Creato da paperino61to il 15/11/2008
 

buone notizie

commenti a caldo ...anche a freddo..

 

 

Jamboree Senigallia 2017 ( 4 )

Post n°2244 pubblicato il 24 Giugno 2017 da paperino61to

 

La passione per il r’n’r e per il doo wop è la base da cui i Frigidaires partono per creare un’esperienza musicale attuale, il linguaggio è rispettoso delle radici sia nella musica che nelle intenzioni dei testi, l’ironia e il sarcasmo tipico del genere, rivivono calati nei nostri giorni e la musica, dalle sonorità ’50. Capeggiati dal grande Greg chitarra e voce

 

                                 

 

 

 

                                    

 

 

 

 

               

 

 

 

        

 

 

 

                  

 
 
 

Fine giugno

Post n°2243 pubblicato il 22 Giugno 2017 da paperino61to

 

Eccoci giunti quasi alla fine di giugno, pian piano si arriva alle ferie, il fatidico mese di agosto.

Nel frattempo iniziano i fine settimana all’urlo : Tutti al mare!!Tutti al mare...Cosa mostra la gente poco mi interessa.

Code pazzesche per andare, code per tornare, tutti sotto il solleone. La Ventimiglia/ Torino è un classico, è come andare al pronto soccorso, si sa quando si parte ma non quando si arriva.

Un giorno in spiaggia per quattro persone, fa bene all’economia ma molto meno bene a al proprio portafoglio. Strano che il nostro caro governo non abbia pensato a un mutuo anticipato per godersi una giornata in spiaggia con la famiglia, visto i prezzi non certo “ abbordabili”.

I treni sono presi d’assedio, e come accade da trent’anni a questa parte la Torino/ Ventimiglia definirla la Vergogna del paese è poco, siamo in concorrenza con le tratte del Sud. Persone assiepate una sopra l’altra con l’immancabile musica ( si fa per dire) sparata a palla, mentre il malcapitato capo stazione ha il suo da fare per dire al suo responsabile i convogli sono pochi…chi se frega obietta l’altro, hanno solo da starsene a casa loro. Punto, doppio punto e a capo.

Abbiamo i ballottaggi, dove una legge assurda costringe uno che ha preso il 47% andare allo scontro con uno che ha preso l’11%. Tanto i soldi sono nostri, perché impiegarli in cose serie? Affluenza sempre più scarsa, ma i politici scafati fanno notare che anche in Francia le cose non vanno meglio dal punto di vista elettorale.Quindi perchè lamentarsi?

La domanda di rito è sempre la stessa per chi vota lei? Perché c’è differenza? Quelli che aprivano le scatole di tonno, si sono dimostrati per quello che veramente valgono: ovvero zero. Gli altri fanno comunella a secondo di come conviene a loro, e la fantomatica sinistra propone i Bersani e D’Alema come volti innovativi.

Gli sbarchi proseguono come prosegue sempre la stessa tiritera dei “ non siamo razzisti però…” con tanto di foto false( una spiaggia della Liguria presa d’assalto da donne in burqa) accompagnate da una didascalia: “ Ecco come sarà la nostra spiaggia ad agosto” postate su un noto social network.

Purtroppo noi “ buonisti” a proposito io opterei per “ buon senso” veniamo attaccati da tutte le parti e quando poniamo la domanda: “Che differenza c’è a morire sotto una bomba intelligente( ammesso che ve ne sia una), tra un colpo di mitra di bande di delinquenti, di sete o di fame?” I  solerti “ non razzisti però...” rispondono : “ Visto la Juve chi ha comprato? Oppure : “ Ti piace la mia gonna nuova? L’ho presa al mercato, ovviamente a un banco di extracomunitari, costava poco ".

Tra due giorni Torino festeggia il patrono della città, una festa dimessa dopo i fatti di piazza S. Carlo e con la morte della povera ragazza. Per ora nessuno ha ancora pagato, non tanto la sindaca( nonostante gli vengano attribuitati colpe non sue da parte dei fan del Pd) ma neanche il questore, ne il prefetto ne tantomeno il capo dei vigili urbani…insomma 1500 feriti, un morto e nessun colpevole, tutto molto in stile italiano.

La calura e l’afa imperversa e come sempre arrivano prodigi i consigli delle nostre care reti televisive, ogni anno sempre la stessa cosa, come se i mesi estivi fossero una novità e di come non ci rendiamo conto che uscire nelle ore più calde possa essere deleterio. Non parliamo del lavoro, però nessuno intervista gli operai e del perché non fanno come i politici, un paio di ore al giorno e poi tutti sotto il condizionatore a godersi il fresco e lauto stipendio.

Buona giornata e buon fine giugno.

 

 
 
 

Jamboree Senigallia 2017 ( 3

Post n°2242 pubblicato il 17 Giugno 2017 da paperino61to

Serata con due artisti niente male: il primo gruppo è composto da  musicisti di Milano sono dei veri e propri specialisti del Jive e del Rythm’n’Blues. Le loro ritmiche forsennate infiammano le piste da ballo con l’energia tipica della scena musicale americana degli anni ’40 e ’50!


 

 

                                                                          

 

 

 

                                                                

 

 

 

 

 

 

Il secondo artista è una fanciulla cresciuta in Texas: Krystrin Harris. Famosa per le sue doti vocali scintillanti, uno stile alla chitarra dal ritmo swing unito a un canto yodel. 

                                                                                                                                                                                                        

 

 

                                                            

 

 

 

 

 

 
 
 

Maglietta si...maglietta no...

Post n°2241 pubblicato il 16 Giugno 2017 da paperino61to

“ Maglietta si…maglietta no…a casa tu andrai…”

Questo è il motivetto o jingle per usare un termine caro a un certo AD, della famosa ditta dell’Irrealtà.

So cosa state pensando che il papero abbia mangiato un gelato al peyote oppure fatto un bagno contenente erba della Giamaica. Mi spiace deludervi, invece è tutto vero.

In questa ditta ovviamente fantomatica perché nella realtà non esiste( forse), se un operaio/a non ha la maglietta, simbolo di appartenenza ( infatti dai capi del personale all’ultima ruota di scorta la divisa è uguale per tutti) deve tornare a casa a prenderla.

Poco importa se abita a distanza di centinaia di chilometri dal luogo di lavoro, la divisa si deve avere, ne va del prestigio e del buon nome di questa ditta.

Ancora meno importa se il malcapitato spiega il motivo, che va dalla dimenticanza al fatto che non è stata lavata, in questo caso non frega nulla al capo, la lavatrice deve funzionare anche per un SOLO indumento, che è appunto la divisa.

Non parliamo poi se l’operaio/a lavora con un altro tipo di maglia non consono al suo lavoro. Apriti cielo, e se spiega che non l’ha messa perché si vergogna dall’alone sotto le ascelle ( in questa fantomatica ditta l’impianto di areazione è da quarto mondo non solo terzo) al super advisor ( altro termine caro a quel famoso AD…non è altro che il capo squadra) poco importa anzi non importa nulla e ti potrebbe rispondere: “ Vada a casa se non vuol sudare con la maglietta di appartenenza, vada pure tranquillo, la metto in integrazione per oggi” e gentilmente gli indica le scale dello spogliatoio.

Ovviamente potete immaginare la faccia di questo operaio e di tanti altri rei di questo grave delitto o di lesa maestà alla ditta. Certo che se ci si mette la coda in mezzo alla gambe, ovviamente tutto questo continuerà. Eppure basterebbe cantare la famosa canzone dell’Albertone nazionale ( quella dove dice Ti ci hanno mai mandato) e sicuramente le cose andrebbe meglio.

Qualcuno potrà dire: ma i sindacati non dicono nulla?.

Qui si apre un discorso a parte, dove la maggior parte di essi è sotto l’Associazione dei Maggiordomi e l’unico sindacato serio è entrato dalla finestra grazie a una sentenza di un tribunale, in sintesi non conta nulla.

Come dico questo è una ditta dell’Irrealtà non esiste nel nostro mondo…o no?

 
 
 

Novello Sherlock

Post n°2240 pubblicato il 15 Giugno 2017 da paperino61to

 

Una decina di giorni addietro vi avevo parlato di una “ ditta “ dell’Irrealtà, una ditta che ovviamente non può esistere, se non in un paese di banane.

Vi ho anche detto di “ corsi “ che sono frutto di fantasia, ma a volte la fantasia diventa realtà.

Dentro a questo racconto vi era uno “ psicologo” che non in quel momento non svolgeva il suo lavoro, ma era semplicemente un “ ascoltatore”.

Devo dargli atto che infatti non era nelle vesti di “ psicologo” e manco in quello di “ ascoltatore” ma bensì in quello di “ Investigatore”.

Già, cari amici/che il novello Sherlock registrava quello che i dipendenti di questa ditta dicevano. Purtroppo per lui essendo un novello investigatore è stato scoperto, con conseguenza che l’unico sindacato che fa il suo lavoro, lo fa presente ai piani alti all’azienda e costoro sono “ costretti “ a chiudere questi corsi.

Direi che questa “ ditta” non ci esce bene come immagine, ma sono anni che non ne esce immacolata, basterebbe solo raccontare le cose come stanno, e chissà perché la domanda è sempre la stessa: “ Non ci credo, ma davvero in questa ditta dell’Irrealtà succedono queste cose? I dipendenti che fanno?”.

Per la prima domanda succedono e anche di peggio, ma questo alla prossima puntata. Per quanto riguarda la seconda, una cosa sola fanno e pure bene i dipendenti: “ Lamento, lamento , lamento e ancora lamento”, in sintesi tanta teoria ma pratica ZERO. Per pratica intendo incrociare le braccia ovviamente.

In ogni caso ancora una volta il detto: ognuno faccia il proprio lavoro è vero, ne prenda atto caro “ psicologo” lasci perdere Holmes e soci, non è in grado…per ora.

 
 
 
Successivi »
 

AREA PERSONALE

 

TAG

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Giugno 2017 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30    
 
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 90
 
 
Template creato da STELLINACADENTE20