Blog
Un blog creato da lidermax.mv il 26/10/2007

TorineggiandO

Su e giù per le Ex-Sabaude Lande

 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

AREA PERSONALE

 
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Luglio 2017 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31            
 
 

IL CIELO SU/SOPRA TORINO

 

 

milioni di scale

Post n°3703 pubblicato il 07 Febbraio 2016 da lidermax.mv

“Ho sceso, dandoti il braccio, almeno un milione di scale

 

e ora che non ci sei è il vuoto ad ogni gradino.

 

Anche così è stato breve il nostro lungo viaggio.

 

Il mio dura tuttora, né più mi occorrono

 

le coincidenze, le prenotazioni,

 

le trappole, gli scorni di chi crede

 

che la realtà sia quella che si vede.

 

Ho sceso milioni di scale dandoti il braccio

 

non già perché con quattr’occhi forse si vede di più.

 

Con te le ho scese perché sapevo che di noi due

 

le sole vere pupille, sebbene tanto offuscate,

 

erano le tue. ”     (Eugenio Montale)

È  passato  del tempo. Tanto, poco, non so.... so solo che quel palloncino non riesco ancora a lasciarlo andare.....

Cla

 

 
 
 

come un palloncino nel blu

Post n°3702 pubblicato il 16 Agosto 2015 da lidermax.mv
Foto di lidermax.mv

"Perdere il palloncino è ancora accetttabilese lo vedi librarsi nel cielo."

"Ma perdere il palloncino sotto un portico...."


Finalmente il palloncino si è liberato dai portici ed è un puntino che si confonde nel blu.

Cla

 
 
 

Flop

Post n°3701 pubblicato il 25 Giugno 2014 da lidermax.mv
 
Tag: Puah

L'Italia del Calcio a casa.

Meritatamente, eh!

D'altronde quando in campo si schierano undici giocatori

Buffon Chiellini Bonucci Barzagli De Sciglio Darmian Marchisio Verratti Pirlo Immobile Balotelli

e dieci alibi

il caldo, la stanchezza, la gioventù, l'inesperienza a livello internazionale, l'arbitro, la fallosità degli avversari, le melanzane alla parmigiana rimaste sullo stomaco, gli ufo, l'invasione delle cavallette e naturalmente gli infortunati...

non si può pretendere di andare lontano.

Per diversi motivi è gente che non ha più fame: guardate una partita dell'Honduras o dell'Algeria e vi renderete conto che i giocatori corrono come indemoniati nella speranza non vana di pescare il jolly di un ricco contratto in Europa o proprio in quell'Italia così fallimentare.

Da tifoso molto moderato sono abbastanza disgustato, da Italiano piuttosto deluso.

Perchè tutto questo non servirà a nulla.

Come al solito tiferò per una squadra debole ma simpatica che non vincerà mai ma almeno avrà partecipato dando tutto quello che aveva, divertendosi.

Non come qualcuno che invece di piazzare saldamente la coda tra le gambe ed in silenzio risalire sull'aereo, adesso accamperà scusanti o lancerà accuse.

Amen

Più di tutto invece mi preme soffermare il pensiero su quel tifoso del napoli morto stanotte in seguito alle ferite riportate in quella bellissima notte di calcio all'italiana del 3 maggio scorso, la finale di Coppa Italia.

Partendo dall'ennesima stupida morte inutile bisognerebbe cominciare a considerare il calcio per quello che è: un cancro della società. Che va estirpato velocemente.

Inutile speranza: sono già tutti lì che aspettano l'inizio del campionato nuovo...

 
 
 

# 3700

Post n°3700 pubblicato il 05 Giugno 2014 da lidermax.mv
 

Mi son detto: dai Max è il post numero 3700 e per una volta tanto devi applicarti e scrivere qualcosa di memorabile: ce la puoi fare ed è la giusta maniera di premiare chi ti ha seguito fino a qui con tanta ostinazione e pazienza.

E mi è venuta in mente una notizia che mi ha fatto pensare.

"Lunedì 2 giugno Suzi LeVine è diventata la prima ambasciatrice degli Stati Uniti (in Svizzera) a prestare giuramento usando un lettore di e-book. La LeVine ha giurato su una copia digitale della Costituzione degli Stati Uniti contenuta in un Kindle Touch, il lettore di e-book di Amazon. E non è la prima volta in assoluto in cui un lettore di e-book rimpiazza il suo predecessore cartaceo: lo scorso febbraio un gruppo di vigili del fuoco del New Jersey prestò giuramento su una versione della Bibbia per iPad, poiché nessuno riusciva a trovarne una copia cartacea; il mese prima un funzionario di Long Island aveva fatto la stessa cosa."

Quando nel 2007 cominciai a scrivere qui, già mi sembrava un mezzo sacrilegio. L'idea di mettere delle mie parole in un posto in cui non potevo toccarle o strapparle o tirarci una riga sopra mi sembrava fastidiosa. Senza contare che consideravo le mie parole a malapena degne di essere lette.

Parallelamente non concepivo l'idea di leggere qualcosa su un supporto che non fosse
a) sfogliabile e b) un'oggetto fisico.

A sette anni di distanza, a parte qualche capello bianco in più, viaggio con un kindle touch sempre nella borsa con circa 2000 titoli caricati sopra e se ho voglia di annusare l'odore della colla dei libri ne scelgo uno a caso dalla libreria di casa e me lo sniffo.

La mia calligrafia, già discutibile e mai curata, è se possibile ancora peggiorata ma almeno adesso digito a 8 dita: il che mi permette di dire le stesse scemenze ma più velocemente.

La mia riflessione di fondo è che questa rivoluzione digitale dovrebbe farci pensare di più al contenuto delle parole piuttosto che alla loro forma.

Una Bibbia elettronica è una Bibbia e le parole che contiene non perdono di valore attraverso la scomposizione in singoli byte. La Costituzione è un insieme di principi fondanti di una società che non necessita del papiro per avere un valore assoluto.

Non è questione di essere tradizionalisti o retrogradi: la ricerca deve essere orientata verso il significato delle cose che diciamo, leggiamo, scriviamo, ascoltiamo.

Solo seminando Contenuti fioriranno Idee.


 
 
 

Res Publica

Post n°3699 pubblicato il 02 Giugno 2014 da lidermax.mv
 

Oggi in stazione a Torino a prendere i miei.

Nell'atrio molta polizia, pure troppa, e molta gente in piedi e rivolta verso un gruppo di Penne Nere che spiccano in mezzo alle teste. Partono le prime note e si capisce di non essere allo stadio anche se la canzone è quella lì.

Tutti, con pudore e a mezza voce, balbettano quelle parole, alzando la voce sulle finali...desta! testa! chioma! Roma! morte! chiamò!

Un applauso prima timido poi più convinto, uno due poi tre quattro minuti e non accenna a spegnersi.

Il capobanda pennuto sorride sorpreso e capisce che non è la performance musicale che si sta applaudendo.

E' qualcosa che resiste, che non lo ammetteremo mai ma unisce, che ci identifica.

La tanto bistrattata Repubblica Italiana.

Ed in un luogo di passaggio, di partenze ed arrivi, di emigranti e migranti, di speranze tradite e rinate, Lei c'è ancora, ma zitti, per un altro anno facciamo finta di niente...

 

 
 
 
Successivi »
 
 

KINDLE ADDICTED

Oggi E-Leggo

 

ULTIME VISITE AL BLOG

neo140384il_topinoomuzzi29gioxpitomaffina288LIBERTY_GaaaaaaaaaaaeaaaaaaaqDavideSocialMarketemmi72chiaras2004esibiziantepa.ro.lepecilfranceskjnho97avv.barracchia
 

IN BACKGROUND

World Down Syndrome Day

 

IO SCARABEO E TU?

Io SCARABEO ONLINE
e mi diverto, vuoi provare?

Informati QUI

 

LA MIA VIDEOTECA

ULTIMI COMMENTI

 

CONTATTA L'AUTORE

Nickname: lidermax.mv
Se copi, violi le regole della Community Sesso: M
Età: 51
Prov: TO
 

FOTO DAL FRONTE