Creato da monellaccio19 il 12/10/2010
scampoli, ritagli, frizzi e...lazzi
 

La Virtual Global Taskforce (VGT POLIZIA DELLE COMUNICAZIONI) è composta dalle forze di polizia di tutto il mondo che collaborano tra loro per sconfiggere l'abuso di minori online. Il pulsante "Segnala un abuso" è un meccanismo efficace. Cliccate sul tasto in basso se siete a conoscenza di pericolo per un minore.

Il comportamento predatore sessuale comprende: Chi  produce e scarica immagini di bambini vittime di abusi sessuali. Chi avvicina un bambino per sesso on-line (ad esempio attività sessuali tramite testo o webcam) grooming -

Il predatore crea situazioni allo scopo di  formare un rapporto di fiducia in linea con il bambino, con l'intento di facilitare in seguito il contatto sessuale. Questo può avvenire in chat, instant messaging, siti di social networking ed e-mail.

Non tutte le persone che conosci on line sono sincere.
Aiutaci e rendere internet più sicura...Aiutaci a fermare la pedofilia.

Per favore, copia e incolla questo post
ed inseriscilo in un tuo box. Grazie di cuore._A®

 

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Luglio 2017 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31            
 
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 168
 

Ultime visite al Blog

lascrivanamonellaccio19bonodgl17studio.dipernaelleborriellomarco.visonediky5fabiomalboeleonora63_2maracicciarocco.spinelliERBRICCONCELLOmariella_loiaconostefanochiari666
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
I messaggi sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
 

Messaggi del 17/05/2017

CHISSA' COME CI SALUTERA'

Post n°2241 pubblicato il 17 Maggio 2017 da monellaccio19
 
Foto di monellaccio19

Risultati immagini per nina moric 2017

 

Sono poche le italiane che facciano uso di Instagram con moderazione e garbo, al contrario, sono tantissime quella che ci campano da mane a sera; tra queste si pongono all'attenzione Nike Rivelli figlia di Ornella Muti e Nina Moric ex di Fabrizio Corona. Entrambe soffrono di patologia cronica ed endemica e se la Moric bene o male, abbia stimoli e presupposti professionali, la Rivelli non si è mai capito perché lo faccia e molti si chiedono ancora che impegni di lavoro abbia. Non ho menzionato la Belen perché sappiamo tutti che lavoro svolga. La Moric è da anni che ci prova, tenta grandi salti per un ampio posto al sole ma nulla, se nessuno se la fila, poco ci manca. Dal turpiloquio alle pose audaci, è un continuo, non riesce ad andare d'accordo con nessuno e prima o poi ci litiga. Ora finalmente pare abbia trovato una collocazione: mancava solo un campo da testare ed era quello della politica. Ebbene si è scoperta fascista o di estrema destra e si subito messa...a disposizione. Insomma, non ci è bastata una Cicciolina alla Camera, rischiamo di trovarci una Nina. Per cui mi chiedereste: "Vabbè Carle' ma a noi keccefrega?". Un bel niente come a me, ma resta un peso, un costo e uno sputtanamento se facesse una legislatura! Tuttavia, la Moric condividendo totalmente la posizione di "CasaPound" si è avvicinata al gruppo, al movimento (non so come definirlo) e pare debba interessarsi della comunicazione: ahahahahahah, e certo come comunica lei sui social, nessuno mai. Inoltre, a prescindere che ritenga Ezra Pound uno scrittore inglese mentre era americano, la sue affermazioni sulla natura politica dei camerati non lasciano dubbi sulle sue errate convinzioni: "Non sono fascisti, non sono xenofobi e non sono razzisti". L'altra battuta classica in questi casi è: "Sono stata sempre di destra!". Vabbè, ho detto tutto, sappiate che il suo percorso è già segnato, manca solo che ci saluti con un bel "Eia eia eia, alalà", tenendo il braccio verso il basso e lungo il corpo per evitare il saluto romano.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

LA RETE MIETE VITTIME

Post n°2240 pubblicato il 17 Maggio 2017 da monellaccio19
 
Foto di monellaccio19

Risultati immagini per blue whale

 

La follia avanza e non ha limiti. Inventarsi giochi pericolosi ed esibirsi, è moda dilagante: pare che abbiano ripreso da qualche parte a sferrare un poderoso pugno per strada al primo passante che incontrino! Se non è follia questa, cosa altro ancora potremmo aspettarci? Ecco appunto, una domanda la mia che ha già una risposta pronta: 160 morti in Russia! Arrestato Philipp Budeikin studente universitario in psicologia. E' il creatore del nuovo gioco del millennio: condurre con arte e giusta istigazione mascherata da perfetta convinzione, al suicidio i giovani. "Dovete ringraziarmi..." ha tenuto a precisare il pazzoide: "...erano scarti biologici inutili alla società". Che dirvi? Un fuori di testa convinto della sua perfetta intuizione: obbligare (convincendoli) i giovani ad un percorso di schiavitù e autolesionismo della durata di 50 giorni! In rete adescava le vittime potenziali, lavorava sulla psiche e plagiandoli, li portava, l'ultimo dei cinquanta giorni, al suicidio che puntualmente avveniva in maniera assurda e violenta. Buttarsi da un grattacielo è la più pratica e indicata soluzione: le 160 vittime non sono casuali, ma frutto dell'intenso lavoro di Philipp in Russia, dove è stato arrestato e da dove il giovane non rinnega il suo gioco e la sua finalità: una sorta di olocausto mirato alla pulizia biologica, ovvero, alla scomparsa di inetti, deboli "scarti biologici" incapaci di poter reggere questa società. Pensate che riceve in carcere lettere d'amore dalle ragazzine che ha plagiato in rete e che non hanno ancora capito che sono salve per miracolo! Capite bene come la rete, pian piano, si rivolti contro i suoi stessi utenti, miete vittime incapaci di capire dove, come e quando il boia potrà farsi vivo. Ora si teme la divulgazione del gioco sul pianeta, basta una scintilla e mietere vittime sarà facile per chi voglia impadronirsi della vita di un giovane per strapazzarlo e indurlo al suicidio! A Livorno c'è stato un ragazzo deceduto lanciandosi da un alto palazzo, si sta indagando perché si sospetta che vi sia un collegamento.Viva le rete abbasso la rete!

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso