Creato da: luppo2 il 24/01/2006
"Dobbiamo fare attenzione a non indietreggiare sempre di più davanti alla paura di fondamentalisti violenti", Merkel .

Area personale

 

Tag

 

Archivio messaggi

 
 << Dicembre 2017 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

FACEBOOK

 
 

I miei Blog Amici

Citazioni nei Blog Amici: 6
 

Ultime visite al Blog

giovaniesereniAustriacantetaglia_sprechiunamamma1hopelove10ea.jooblealemichi1970provadanima_on_lineandrea.s79psicologiaforensecranfan84WinstonMontagcarmelafrluppo2
 

Ultimi commenti

Chi può scrivere sul blog

Solo i membri di questo Blog possono pubblicare messaggi e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

 

Coste del Qatar

Post n°882 pubblicato il 15 Settembre 2008 da luppo2
Foto di luppo2


Progetto Amphibious 1000, dall'Italia alle coste del Qatar: in una riserva marina protetta verranno realizzate suite galleggianti che si estenderanno dalla terra ferma verso il mare

Nasce da un progetto italiano del Giancarlo Zema Design Group un hotel di lusso semisommerso che sarà costruito in Qatar. Si chiamerà Amphibious 1000 e sarà la prima struttura alberghiera ecologica con viste sottomarine e suite galleggianti. La struttura sarà composta da due sezioni, una sulla terra ferma e una in mare, collegate tra loro tramite un ponte verde, con doppio camminamento per formare idealmente un prolungamento delle aree verdi fino alla fusione con l’acqua. Mentre sulla terra ferma troveranno collocazione edifici residenziali, uffici, una zona portuale e servizi, in acqua saranno ospitati 4 innovativi hotel con hall completamente sommerse a 10 metri di profondità per garantire spettacolari viste sottomarine. Le braccia dell’Amphibious in realtà ricorderanno lussuosi superyacht ancorati alla costa, trasparenti e dotati balconate e aperture con vista sul parco. Lungo il perimetro del corpo principale, una struttura completamente rivestita con pannelli in alluminio, troveranno spazio 75 luxury suites.

Per muoversi all’interno di questa struttura fantascientifica non potevano mancare dei trasporti d'eccezione: i Trilobis, ovvero eco-yacht in alluminio con motori a celle a combustibile di idrogeno che come piccoli animali acquatici, si muovono e vivono in completa armonia con la eco-filosofia dell'intero intervento. Inoltre ai pontili minori sono state ancorate 80 suite galleggianti, le "Jelly-fish", completamente autosufficienti e non inquinanti che permettono agli utenti di vivere sia sopra sia sotto la superficie marina. Capolavori di tecnologia, queste suite hanno una particolare struttura in alluminio che le rende riciclabili per ben l'80%. Inoltre, i pannelli fotovoltaici, posizionati sulla calotta di copertura, captano ed accumulano l’energia necessaria per la vita a bordo e le vetrate elettrocromiche, cambiano la loro opacità automaticamente o manualmente in base al grado di insolazione esterna all’abitazione. Innumerevoli sono i servizi offerti agli ospiti che potranno usufruire di un museo interattivo sulla vita del mare, di sale espositive con acquari lungo il perimetro e di un collegamento con l’osservatorio sottomarino per mezzo di un tunnel in acrilico trasparente. Immancabili le zone fitness, aree verdi ed un teatro con copertura mobile per affascinanti spettacoli all’aperto con il mare a fare da sfondo.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Amazonas

Post n°881 pubblicato il 12 Settembre 2008 da luppo2
Foto di luppo2

Diversas iniciativas demuestran que la conservación de los bosques puede ser más rentable que la tala.

El segundo modelo había sido patentado por Canopy Capitol, una asociación de ONGs creada en el 2007 con el objetivo de destinar capital para la investigación y conservación de bosques tropicales.

El objetivo del proyecto es poner en el mercado internacional los servicios del Amazonas (servicios del ecosistema) -como la biodiversidad, la moderación del clima y la producción de lluvia y oxígeno- permitiendo la inversión en sus recursos como si de un seguro de vida se tratase.

La viabilidad de este proyecto estaba asegurada.

En primer lugar, la ciencia ya había conseguido alertar al mundo de los beneficios que los ecosistemas del Amazonas prestaban a la humanidad.

¿Salvará el capitalismo el Amazonas?

El papel de Canopy Capitol es básicamente el de definir y medir con mayor precisión estos beneficios y ponerlos en el mercado.

Si se tenía en cuenta la creciente amenaza de la crisis ecológica global, era probable que en un futuro esta inversión generase miles de millones de dólares a las naciones inversoras.

Hylton Murray-Philipson, director general de la empresa lo describe del siguiente modo:

"Si en los años 50 hubieras aceptado pagar al municipio de Hammersmith (en Londres) £1 por el derecho a una plaza de aparcamiento durante 100 años, durante la primera década te llamarían loco. Pero piensa en la situación ahora. Estarías en una posición bastante favorable."

Hylton necesitaba atraer a 10 inversores para conseguir que el proyecto siguiera adelante y los consiguió con sólo doce llamadas de teléfono. Canopy Capito ya ha vendido los derechos de 370,000 hectáreas del bosque de Guayana. El 90% de la venta ha sido destinada a la conservación y el desarrollo sostenible de esta región y sus comunidades.

Muchas de las personas que conocí durante mi viaje me hicieron comprender que era absurdo que, mientras otros productos como la carne, la soja, y la madera estaban alcanzando precios récord, aún no se le hubiera puesto un precio a los servicios esenciales que prestaba la selva.

Por fin parecía posible conseguir que las mismas fuerzas responsables de la destrucción de la selva amazónica se interesaran por su conservación.

Ben Anderson - 11.9.2008 20:05
 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

NUOVA DELHI

Post n°880 pubblicato il 10 Gennaio 2008 da luppo2
Foto di luppo2

All'automobile più economica del mondo è stata riservata un'accoglienza degna di una popstar di fama mondiale.

Oltre mille persone tra giornalisti, vip e industriali oggi hanno affollato il lancio della "People's Car" di Tata Motors, attesa da tempo, con lo stesso entusiasmo riservato a un concerto pop o alla cerimonia degli Oscar.

Ad accompagnare l'uscita della Tata Nano, la colonna sonora di "2001: Odissea nello spazio" e i flash dei fotografi.

"Non ho mai visto così tante macchine fotografiche nei miei sei anni in Asia meridionale", ha commentato un giornalista.

Prima del lancio, i maggiori canali televisivi d'informazione hanno dedicato diversi minuti all'argomento mostrando le immagini del palco vuoto su cui l'auto - che costerà circa la metà della macchina al momento più economica - sarebbe stata lanciata.

"Una promessa è una promessa", ha detto il presidente Ratan Tata, annunciando che l'auto costerà 2.500 dollari come promesso cinque anni fa, nonostante l'aumento dei prezzi delle materie prime e le previsioni dei rivali, convinti che non avrebbe potuto mantenere quel prezzo.

Secondo i sostenitori, la "Nano" in India consentirà a milioni di persone di possedere finalmente un'auto, e sarà una vera innovazione per tutta l'industria automobilistica.

I detrattori ritengono invece che l'utilitaria low cost renderà ancora più congestionate le strade indiane, e contribuirà ad alimentare l'inquinamento.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Post N° 879

Post n°879 pubblicato il 18 Novembre 2007 da luppo2
Foto di luppo2

(ANSA) - ROMA, 18 NOV - In arrivo un 'braccio-robot' che si muove col pensiero eseguendo fedelmente gli ordini impartiti dal cervello umano. E' un braccio robotico che, posto per esempio sulla sedia a rotelle di un paziente con paralisi, viene comandato dalle onde cerebrali del paziente e guidato dal suo sguardo. Messa a punto da un team internazionale di ricercatori diretti da Florin Popescu presso Fraunhofer FIRST, 'Robot2brain', e' stato presentato a Dusseldorf in Germania.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 

Italia

Post n°878 pubblicato il 18 Novembre 2007 da luppo2
Foto di luppo2

Dopo la recita dell'Angelus, il Pontefice ha ricordato che oggi si riunisce l'assemblea dei paesi che hanno sottoscritto la convenzione "sul divieto di impiego, stoccaggio, produzione e trasferimento delle mine antiuomo e della loro distruzione".

Bendetto XVI ha espresso "augurio e incoraggiamento" alla Convenzione perché "siano completamente banditi" gli ordigni che fanno vittime soprattutto nel sud del mondo, "tra cui molti bambini".

Sono 155 i paesi che aderiscono alla Convenzione, entrata in vigore nel 1999, e che si sono impegnati a rimuovere le mine anti-uomo dai territori sotto il loro controllo entro 10 anni dalla loro formale adesione.

Non fanno parte invece della Convenzione Usa, Russia, Cina, India e Pakistan, che rivendicano la necessità di usare questo tipo di arma per difendere i propri confini.

Nel 2006 sono state 5.751 le persone colpite nel mondo dalle mine anti-uomo, con una riduzione del 16% rispetto al 2005.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
« Precedenti Successivi »