Creato da oleandro.rosa il 06/03/2008

Invito alla politica

per orientarti meglio nella politica italiana

ESSERE GIOVANI...

Essere giovani significa avere ancora molto tempo a disposizione.

Sfrutta il tuo tempo,servitene per fare e per conoscere.

Usalo per plasmare la tua vita e la tua mente,perchè ovunque vorrai andare,avrai bisogno di una mente forte e di una conoscenza ben salda su cui appoggiarti.

Perchè niente è impossibile,ma la possibilità è tuttavia limitata dalla tua capacità di superare gli ostacoli,con grinta,con determinazione,con sacrificio.

Per vincere,sempre.

 

AREA PERSONALE

 

FACEBOOK

 
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Tutti gli utenti registrati possono pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 

I VOSTRI COMMENTI/MESSAGGI

saranno pubblicati, col rispetto per le opinioni più diverse,TUTTI QUELLI CHE NON SIANO:

-ingiuriosi

-meramente propagandistici

-manifestamente infondati

-irrilevanti

-incoerenti con la materia

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Giugno 2017 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30    
 
 

compra la sicurezza sul lavoro,compra un lavoro equamente remunerato,compra un futuro per il made in italy!

  

 
ITALIADALLESTERO.IT è una delle fonti di questo blog per la stampa estera.Mi complimento con loro per il sito ben gestito,attendibile ed utile per tutti coloro che non vantano grandi esperienze linguistiche.
 

I MIEI BLOG AMICI

 

L’insulto di Silvio Berlusconi agli Obama potrebbe rivelarsi un passo azzardato

Post n°167 pubblicato il 07 Ottobre 2009 da oleandro.rosa
 

[The Times]

Di questi tempi vi è la tendenza, sia in Italia che nel resto del mondo, a liquidare le gaffe di Berlusconi come “tipiche di Silvio”.

Le reazioni spaziano da un rassegnato “eccolo che ricomincia” fino ad una sincera ammirazione da parte di quegli italiani che accettano l’idea che il suo umorismo da osteria lo renda “uno di loro”, nonostante la sua ricchezza ed il suo potere.

Quando l’anno scorso insultò per la prima volta Obama definendolo abbronzato, Berlusconi reagì alle critiche sostenendo che i suoi detrattori non avevano senso dell’umorismo. Alcuni italiani hanno reagito con sdegno, mentre molti di quelli che l’anno scorso hanno eletto Berlusconi per la terza volta si sono detti d’accordo con lui.

C’è una certa venatura di razzismo e xenofobia nella coalizione di centro-destra guidata da Berlusconi, e questo lo si può notare dai riferimenti presenti nelle dichiarazioni fatte durante il comizio a Milano del Popolo delle Libertà (PdL) non solo al colore di Obama ma anche al sospetto che quest’ultimo legga i suoi discorsi da un gobbo.

C’è anche complicità tutta maschile nell’accettazione del comportamento libertino di Berlusconi verso le donne – che ricorda quello di Benito Mussolini – portato avanti parallelamente alla promozione dei valori familiari.

Ma aver insultato sia Michelle Obama che il Presidente degli Stati Uniti potrebbe essere stato davvero troppo. Questo comportamento da buffone nasconde infatti una realtà ben più preoccupante: Berlusconi vede se stesso come un leader sia a livello nazionale che mondiale così importante da essere al di sopra della legge.

Per la maggior parte delle persone al di fuori dall’Italia, l’idea che Berlusconi abbia un ruolo cruciale “aiutando”, ad esempio, le trattative tra Stati Uniti e Mosca è ridicola. Ma Berlusconi sa come comportarsi a casa propria; le sue “gaffe” vengono spesso calcolate per mostrare che egli ha un rapporto diretto con l’italiano medio.

Queste in verità nascondono tuttavia un’arroganza ed un autoritarismo che trasmettono il messaggio opposto, cioè di essere andato oltre le più scontate norme di comportamento. Nessun altro leader immischiato in scandali a sfondo sessuale avrebbe osato fare una dichiarazione tanto ridicola, così come ha fatto a Milano, quale quella di aver “introdotto la moralità” nella politica italiana.

Il fatto che non sia stato sommerso dalle risate riflette in parte il suo enorme potere sui media. In qualsiasi altra nazione occidentale un uomo che controlla tre delle principali reti televisive non avrebbe mai potuto diventare Primo Ministro.

L’Italia, per contro, ha raggiunto il punto in cui persino la Rai, la televisione di Stato pubblica, deve fare i conti con pesanti multe per aver rivelato dopo tanto tempo agli italiani – l’80% dei quali apprende le notizie solo attraverso la televisione – che Berlusconi è sospettato di aver passato la notte delle elezioni di Obama con una prostituta.

La stampa ed i media in genere sono intimiditi da misure di ritorsione che possono essere sia pressioni che querele. L’opposizione di centro-sinistra ha preparato una manifestazione questo fine settimana in difesa della libertà di stampa.

Ma questa opposizione è demoralizzata e divisa. La vera opposizione viene dalle stesse fila di Berlusconi, con Gianfranco Fini, il co-fondatore del PdL, in attesa di diventare il suo successore.

La prossima settimana la Corte Costituzionale dovrà decidere se la legge voluta l’anno scorso da Berlusconi a garanzia della propria immunità da procedimenti penali sia valida o meno. Nel caso questa legge dovesse venir dichiarata incostituzionale, sono previste agitazioni nel panorama politico.

Berlusconi potrebbe dimettersi e chiedere elezioni anticipate, sicuro del fatto che il suo mandato verrà riconfermato dagli elettori. Quelli che nel centro-destra temono che un simile comportamento possa non solo danneggiare l’immagine dell’Italia all’estero ma mettere in pericolo la democrazia del Paese, credono però che le cose andranno diversamente.

 
 
 

UNA SCORTA A SERGIO VIGILANTE

Post n°165 pubblicato il 07 Ottobre 2009 da oleandro.rosa
 
Foto di oleandro.rosa

PORTICI, 27 luglio 2009. Giornate calde, afose ed assolate, in una Napoli tristemente famosa per i suoi lati negativi, e poco valorizzata nei suoi lati positivi. Uno degli aspetti positivi odierni è Sergio Vigilante, imprenditore , presidente e fondatore dell’associazione antiusura ed antiracket del Comune di Portici. Vigilante ed i suoi collaboratori hanno creato un coraggioso meccanismo di solidarietà, che ha portato all’arresto di parecchi estorsori (soltanto 15 alla prima denuncia, con 4 milioni di euro sequestrati).

Sergio Vigilante era sotto scorta da tre anni, a causa di alcune lettere di minaccia pervenutegli in seguito ad alcuni arresti, l’ultima il primo giugno. Col tempo è divenuto un vero e proprio simbolo della lotta alla camorra, diffonde speranza. In Italia si riesce sempre a difendere i delinquenti ed affondare i giusti. L’enorme sostegno del Comune e del sindaco Cuomo, le migliaia di persone che appoggiano Vigilante, non sono bastate, il prefetto provinciale ha deciso che i motivi della scorta non sussistono più, poiché la camorra a Portici è stata completamente debellata. Come ha scritto Sergio ai suoi sostenitori “i commenti li lascio a voi”.

«Ennesimo abbandono da parte dello Stato di un esempio della lotta alla camorra»è quanto ha commentato Antonio Sicignano, vicepresidente regionale dei Circoli della Libertà della Campania. Riportiamo, infine e con grande indignazione, le parole di Sergio Vigilante :- «Ora ho paura. I rischi miei sono all’ordine del giorno, non faccio un passo senza la scorta, angeli che rischiano la vita per pochi euro al mese. Continuerò nella lotta contro il crimine organizzato, ma la mia sorte è chiara, vedi quello che è successo a Domenico Noviello, che testimoniò e fu ucciso dopo qualche anno. Lo Stato – così ha affermato Vigilante ai microfoni dell’agenzia radiofonica - evidentemente vuole un’altra vittima per porre un fiore. Ho dato disposizione che se dovesse succedermi qualcosa non voglio nulla, solo una targa dove scrivere anche qui è passato lo Stato».

Ad oggi,ottobre 2009 la revoca è stata ufficializzata.petizione e raccolta firme su firmiamo.it

 
 
 

Anni di piombo. Sinistra e destra: estremismi, lotta armata e menzogne di Stato del Sessantotto a oggi

Post n°164 pubblicato il 07 Ottobre 2009 da oleandro.rosa
 

(autori:baldoni adalberto;provvisionato sandro. costo: euro 23)

Li hanno chiamati "anni di piombo". Piombo come violenza armata, come peso insostenibile sulla vita delle persone, sulla storia di un Paese, sui sogni di una generazione. La lunga notte della Repubblica, il periodo che ha inizio dalla fine degli anni Sessanta, in realtà non è ancora finita: attende di essere illuminata nelle sue parti più buie e ha lasciato in eredità un passato spaccato in due, che impedisce di ritrovare quella memoria condivisa invocata da tutti, ricercata da pochi. Il libro, frutto del ventennale lavoro di due giornalisti provenienti da esperienze politiche opposte, ha l'ambizione e il coraggio di affrontare questa storia in modo completo e oltre ogni logica di appartenenza. Dalla nascita del Movimento studentesco all'avvento del partito armato, dal caso Moro alla fine delle Br, dallo stragismo ai giochi sporchi dei corpi dello Stato, fino al punto in cui l'onda lunga si frange: il G8 di Genova, il nuovo terrorismo, l'Italia di oggi ancora avvelenata dalle divisioni ideologiche.

hai già letto questo libro?cosa ne pensi? commenta!

 
 
 

MAGISTRATI.L'ULTRACASTA

Post n°163 pubblicato il 07 Ottobre 2009 da oleandro.rosa
 

 

(AUTORE:livadiotti stefano.costo:euro 17)

Secondo l'autore, quella dei giudici e dei pubblici ministeri è la madre di tutte le caste. Uno stato nello stato, governato da fazioni che si spartiscono le poltrone in base a una ferrea logica lottizzatoria e riescono a dettare l'agenda alla politica. Un formidabile apparato di potere che, sventolando spesso a sproposito il sacrosanto vessillo dell'indipendenza, e facendo leva sull'immagine dei tanti magistrati-eroi, è riuscito a blindare la cittadella della giustizia, bandendo ogni forma di meritocrazia e conquistando per i propri associati un carnevale di privilegi. Per la prima volta, cifra per cifra, tutta la scomoda verità sui 9.116 uomini che controllano l'Italia: gli scandalosi meccanismi di carriera, gli stipendi fino all'ultimo centesimo, i ricchi incarichi extragiudiziari, le pensioni d'oro, la scala mobile su misura, gli orari di lavoro, l'incredibile monte-ferie, i benefit dei consiglieri del Csm. E, parola per parola, le segretissime sentenze-burla della Sezione disciplinare, capace di assolvere perfino una toga pedofila.

hai già letto questo libro?cosa ne pensi? commenta!

 
 
 

LODO MONDADORI: "SILVIO BERLUSCONI CORRESPONSABILE"

Post n°162 pubblicato il 07 Ottobre 2009 da oleandro.rosa
 

silvio berlusconi è "corresponsabile della vicenda corruttiva"alla base della sentenza con cui la Mondadori fu assegnata a Fininvest.Lo scrive il giudice Raimondo Mesiano nelle 140 pagine di motivazioni con cui condanna la holding della famiglia berlusconi al pagamento di 750 milioni di euro a favore della Cir di Carlo De Benedetti.La corresponsabilità di silvio berlusconi,scrive il giudice mesiano,comporta come logica conseguenza la responsabilità della stessa fininvest.

Durissima  la reazione del presidente del consiglio:"sono letteralmente allibito-afferma-è una sentenza al di là del bene e del male,è certamente una enormità giuridica. sappiano comunque tutti gli oppositori che ilgoverno porterà a termine la sua missione quinquennale e non c'è nulla che potrà farci tradire il mandato che gli italiani ci hanno conferito".

 
 
 
Successivi »
 

SUFFRAGETTE,EMANCIPAZIONE FEMMINILE,DONNE IN POLITICA,DONNE AL POTERE,EPPURE PER STRADA,IN CASA,ALLA FERMATA DEL BUS,NON HANNO ANCORA IL DIRITTO FONDAMENTALE NON ESSERE TOCCATE.

 

 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

\"DIBATTI CON NOI\"

è nata una nuova sezione di questo blog che chiede il vostro parere,vi chiede di esternare le vostre preoccupazioni.Sarà difficile stimolarvi ed appassionarvi alla politica....ma la curiosità di sapere se dall'altra parte c'è interesse ed il desiderio di cercare di confrontare idee è troppo forte....!mi raccomando allora,DICCI LA TUA!

 

TAG

 

ULTIME VISITE AL BLOG

ilgarmapirifffalberto2019highspeed2danielisealberto_giontellamanolo.mfhopelove10bettytastefy459niksapMassimilianoDiPilloStefanoRicuccidrusy84artdraw
 
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

ULTIMI COMMENTI

nn facciamo spegnere i riflettori dopo che l'onda...
Inviato da: ninograg1
il 09/04/2009 alle 11:51
 
ai nostri politici non bastava essere i più pagati del...
Inviato da: Anonimo
il 15/03/2009 alle 13:31
 
“ PIANISTI”…. Vergogna, altro che lettore di ...
Inviato da: GMRSLOS
il 13/03/2009 alle 20:07
 
la cannabis è la sigaretta degli idioti!vai,coltivatevela...
Inviato da: Anonimo
il 24/01/2009 alle 15:28
 
è un grave smacco nei confronti dell'italia...il...
Inviato da: Anonimo
il 19/01/2009 alle 14:57
 
 
 

IL SILENZIO

Tu presti fede a quel che senti dire.

Ma dovresti credere a quanto non vien detto:

Il silenzio dell'uomo si accosta alla verità

più della sua parola.

(Kahlil Gibran)

 

La mente è come un paracadute perchè funziona solo se si apre.

Albert Einstein

 

La vita è meravigliosa. Senza saresti morto.

Leopold Fechtner

 
Chi lotta contro i mostri deve fare attenzione a non diventare lui stesso un mostro. Se tu riguarderai a lungo in un abisso, anche l'abisso vorrà guardare dentro di te.

Friedrich Nietzsche
 

Considerate la vostra semenza: fatti non foste a viver come bruti,

ma per seguir virtute e conoscenza.

Dante Alighieri