Blog
Un blog creato da simurgh2 il 29/04/2010

Invidio il vento

ma anche no

 
 

AREA PERSONALE

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Novembre 2014 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 20
 

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

ALMOST BLUE-CHET BAKER

 

 

"In un mondo senza malinconia gli usignoli si metterebbero a ruttare"
(E. Cioran) 

 

Non so se quello che faccio possa chiamarsi "scrivere". Piu che altro confeziono dei brani che possano servirmi a riempire dei buchi (H. Murakami)

 

 

« brutte rospeL'amore è un cane che v... »

Una cosa che non mi ero accorto

Post n°446 pubblicato il 07 Maggio 2012 da simurgh2
 

Trovo questo post lasciato là da tempo.
A rileggerlo ho questa idea che provenga dalle suggestioni di un romanzo.
"Cani dell'Inferno" di Daniele Benati.
L'ho cercato in camera ma non lo trovo.

 


John Zorn - Fatal Sunrise

!8/10/2011

Pensavo che qualcuno, un cane nero o uno scrittore di noir, muovesse le traiettorie di tutta quella gente che s'incrociava per perdersi un'istante dopo. Occhi che s'erano appoggiati l'un l'altro per il tempo di un battito di ciglia, il tempo breve di un pensiero neanche formulato e che si arrotolava dentro la bolla di una sensazione che potevi lasciar nell'aria o portarti dietro ancora fino a dentro un caffè, un'ufficio di assicurazioni o a casa tua chiudendogli dietro la porta e tenerla la con te. Chi era quella?
Il cane nero muove i personaggi e di colpo ti trovi a pagina 118 di un romanzo. Che ne sai? Avevo questa sensazione di trovarmi dentro a qualcosa di impreciso. Questo cane nero mi spostava da un posto all'altro, facevo delle cose che dovevano servire poi a parlar di me, scene da cui poi me ne andavo e intanto venivo spinto avanti, mentre io non sapevo niente,fino ad arrivare a qualcosa che mi avrebbe messo dentro un romanzo. 
tante volte mi è capitato di dire, leggendo, ma questo sono io, oppure questo potrei esser io. Magari ero io davvero. Che ne so? Pareva vero. Poteva essere quella specie di realismo magico e surreale in cui tante volte mi trovo a pensare attorno alle sensazioni che provo. Quel che vivo, quel che credo di star vivendo, questa somma di episodi concatenati e quasi sempre ripetitivi magari è solo una parodia di qualcosa che succede da un'altra parte. A me mi tengono fermo in questo che credo reale e invece la mia vita è in un romanzo. Ho letto storie, vite vere, racconti di persone che in poche pagine dentro c'era tutta la loro vita. La meditazione di un cogito cartesiano che riaffiora  dal pantano di una vita priva di bilanci, una vita che andava avanti col pilota automatico, priva di consapevolezza, se non della provvisorietà di ogni cosa e cosi, all'improvviso, per caso, mettiamo mentre sei davanti ad una vetrina e di colpo ti accorgi della tua immagine che riflette, beh li di colpo ti accorgi, scosso da un'improvvisa consapevolezza, ed eccoti la, che precipiti a capofitto in un'altra vita, che è sempre la tua ma di colpo è qualcos'altro, qualcosa che la sovverte, la vita tua che quella di prima non sarà piu. 
"Sto guardando un uomo" dico ad un certo punto a qualcuno che mi sta in fianco, la davanti alla vetrina. "Non mi dire" lui mi fa. "Sei un romanziere?". "No" gli dico "Sono un personaggio".
Dopo quell'istante mi accorgo di questo susseguirsi di vicende, spesso insignificanti. Adesso sono dentro, mi son detto. Devo far qualcosa. Tipo quei giocolieri che cominciano con un bastoncino e finiscono con il porre una sedia sull'altra, con tutto che traballa, ed ogni cosa diventa sempre piu fantastica perchè adesso sai di essere in un romanzo e ti senti che devi allontanarti dai tuoi ormeggi ed andare in mare aperto, partecipare ad arbitrarie costruzioni, in un gioco sofisticato.
Quello che normalmente succede è che io, ma in genere la gente, pensa di fare una cosa e invece ne fa un'altra. Tu pensi di star la a guidare la macchina, di fare le tue cose al lavoro, di fare un branzino al forno e invece no, stai facendo qualcos'altro. All'improvviso mi accorgo che ho sempre sfiorato qualcos'altro. Sarà pur capitato un po a tutti di percepire quel qualcosa di ben diverso che sta dietro alle cose che facciamo, qualcosa di diverso di quello che normalmente captiamo dalla nostra vita, ma che non sappiamo identificare.
Forse comincerò a prendermi sul serio adesso. 

La URL per il Trackback di questo messaggio è:
http://blog.libero.it/simurgh/trackback.php?msg=11287841

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
Nessun trackback

 
Commenti al Post:
emma01
emma01 il 08/05/12 alle 09:20 via WEB
invece no, non mi prenderò sul serio, non troppo almeno. e con la vaghezza di un sorriso che è più un mostrar i denti e il ricordo di un odore che ha la magia di riportarmi quarant'anni indietro continuo a mera_vegliarmi del cielo sopra la testa e della terra sotto ai piedi.
 
 
simurgh2
simurgh2 il 08/05/12 alle 11:51 via WEB
Invece no, o di chi ne fà le veci
ci si può prendere si, sul serio
cominciare almeno, di questa vaga,
trasognata inserietà, almeno agognata,
che vorrei proprio vedere vorrei,
quale vaghezza, imprecisa
nelle singolari vite di ognuno,
e quale e dove si nasconda quel potere
che, improvviso può sbalestrare qualsiasi discorso
Forse comincerò a prendermi sul serio adesso
Prendere sul serio questa storia che sono dentro un romanzo
e se sei la devi fare qualcosa perchè il romanzo
possa sembrare interessante, almeno a te
se non lo legge nessuno e partecipare ad arbitrarie costruzioni
in bilico apparentemente instabile
e da quella collezione di cose che abbiamo in testa
dove ci sta dentro un pò di tutto, cieli interi
dei prati, pioppeti, carriole, trottole, un laghetto
dei colori a pastello, caramelle alla menta, nidi di merli
ecc. ecc.
Forse comincerò a prendermi sul serio adesso
forse
 
emma01
emma01 il 08/05/12 alle 09:31 via WEB
 
 
simurgh2
simurgh2 il 08/05/12 alle 13:13 via WEB
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.
 
 

ULTIME VISITE AL BLOG

architraviboezio62matteo.fiorucciivanoamazonalexpix1975me_luis65hulassaturnorossapaolo.signoronixpaolox19670massimoliuzzo1962embrasseDIAMANTE.ARCOBALENOsamuelec.eventisagunte
 

ULTIMI COMMENTI

ottimo post http://www.onlinecasino.onweb.it
Inviato da: alexpix1975
il 26/07/2014 alle 21:17
 
thank you
Inviato da: diyetler
il 02/07/2014 alle 09:42
 
grazie!.
Inviato da: ramazan diyeti
il 02/07/2014 alle 09:41
 
giusto un anno, oggi, dalla pubblicazione di questo ultimo...
Inviato da: labirintidelcuore
il 09/03/2014 alle 17:57
 
thank you
Inviato da: diyet
il 08/01/2014 alle 20:21
 
 

DARK PRESENCES

site statistics;1&autoplay=1

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

SAINKTO NAMTCHYLAK

 

I LIBRI SUL COMODINO

-Rilke - Tutte le poesie - Einaudi
-J. Franzen- Zona disagio-
-Jennifer Egan- Il tempo è un bastardo
-Tabucchi- Racconti con figure
-David F. Wallace- Tutto e di piu
-Ingo Shulze-Zeus e altre storie semplici 

 

Chi viaggia odia l'estate. L'estate appartiene al turista. Il viaggiatore viaggia da solo e non lo fa per tornare contento. Lui viaggia perchè è di mestiere. Ha scelto il mestiere di vento. (Mercanti di Liquore)