia molto lontano. L'altro grave errore commesso dalle forze dell'ordine è stato quello di fornire ai media, costanti e continue informazioni che servivano anche al latitante. Addirittura il capo del gruppo speciale dei carabinieri è apparso in tv, con tanto di faccia coperta dal classico passamontagna, per assicurare e garantire la cattura del ricercato. Un modo palese da evitare in questi casi, troppa esposizione mediatica non serve a chi deve lavorare in segretezza attivando tutti i sistemi, le trappole e le eventuali pressioni per agire. I risultati sono ad oggi molto evidenti e se veramente come sostengono, sono ancora in zona perché convinti della insistita presenza là nella palude, allora c'è da sperare che riescano. Il tempo non depone a favore delle forze dell'ordine. Non dovrebbe deporre nemmeno a favore di Igor, ma chi ci può assicurare che non abbia nessuno su cui contare? Bel film si potrebbe trarre su questa brutta storia. 

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

LAVORO IMPIEGO E...FESSERIE

Post n°2268 pubblicato il 31 Maggio 2017 da monellaccio19
 
Foto di monellaccio19

Risultati immagini per elisa d'ospina

 

E' come vivere una seconda giovinezza, si imparano tante cose nuove, ci si confronta con le nuove tendenze e si scoprono orizzonti impensabili. Il lavoro manca, sistemarsi in via definitiva diventa sempre più difficile e il precariato sta pian piano, diventando la normalità. E' difficile accettarlo in Italia, specialmente dove è ancora ben radicato il sospirato posto fisso, quindi la speranza resta sempre una sistemazione definitiva e per dirla come i gestori della telefonia: "Per sempre!". Invece, ci sono persone che avendo compreso come sia sempre difficile trovar un lavoro, hanno cominciato ad usare la testa e si sono inventato lavori imprevedibili, originali e spesso, indovinati. Si tenta, non si lascia nulla al caso e senza lagnarsi troppo con riflessioni troppo elaborate, si azzarda e si prova. Sono da ammirare coloro che si orientano in tal senso, e ricordano quelle scene tipiche da film americani, quando in una azienda, improvvisamente si licenzia qualcuno e costui/costei non batte ciglio, non corre dai sindacati, raccoglie la sua roba, piantina compresa, in una scatola di cartone, saluta i colleghi e va via. Americanate da film, ma il fondo di verità c'è ed è quello che "non batte ciglio" perché sa che un altro lavoro lo troverà sicuramente. Ecco, culture e società diverse tra noi e loro (gli americani) eppure molte cose stanno cambiando e sarà più fortunato chi riuscirà prima degli altri a capire da che parte spirerà il vento. Oggi pare che unire più mansioni sia un gioco da ragazzi: capita spesso che si espletino tre attività contemporaneamente: la signora su in alto è Elisa D'Ospina, nata nel 1983, altezza 1,84 peso 77 kg, seno 100, vita 80 e fianchi 108. Laureata in scienza della comunicazione specializzata in psicologia, dal 2007 è modella molto richiesta a livello internazionale: specialità curvy! Inoltre è blogger avviata, scrive libri ed è un volto RAI. Non si fa mancare nulla, avrebbe potuto impiegare meglio la sua laurea e la sua specializzazione, invece si è lanciata diversamente e i risultati...si vedono. In una intervista radiofonica, tuttavia, ha rilasciato alcune dichiarazioni un po' imbarazzanti: secondo lei la gente non ha compreso l'importanza del sesso (e fin qua potremmo anche essere d'accordo), dovrebbe imparare a fare più spesso l'amore per essere felice. Addirittura, ritenendo che vi sia troppa frustrazione in giro, la Elisa suggerisce di farlo più volte al giorno divertendosi. Facebook sta togliendo tempo all'amore. Ecco di tutta 'sta menata, l'unica cosa giusta è solo l'ultima frase: Facebook sta fregando tutti! Infine, consiglia di non farsi trombamici sul lavoro (troppo rischioso) e non insistere sempre sulle stesse persone. Questo termine già mi "innervisce", mo' si chiamano così gli amanti? Trombamico? Secondo me, uno o è amico o tromba!!!! Ma a parte ciò, 'sta tizia che vuol fare troppe cose tutte insieme, in che mondo vive? Scopare 2/3 volte al giorno per essere felici? Ma dove ha mai vissuto costei? Ma chi sono questa donne in grado di seguire questi suggerimenti? Mah, sono troppo vecchio per queste stronzate, eppure faccio il possibile per essere sempre "up to the date", ma....trombamico non si può proprio sentire. Tra l'altro, mi chiedevo: ma esistono le trombamiche? Oppure è solo abominevole razzismo?

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

ORA HO PAURA

Post n°2267 pubblicato il 30 Maggio 2017 da monellaccio19
 
Foto di monellaccio19

Vaccata

 

In molti si erano interrogati sulla frase di Totti detta al momento dell'abbandono: "Ora ho paura...". Tutti a pensare cosa avesse voluto dire, tutti preoccupati per il suo futuro. Svelato l'arcano, non aveva torto il Capitano: immaginava la vita da pensionato e le sue priorità: "A' France' per te, mal che vada, ci sarà sempre un cantiere aperto da sorvegliare!".

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

E QUANDO IL TIFO SI FA DURO....

Post n°2266 pubblicato il 30 Maggio 2017 da monellaccio19
 
Foto di monellaccio19

Risultati immagini per juventus vs real madrid

 

Premetto che non tifo per nessuna squadra, a parte la nazionale italiana, non seguo il calcio da quando non si cominciò a sospettare dei primi guazzabugli, delle prime scommesse e i vari accordi sottobanco. Da allora ho mollato e mi accontento della nazionale seguendo le partite, apprezzando il bel calcio e tifando con garbo e moderazione. Garbo e moderazione che non rilevo nelle tifoserie, negli scontri tra gruppi esagitati e molto partigiani. E' vero che il tifo vada sempre oltre la sportività, ma episodi di violenza, attacchi verbosi ed esagerati, non fanno parte dello sport. Lo sfotto' è ancora apprezzabile se fatto con ironia e sarcasmo, ma quando la lingua si fa tagliente, allora significa che il tifo e il veleno abbiano superato il livello di guardia. Quanto accaduto durante una trasmissione sportiva in onda su una radio locale di Bologna, ha dell'incredibile, uno svolgimento criminale e fuori da ogni logica: discutevano della partita Juve/Bologna di domenica scorsa su "Radio International" emittente di Bologna con un buon ascolto locale, e accettando in diretta le telefonate, i tifosi bolognesi manifestavano amareggiati e nervosi, la loro contrarietà. I conduttori, ovviamente, davano corda agli interventi e poiché la Juve sia una squadra poco simpatica agli avversari in genere, si spendevano offese dileggiando la squadra e alimentando i soliti e verbosi commenti  verso la società e i calciatori bianconeri. Tra i tanti che telefonavano, uno in particolare, era fuori di testa e tra i tanti improperi rivolti agli avversari, si è abbandonato ad un augurio inopportuno e poco sportivo: "...spero solo che l'aereo che porterà la squadra a Cardiff per la finalissima della Coppa dei Campioni, precipiti portando all'inferno tutta la compagine!". Beh non vorrei aggiungere altro, uno dei presenti in studio si è immediatamente dissociato dalla dichiarazione maldestra del tifoso, mentre l'altro conduttore, esaltato da cotanta foga, lo ha sollecitato più volte indicandolo come "un mitico avversario della Juve". Pertanto il malefico ha continuato  ad imperversare come un pazzo, nessuno lo ha fermato e la Radio è diventato un veicolo di odio e disprezzo. Questo è un dei tanti modi per fare audience, per fare proseliti, per sollecitare le masse al confronto non pacifico, irritante, violento e incivile. Se questo è il tifo, capirete benissimo perché abbia mollato il calcio, se questi sono gli sportivi leali e rispettosi, comprenderete che si rischia molto dichiararsi e farsi coinvolgere dallo sport più popolare in Italia. Non ci stiamo accorgendo che funziona così dappertutto, non c'è campo, settore, materia che non ci ponga l'uno contro l'altro armati: qualunque arma, compresa la lingua che come dicevano gli antichi, uccide più di una spada. Non sono juventino e non tengo per nessuna squadra, ma augurare una sciagura aerea come quella accaduta al grande Torino, non mi sembra da...umani!

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

TRA UNITA' D'ITALIA E...NORDEXIT?

Post n°2265 pubblicato il 30 Maggio 2017 da monellaccio19
 
Foto di monellaccio19

Risultati immagini per maroni e padania

 

Bei tempi quando i due andavano d'accordo ed entrambi puntavano nella stessa direzione del vecchio Bossi. In oltre vent'anni è accaduto di tutto: dalle lotte per l'indipendenza della Padania, alle frasi becere di Borghezio e di tutti coloro che vedevano con modesta lungimiranza il nord unito e indipendente. Da allora è scomparso il sogno della Padania, ha chiuso persino "Radio Padania" facendo passare tutto il personale alla Regione Lombardia, non si proclama più una miss Padania, il conio della moneta padana è rimasto nel cassetto, la Corte Padana è morta sul nascere, insomma, del favoloso e realizzabile progetto Padania, non v'è più traccia. Lo stesso Salvini, pian piano e grazie al suo acume politico, ha capito che non c'era più niente da fare e ha rivolto con coraggio bisogna ammetterlo, la sua attenzione ad un idea di grande respiro: la Lega fortemente presente in tutta quella Italia affamata di populismo e demagogia pronta a votarlo da Pantelleria al grande Nord. Lui procede, ha vinto in seno all'ultimo congresso e ha tutti i titoli per proporsi come il salvatore della Patria. E già, Patria per lui deve significare Italia e non Padania o Lombardia, oppure grande nord. Ebbene, mentre il buon Matteo si muove su tutto il territorio, il "dissidente" (sic) Maroni ha appena firmato il decreto per tenere il referendum affinché i lombardi e i veneti in contemporanea, scelgano se chiedere o meno l'autonomia dal governo centrale. Il 22 ottobre p.v. dalle ore 7 alle ore 23, i veneti e i lombardi voteranno elettronicamente per decidere sul loro destino: staccarsi dall'Italia economicamente e amministrativamente, oppure no? Una scelta importante che metterebbe in difficoltà tutti gli italiani: i vincitori e i perdenti. Parlavo di Patria, accennavo al senso di sentirsi figli di questo stato nel bene e nel male. Subire gli oltraggi e incazzarsi, subire le scelte buone e giuste e gioire. Avvertire la coscienza patriottica non è da tutti, sentirsi italiano non è facile, specie oggi con questi chiari di luna, eppure, l'alto senso dello stato, della nazione e della bandiera, non sono sentimenti, emozioni che si provino a comando: un italiano dovrebbe essere tale sempre e non potrebbe decidere oggi sì e domani no. Ma ci sta tutto: Salvini che a parte il nord unito riteneva tutti gli altri ladroni, oggi parla di Nord e Sud insieme nella lotta nazionalpopolare. Il carroccio è solo un simbolo dimenticato, e mentre lui si batte per me che sono del sud come per altri che sono del Nord, Maroni firma il decreto e dice: "Il coronamento di un sogno. Sono contento ed emozionato. È il coronamento di tante battaglie, oggi si realizza un sogno. Ora la parola passa al popolo". Il popolo è sovrano, ho molti amici su al nord e mi piacerebbe sapere quale sia il loro orientamento verso questa scelta. Insomma devo pensare al risotto lombardo veneto? Zafferano e formaggio asiago ben amalgamati per un grande piatto?".

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso