Creato da al.K5 il 18/11/2012

AL k5III

appunti di viaggio

 

 

« La dieta per l'AnimaPrendi i comandi »

Le stelle hanno paura dei buchi neri

Post n°7 pubblicato il 03 Gennaio 2013 da al.K5

Le stelle hanno paura dei buchi neri.

Questa è l'ultima straordinaria scoperta fatta dall' astrofisico Constantine Pellegrini che con la sua equipe ha condotto per diversi anni studi e osservazioni in merito al progetto denominato See deep black hole. Pellegrini con il potente telescopio See Far a emissione di raggi gamma, ha osservato le galassie partendo dalla nostra e spingendosi sino ai confini dell'ignoto Grazie a See Far è riuscito a vedere come le stelle temono i buchi neri e percepiscano quello che noi chiamiamo il sentimento della paura, ciò avviene come se sapessero che i buchi neri sono il “cimitero delle stelle”.

Ancora più sconcertante è quanto emerso conseguenzialmente a questa scoperta e cioè che le stelle più grandi con il passare del tempo dimenticano il pericolo buchi neri e si lasciano attrarre da loro, facendo di tutto per agevolare la loro fine a scapito del UNIVERSO LUMINOSO.

Attraverso alcuni semplici esperimenti e con alcuni esempi è possibile riprodurre in scala minore la stupefacente scoperta fatta da Pellegrini: Per dimostrare la paura innata ovvero istintiva delle stelle nei confronti dei buchi neri, bisogna prendere una piccola stella (un bimbo) che abbia massimo un anno di vita, e avvicinarla al buco nero che potremmo simulare con una qualsiasi cosa di colore nero, noi prenderemo un palloncino nero che ci è avanzato dai festeggiamenti di Halloween, avvicinandosi sempre più al palloncino il bimbo percepisce il pericolo e piangerà dalla paura.

Per quanto riguarda la seconda scoperta e cioè che le stelle più grandi tendono ad agevolare la loro fine, è facilmente riscontrabile osservando la crescita dell'essere umano e la sua predilezione verso il colore nero. Questo lo possiamo notare in particolare nell'abbigliamento o ancora più esemplificativo nel colore delle automobili dove il nero e le sfumature di grigio vanno per la maggiore.

Quindi al contrario di come si pensava esistono delle paure come quella per i buchi neri che è importante restino sempre attive (coscienti), pronte ad essere manifestate nella vita comune affinchè si vada sempre verso la luce e non si finisca attratti da un buco nero.

Nota dell'autore: L'attività di ricerca del noto astrofisico è ancora in piena attività quindi non è da escludere che quanto emerso oggi venga domani contraddetto da nuove scoperte.

AL

La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/ALk5III/trackback.php?msg=11823656

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
Nessun trackback

 
Commenti al Post:
lotus.house
lotus.house il 03/01/13 alle 14:46 via WEB
auguri:)
 
gaza64
gaza64 il 03/01/13 alle 16:53 via WEB
Non essendo una stella non sono nella condizione di poter confutare questa interessante teoria. Riguardo alla paura in generale, e secondo la mia personale esperienza, posso solo dire che è utile ad evitare un pericolo che si è già conosciuto e del quale, quindi, abbiamo già fatto esperienza. Dubito che un colore possa spaventare se non associato ad un evento traumatico, mentre sono certa del contrario...Un caro saluto a te, ricambiando con piacere i tuoi auguri di buon anno...
 
 
al.K5
al.K5 il 03/01/13 alle 18:01 via WEB
probabilmente dovrei completare il post per renderlo più concreto, se è possibile... comunque da quanto è emerso da queste ricerche si deduce che tutti gli esseri umani siano stelle che hanno già sperimentato l'esperienza buco nero e per questo appena nati e nei primi anni di vita il nero mette paura ai bambini...
 
emeraude4
emeraude4 il 03/01/13 alle 22:50 via WEB
Sì, credo che il punto di partenza, arrivati alla fine di questa (non definitiva scoperta e riflessione) sulle stelle e sulle persone, è il dato di fatto che : NOi, siamo le stelle. quelle fuori sono sono l'indizio, il sigma, il riflesso, il "simbolo" della stella che noi siamo. Noi proiettiamo lassù, le stelle. Noi siamo La Luce, solo che noi ne siamo immersi - come in un buco nero - ma se ci osserviamo da fuori - vediamo la nostra Luce. Ecco a cosa ci servono le stelle. Sembra una pazzia, ma è così, si sente dentro che è così. Grazie, Al.
 
 
al.K5
al.K5 il 04/01/13 alle 06:30 via WEB
Grazie Stella per l'onore di aver espresso quello che senti.
 
emeraude4
emeraude4 il 04/01/13 alle 09:10 via WEB
Che poi, cos'è il nero ? La somma di tutti i colori, ecco, quando ne siamo immersi, nella Luce e nelle sue Vibrazioni, ci sembra nero, ma solo perché è un pieno, una pienezza. Quindi, va rivista la nostra interpretazione di cos'è : un buco nero. Grazie ancora a te, Al.
 
gaza64
gaza64 il 10/01/13 alle 18:46 via WEB
Davvero molto interessante questa discussione...Si parla comunque di esperienze vissute precedentemente: come stelle o come bambini, come uomini o come donne, esseri umani o organismi primitivi...é un susseguirsi di esperienze dentro e fuori dal nostro mondo: proiettato o introiettato non fa differenza. La differenza è averne consapevolezza...Mi chiedo sempre quale sarà la prossima...
 
 
al.K5
al.K5 il 12/01/13 alle 23:23 via WEB
ogni esperienza è sempre quella giusta per lo stato in cui siamo. un caro saluto:)
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.
 

TAG

 

AREA PERSONALE

 

FACEBOOK

 
 

ULTIME VISITE AL BLOG

alf.cosmosKonstantynethinkwelllascrivanagaza64manuma.mcassetta2max_6_66biagiotti.anna_2010al.K5Saturniusnavighetortempohotelletiziaortebluiceee
 
 

LUI E'

IO SONO LUI 

TU SEI LUI

EGLI E' LUI

NOI SIAMO LUI

VOI SIETE LUI

ESSI SONO LUI

LUI E' IL VERBO