Creato da nomadi50 il 30/12/2010

Sempre Nomadi

Nomadi & musica anni 60/70

 

PER MANTENERE LA MEMORIA FRESCA

Post n°477 pubblicato il 02 Ottobre 2020 da nomadi50

Per mantenere sempre fresca la memoria del popolo italiano , molte volte distratto ,ricordiamoci che l'evasione fiscale in Italia sottrae alle casse pubbliche 107 miliardi circa, la metà di quanto ci porterà il Recovery Fund , mentre il 93% dell'Irpef arriva dai lavoratori dipendenti e pensionati , meditate italiani .

 
 
 

NOBEL PER LA PACE

Post n°476 pubblicato il 30 Settembre 2020 da nomadi50

Il governo di Cuba tramite il Consiglio mondiale per la pace , ha ufficializzato la candidatura al Nobel per la Pace al contingente medico intervenuto in molti paesi del mondo

in tempo di pandemia .
Il contingente medico fu creato e voluto da Fidel Castro ricorda il presidente cubano Miguel Diaz Canel , " grazie a questo contingente Cuba esporta medici e non bombe " .
Cuba ha inviato finora 3.700 collaboratori raccolte in 46 brigate in 39 nazioni colpite da covid , compresa l'Italia.

 
 
 

Omaggio a RICKI MAIOCCHI

Post n°475 pubblicato il 28 Settembre 2020 da nomadi50

Ricki Maiocchi divenne famoso nel 1964 con Non dite a mia madre, cover del brano degli Animals The House of the Rising Sun e per essere stato uno dei fondatori del complesso I CAMALEONTI , è stato il frontman nel periodo beat più impegnato, con brani come Chiedi chiedi e Io lavoro, li abbandona nel 1966 , al suo posto entra Mario Lavezzi.
Si trsferisce nel Regno Unito dove incontra Ritchie Blackmore (futuro componente dei Deep Purple), all'epoca chitarrista sconosciuto, insieme al quale fonda un complesso di rock psichedelico denominato The Trip, in seguito attivo anche in Italia . Maiocchi e i The Trip si esibiscono in molti locali della scena underground londinese, persino insieme a Jimi Hendrix.
Grazie a Hendrix che Maiocchi entrò in contatto con Marianne Faithfull, allora compagna di Mick Jagger (il leader dei Rolling Stones), con cui partecipò al Festival di Sanremo 1967 con C'è chi spera, nell'edizione segnata dal tragico suicidio di Luigi Tenco

Maiocchi partecipò anche a due edizioni del Cantagiro, quelle del 1965 e del 1967, e in quest'ultima edizione conobbe la coppia Mogol-Battisti, per i quali aveva interpretato Prendi fra le mani la testa e Uno in più .

All'inizio degli anni settanta rimane coinvolto nel furto di un orologio, venendo sanzionato per incauto acquisto. A seguito di quest'episodio, viene ostracizzato dal mercato discografico e la sua carriera si interrompe bruscamente.

Il periodo d'oro di Maiocchi si esaurisce in pratica qui: a partire dagli anni settanta si ritira a vita privata .

 

Riki Maiocchi - Non Dite A Mia Madre - [Censurata - 1964]

testo crudo e subito censurato, cambiato poi nel popolare La casa del sole .

 

 
 
 

BUFALE , GOSSIP ESTIVI E LA BORSA DA 80mila EURO

Post n°474 pubblicato il 20 Agosto 2020 da nomadi50

Conte, la fidanzata Paladino e la borsa da 80mila euro: ecco la verità .

Tanto rumore per nulla. Vi ricordate la polemica montata ad arte contro la "povera" fidanzata del premier Conte Olivia Paladino, per via di una presunta borsa da 80mila euro, magari pagata con i nostri soldi, indirettamente, insinuavano i giornali di destra che avevano scatenato l'indignazione collettiva? Ebbene, non era vero niente.

La Paladino e la presunta borsa da 80mila euro
La Paladino era stata fotografata accanto a Conte con in mano una presunta lussuosissima borsa Hermès. Il modello con cui è stata immortalata la Paladino somigliava moltissimo a una Hermès "Kelly", in paglia marrone di Hermès Vintage in stile pic nic.

Il modello originale è con finiture in pelle, manico alto, chiusura frontale con battente, con dettagli super chic: lucchetto decorativo, gancio portachiavi e piedini di appoggio. Larghezza 36 cm, altezza 25 cm, profondità 13 cm. Insomma, un vero gioiello da collezione. Prezzo di listino: oltre 80mila euro.

La verità scoperta da "Chi"
A mettere a tacere l'inutile polemica è stato "Chi", il settimanale diretto da Alfonso Signorini, che avrebbe scoperto la verità. La borsa della fidanzata di Conte non è una Hermès Kelly Vintage, e non è nemmeno una Hèrmes.

Posto che la Paladino gode già di un patrimonio personale piuttosto importante, essendo manager dell'hotel del padre, proprietario del famoso Plaza a 5 stelle che domina su via del Corso a Roma, e figlia di un'attrice svedese, e che quindi il costo della borsa avrebbe anche potuto essere giustificato, non è stata pagata con i nostri soldi.

Come spiega il settimanale, "la borsetta in questione è sì di midollino e pelle, ma abbiamo scoperto che Olivia l'ha acquistata (assieme a un completo di lino e un costume da bagno) alcune settimane fa nel negozio Chance di viale Tittoni a San Felice al Circeo, pagandola 140 euro. La borsetta, esposta in vetrina, è molto differente dalla vera Kelly di Hermès sia per la chiusura, sia per la dimensione e le rifiniture e soprattutto per il costo".

 

 
 
 

Trova l'intruso

Post n°473 pubblicato il 09 Agosto 2020 da nomadi50

 

Un caro omaggio dal mio amico Francesco

 
 
 

Coronavirus, nuovo effetto collaterale

Post n°472 pubblicato il 03 Giugno 2020 da nomadi50

Uno studio italiano ha documentato il primo caso al mondo di danno alla tiroide provocato dal coronavirus .

Uno studio realizzato dagli endocrinologi dell'Università di Pisa dell'Aou pisana, pubblicato sul ‘Journal of Clinical Endocrinology and Metabolism', ha documentato il primo caso al mondo di danno alla tiroide provocato dal coronavirus. Come riporta ‘Il Messaggero', il caso riguarda una donna che ha avuto un attacco di tiroidite subacuta (una patologia infiammatoria della tiroide) subito dopo essere guarita spontaneamente dal Covid-19.

Un mese prima di ammalarsi di coronavirus, la donna aveva effettuato dei controlli alla tiroide, che era risultata perfettamente funzionante.

Il lavoro pubblicato ha come primo autore Alessandro Brancatella, medico specialista in endocrinologia e dottorando di ricerca, assieme alla biologa Debora Ricci, agli specializzandi Nicola Viola e Daniele Sgrò, a Ferruccio Santini, professore associato di endocrinologia e direttore dell'unità operativa endocrinologia 1, e a Francesco Latrofa, associato di endocrinologia.

VIRGILIO NOTIZIE | 03-06-2020

 

 

 

 
 
 

The Showmen

Post n°471 pubblicato il 31 Maggio 2020 da nomadi50

La musica del gruppo, nonostante l'impronta marcatamente "rhythm & blues", dovuta anche all'ascendenza nordamericana di Musella e Senese, si colloca su temi melodici come dimostrano i loro primi successi: rielaborazioni in chiave moderna di pezzi classici come Non si può leggere nel cuore e Un'ora sola ti vorrei.
Con quest'ultimo brano vincono il "girone B" del Cantagiro 1968.

L'anno seguente partecipano al Festival di Sanremo in coppia con Mal, con la canzone Tu sei bella come sei

Il gruppo si scioglie una prima volta nel 1970, quando Elio D'Anna forma gli Osanna e Mario Musella decide di intraprendere la carriera di cantante solista con la seguente line-up: il tastierista Silvio Iaccarino; Leonardo Palomba al sax; Enzo Avitabile e il chitarrista Carlo Manguso. Musella morirà prematuramente nel 1979, a soli 34 anni

THE SHOWMEN MARIO MUSELLA & JAMES SENESE ,storico pezzo musicale della vera anima del complesso  . 

Nel 1971 Senese, Botta e Del Prete decidono di ricomporre il gruppo con il nome Showmen 2, aggiungendo alla formazione Gianmichele Mattiuzzo (tastiere e voce), Mario Archittu (trombone e pianoforte) e Piero Alonzo (chitarra). Incidono un solo LP prima di sciogliersi definitivamente.

James Senese e Franco Del Prete in seguito daranno vita al gruppo jazz-rock Napoli Centrale.

 

 

 

 

 
 
 

David McWilliams

Post n°470 pubblicato il 24 Maggio 2020 da nomadi50

Cantautore irlandese con uno stile simile alle composizioni di Donovan .
La sua eredità musicale offre un catalogo di brani poco esplorato e apprezzato che combina influenze folk-rock e pop con tracce di psichedelia e barocco.
Melodie notevoli esaltate dal lavoro negli arrangiamenti e nella produzione di Mike Leander

Days Of Pearly Spencer , versione italia IL VOLTO DELLA VITA , cantata da Caterina Caselli

Poverty Street

Versione italiana di Poverty Street diventa FIORI NEL VENTO

Il singolo "The Days of Pearly Spencer" (con il lato b "Harlem Day") è la sua canzone più famosa e compiuta, una gemma di pop psichedelico con una melodia fenomenale e arrangiamenti di archi che intensificano il ritornello eseguito con un'indimenticabile distorsione vocale attraverso un megafono.
Anche se in questo momento è un classico degli anni '60, questa meravigliosa canzone ha ricevuto poco eco dal pubblico britannico dell'epoca, sebbene abbia ottenuto vendite considerevoli in alcuni paesi del continente europeo.

The Stranger

September Winds

David McWilliams è deceduto nel gennaio 2002. Aveva 56 anni

 

 

 
 
 

BUONA PASQUA 2020

Post n°469 pubblicato il 10 Aprile 2020 da nomadi50

sempre un caro regalo dal mio Francesco

 
 
 

omaggio del mio amico Francesco

Post n°468 pubblicato il 09 Aprile 2020 da nomadi50

 
 
 
Successivi »