Blog
Un blog creato da simurgh2 il 29/04/2010

Invidio il vento

ma anche no

 
 

AREA PERSONALE

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Ottobre 2014 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30 31    
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 20
 

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 

ALMOST BLUE-CHET BAKER

 

 

"In un mondo senza malinconia gli usignoli si metterebbero a ruttare"
(E. Cioran) 

 

Non so se quello che faccio possa chiamarsi "scrivere". Piu che altro confeziono dei brani che possano servirmi a riempire dei buchi (H. Murakami)

 

 

« L'Orlando Furioso stà a...Di cosa parliamo? »

Jesus blood never failed me yet

Post n°459 pubblicato il 02 Giugno 2012 da simurgh2
 

 

Il 26 Maggio, alla stazione di Mestre compro questo "Barnum" di Baricco.
Sono articoli che scrive per una rubrica sulla "Stampa"
Sfoglio le prime pagine e trovo questo titolo: "Figli di un Dio ubriaco". Sotto il titolo una citazione da Tom Waits. Parla di un disco, una canzone: "Jesus blood never failed me yet". E' anche l'unica frase ripetuta della canzone, un loop insomma.  Lo prendo per leggere anche solo questo articolo qua, ma ce ne sono altri di belli. Ne avevo già parlato, anche fatto un post QUA'.
Mi sembrava bello. Un altro modo di raccontarla.

"...fanno tenerezza queste note in alto, uncinate per un pelo e tremolanti. Ci senti tutti i denti che non ha più, il fiato corto, , e l’artrite e tutto il resto. Non c’è altro: solo la sua voce, che canta senza mai smettere lo stesso ritornello, sereno, e un po’ malinconico. Niente accompagnamento. Qualche rumore di fondo, voci lontane.
Delle parole non capisci niente. E non solo perché è inglese. Senza dentiera, con tutti quegli anni, le parole diventano fantasmi. Suoni. Ma che razza di disco è mai, ti chiedi.
[..], Scopre che quel ritornello viene da una canzone religiosa (Jesus’ blood never failed me yet), e scopre che è fatto ad anello: lo puoi ripetere all’infinito, è come una nenia interminabile. Ci lavora su per anni. 
[..]Dopo un paio di minuti senti arrivare, alle spalle del vecchietto, un’orchestra di archi, da lontano, a poco a poco, che si carica sulla sua voce, la avvolge di una coperta, per così dire, e se la porta in giro. La voce è sempre quella, ma inizia a suonare diversa. Si scalda, sotto la coperta. Ma guarda, pensi. E intanto, a poco a poco, quasi non te ne accorgi, arrivano le arpe e poi delle campane, e un coro, e delle percussioni, e poi un flauto, due clarinetti, un oboe, e le trombe, e i tromboni (piano, però, per non spaccare nulla) e perfino un organo, e una specie di gong e chissà cos’altro. La vocina del barbone continua a cucire il suo ritornello, minuscola e fragile, ma è divenuta ormai una reliquia portata in corteo, un ossicino di un santo che ti  guarda dall’alto di una processione sontuosa: al rallentatore, ondeggia e va, per le stradine della tua testa. Potrebbe anche bastare ormai – lo senti – quella musica ti ha incastrato. Ma non è ancora finita. A un certo punto, nella gran processione si fa largo un’altra voce, sembra sparata in un megafono, poi si avvicina e allora la riconosci, sarebbe impossibile non riconoscerla: Tom Waits. E chi, se non lui? Tom Waits – lo dico ai pochi che non lo sanno – è uno che canta e nella sua voce ci sono le voci di tutti i barboni ubriaconi del mondo. Non è una voce, è una discarica pubblica, è una sigaretta lunga anni, è milioni di birre e chilometri, e centinaia di amori e motel. È una delle voci più emozionanti che vi può capitare di ascoltare. E adesso arriva lì in mezzo, a duettare con quel barbone che nel frattempo è morto, ma non importa, la sua voce non si è mai più fermata, tutti e due a dondolare su quel ritornello eterno, e inarrestabile. Tom Waits. E il vecchio barbone. Figli di un Dio ubriaco. Sembra che non abbiano fatto nient’altro tutta la vita. Solo cantare insieme, tutto il tempo. E scolare birre, naturalmente.  Finisce che a poco a poco la processione si allontana, come è venuta adesso se ne va, sparisce dentro lo stereo, si lascia dietro un po’ di violini impiccati su note altissime, e brandelli di Tom Waits che sparacchiano note come sberleffi al  mondo. Il barbone se n’è già sparito. E tu lì a chiederti: chissà come si chiamava. E quando è morto, e come, e dove. E se ne sapeva altre, di canzoni così.

Da Barnum Cronache dal Grande Show, di Alessandro Baricco. Universale Economica Feltrinelli, pagine 27-29.

La URL per il Trackback di questo messaggio è:
http://blog.libero.it/simurgh/trackback.php?msg=11355217

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
Nessun trackback

 
Commenti al Post:
claudia.sogno
claudia.sogno il 02/06/12 alle 23:42 via WEB
"Tutto compiutamente
si riempie"
scriveva Luzi
la vita si trasforma in sé perpetuamente"
sembra dire:lasciami,non trattenermi,è ora
per ciò mi torna alla mente Luzi..per quel suono d'amore e dolore,di volti traverso stagioni
/informa alla sua oscura norma i vivi,/la loro intelligenza , adopra/la carità del loro soma,
sommamente è fedele a se medesima"
Jesus blood never failed me yet
"tutto I'll tempo di dio.questo voleva seneca .
io volevo una fisarmonica e un cane"
Prega con tutto l'll corpo la voce
La voce, la voce, la voce,
è &#768;solo la voce che resta
fedele perpetua
 
 
simurgh2
simurgh2 il 03/06/12 alle 11:36 via WEB
"..la vita quando d'un tratto
si volge e rovescia il destino
come fuggiasca ubriaca zigzaga
in apparente suicidio

Lei coglie della curva
lo strappo dei fari I'll binario
seguendo dello scambio I'll contrario,
alla luce come del vento
dell'aria le dice lo scambio all'amore
cosi' nel cono di buio la curva le dona la vita

Cosi la parola zigzaga e tutto compiutamente riempie. La voce è la lepre, dell'aria le dice lo scambio all'amore quel canto, che sangue non mente.
Ripetutamente
Quella canzone ti fa stare sulle adiacenze dell'umano, in qualche modo, come un'altro, ripetutamente riprende, e qui si, oltre il visibile, commuove, tende la mano e "informa, alla sua oscura norma, i vivi". Allora, una frase, una preghiera, un canto, io che manco sono credente, ecco, in queste occasioni, diventando poesia, semplice espressione che un'anima canta nella metropolitana, ti avvicina ad un dio, a qualcosa che sovrasta, ed è pur sempre l'umano che lo invoca ma potrebbe essere anche la mamma, per dire, fedele perpetua la voce - Jesus blood never failed me yet -
 
   
Utente non iscritto alla Community di Libero
zigzagando il 03/06/12 alle 15:47 via WEB

si mischia al suono l'll rumore
pulsione improvvisa degli archi i fanali
inesausta la lepre
rischiando risale un senso continuo
sincopata ti pare,eppure
è dentro e t'invade,autentica
spiazza la linea del vero
gonfia la voce tom wait, la rotazione
s'inchina come betulla,piega la nuca
disegna,una preghiera lenta del corpo
si ferma la lepre nel suono
piega nel simbolo il segno,l'asfalto
al nuovo bagliore si stende
finchè offusca la vista
allora il tempo non conta già più
e come libellule nere entra
nella bocca dei fari,a quando a quando
poi ricomincia lo scambio...
si avvicina ad un dio,zigzagando
la lepre,il barbone sparendo
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.
 
 

ULTIME VISITE AL BLOG

paolo.signoronixpaolox19670massimoliuzzo1962embrasseDIAMANTE.ARCOBALENOsamuelec.eventisagunteJuliet_HomeSertac1cazzintestaalexpix1975Libra.Mentedomo.italiamotoryachtblancahors.de.concours
 

ULTIMI COMMENTI

ottimo post http://www.onlinecasino.onweb.it
Inviato da: alexpix1975
il 26/07/2014 alle 21:17
 
thank you
Inviato da: diyetler
il 02/07/2014 alle 09:42
 
grazie!.
Inviato da: ramazan diyeti
il 02/07/2014 alle 09:41
 
giusto un anno, oggi, dalla pubblicazione di questo ultimo...
Inviato da: labirintidelcuore
il 09/03/2014 alle 17:57
 
thank you
Inviato da: diyet
il 08/01/2014 alle 20:21
 
 

DARK PRESENCES

site statistics;1&autoplay=1

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

SAINKTO NAMTCHYLAK

 

I LIBRI SUL COMODINO

-Rilke - Tutte le poesie - Einaudi
-J. Franzen- Zona disagio-
-Jennifer Egan- Il tempo è un bastardo
-Tabucchi- Racconti con figure
-David F. Wallace- Tutto e di piu
-Ingo Shulze-Zeus e altre storie semplici 

 

Chi viaggia odia l'estate. L'estate appartiene al turista. Il viaggiatore viaggia da solo e non lo fa per tornare contento. Lui viaggia perchè è di mestiere. Ha scelto il mestiere di vento. (Mercanti di Liquore)