Blog
Un blog creato da simurgh2 il 29/04/2010

Invidio il vento

ma anche no

 
 

AREA PERSONALE

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Maggio 2017 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31        
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 19
 

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

ALMOST BLUE-CHET BAKER

 

 

"In un mondo senza malinconia gli usignoli si metterebbero a ruttare"
(E. Cioran) 

 

Non so se quello che faccio possa chiamarsi "scrivere". Piu che altro confeziono dei brani che possano servirmi a riempire dei buchi (H. Murakami)

 

 

« Donne che mi piaccionoUn cielo di merda come f... »

Gianni Celati e la kenzia

Post n°324 pubblicato il 11 Ottobre 2011 da simurgh2
 

Gianni Celati, un uomo di foce, di fiume, di barene e di pianura è uno di quelli a cui tengo. Non tanto per un'assolutezza della sua prosa, non so come dire ma da un po seguo le sue tracce, le sue e quelle di una congrega che ne condivide una filosofia diciamo, che potrei chiamarla come quella di dar aria, di aprir finestre e balconi e far un po di corrente. Il suo punto di vista, tante volte sulle cose è quello che diciamo prende da Giacometti, da una sua citazione e che dice «Una volta andavo al Louvre e i quadri mi davano sempre l’impressione del sublime. Adesso vado al Louvre, e non posso fare a meno di guardare la gente che guarda le opere d’arte. Il sublime per me adesso sta nelle facce di quelli che guardano», ecco ma potevo cercarne anche una sua, comunque non è di lui che volevo dire ma piuttosto di un attraverso un suo libro.

 

 

 

 

 

 

  Stamattina, che qua al lavoro tengo due vetrinette di libri miei che a casa non mi stanno allora prendo in mano un libro suo. "Cinema naturale si chiama" e lo sfoglio cosi, cercando non so neanche cosa, invece ci trovo delle note qua e la. Una era questa qua sotto. Non si legge tanto bene ma è scritto:
16 / 3 / 2010
Mia madre traffica in giardino poi mi porta dentro un mazzetto di violette dicendomi -Guarda che belle. Le ho prese su per te.-

 

Ma no dai che devo prendere una citazione da questo libro. Che c'entra Giacometti?
Allora qua, pag 73 c'è questo tipo un po tonto, Da Ponte :
-...lui da ragazzo vedeva dovunque per le campagne un orbitamento pastorale infinito, dai galli sull'aia che stavano a girare intorno alle galline e le beccavano in testa per spadroneggiare come suo padre, agli agnelli che belavano ai vitelli che muggivano perchè volevano stare nell'orbita delle loro mamme come suo fratello. ai somari che l'avevano duro e avrebbero montato qualsiasi cosa, come il suo compagno idiota con la gozzuta.[..] e orbitava assieme a suo fratello che girava intorno a sua madre. Perchè doveva sempre essere la stessa attrazione nell'orbita materna che gli dava la smania di spiare la casa di notte attraverso la finestra quando suo fratello abbracciava la madre da dietro.[..] Era diventato uno spione, idiota completo con quelle idee fisse che gli facevano montar l'immaginazione. Però si preoccupava anche perchè c'erano molti litigi tra suo fratello e sua madre, com'era stessa storia prima con suo padre. Stava in casa a sorveglierli facendo finta di fare i compiti, in mezzo ai loro scatti di nervi e furie che venivano a sua madre quando il fratello le rispondeva male. Si preoccupava perchè gli sembravano come i gatti che si soffiano di rabbia prima che il gatto salti sulla gatta per montarla. Aveva paura che magari nascesse un bambino come tregua nelle loro guerre, e la in cucina facendo finta di studiare gli veniva il tremito di preoccupazione cosi forte che doveva mettersi a guardare fisso il muro per non vederli...-
Ecco, ne ho preso un pezzo.
Poi, adesso mi viene in mente che siccome piu su dico di mia madre e poi apro il libro a caso, che per me è come leggere nell'oracolo, vien fuori una storia torbida e incestuosa ecco, non vorrei si potesse pensare, ecco si, appunto

 Insomma, fatto sta che stamattina mi son fatto comprare una kenzia al mercato, che mi veniva in mente di far felice mia madre che se lo merita. Una bella kenzia da mettere in un angolo, in parte del mobile in salotto, vicino alla porta finestra. E tutto questo non perchè ho letto Celati ma perchè c'era quell'appunto in un libro suo di mia madre che mi regala le violette. Non è una cosa che fa di solito con me. Una donna riservata e vergognosa che non manifesta con me l'affetto platealmente, no. Ha "sudision" si dice qua, una sorta di timore con me, come mi temesse un po, per via che a volte son orso un po mugugnoso e irritabile. Tra me e lei un bacio a natale o ai compleanni, robe cosi. Insomma gli ho comprato questa bella kenzia, che è roba che mettono nei saloni al Quirinale, nei corridoi delle ville patrizie, un po po di pianta insomma, importante ecco. Lei è appassionata poi di piante. Me la vedo che se qualche siora va li a bere il caffè e gli dice ma che bella kenzia, lei subito, che me la vedo altera ed orgogliosa a dire "Me l'ha regalata mio figlio". Ecco, volevo dire questo.

 
 
 
Vai alla Home Page del blog
 

ULTIME VISITE AL BLOG

lancillotta0nicola.scagliusiclaudia.sognoemma01lontradelboscsimurgh2Baccio70lightdewannilinagdacuntocortedeibambiniwillielminatestipaolo40rosselladf79
 

ULTIMI COMMENTI

https://youtu.be/yYHQmjAbwXw
Inviato da: emma01
il 18/04/2017 alle 16:53
 
Indugiò, sempre qua e là muovendo - Poi timidamente Bussò...
Inviato da: lontradelbosc
il 08/04/2017 alle 21:28
 
grazie..
Inviato da: çok güzel oyunlar
il 01/12/2016 alle 20:30
 
thank you
Inviato da: çok güzel oyunlar
il 01/12/2016 alle 20:30
 
thank you
Inviato da: diyet
il 10/09/2016 alle 11:26
 
 

DARK PRESENCES

site statistics;1&autoplay=1

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

SAINKTO NAMTCHYLAK

 

I LIBRI SUL COMODINO

-Rilke - Tutte le poesie - Einaudi
-J. Franzen- Zona disagio-
-Jennifer Egan- Il tempo è un bastardo
-Tabucchi- Racconti con figure
-David F. Wallace- Tutto e di piu
-Ingo Shulze-Zeus e altre storie semplici 

 

Chi viaggia odia l'estate. L'estate appartiene al turista. Il viaggiatore viaggia da solo e non lo fa per tornare contento. Lui viaggia perchè è di mestiere. Ha scelto il mestiere di vento. (Mercanti di Liquore)