Creato da napoli.cult il 28/05/2008
oltre i facili luoghi comuni...

Area personale

 

Ultime visite al Blog

clara2010gattasilvyR_Lugaravincoli1alede1986ferrari_arch_ilarialoretta.sansonerocchicollanechiccatweetysesharonscodinzolacocca70rossellamartino2007calliumninny90GerardoMirarchi
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 9
 

 

« Bentornata Napoli.L'incredibile Cappella ... »

Post N° 8

Post n°8 pubblicato il 05 Ottobre 2008 da napoli.cult
 

Renato Carosone nasce a Napoli nel 1920, a soli 17 anni si diploma in pianoforte al rinomato conservatorio napoletano di S.Pietro a Majella (una strada del centro storico).
Nel 1937 si trova ad Addis Abeba come milite ed è li che insieme a gente del posto, Renato inizia a suonare in diversi night. Resta in Africa per moltissimi anni e rientra in Italia solo nel 1946. In Africa aveva avuto l'opportunità di ascoltare ritmi nuovi e sonorità che nel vecchio continente ancora non erano conosciute, cosi quando nel 1949 forma il primo trio con al basso/chitarra l'olandese Peter Van Wood e alla batteria il mitico Gegè Di Giacomo, la loro musica era un qualcosa che rompeva ogni schema e che si insinuava sotto pelle, rendendo impossibile lo stare fermo.
Il trio andava benissimo e quando Van Wood decise di intraprendere la carriera di solista, Renato ingranò la quarta e formò una band di 6 elementi. Dal sodalizio con il paroliere Nisa , nacquero pezzi come: Torero; Tu vuò fà l'americano; O' sarracino ; e tanti altri. Collaborò anche con altri autori e fu la volta di Maruzzella, canzone molto struggente che lui stesso dedico alla moglie, fino ad arrivare a Pianofortissimo, un pezzo che Renato era capace di suonare anche con due palle da tennis, facendole roteare sulla tastiera.
Le canzoni del Maestro Carosone hanno fatto ballare e fanno ancora ballare intere generazioni in ogni angolo del mondo, persino in Cina e sono state incise da tantissimi altri artisti e finanche attori come la Magnani e la Loren. La sua musica era un misto di diverse sonorità, dalle quali ancora attigono moltissimi musicisti e non solo napoletani e che oggi chiamano: contaminazione.
Renato ha incarnato il miracolo italiano del dopoguerra, nel circo della musica...E come diceva Peppino: ...e ho detto tutto!!
Grazie Renato.

Baci...m31

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Commenti al Post:
bimbadepoca
bimbadepoca il 07/10/08 alle 15:15 via WEB
Il nostro artista più internazionale, considerando che le sue canzoni sono state tradotte in una decina di lingue diverse e che, "Tu vuò fa l'americano", viene cantato anche nel film "Il talento di Mr. Ripley". Della serie... non solo Gigi D'Alessio :-))
(Rispondi)
nonsolonero
nonsolonero il 07/10/08 alle 17:13 via WEB
E meno male "nonsologigidalessio"!!! Ho visto tanti anni fa, durante uno spettacolo televisivo girato alla "Bussola" di Viareggio, Renato Carosone esibirsi in "Pianofortissimo". Ancora oggi rimane vivo in me il ricordo di quelle dita che, velocissime, passeggiavano sulla tastiera che sembrava sorridere al loro tocco. Davvero magico Renato. La canzone più bella, però, a mio avviso che Carosone ci ha lasciato è stata "Lettera da Milano" che racconta di un napoletano trapiantato nel capoluogo lombardo che descrive la sua vita laggiù in una lettera ad un amico e trova il modo di descrivere Milano molto più "umana" e finanche la nebbia, definita "acqua e annese", si trasforma in un momento di poesia. Anche io concludo con un malinconico e forte "Grazie Renato". Un abbraccio. Claudio.
(Rispondi)
vuitton0
vuitton0 il 19/06/10 alle 00:25 via WEB
Since the 19th century, manufacture ofLouis Vuitton replica goods have not changed: Luggage is still made by hand. Contemporary Fashion gives a preview of the creation of the vuitton trunks: the craftsmen line up the leather and canvas, tapping in the tiny nails one by one and securing the five-letter solid pick-proof brass locks with an individual handmade key, designed to allow the traveler to have only one key for all of his or her luggage. The woven frames of each trunk are made of 30-year-old poplar that has been allowed to dry for at least four years. Each trunk has a serial number and can take up to 60 hours to make, and a suitcase as many as 15 hours.Many of the company's products utilize the signature brown Damier and Monogram Canvas materials, both of which were first used in the late 19th century. All of the company's products exhibit the eponymous lv. The company markets its product through its own stores located throughout the world, which allows it to control product quality and pricing. It also allows LV to prevent counterfeit products entering its distribution channels. louis vuitton has no discount sales nor does it have any duty-free stores. In addition, the company distributes its products exclusively through replica handbags
(Rispondi)
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.
 
 

Tag

 

Cerca in questo Blog

  Trova
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom