Creato da assurdismo il 12/01/2007

assurdismo

Blog del movimento assurdista

 

 

Ore brevi

Post n°165 pubblicato il 11 Marzo 2010 da assurdismo






E’ puro

 

Smettere parole

E invischiarle senza procedure

né contestualità emotive

Svuotarle e riappropriarcene

Dalle prime dell’uomo

Le più brevi

Vita

Mondarle dall’esiziale groviglio

Di inconsulti spasmi

Aria

E aggressioni

Acqua

Ricordando perché

Libertà

erano nate

in notti di tempi

senza bisogno di

Giustizia



 

 
 
 

Nozioni

Post n°164 pubblicato il 11 Febbraio 2010 da assurdismo

 

 

 

Condotte

 

 

per me si chiude l'amo in una perla

e si torna in ufficio

sotto la pioggia sottile

come aghi di solitudine

un sollievo e non è più

 

 

Marina Sandro

 

 
 
 

Nobili intenti

Post n°163 pubblicato il 22 Gennaio 2010 da assurdismo

 

 

 

Mobili

 

 

Di nuovo gli istanti chiedono

Armistizio agli occhi

Eppure non sapendo dove andare

Cercano un ripostiglio di luce

Capre da demanio

Sembrano le nostre voci

A richiamarci rauchi

In un bagno saturo di vapore

 

 

 

 


 

 
 
 

La Pampacacia

Post n°162 pubblicato il 09 Dicembre 2009 da assurdismo

 

 

 

 

Mi casa

 

Sul far d’un rio

Poc’oltre l’ardite pemente

Stassi il pitorsello

Indomito al vento steso

Del ritorno confusa eco

Evvensi d’acchito

Solitaria luce

Di pamapacace

E null’altro resta

 

 

 

 

 


 

 
 
 

Ob

Post n°161 pubblicato il 27 Novembre 2009 da assurdismo

 

 

 

 

M’Ordo

 

Sciocco

vento di sud

di sabbie di pensieri

e come granelli di sabbia

si insinua negli antri

della mente

a soccombere le emozioni

si moltiplicano

in ossessioni plateali

su metaportate

si accumula il grido

osceno del picchio

 

Anto Sandro

 

 

 

 

 

 


 
 
 

Come una zucca alla filante

Post n°160 pubblicato il 23 Ottobre 2009 da assurdismo

 

 

 

 

Sortilegio

 

Sottraggo minuti come anni

Alla borsa bucata

Di sorrisi svenduti accesi

Come in una piega di autunno

Senza commiserazioni

Di vino aiuti e sorprese

Mi piego da vecchio

Poco più

E sei libero come ti vedi

Ti sei visto e vedrai

Sono affari svenduti

Agli angoli ci si tocca

Girando il dentro per il fuori

 

 

Al mio fraterno amico Beppe





 

 
 
 

Se i sassi

Post n°159 pubblicato il 07 Ottobre 2009 da assurdismo




Necessario

 


adiposo lemma come note di tuba

che vuol trascinare dall'entroterra

con moniti inquieti
l'oberazione inumata da lustri

sbalzi di ottoni a basso tenore
in tempo per dissentire scuote la sala
aprendosi varchi di stupore

imberbe plaude la sonorità e

pare ciò che dice e non mantiene
ma appare ciò che svelato conviene

 

 

Fulvia Sandro

 

 

 

 

 
 
 

Colori morti

Post n°158 pubblicato il 28 Settembre 2009 da assurdismo

 

 

 

Che sia un alito a risucchiare il cielo


moniti d'argini e geli
fili inconsulti
spostano un gregge
per far corpo cieco
al dubbio schietto
fuor di camionetta due colpi
non spari non schiocchi

remano disfatte in tremore
doglie sopraffatte dai cieli spenti
covano gli assalti decisi al massacro
ma nemica dell'anima resta la paura
trafitta l'orda d'odio si apre un giogo
e risorge l'idea più affannata
d'un silenzio appassito fra le ciglia bagnate

sei tu o almeno lo eri
nei ricordi fiochi di un’estate vergognosa
quando dell’attesa si fece vendetta
e cauti insonni si riversarono
sui nostri corpi gelidi
paglia e fango a nutrir la risma
di plotoni assidui al deliquio

Decapitata la notte sulla gola
Fra Berette giocattolo a incappucciare
i secondi
Dai lombi erano le brame sfinite ad urlare
e stantie comete di lento passaggio
edulcorate scemavano
I detriti di un passato a limar le foglie
nel gelo sfigurate

 

Federica Sandro



 
 
 

Microrganica

Post n°157 pubblicato il 18 Settembre 2009 da assurdismo
Foto di assurdismo

 


 

 

 

Sunto di Scultura Microrganica

 

 

 

La scultura microrganica nasce da chi ha saputo attraversare i boschi con la passione sfrenata di poterlo fare, senza doverci sudare la pagnotta. Il movimento in nuce ha origini nel settecento, con i viaggi frenetici di artisti verso l’Italia dalle fredde regioni europee. A differenza dell’ossessiva orda di pellegrini, erano di certo ben più disposti ad osservare le venature della natura ad ogni passo, da cui nascevano poesie, quadri, a volte solo sogni tormentati. Di seguito la vicina corrente neopanteista andrà a suggerire la presenza di un dio multiforme, che impone un tributo naturalistico rispettoso e cruciale.

La scultura di allora era ben lontana dal riconoscere il primato della natura, si limitava a riprodurla al meglio. Di certo saper scolpire implica un’esperienza tecnica incredibile per gran parte delle arti, ma il fine può essere profondamente difforme; se è il bello ce ne sono esempi enormi e imperturbabili a vista d’occhio, molti con radici.

 

 

 

 

Quando la scultura microrganica nasca lo lascio a chi non è allergico agli archivi; cosa sia veramente va disambiguato.  Prima di tutto la materia su cui si lavora deve essere morta. Si tratta di pietra e legno in prevalenza, abbandonati riversi ricoperti, riscoperti durante un’escursione a piedi, non su indicazione, ma come oggetto di una estenuante ricerca fisica. Si debbono raccogliere a mano e condurre con le proprie forze verso la propria casa.

 

 

Non c’è studio per lo scultore microrganico, qualunque asse fa da base per il lavoro e gli scalpelli sono economici e rudimentali. Nessun ausilio motorizzato, solo mazzuolo e acciaio, colpi necessari. Pulitura, interpretazione della forma, critiche, sorrisetti e foto sono cose successive e futili.

 

 

In questa forma di scultura chi opera ritrova un senso in ciò che già c’è. È quindi prima di tutto un osservatore, poi un artigiano, un faticatore dedito al sudore e alla consapevolezza della sua finitezza estetica.

 

 

Sandro Fracasso

 

 

 

 

 


 

 

 

 

 
 
 

Apocrifa 5

Post n°156 pubblicato il 17 Agosto 2009 da assurdismo

 

 

 

O mellone appress u pesce fujuto

 

Ignorando ambiziose

Ipotesi sussidiarie

L’epidermide spigolata non rimargina

un furore da abbandono

Sei di chi ti sogna

Zitto

Tra donne della tua terra

Morse con forza

Labbra turgide di silenzi le tue

Affondate tra inguini glabri

Pingue di deserto

Il cerchio geme

 

 

 

 

 

 

 


 

 
 
 

A MInor

Post n°155 pubblicato il 06 Agosto 2009 da assurdismo

 

 

 

Riparo un tetto

 

 

Scardinare il giorno con il sole

mettersi in tasca
l'armonica di plastica
coperta di nuvole

Lasciandola suonare note di pioggia
a scandire col loro ritmo il tempo
resta immobile
se solo piovesse

sarebbe facile
lasciare andare
quest'ultimo drappo
Di seta rossa
attaccato solo per un lembo
alla realtà dei sogni
mentre il vento
con raffiche feroci
ne incrina la speranza

rodendolo

e nutrendosene

scirocco

labiale di bachi

e progressioni ascensionali

 

Anto Sandro






 

 
 
 

/4

Post n°154 pubblicato il 28 Luglio 2009 da assurdismo

 

 

 

Modi e mestieri

 

Fa meno male
ora alle palle

in fondo vuoi prima il tuo dolore

sei passato dal corpo
all'anima
arrivando ad ammetterne l'esistenza
pur di straziarla




 
 
 

Ipotesi collborativa /3

Post n°153 pubblicato il 29 Giugno 2009 da assurdismo

 

 

Coso

 

Mantici a stille
dispari su un letto
intrecci affilati
in seguito madidi
piaceri tronchi
puntando il piede
più lontano
s'intuisce una fuga
la sua ipotesi regge

 

 

 
 
 

Roarr

Post n°152 pubblicato il 05 Giugno 2009 da assurdismo

 

 

 

Retorica rettificata

 

avrà ragione

di quel mezzo miscuglio

di agricoltura e filosofia

che sono le orde menadiche

degli eventi a offerta libera

ma se fa bene a voi e male a lui

deve continuare comunque

gratis per gratis è proibitivo

 

 

 

 

 
 
 

NN

Post n°151 pubblicato il 04 Maggio 2009 da assurdismo









Nuvola nera

 

c'è una madre di fiumi
alla porta delle onde

che piove senza consumarsi
e non sa dove il vento
urlerà a raggiera
i suoi capelli sono radici
di liquirizia e sorgo
eppure non c'è un campo
su cui osi dormire








 

 
 
 

P

Post n°150 pubblicato il 15 Aprile 2009 da assurdismo

 

 

 

 

 

Un catino

 

talmente svelato

da permettersi un sacco di meandri
a difendere l'ovvio di nomi e cognomi
scoprendo centimetro dopo centimetro
l'anima soffocata
mettici sempre la faccia
e osserva il mondo scorrere
succede anche al campo stellato

di dover subire l'oltraggio di comete

 

 

 

 

 

 


 

 
 
 

O

Post n°149 pubblicato il 09 Aprile 2009 da assurdismo







Sezione ambulante

 

Non c'è quiete in un angolo

dove i morti nutrono agitati

 i sonni dei vivi

e il demone cartesiano

riprende nel sogno

l'ingannevole luce della verità

 

 

Simona sandro

 

 

 

 

 

 

 


 

 
 
 

O

Post n°148 pubblicato il 31 Marzo 2009 da assurdismo





 

Moni

 

 

ora di smettere

di mantenere anonimo

il rosso delle lenzuola

e il cenere dei volti

troppe incidenze mancano

di coincidere

tra voli di incudini

e pianti di foto seppia

 

 

 








 

 
 
 

P

Post n°147 pubblicato il 25 Marzo 2009 da assurdismo











Il bilancio delle giornate

 

 

 

Puzzano di morte
i loro sorrisi sono marci
le loro tavole olezzano di guasto
sono il miglior compagno

che un libro possa incontrare
eppure infelice

scosso l’albero di famiglie

erranti







 

 
 
 

S

Post n°146 pubblicato il 12 Marzo 2009 da assurdismo







Mosse instabili

 

distanziando le pause con un rigo
di lapis
aveva la sensazione

 che i suoi uomini fossero indipendenti

perchè i tratti sul foglio sono soldatini
che mettiamo in riga

e su quelle ipotesi
mormoriamo di presbiteri in sottana
e nibbi assolati si adombrano

 di nuvole sfilacciate

mentre ne mordi i confini

in guanciali di marsiglia

dal fresco odore di girasoli stellati

all'antro delicato di pieghe orientali

 trasudano sete e broccati dai riflessi cangianti

 

Alessandra Sandro









 

 
 
 
Successivi »
 

AREA PERSONALE

 

FUORI I NOMI

Si dichiarano assurdisti e pubblicano su questo blog:

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Giugno 2024 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
 
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 5
 

ULTIME VISITE AL BLOG

giulia.dellobuonoancoranottelezioni_di_MAYAenjamberPhoenix_from_MarsnavighetortempoSidneyBlueunamamma1serenazhuamb_rovigoattendere_prego2000ILFIUMEDILEIperlone1strangeskin
 

ULTIMI COMMENTI

Il nostro agire Ŕ puro nel momento in cui non lede e, non...
Inviato da: assurdismo
il 11/03/2010 alle 08:29
 
non Ŕ mai
Inviato da: assurdismo
il 11/02/2010 alle 13:33
 
i tuoi alluci adunchi
Inviato da: assurdismo
il 22/01/2010 alle 11:38
 
Orbaccio da Scalvaia
Inviato da: assurdismo
il 09/12/2009 alle 12:41
 
lascialo
Inviato da: assurdismo
il 27/11/2009 alle 11:40
 
 
 
 

© Italiaonline S.p.A. 2024Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963