Un blog creato da iuzzella il 30/04/2007

'na votata

lasciati trasportare dal ritmo incessante del tamburo, vivi e rispetta la vita

 
 
 
 
 
 

VOCI DEL POPOLO CONTADINO...ASCOLTA

Zi' Giannino e Antonio Matrone (o' lione)..ascolta

tratto dal documentario "voci del popolo contadino" diretto da Salvatore Raiola

 
 
 
 
 
 
 

CANZONE PER IUZZELLA

Quando nasciste tu forma d'argento

nasciste a lu tiempo

de la luna nova

'ncielo sulo e stelle pe curona.

Luna cresciente tu da stu giardino

cuglivi a uno a uno

tutti li culure

de la primmavera chiena 'e sciure.

A li tre notte de la luna chiena

tu ce si venuta

pe fare l'ammore

pe vasà tre vote chistu core.

Luna calante tu te si addormuta

comme a na palomma

ca ce vò murire

novi amanti statemi a sentire.

 
 
 
 
 
 
 

LU RUSCIU DE LU MARE


Canto passionale gallipolino, narra di un amore impossibile, impedito, in un periodo in cui le differenze di classe erano molto vive, tanto che l'autore le paragona al conflitto tra turchi e spagnoli, storici invasori della nostra terra.

'Na sira ieu passai de le padule,

e 'ntisi le ranocchiule cantare

Comu cantane belle a una una

pariane lu rusciu de lu mare

Lu rusciu de lu mare e' mutu forte,

la fiija de lu re, se da alla morte

Iddha se da alla morte e ieu alla vita,

la fiija de lu re, sta se 'marita

Iddha sta ssè 'marita e ieu me 'nzuru,

la fiija de lu re, me da nu fiuru

Iddha me da nu fiuru e ieu na parma,

la fiija de lu re, se da alla Spagna

Iddha se da alla Spagna e ieu 'nTurchia,

la fiija de lu re, la 'zzita mia

E vola vola vola, palomba, vola,

e vola vola vola, palomba mia....

....ca' ieu lu core meu te l'aggiu ddare

E vola vola vola, palomba, vola,

e vola vola vola palomba mia....

....ca' iue lu core meu, te l' aggiu dare.

...ascoltala

 
 
 
 
 
 
 

CARATTERI E ORIGINI DELLA TAMMURRIATA

immagine

L'elemento musicale costante di quasi tutte le feste dell'area vesuviana è la cosiddetta 'tammurriata'. Questo termine in realtà, è entrato in uso solo a partire dagli anni '70, in seguito al lavoro svolto dal musicista Roberto De Simone; prima invece si parlava di "cantata e abballata 'ncopp 'o tammurro" (canto e ballo sul tamburo). Questo tipo di espressione musicale, tipicamente campana, è riscontrabile nell'area vesuviana (Giugliano, Somma Vesuviana, Pomigliano, Terzigno), in costiera amalfitana (Maiori) e nell'area dell'Agro Nocerino-Sarnese, in provincia di Salerno. Si tratta sicuramente di un linguavvio musicale antichissimo, che risale addirittura a migliaia di anni fa: al Museo Archeologico di Napoli è conservato infatti un mosaico, realizzato tra il secondo ed il primo secolo a.C., proveniente dalla Villa di Cicerone a Pompei, in cui sono raffigurati dei 'musici ambulanti' con in mano castagnette, tammorra e doppio flauto.
Un linguaggio, una forma che è un vero e proprio 'rito' musicale, che affonda le radici nel remoto passato delle feste familiari; oggi invece lo si incontra soprattutto nelle celebrazioni mariane e nei pellegrinaggi, con evidenti segni di 'osmosi' tra elementi sacri e profani.

 
 
 
 
 
 
 

IL BALLO

La tammurriata, ballo che si esegue necessariamente in coppia, prevede varie fasi: all’inizio i danzatori eseguono dei gesti con i quali si valuta il rapporto con lo spazio ed il rapporto tra i danzatori stessi, dopodiché uno dei due assume un ruolo aggressivo, ricacciato o assecondato dall’altro. Questo momento è seguito da quello sicuramente più frenetico della danza, cioè la cosiddetta 'votata' (o rotella): il tamburo batte in uno, il cantatore cadenza su una nota molto prolungata o aggiunge dei versi più brevi ed i danzatori girano su se stessi o tra di loro.
La gestualità somatica che si riscontra nella tammurriata è tutta ritualizzata, cioè qualsiasi gesto che si compie assume un significato simbolico che può essere compreso appieno solo dagli stessi membri di quella comunità di cui la tammurriata esprime l’identità culturale. La tammurriata è il ballo contadino per eccellenza: la maggior parte dei gesti coreutici eseguiti sono tratti dal lavoro quotidiano (come ad esempio la simulazione dell’atto del vangare, seminare, etc.) oppure si tratta di gesti di imitazione degli animali, soprattutto gallinacei (il cui significato antropologico è analogo a quello riscontrabile nelle feste della Madonna delle Galline di Pagani, paese del salernitano, e della Madonna Avvocata dei Monti Lattari).
Ma questi gesti così carichi di simboli che rimandano alla terra, alla primavera, alla vita contadina ed al raccolto, vanno interpretati anche secondo una chiave di lettura strettamente connessa alla morte ed al sesso.
Non bisogna dimenticare difatti che il ballo sul tamburo è principalmente un ballo di corteggiamento, quindi le varie posizioni assunte dal corpo, in particolar modo delle mani, delle braccia e delle gambe, esprimono chiaramente diniego o consenso nei confronti dell’altro.
Tutto questo avviene all’interno di quello che gli stessi danzatori definiscono 'cerchio magico': un cerchio tracciato dalle varie coppie di danzatori con i loro movimenti (all’interno del quale poi ogni singola coppia traccia il suo proprio cerchio), dai suonatori e dagli 'spettatori', i quali tutt’intorno formano una barriera. Si delimita in questo modo lo spazio in cui agire, con chiara volontà di possesso dello stesso, dell’altro danzatore o di cacciata di quest'ultimo dall'area territoriale.
 
 
 
 
 
 
 

KALI NITTA

canto pugliese in dialetto grecanico

Tien glicea tusi nitta ti en òria
cìevò plonno pensèonta 'ss'esena
C'ettù mpì 's ti ffenèstra ssu agàpi mu
tis kardia mmu su nifto ti ppena.

Larilò larilò lallerò, larilò larilò
llà llà......

Evò panta ss'esena penseo
jati 'sella, fsichi mmu 'gapò
ce pu pao, pu simo, pu steo
sti kkardìa panta sella vastò
Larilò larilò lallerò, larilò larilò

Larilò larilò lallerò, larilò larilò
llà llà......

Kali nitta se finno ce pao
plaia 'su ti vo pirda prikò
ma pu pao, pu simo pu steo
sti kkardia panta sella vastò.

Larilò larilò lallerò, larilò larilò
llà llà......

Tien glìcea tusi nìtta, ti en òria
C' evò e' plonno pensèonta 'ss'esèna,
C'ettu-mpì 's ti' ffenèstra-ssu, agàpi-mu,
Sii kardia-mu su nìfto ti ppena.
Evò panta ss'èsena penseo
jatì' sella, fsichi-mmu 'gapò
Ce pu pao, pu sìrno, pu steo,
sii kkardia panta sella vastò.

Larilò larilò lallerò, larilò larilò
llà llà......

C'isu mai de m'agapise, oriamo
e su ponise mai pu se mena;
mai citt' orria chili su en onitse
na mu pi loja agapi vloimena
T a'steracia, pu panu, me vlepune
Ca mo fèngo frifizzun nomena,
Ce jelù ce mu leone: sto n anemo
ta traudia pelisi, i chamena.

Larilò larilò lallerò, larilò larilò
llà llà......

Kalì nitta se finno ce pao
plaia 'su ti vo pirta prikò
ma pu pao, pu risno pu steo
sti kkardìa panta seno vastò.

traduzione

Buona notte

Com'è dolce questa notte, com'è bella
e io non dormo pensando a te
e qui sotto la tua finestra, amore mio
del mio cuore ti apro la pena.

Larilò larilò lallerò, larilò larilò
llà llà......

lo sempre a te penso,
perchè te, anima mia, amo,
dove io vada, o fugga, o stia
te sempre porto nel mio cuore.

Larilò larilò lallerò, larilò larilò
llà llà......

E tu mai mi hai amato, mia bella,
non hai mai avuto sofferenza da me
non hai mai aperto queste tue belle labbra
per dirmi parole benedette d'amore.

Le stelline dall'alto mi guardano
e di nascosto parlano con la luna
sorridono e mi dicono: "al vento
le canzoni fatte sono perdute"

 
 
 
 
 
 
 

 

 

Sale

Post n°31 pubblicato il 17 Febbraio 2008 da iuzzella

Sale, vulia mangiare na cent'anni sale
pe 'na donna ca' me disse su dissapitu

        

...tra amici in una sala affollata
uno scialle rubato
i sensi rapiti dal suono
il corpo guidato dal ritmo

...il tuo...

don pizzica

ci hai lasciato?
sarai con noi
...sempre...
nella pelle vibrante di ogni tamburello
nei cembali scossi dalla tua pizzica

ciao Pino

       

 
 
 

Montemarano è un popolo!

Post n°30 pubblicato il 12 Febbraio 2008 da iuzzella

Dicono che i Montemaranesi sono chiusi,

   ma nella loro mascherata siamo stati accolti
   e ci hanno circondato nel loro calore

Dicono che i Montemaranesi sono chiusi,

   ma ci hanno insegnato le parole da cantare per poter festeggiare con loro
   e in questa belle euforia le abbiamo urlate

Dicono che i Montemaranesi sono chiusi,

   e un volto ridente si gira piacevolmente sorpreso e mi abbraccia dopo avermi
   sentito dire con accento improprio bellibè!

Dicono che i Montemaranesi sono chiusi,

   eppure una simpatica caprabball ha adottato il nostro sconclusionato cerchio
   e ci ha guidato

Dicono che i Montemaranesi sono chiusi,

   intanto andiamo a casa loro e in disparte, in un paese che ci accoglie ci isoliamo
   e facciamo cerchio a ballare la tammurriata.


   confesso, una io l'ho ballata ma quando sul finire della festa sono stati loro ad
   averla suonata.

                               

 
 
 

Santu Paulu miu de le tarante pizzica le caruse a mienzu l’anche!

Post n°29 pubblicato il 19 Gennaio 2008 da iuzzella

chi è stato in salento non può che esserne rimasto affascinato.
c'è un mito in salento di cui chi più chi meno, abbiamo sentito parlare.

il mito della taranta.

che certo non è il festival di Melpignano.
di cui un concertone ruba il nome ad un rito antico di secoli.
Ma è qualcosa che accade lontano nel tempo,
lontano,
nei campi di una terra arsa dal sole.
Un morso e il veleno inizia a circolare,

il morso della tarantola.

lassatila ballà che è tatantata....

ma non è un ballo...
movimenti sconnessi al 
ritmo incessante del tamburo fino a perdere i sensi,
fino a cadere a terra sfinite
o fino a morire.

depressione di donne frustrate,
imprigionate in una vita che non concede loro nulla
in un caldo sud dove il marito talvolta è il padrone...
suggestione?
o forse
 follia collettiva

indemoniate...forse

dal 1300 ancor oggi se ne parla
gli antopologi studiano
le vecchiette vestite di nero sedute sull'uscio della loro casa....raccontano

il 29 giugno

Santu Paulu meu de Galatina
famme 'na grazia a mia,
famme 'na grazia a mia,
famme 'na grazia a mia stammatina...

la processione di tarantate giungeva a Galatina da ogni parte del salento,
per chiedere grazia...
per trovare pace.

nei due video riportati, un documentatio sul mito della taranta.
la voce narrante è di Salvatore Quasimodo.



 
 
 

Quanno nascette Ninno

Post n°28 pubblicato il 24 Dicembre 2007 da iuzzella

Certe volte non saprei che dire e per non dire stupidate taccio.

Altre volte vorrei tanto poter trovare un attimo per fermare con l’inchiostro i miei pensieri.

Sparisco…per non esser banale

Sparisco perché non riesco nemmeno a respirare

O semplicemente, perché ho solo voglia di ballare!

Beh, fatto l’esame…

sparisco per la vacanze di Natale!

Non senza lasciarvi i miei auguri e siccome sono così intonata che neanche la

campana mi fanno fare

Lascio che si a Mina a cantare.

Dalla "cantata dei pastori" la versione originale di "tu scendi dalle stelle" ovvero

"Quanno nascette Ninno" scritta nel 1698 da Andrea Perrucci

buone feste a tutti!

 
 
 

'A Nuvenia

Post n°27 pubblicato il 21 Novembre 2007 da iuzzella

Pare la saggezza di Zarathustra: in forma di “ cunto de li cunti (G.B. Basile) vi trovi al sapienza dei secoli, in nove punti (nuvenia) che sono nove antenne di trasmissione cognitiva e vocazione musicale per un messaggio incisivo e potente. Cantica popularia

Il messaggio di questa favola, lascio che siate voi a trovarlo..

                                  

                                  

Una è la nuvenia ca te voglio cuntà,
damm'audienza, stamme a sentì
quann'è doppo te la puoi scordare.
Una è la nuvenia ca te voglio cuntà
 
Ddoje ce steva n'ommo

ca teneva ddoie cape,
chesta storia accummencia accussì.

 

Ddoje ce steva n'ommo

ca teneva ddoie cape,

Una è la nuvenia ca te voglio cuntà

Tre so' li bellezze de la figlia d'o rre:
l'uocchie, 'o core e lu bellu parlà;
l'ommo cu ddoje cape se la vuole spusare.

Tre so'li bellezze de la figlia d'o rre.

Ddoje ce steva n'ommo

ca teneva ddoie cape,

Una è la nuvenia ca te voglio cuntà

Quatto figli mascule

 dduje janche e dduje nire,
'a furtuna vulette accussì

Quatto figli mascule

dduje janche e dduje nire

Tre so'li bellezze de la figlia d'o rre.

Ddoje ce steva n'ommo

ca teneva ddoie cape,

Una è la nuvenia ca te voglio cuntà

Cinche li cummare ca ricettero: "allero!,
che te piace cchiù 'o janco o cchiù 'o niro"?

Lu paese s’arrevotaje


Cinche li cummare ca ricettero "allero!"

Quatto figli mascule

dduje janche e dduje nire

Tre so'li bellezze de la figlia d'o rre.

Ddoje ce steva n'ommo

ca teneva ddoie cape,

Una è la nuvenia ca te voglio cuntà
 
Ma sei so' li ghiastemme

Che a reggina menaje
pecchè 'e figli nun erano eguali.

 

Ma sei so' li ghiastemme

Che a reggina menaje

Cinche li cummare ca ricettero "allero!"

Quatto figli mascule

dduje janche e dduje nire

Tre so'li bellezze de la figlia d'o rre.

Ddoje ce steva n'ommo

ca teneva ddoje cape,

Una è la nuvenia ca te voglio cuntà


Sette so' venute sette cavalieri,
che a reggina  mannaje a chiammà
pe' tagliare lli ddoje cape nere.

 

Sette so' venute sette cavalieri

Ma sei so' li ghiastemme

Che a reggina menaje

Cinche li cummare ca ricettero "allero!"

Quatto figli mascule

dduje janche e dduje nire

Tre so'li bellezze de la figlia d'o rre.

Ddoje ce steva n'ommo

ca teneva ddoie cape,

Una è la nuvenia ca te voglio cuntà

 

Otto li manelle de le quattro criature:
"tutte 'nsieme vulevano stà,
tutte 'nsieme janche e nire".

 

Otto li manelle de le quattro creature

Sette so' venute sette cavalieri

Ma sei so' li ghiastemme

Che a reggina menaje

Cinche li cummare ca ricettero "allero!"

Quatto figli mascule

dduje janche e dduje nire

Tre so'li bellezze de la figlia d'o rre.

Ddoje ce steva n'ommo

ca teneva ddoie cape,

Una è la nuvenia ca te voglio cuntà



Nove e accussì fernesce chesta storia,
'nu cavaliere n'avette pietà
e se purtaje a nu paese luntano,
addò campano alleri e felici.


'Stu paese comme se chiamma
chesta storia nun te lo dice.
addivina, addivinella
'stu paese quant'è bello,


si lu sai nun l’he dicere a nisciuno,
pecchè ognuno se l'adda truvà,
si lu sai 'mparatello a memoria.


Nove e accussì fernesce chesta storia.

Otto li manelle de le quattro creature

Sette so' venute sette cavalieri

Ma sei so' li ghiastemme

Che a reggina menaje

Cinche li cummare ca ricettero "allero!"

Quatto figli mascule

dduje janche e dduje nire

Tre so'li bellezze de la figlia d'o rre.

Ddoje ce steva n'ommo

ca teneva ddoie cape,

Una è la nuvenia ca te voglio cuntà





Una è la novena che ti voglio raccontare,
dammi udienza, stammi a sentire
dopo te la puoi dimenticare.

 Due ci stava un uomo che teneva due teste,
questa storia comincia così.
Due ci stava un uomo che teneva due teste.

 Tre sono le bellezze della figlia del re:
gli occhi, il cuore e il bel parlare,
l'uomo con due teste se la vuole sposare...
 
Quattro figli maschi: due bianchi e due neri,
la fortuna volle così...
 
Cinque le comari che dissero: "allegra!
Chi ti piace più il bianco o più il nero?"

Il paese si rivoltò
 
Sei sono le bestemmie che la regina scagliò,
perché i figli non erano uguali.
 
Sette sono venuti sette cavalieri,
che la regina aveva mandato a chiamare
per tagliare le teste nere.
 
Otto le manine dei quattro bambini:
"tutti insieme vogliono vivere.
Insieme bianchi e neri".
 
Nove e così finisce questa storia,
il cavaliere ne ebbe pietà
e li portò in un paese lontano
dove vivono allegri e felici.
Questo paese come si chiama,
questa favola non ce lo dice.
E indovina, indovinello questo paese quant'è bello,
se lo conosci non dirlo a nessuno,
perché ognuno lo deve trovare.
Se lo trovi imparalo a memoria.
Nove e così finisce questa storia.

 
 
 

...aspettando il grano d'estate

Post n°26 pubblicato il 14 Novembre 2007 da iuzzella

ti penso
sei un ritmo incessante

                                      

 ....don pizzica...

balla con me...

...il tuo modo di guardare quando ti accorgi che sei osservata...mi piace mi hai sussurrato.

Il passo è lento nel giro in tondo.

Sciolgo lo scialle che mi cinge la vita.
Lo alzo al sole, lo mostro al tuo sorriso.

il sole gioca infilandosi nei suoi ricami.

Segui il mio sguardo, lo nascondo dietro lo scialle che ti tendo, ti mostro.

poi scappo, ma tu...sei li...ad un respiro da me.

giro su me stessa.

ritmo frenetico del tamburello..il ritmo del gioco.

Ti sfiora ma non te lo lascio afferrare, scivola nel tuo palmo, lo tiro a me.
Il tuo pugno chiuso...è vuoto.

Non cedo lo scialle, non cedo me.

Sorridi e lo sai  che tu quello scialle ce l'hai...

....è fatto di petali di gerbera..li conseva Pictor tra le sue trasformazioni, lui che sorride al suo ramo.

e mi accorgo che ti adoro, ti odio ma con te..mai!

Ma nel freddo inverno che talvolta mi serbi
sto male...te ne accorgerai mai?

Ma nella terra brulla
.....dormono i semi del grano

 
 
 

'e Zii

Post n°25 pubblicato il 08 Novembre 2007 da iuzzella

Noi per rispeto li chiamiamo 'e zi' (zii), sono gil anziani, sono la tradizione.

 
Tradizione trasmessa oralmente.
Tradizione trasmessa cordialmente, in un mondo dove tutti cercano di carpire ciò che gli altri sanno, loro sono felici di dare.


Semplicemente, perchè semplice e ricca è questa tradizione. tra un bicchiere di vino, una chiacchiera e una suonata...il tempo vola.
E non importa se ti conoscono da una vita o se per la prima volta ti vedono. Ti accolgono con un sorriso sincero..sempre!!


Condividono la loro vita con te, affinche il passato che scorre nelle loro vene non muoia.


Un passato che sui libri non trovi.
Un passato che però un po' ci appartiene, che ci fa essere quello che siamo, che ci fa riscoprire la semplicità delle cose, la semplicità del sentire, la semplicità di questo vivere.


Troppo ci siamo allontanati dalla nostra terra, e non la capiamo, la sfruttiamo, la maltrattiamo.

Loro ci insegnano quanta vita c'è in un pugno di terra stretto nella mano.


E' questa la magia del cerchio, non è il ballo, non è il suono.
Il cerchio ti accoglie, rispettalo, rispetta la terra, la nostra Madre.


Capirai che dono immenso è la vita, la tua e quella di chi ti circonda.

 
 
 

...Adesso tacete...

Post n°24 pubblicato il 06 Novembre 2007 da iuzzella

se n'è andato un Grande Uomo

se n'è andato un Partigiano

se n'è andato serenamente perchè Lui ha la coscienza pulita.

fedele alle sue idee, fedele al suo lavoro.

Non ha accettato compromessi Lui.

Ha fatto un uso "criminoso" della TV...dissero...editto bulgaro per tappargli la bocca.

avremmo dovuto URLARE lo SDEGNO!

adesso tacete...

io sono in silenzio.

 
 
 

 FLOBERT

Post n°23 pubblicato il 29 Ottobre 2007 da iuzzella

qui da Napoli vi parla Luigi Necco:

11 morti e un disperso: un operaio che manca tutt'ora ll'appello, questo il pesante bilancio dello scoppio avvenuto ieri sera a Sant'Anastasia, un comune alle spalle del Vesuvio. i feriti sono 16, due hanno riportato gravi ustioni, 5 sono donne. Il ministro dell'interno ha aperto un'inchiesta ma sembra già accertato che nella fabbrica si procedesse a lavorazioni non autorizzate di esplosivi per micidiali armi giocattolo. Al momento del primo scoppio le 13:25 di ieri nella fabbrica si trovavano 60 persone, in maggioranza donne. Nella baracca vicino alle 200.000 cartucce già preparate si trovavano 13 operai scaraventati dall'esplosione fino a 100 metri dal luogo dove lavoravano 11 sono i morti, uno è ferito, uno è disperso. stamattina si stanno cercando sue notizie, sue tracce sotto le macerie polverizzate, fin ora è stato possibile identificare solo 5 delle 11 vittime, 10 dei morti erano stati assunti appena due settimane fa. Non erano più contadini, non erano ancora operai, per sfuggire alla disoccupadione e alla fame avevano accettato un compromesso con la morte, lavorando in uno stabilimento che, nonostante leggi e regolamenti si è dimostrato sicuro al pari delle baracchette dove si producono fuochi d'artificio. a voi Roma

per saperne di più

così si apriva il telegiornale del 12/4/1975...e fino ad oggi cos'è cambiato?

TAMMURRIATA PE' CHI NUN SENTE

 E' unnece d'aprile che jurnata
fuje proprio una jurnata sfortunata
Nu paese sano e senza sciato
Fernette da' cantà, sta tammurriata.

Na botta grossa e dopp' na lampata
Facerrero tremmà tutta a contrada
E quando se capette che era stato
Scennette dint'o core la nuttata.

Madonna mia a fabbrica è scuppiata
Currimme, jamm' a vvedè chi s'è salvato
Ma a scena ca truvaime fije tremenda
E pe durece guagliun',
da fa nun ce fuje niente.

I funerali fujene fatt' e' Stato
Venettero ministri e deputati
Gente e Dio venettero, e' surdati
Tutti p'accumpagnà sti disgraziati.

Chi prumetteva aiuto e chi soccorso
Pe fa cagnà nu poco a vita nostra
Ma ropp'poco tiemp' sti parole grosse
erano chiù morte e' chisti muorte nuost'.

Tantu tiemp' ancora mo è passato
E quasi niente oggi s'è cagnato
Crerimmo ancora e' chiacchiere e prumesse
E' chesta gente ca ce fa sempre fessi.

                                            Franco Maione

Michele Maione ha musicato le parole del papà.
Franco e Michele Maione sono di Sant'Anastasia
TAMMURRIATA PE' CHI NUN SENTE è il suo primo cd.
e io spero sia il primo di una lunga serie.
Con il suo gruppo i DISCANTO ENSEMBLE hanno lavorato tanto per questo progetto.
Picciri' non te lo dico troppo..altrimenti ti atteggi..ma..sei bravo assaje!
in bocca al lupo!

 
 
 

il terzo tempo

Post n°22 pubblicato il 19 Ottobre 2007 da iuzzella

“dai andiamo a ballare!” Mi dice Lui dirigendosi verso il cerchio.

 Non vedo nulla ma il suono è inconfondibile, è l’avvocata “tu la sai ballare?”. “No” Fa lui, “però se mi dici cosa devo fare…”

                         

A Materdomini si aspetta ballando l’alba per festeggiare la festa dell'Assunzione in cielo della Madonna, e mentre tutte le persone normali se ne stanno sulle spiagge a farsi gavettoni il popolo delle tammurriate balla sul sagrato della chiesa a Nocera.

Forse non è la più bella ma è stata la mia prima festa il 14 agosto del 2005...la scena si ripete…i ruoli si invertono..Aldo mi chiede “vuoi ballare? Però è un’avvocata, la sai fare?” lo guardo stranita.. “

..ora ti spiego” gli dico , “è una lotta ti studio ti osservo, poi attacco, tu fuggi o al contrario, sei tu ad attaccare”...una voce, tamburi, null’altro è ammesso a scandire i tempi di questa lotta, del ballo dell’avvocata

Mi segue mi scruta e mai si fa acchiappare...scivola via sotto al naso ti giri è li che già ti attacca…la votata nel cerchio da soli...gli altri a guardare…faccia a faccia io e te ma lui subentra e tu cedi il passo…mi ruba e tu mi lasci andare. E’ alto possente impettito…mi guarda, mi osserva. Perdonami se poi te lo dico ma con lui è un altro mondo, pacato serio, non ha il gioco negli occhi, la sfida è reale, si muove poco…poi attacca, assale non c’è tregua neanche quando è fermo, solo per come ti guarda sai che è nel suo sangue e dio lo so, mi sono incantata su all’avvocata a vederlo ballare. Potevate esser nudi…mi dice Davide…nessuno se ne sarebbe accorto…era un incanto vedervi ballare. Non l’ho più incontrato da allora quell’uomo che m’ha un po’ rapito...un po’ sei contento Stellina…ammettilo dai!

La nostra prima avvocata, dalla paranza di Maiori siamo stati battezzati! meglio di così non potevamo sperare. Ed ora ogni volta, quando la sentiamo non so chi dei due prende l’altro per mano e corre nel cerchio a ballare… E quando ti guardo, ti sfuggo ho un po’ di paura...che di li a poco mi ritroverò a terra perché non ti ho saputo evitare…però più ti guardo e più penso che tra tutte questa è per te la più congeniale…schivi, placchi, è il tuo campo di gioco, è una lotta leale.

Finita la musica, la lotta è li nel cerchio che rimane...ti ricorda qualcosa? mi abbracci…mi sollevi ad un metro da terra...due birre e..cin cin…c’è un terzo tempo da giocare!

 
 
 

message...

Post n°21 pubblicato il 10 Ottobre 2007 da iuzzella

Piove, scendiamo dall’aereo e piove a dirotto...e ovviamente non ho l’ombrello...che jella! …40 minuti in autobus altrettanti ad aspettare mio fratello sotto la pioggia...mai stato puntuale il fratellone…speriamo almeno che martedì sia bello!

E il martedì tanto atteso arriva…una giornata quasi estiva…ogni tanto la fortuna…

..E mamma comu balla la taranta la pizzicau
ne pizzicau lu core mamma mia ci dolore..

Inizio a ballare ancora con lo zaino in spalla, Caterina mi segue, la gente si ferma, ci guarda…succede di solito…ma stavolta è stranita.

Distesa di tamburelli sul palco…L’Orchestra della notte della taranta…da non crederci che quella indimenticabile serata sia iniziata così.

L’attesa di ore…silenzio…brusio di fondo…le luci spente in tutto lo stadio…bagliore accecante…il resto non riesco a descriverlo…ve ne do un piccolo assaggio…

 

 
 
 

A llettere o firmato?

Post n°20 pubblicato il 10 Ottobre 2007 da iuzzella

Sono il a litigare con l’ennesimo utente che vuole il biglietto senza documento, arriva un tipo..dal mio collega

-capo devo fa’ l’abbbonamento

-dove?

-pe le pattite

-in che settore?

-cuvvvvaa

-curva A o B?

-(infastidito) C U V V A A

(Ora vi spiego se la a finale ci cuvva è allungata vuol dire curva A)

-deve riempire questo modulo

-a llettere o firmato?

-(attimo di smarrimento) a lettere! (s’è palesemente buttato…ma x fortuna s’è scoperto che a lettere=stampatello)

 

Dopo una assenza immane e ingiustificata, eccomi di nuovo qui…qualcuno ha persino ipotizzato che fossi ancora in vacanza…MAGARI! Ho lavorato ai botteghini del calcio Napoli…e che cultura mi sono fatta! Ora so bestemmie di tutti i tipi. Quindi niente vacanze per me quest’anno…eccetto qualche salterello qua e la, a dire il vero più che il salterello (questa la capirò solo io) ho pizzicato il salento…e il salento ha pizzicato lu core meu

Prima o poi devo raccontarvi di Materdomini e della splendida alba a Montevergine..visti i miei tempi…per natale ce la farò…baci!

 
 
 

Scapoli

Post n°19 pubblicato il 03 Agosto 2007 da iuzzella

Lo conosco da sempre, lui esce al tramonto, sale lentamente fino alla piazza e poi si avvicina a tutti i suonatori.

 

Ascolta un po’ e poi fa un cenno con la testa: di approvazione, se la suonata è “vera”, di disapprovazione, se invece i “suoni” non lo convincono.

 

Dopo aver fatto il suo giretto, lento lento, torna alla sua piccola casa.

 

Ho cercato di capire quale fosse il suo metro di giudizio e poi alla fine ho capito. Lui non bada alla perfezione esecutiva, alla bravura o al rispetto della tradizione della sonata.

 

Lui “ascolta” semplicemente lo Spirito che guida il suonatore. Se lo Spirito c’è approva, se non c’è disapprova.

 

Anche quest’anno è salito lento lento fin sulla piazza.

 

È arrivato di fronte al palco (dal quale in quel momento venivano fuori 8000 watt di house music) ed ha incominciato a fare No No No No No No con la testa.

 

Mi sono avvicinato e gli ho chiesto: “Voi che ne pensate”?

 

Lui mi ha guardato e mi ha detto, con un filo di voce:

 

“Mi hanno riferito che molti Zampognari non vengono più per protestare contro questo scempio. È vera questa cosa”?

 

“Sì è vero”

 

“Questa cosa non va bene. Gli Zampognari non devono abbandonare Scapoli, non devono lasciarla nelle mani di questi barbari. Gli Zampognari erano sempre i primi in battaglia. I loro suoni servivano proprio a scacciare i demoni. Se essi abbandoneranno Scapoli, Scapoli morirà e moriranno tutti i posti come Scapoli.”

 

A questo punto si è avvicinato un bambinetto con la faccia tonda e pulita ed ha incominciato a suonare la sua Zampogna e il vecchietto è tornato a sorridere ed a fare sì con la testa.

 

Poi mi ha guardato e mi ha detto:

 

“Ci vediamo l’anno prossimo. Vi aspetto.”

Ezum

 
 
 

NORMODOTATI....CHI NOI?

Post n°18 pubblicato il 17 Luglio 2007 da iuzzella

Dal sito della repubblica:

ROMA - E' giusto coronare un sogno, sfondare un muro e farlo correre con i normodotati? Oppure l'atleta sudafricano Oscar Pistorius è già oltre i normodotati e le due protesi metalliche che gli permettono di scendere in pista restituiscono (senza fare fatica) una spinta superiore a quella di un atleta normale e, come dicono i tecnici, potrebbero portarlo facilmente al record mondiale sugli 800 metri o su qualunque gara più lunga dei 400 che già corre con straordinari risultati?

Se Pistorius voleva mettere al centro dell'attenzione il problema degli atleti paralimpici, il risultato è già acquisito. Se invece, del tutto legittimamente, ritiene di avere il diritto di gareggiare a mondiali e Olimpiadi insieme a tutti gli altri, dovrà ottenere il limite previsto (45"95) e attendere che qualcuno decida se le sue protesi lo aiutano "troppo" o soltanto quanto è giusto, considerando l'handicap che lo affligge.

Un handicap pesante che il ragazzone sudafricano si porta dietro da quando aveva un anno. Nato (il 22 novembre 1986, a Pretoria, in Sud Africa) non aveva i peroni a causa di una malformazione congenita. A undici mesi, per evitargli una vita sulla sedia a rotelle, medici e genitori decisero per l'amputazione. Il resto l'ha fatto il suo coraggio e la sua ammirevole voglia di vivere e di primeggiare. La tecnologia l'ha aiutato donandogli due gambe di materiale plastico(quelle che usa tutti i giorni per camminare) che gli danno un'andatura quasi normale e due protesi "da corsa" straordinariamente efficienti. Da lì in poi, il giovane Oscar ha fatto tanta strada fino a porre al mondo il suo problema: "Vorrei correre con i normodotati perché sono in grado di andare veloce come loro". In patria, nelle gare nazionali, è già stato accontentato ed è arrivato (sempre sui 400 piani) a un personale di 46"34. Poi, l'altra sera, all'Olimpico, la partecipazione al Golden Gala cui è seguita questa sera la gara di Sheffield, nella quale ha fatto registrare il tempo di 47"65 ma è stato poi squalificato per invasione di corsia.

Di inviti ce ne saranno altri. La prudentissima Iaaf, sperando forse che non riesca, prima o poi, a fare il minimo, non si pronuncia sulla sua presenza ai mondiali di Osaka che scattano il 25 agosto. Quanto alle Olimpiadi ci sono già dei "no" ufficiali e molti "sì" di un'opinione pubblica che lo vorrebbe a Pechino a cui si cominciano a unire petizioni e appelli (come quello del leader Udc, Pier Ferdinando Casini).

Sulla questione, che appassiona anche chi non s'intende di atletica leggera, apriamo un sondaggio che, tra il sì e il no, prova a inserire una "terza via", che apra alla partecipazione di Pistorius alle gare internazionali di atletica (e, magari anche a mondiali e Olimpiadi) con uno status speciale di perenne invitato che non corre per le medaglie ma per la gioia di esserci.

 

E se Dio o chi per se gli avesse dato due gambe senza euguali al mondo, così veloci da non avere rivale invece che una malformazione congenita che avrebbe tolto la voglia di combattere a molti sarebbe stato comunque un diversamente abile?

Progettare senza barriere architettoniche è giusto, ma è giusto dividere il mondo in normodotati e diversamente abili?

E voi cosa ne pensate?

 
 
 

ZI' FEDELE....La tradizione

Post n°17 pubblicato il 11 Luglio 2007 da iuzzella

Sarà perchè mi ricorda mio nonno,

serio, distinto,

partigiano.

Sarà perchè grazie a lui vive la tradizione

o  forse..la tradizione a Terzigno è Zi' fedele

che sia in una Fronna

o nel suo ballo pulito ed elegante

in cui la lotta cede il passo al corteggiamento

e il corteggiamento ha in se la lotta

...coreografico e teatrale..

e al tempo stesso passionale.

Sarà il suo saluto che ti avvolge

in un che di familiare.

Sarà il suo sorriso

che ti fa sentire a casa.

in quella casa dove la terra è madre

ma..adoro quest'uomo

che incosciente di tutto

semplicemente

sa come farci emozionare

P.S. e la terzignese neanche la so ballare!

 
 
 

Avete sentito parlare dello SCEC?

Post n°16 pubblicato il 26 Giugno 2007 da iuzzella

dal sito: www.progettoscec.com

Il progetto SCEC nasce dalla presa di coscienza da parte di un gruppo di cittadini napoletani di un paradosso che l'attuale sistema economico ha generato nella nostra società. Il paradosso di cui parliamo è il fatto che la produzione di beni e servizi non è mai stata così abbondate ma, nonostante ciò, una parte sempre maggiore di cittadini fa sempre più fatica a soddisfare i suoi bisogni più elementari. Un'altra faccia di questo problema è il fatto che nelle nostre città ci sono decine di cose da fare per migliorare la qualità della nostra vita e migliaia di persone che sono disoccupate, che spesso per dare da vivere alle proprie famiglie sono costretti ad emigrare o, nel peggiore dei casi, a delinquere. Noi crediamo che una situazione del genere sia assurda in una società avanzata che dovrebbe avere come obiettivo il benessere collettivo.
L'associazione ONLUS Masaniello che abbiamo fondato vuole tentare di porre rimedio a questa situazione, utilizzando uno degli strumenti più importanti del nostro sistema economico: la moneta.

La nostra idea è quella di distribuire ad un gruppo di persone il più vasto possibile un buono sconto, che abbiamo chiamato SCEC (Sconto ChE Cammina), che sia in grado di far fronte alla scarsità di moneta che l'attuale sistema economico ha creato nelle nostre società.
Con questo buono sconto vogliamo che ciascuno sia in grado di fare gli acquisti ai quali oggi è costretto a rinunciare, e mettere in moto un circolo virtuoso grazie al quale rilanciare l'economia locale per il benessere della collettività.
Per fare ciò l'Associazione Masaniello propone un patto tra commercianti e consumatori: i commercianti, accettando una percentuale dei pagamenti in SCEC, daranno modo alle persone di acquistare beni e servizi ai quali prima erano costrette a rinunciare; in questo modo i commercianti riusciranno a vendere più facilmente i loro prodotti e ad aumentare la propria clientela ma, a differenza di un normale circuito di sconti, non perderanno gli SCEC che hanno incassato, perché a loro volta potranno spenderli presso le altre attività commerciali e presso tutti quei consumatori che sceglieranno di offrire le loro capacità accettando gli SCEC.
Naturalmente ciascun iscritto può decidere liberamente la percentuale di SCEC che intende accettare, ed in qualsiasi momento sospenderne l'accettazione.

Per favorire la circolazione degli SCEC, essi hanno un periodo di validità limitato, al cui termine l'Associazione provvederà a cambiarli con una nuova emissione, trattenendone una percentuale. In questo modo, gli SCEC continueranno ad essere distribuiti a tutti gli associati e potranno ritornare velocemente ai commercianti che partecipano al circuito, ovviamente accompagnati dagli euro che portano con sé.

Tutti gli iscritti possono consultare su questo sito l'elenco aggiornato dei commercianti e dei privati aderenti al circuito, in modo da conoscere facilmente dove poter fare i propri acquisti utilizzando lo SCEC.

io ho i miei SCEC e voi? Andiamo a spenderli assieme mangiandoci una bella pizza?

 
 
 

L'acqua te la funtana…accogliamo la carovana il 28 giugno

Post n°15 pubblicato il 26 Giugno 2007 da iuzzella

Rieccomi dopo una interminabile assenza, ma tra esami e feste varie, non ci sono stata per un po’. Ragazzi sta finendo la campagna di raccolta firme contro la privatizzazione dell’acqua. Sono partite domenica 24 luglio quattro carovane che percorreranno l'Italia, toccando tutti i capoluoghi di regione ed i territori in cui sono nate vertenze sul tema dell'acqua. In ogni tappa verrà organizzata un'iniziativa pubblica. A Napoli la carovana si fermerà il 28 giugno. Quindi l’appuntamento è alle 18 a piazza Dante per ballare, pensare e...AGIRE! Perché nonostante la massiccia partecipazione, abbiamo ancora molto lavoro da affrontare, anzi la parte più dura arriva ora per far si che la legge venga approvata e che le regioni la rispettino. E’ confortante sapere che abbiamo superato di gran lunga il numero di firme necessario. Ieri ho incontrato Salvatore Carnevale per consegnargli gli ultimi moduli e mi ha detto che ci aggiriamo solo in Campania attorno alle 17400 firme. In più, probabilmente molti di voi già lo sanno, è stata approvata la moratoria: L'emendamento prevede che, fino all'approvazione di una nuova normativa, in attuazione dei decreti correttivi del decreto ambientale, relativa alla gestione del servizio idrico integrato , siano sospesi tutti gli affidamenti a soggetti privati, compresi quelli attualmente in corso.
Io da buona popolana non potevo che pescare dalla puglia la colonna sonora di questa battaglia…ciao ninnilli!

L'acqua te la funtana

L'acqua te la funtana
è mara mara ca ci nu nn'era mara
ca ci nu nn'era mara,
L'acqua te la funtana
è mara mara ca ci nu nn'era mara
core miu me la bbivia
Come zumpa, comu gira e bballa
come zumpa la Ninella mia
ci vorrebbe nà 'zzitella
ci vorrebbe nà 'zzitella.
Come zumpa, comu gira e bballa
come zumpa la Ninella mia
ci vorrebbe nà 'zzitella
per goder la gioventù!
Quandu era 'zzitu ieu
suntu turnisi
Moi ca m'aggiu 'nsuratu
Moi ca m'aggiu 'nsuratu
Quandu era 'zzitu ieu
Suntu turnisi
Moi ca m'aggiu 'nsuratu
Amore mio stau senza causi

L'acqua della fontana

L'acqua della fontana
è amara amara che se non fosse amara
che se non fosse amara
L'acqua della fontana
è amara amara che se non fosse amara
cuore mio me la berrei
Come salta come gira e balla
Come salta la Ninella mia
Ci vorrebbe una ragazza
Per godersi la gioventù!
Quando io ero scapolo
C'erano soldi
Ora che mi son sposato
Amore mio son senza pantaloni!

 
 
 

La famiglia.....

Post n°14 pubblicato il 07 Giugno 2007 da iuzzella

 
 
 

'a festa Avucata neh Nuie nce amm' 'a j' ncopp' 'a festa Avocata

Post n°12 pubblicato il 02 Giugno 2007 da iuzzella
Foto di iuzzella

Sarei dovuta salire all’alba lo so per poter vivere questa festa fino in fondo, ma sono troppo pigra per partire da Napoli alle cinque del mattino. Ora sono qui e cammino su questo tappeto di petali di rosa…rendono il terreno morbido, vellutato, i petali piovono dal cielo e sfiorano il viso, si poggiano tra i capelli dopo aver reso omaggio a quella Madonna Nera, che proprio non voleva saperne di starsene giù a Maiori dov’era arrivata coi Turchi.
E così…

muntagna pe' muntagna e ce amm' 'a je
e ce so' arrevato neh
pe' gloria rellu Cielo
ce so' 'rrevato ce so' arrevato
neh pe' gloria rellu Cielo ce so' 'rrevato
e ll'amm' 'a j' a truva' 'a bella Maronna

…saliamo tutti per venirla a trovare. Mentre la riaccompagno al santuario risento l’odore della terra bagnata dall’acqua, non fa caldissimo, ma la salita si fa sentire, soprattutto, quando parti con il sole ben alto, oramai le maglie le giacche non sono che grovigli attorno alla vita, e tra le risate degli amici in fila saliamo...tra terra e roccia saliamo…tra terra e roccia scopriamo quel rigolo d’acqua …l’odore della terra bagnata… Lascio che l’acqua accarezzi i miei piedi, la raccolgo tra le mani e provo a cercare nei riflessi, per un attimo, i lineamenti mossi del volto...per un attimo…prima di immergere il viso in quella conca formata dalle mani. Lungo il percorso per attimi eterni sono sola in un viaggio un po’ mistico, circondata dagli alberi che nascondono la cima, celano il percorso già fatto, fanno da barriera all’orizzonte, in compagnia di quella luce che filtra tra i rami e si insinua tra le foglie, è dolce, discreta...avvolge. D’improvviso lo sguardo si apre giù verso il mare...non è più tempo per star con se stessi…lo sguardo è ampio…immenso…abbraccia tutti e tutti ti stanno abbracciando…anche quel rudere che quasi a picco sullo strapiombo…una pietra sull’altra a formare riparo…per chi? Alzo gli occhi…il santuario lì su in cima…ancora lontano chiude l’abbraccio. E’ la meta che guida il cammino, ma il cammino sta diventando forse un po’ meta. …l’odore della terra bagnata… una nenia accompagna la Madonna che tra i petali di rosa si affaccia a salutare il mare da cui è venuta, prima di rientrare. Inizia la lotta, è così strano, è tutto intriso di sacro e profano. Sì perché lì sul sagrato della chiesa i piedi alzano la polvere, gli sguardi sono beffardi, la sfida, la danza…la lotta. Il suono prende allo stomaco...è viscerale, una donna bella solare, dal capo canuto, la sua voce forte ferma…le tammorre, solo tammorre ad accompagnare la lotta. Sono magia tutte le tammorre che suonano all’unisono, il loro ritmo è forte, carica la terra, carica il cerchio, carica la coppia che nel cerchio si sfida. E la sfida è forte, sfibrante, stancante ma nulla la ferma. Non ci accorgiamo del cielo grigio che avanza, ci ritroviamo nella nuvola, la pioggia violenta ci bagna. È ora di scendere, sotto la pioggia che ora è leggera...le foglie conservano un po’ d’acqua che ci regalano…al nostro passare...sanno anche giocare! Arrivati a quel rudere il cielo si apre. Un suono…un “sisco” è lei…il suo suono…la sua bellissima voce…

'O siente 'o sisco d' 'o diretto
'a nnammurata mia tengo 'e rimpetto
e a mme me piace quanno fa 'o zummetto
'a montagna fredda

Il ninnillo mio suona il tamburo…io ballo…è di nuovo lotta…ma è o “sisco” che guida… è Giugliano! Un semplice gesto, lei e il “sisco” hanno fatto ricominciare la festa. E Maiori ci ringrazia regalandoci i frutti della sua terra. E beviamo il vino fatto da chi ce l’ha offerto, mangiamo tutti alla stessa tavola, non ci conosciamo eppure lo sentiamo, siamo uniti, siamo un popolo e qui non c’è lotta al di fuori della danza…

 
 
 

NO COMMENT!

Post n°10 pubblicato il 18 Maggio 2007 da iuzzella

Che moralmente un Cattolico, un membro dell'ordine riesca a perdonare un suo "collega" pedofilo lo trovo improbabile, un po' ipocrita e tanto assurdo..ma diciamo che ci credo. Giuridicamente però non devono esistere preti e non. Vuole avere lo stra potere ipocrita della morale? che sia! Ma chi commette un reato va punito da uno stato che dovrebbe essere laico!! Che perdoni quanto e come gli pare...ma chi sbaglia deve essere punito. Al contrario qui si lascia che l'orrore si perpetui in altri luoghi!! E se non sono per la pena di morte, per i pedofili, preti e non che siano..ripristinerei quantomeno la legge del "taglione"

http://www.bispensiero.it

http://www.beppegrillo.it

 
 
 
Successivi »
 
 
 
 
 
 
 

 

s'è detto tanto...
...mai troppo...
s'è urlato lo sdegno.
s'è marciato tutti sotto un solo colore
io non sapevo che dire...
ora già è un lieve sussurro
ma per queste immagini rubate non ci sono parole....
solo un profondo silenzio dinanzi all'orrore.

 
 
 
 
 
 
 

AREA PERSONALE

 
 
 
 
 
 
 

BALLANDO AL MASCHIO ANGIOINO

ebbene si..in questa folla ci sono anche io

 
 
 
 
 
 
 

BALLANDO A SCAPOLI...

 
 
 
 
 
 
 

ULTIME VISITE AL BLOG

valeriafurnarialexcolmpatmarkoleone20jantonella.messina81monicapintocagnazzo.antonio2010piramideaaltamentemenefregoraffaella.devivojodo59liriebrees1iuzzellagiusyt.92
 
 
 
 
 
 
 

ULTIMI COMMENTI

 
 
 
 
 
 
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo i membri di questo Blog possono pubblicare messaggi e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
 
 
 
 
 
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

FACEBOOK

 
 
 
 
 
 
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 4
 
 
 
 
 
 
 

TAG

 
 
 
 
 
 
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Marzo 2017 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31    
 
 
 
 
 
 
 
 

LA GIUGLIANESE

Vi dirò quel poco che so. La giuglianese è una tammurriata tipica di un paese in provincia di Napoli, Giugliano in Campania appunto. Adifferenza delle tammurriate dell'area vesuviana, la giuglianese, così come l'avvocata (tipiva di Maiori), non è un ballo di corteggiamento ma bensì di sfida. Strumento tipico e fondamentale è il "sisco" o flauto doppio, ede è questo strumento che scandisce i tre tempi della tammurriata, a differenza di tutte le altre in cui i tempi sono due e scanditi dal ritmo della tammorra. il video è stato girato a montevergine (AV), ma di questa festa e della "Mamma Schiavona" ne parleremo un'altra volta

 
 
 
 
 
 
 

DAL BLOG DI JOIYCE

“Se bruci i rifiuti,

la diossina brucerà il nostro futuro”.

 
 
 
 
 
 
 

..E PER CHI VUOLE APPROFONDIRE

..su segnalazione di Cyr79

 
 
 
 
 
 
 

IN TUTTA ITALIA RUBINETTI PROMOSSI

dal sito della repubblica:

È BUONA ma non ha marketing. Costa centinaia di volte meno della sua concorrente minerale ma manca dell'abito giusto. Ha una condotta irreprensibile ma paga il prezzo di un passato discutibile. È questa l'immagine dell'acqua del rubinetto che si ricava dalle analisi condotte da Repubblica nelle città italiane: un'istantanea che non pretende di offrire un quadro a 360 gradi, e che risente dei diversi parametri usati dai tecnici, ma tuttavia sufficiente per capire cosa si beve nelle nostre case.

Mentre gli italiani fanno la coda nei supermercati per mantenere il record mondiale degli acquisti di acqua minerale, dai loro rubinetti esce un'acqua che non solo rispetta i parametri di legge sulla potabilità, ma che spesso ha fatto registrare vistosi miglioramenti sul piano della qualità. Due casi per tutti: Milano e Firenze, che fino a ieri sedevano sul banco degli accusati, oggi vantano valori in linea con altre città da sempre fortunate.

"Forse il caso più emblematico è Milano", spiega Raul Martini, responsabile della divisione ecologia della Conal, la società che ha assemblato i dati provenienti dai vari laboratori e li ha incrociati con quelli forniti dalle ex municipalizzate. "Il capoluogo lombardo viene da una situazione disastrosa. Il livello di manganese e ferro era così alto che è stato necessario chiudere alcuni pozzi. I residui di trielina e clorurati sono arrivati a toccare picchi 200 volte sopra i limiti, tanto che hanno dovuto cambiare la legge per non chiudere l'acquedotto. E poi due falde che attraversano la città portavano i metalli pesanti dalle fabbriche di Sesto San Giovanni e i solventi dalle raffinerie che erano in funzione dove oggi sorge la nuova Fiera. Oggi invece l'abbandono di alcune attività industriali ad alto impatto ambientale e l'adozione di tecniche di trattamento più avanzate ha fatto registrare un miglioramento molto netto".


Un discorso simile si può fare per Firenze. Per anni chi veniva da fuori città restava sorpreso dalle zaffate di cloro che si levavano ogni volta che apriva un rubinetto per lavarsi la mani. Oggi un prelievo più diversificato, cioè meno basato sull'acqua dell'Arno, e migliori sistemi di purificazione hanno permesso di abbassare sensibilmente la quantità di cloro utilizzata.

All'estremo opposto troviamo Roma, una città che tradizionalmente vanta acquedotti di grande qualità, tanto da essere stata la prima a ipotizzare d'imbottigliare l'acqua pubblica. "Nella capitale si usano varie fonti, anche sorgenti di acqua gasata", continua Martini. "Certo, c'è molto calcio e magnesio ma questo è un problema per le lavatrici, non per gli esseri umani. Il mito dell'acqua super leggera, tanto rarefatta da sembrare eterea, è un falso sanitario. In assenza di specifiche patologie, come ad esempio i calcoli, un'acqua con una buona quantità di calcio va bene per tutti, ed è particolarmente raccomandabile per i bambini, per le donne in gravidanza e per chi soffre di osteoporosi".



 
 
 
 
 
 
 
Nell'area delle acque un po' dure, ma con i fondamentali a posto, troviamo Torino, Bologna e Bari. Mentre fanno storia a sé Napoli e Genova. A Napoli la presenza significativa di nitrati (che pure restano abbondantemente all'interno dei parametri di legge) può essere messa in relazione con lo sviluppo regionale dell'agricoltura, ma anche con un problema ormai strutturale: la moltiplicazione delle discariche abusive che inquinano le falde e che possono dare un contributo anche in questo campo.

A Genova il problema principale è costituito dalla presenza di acque salmastre che tendono a mischiarsi con le dolci. E la situazione rischia di peggiorare nei prossimi anni per colpa del riscaldamento globale: le acque tenderanno a concentrarsi per via dell'evaporazione e il cuneo salino a risalire man mano che la pressione del mare aumenterà. Il che vuol dire che i residui di sostanze indesiderate potrebbero aumentare e che sarà più difficile e costoso mantenere separati il circuito dell'acqua dolce da quello dell'acqua salata.

Mantenere i livelli piuttosto soddisfacenti che le analisi condotte da Repubblica mostrano potrebbe dunque diventare più difficile man mano che le condizioni climatiche si andranno aggravando. E infatti il tema delle garanzie sulla qualità e sulla quantità dell'"acqua del sindaco" sarà uno di quelli affrontati con più attenzione dalla conferenza sui cambiamenti climatici convocata dal ministero dell'Ambiente a settembre.

Tuttavia il problema principale che questi dati evidenziano è un altro. Il sistema pubblico è riuscito a correre ai ripari rimediando a errori anche gravi commessi in passato. Ha tenuto il passo di un'Europa che corre verso la qualità e la competizione sulla difesa dell'ambiente. Ha fornito un prodotto più che dignitoso. Ma non è riuscito a convincere il suo pubblico, a conquistarne la fiducia. E' rimasto prigioniero di una burocrazia che non sa comunicare. Mentre per vendere l'acqua bisogna far venire voglia di berla.