Post N° 78

Post n°78 pubblicato il 17 Gennaio 2007 da esseesseuno
 
Foto di aurora.europea

La corriera della morte

Verso la metà di maggio 1945 (esattamente nella notte fra il 14 e il 15) tre camion della Pontificia Opera di Assistenza venivano dal bresciano e trasportavano verso sud reduci della R.S.I. che cercavano di rientrare a casa.
Uno veniva da Rezzato, uno da Erbusco e uno da Brescia.
Su quest'ultimo c'erano anche 15 o 16 allievi della scuola di Oderzo.
A Bondanello, però, la polizia partigiana che aveva sede nella casa del popolo di Moglia, fremò i camion (almeno due).
Il primo, proveniente da Brescia trasportava 43 persone.
Queste furono consegnate alla polizia partigiana di Concordia che ne rinchiuse 25 (pare) a Villa Medici, ribatezzata "Villa del Pianto".
Questi furono depredati di tutto e massacrati il 17 maggio.
Gli altri, due notti dopo, vennero caricati su un camion e fatti proseguire per Carpi.
Ma giunti a San Possidonio furono scaricati, condotti a gruppi nella campagna circostante, depredati, seviziati e uccisi , era la notte del 19 maggio.
Fra tanto orrore un fatto ancora piu' orrendo: fra questi poveretti c'era anche una giovane donna con marito e figlio, questi ultimi furono massacrati con gli altri.
La donna , al sesto mese di gravidanza, fu violentata da nove uomini e poi abbandonata in stato confusionale davanti un albergo di Modena.
Dalle risultanze processuali pare che gli uccisi fossero, in totale, piu' di ottanta.
Diversi responsabili furono indentificati ma, come al solito, pur essendo stati ritenuti colpevoli, beneficiarono dell'amnstia (e del minaccioso sostegno del partito comunista) e rimasero impuniti.


esseesseuno

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 

La strage di Oderzo (Treviso)

Post n°77 pubblicato il 15 Dicembre 2006 da esseesseuno
 
Foto di aurora.europea


Negli ultimi giorni di aprile del 1945, esattamente il 28, 126 giovani militi

dei Btg. "Bologna" e "Romagna" della GNR e 472 uomini della scuola
Allievi Ufficiali di Oderzo della R.I.S. (450 allievi piu' 22 ufficiali) si arresero
al C.L.N. (Comitato Liberazione Nazionale) con la promessa di avere salva la vita.
L'accordo fu sottoscritto nello studio del parroco abate mitrato Domenico Visentin, presenti il nuovo sindaco di Oderzo Plinio Fabrizio, Sergio Martin in rappresentanza del
C.L.N., il Col, Giovanni Baccarani, comandante della Scuola di Oderzo e il maggiore Amerigo Ansaloni comandante del Btg. Romagna.
Ma quando scesero i partigiani della Brigata Garibaldi "Cacciatori della pianura" comandati dal partigiano Bozambo l'accordo fu considerato carta straccia e il 30 aprile cominciarono a uccidere.
Molti furono massacrati senza pietà fra il 30 aprile e il 15 maggio.
La maggior parte, ben 113, fu uccisa al Ponte della Priula, frazione di Susegana e gettati nel Piave.
Pare si trattasse di 50 uomini del "Bologna", 23 del "Romagna", 12 della Brigata Nera, 4 della Xa MAS, e gli altri di altri reparti fra cui gli allievi della scuola.
Altri furono trucidati sul fiume Monticano.
LA BANDA DI "BOZAMBO", BOIA DI MONTANER", AL MATRIMONIO TRA ADRIANO VENEZIAN E VETTORINA, ENTRAMBI PARTIGIANI al banchetto di addio celibato di Venezian uno della banda affermo: Ti auguriamo che tu abbia ad avere dodici figli e perchè questo sia di augurio abbia ad essere consacrato domandiamo che siano uccisi, vittime di propiziazione, dodici fascisti.
Fu cosi' che la mattina del 16 maggio scelsero tredici allievi ufficiali della Scuola di Oderzo e li assassinarono nei pressi del Ponte della Priula.

"QUESTA E' UN'ALTRA FETTA DI STORIA INSABBIATA DAI VINCITORI"

DEMOCRAZIA = libertà di espressione.

esseesseuno

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 

Le stragi

Post n°76 pubblicato il 25 Novembre 2006 da esseesseuno
 
Foto di aurora.europea


I caduti del R.S.I., come al trove si è detto, assommarono a diverse decine di migliaia.

Centomila è la cifra che presumibilmente, si avvicina di piu' alla realtà.
Molti caddero furono uccisi dai partigiani in un agguato, molti i civili prelevati nelle loro case e uccisi con un colpo alla nuca.
Molti, invece, furono trucidati a guerra finita, in una serie di episodi dove l'odio e lo spirito di vendetta, ma anche il disegno preordinato dei partigiani comunisti, guidarono la mano di uomini che con ferocia bestiale infierirono su giovani soldati che, fidando nelle condizioni di resa stabilite, avevano deposto le armi nelle mani dei cosidetti Comitati di Liberazione o di bande partigiane.
Dopo qualche tempo dalla fine del conflitto (specialmente dopo il 18 aprile 1948), molti di quei crimini furono denunciati e la magistratura pronunciò anche diverse sentenze di condanna.
I responsabili della strage di Oderzo, ad esempio, nelle persone di Adriano Venezian (Biondo), Giorgio Pizzoli (GIM), Silvio Lorenzon (Bozambo), De Ros (Tigre), Diego Baratella (Jack) vennero riconosciuti colpevoli di omicidio aggravato e continuato e condannati , il 16 maggio 1953, a pene varianti dai 24 (Jack) ai 28 (TIGRE) ai 30 anni (tutti gli altri).
Ma le amnistie e gli indulti succedutesi a ritmo febbrile su pressione dei comunusti, fecero si' che i cinque dopo pochi anni vennero scarcerati e ricevuti a Botteghe Oscure con tutti gli onori da Togliatti e Pajetta.
Malgrado tutte le amnistie e tutti gli inulti, tuttavia, alcune condanne rimasero da scontare, ma il sollecito Partito Comunista di Togliatti provvide a far espatriare clandestinamente i condannati verso la Jugoslavia e la Cecoslovacchia.
Cosicchè pochissimi di quei criminali hanno espiato le loro colpe.
Ciò fu facile perchè i partigiani, anche se imputati di gravi crimini, non potevano essere arrestati.
Il Decreto Luogotendenziale 6 settembre 1946 n. 96, all'articolo 1 recitava: "...non può emesso un mandato di cattura, e se è stato emesso deve essere revocato, nei confronti di partigiani, dei patrioti e (degli altri cittadini che li abbiano aiutati) per i fatti da costoro commessi durante l'occupazione nazifascista e successivamente sino al 31 luglio 1945..."

Possimamente postero alcuni di quegli orrendi assassinii.

esseesseuno


 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 

VI PREGO....

Post n°75 pubblicato il 12 Novembre 2006 da aurora.europea

CAMERATI E NON, VI PREGO di VISUALIZZARE il contnuto del video di cui posto il link!

E' di importanza vitale per la nostra Società!

Un ringraziamento speciale a tutti i ragazzi attivissimi di Casa Pound e a coloro che portano avanti con onore questa iniziativa!!!!!!!!

SIETE DEI MITI!!!!!!!

http://www.youtube.com/watch?v=x6sHUIa03_w

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 

LARGO AI COMMENTI...

Post n°74 pubblicato il 28 Ottobre 2006 da aurora.europea
 

Notizia del 27 ottobre 2006 - 17:16Questioni di genere

 

Ovvero quale cesso in parlamento per Vladimir Luxuria?

 

Durante le elezioni la domanda aveva occupato le pagine di tutti i giornali. Quale toilette userà Vladimir Luxuria a Montecitorio se diventerà deputato? Poi la dichiarazione dell'onorevole Guadagno sull'utilizzo del bagno delle donne. Ora la polemica, è il caso di dirlo, ritorna a galla. Sembra che oggi, poco dopo pranzo, la deputata di Forza Italia Elisabetta Gardini abbia attaccato pesantemente la collega del Prc: "Sei un uomo, non puoi usare il bagno delle donne", è la frase pronunciata dalla Gardini. Frase che ha lasciato di stucco Luxuria, che racconta così l'episodio: "Come faccio da sei mesi in Parlamento, e come faccio da anni nella vita, sono andata al bagno delle donne: perché sono una trans, e perché nel bagno degli uomini sarei sicuramente più in imbarazzo, come sarebbero in imbarazzo gli uomini. E non ho mai avuto problemi. Ma oggi, dopo aver usato il bagno, ovviamente con la porta chiusa, sono uscita e ho trovato la Gardini sovraeccitata che mi ha rivolto quella frase, urlando per farsi sentire anche dagli altri, e cioè che non mi voleva piùà rivedere nel bagno delle donne". Il tutto "con una violenza verbale che mi ha molto sorpresa". Ma parla proprio la Gardini che prima di buttarsi in politica non ha trovato una identità per se stessa? Prima era conduttrice, poi giornalista, poi attrice. E poi non era lei ad avere interpretato per ben tre serie la fiction "Una donna per amico"?

tratto da: blogghissimo

Io penso che una schifezza del genere non si dovrebbe neppure commentare, perchè dal mio punto di vista c'è un totale rifiuto a riguardo di queste deviazioni. Si dice tanto "Chi è che ha votato questo marciume?"... Ricordo a tutti che questo marciume l'hanno votati in tanti se è a capo del ns. attuale Governo!!!!!!!!! (Io NO grazie a Dio non ho rimorsi in merito a questo!). Tra le schiere dei ns. rappresentanti abbiamo dei trans e dei drogati e chissà quante altre ne salteranno fuori col passare del tempo. Mi vergogno in quanto cittadina italiana di essere rappresentata da questi elementi, perchè per quanto mi riguarda non sono per niente degni di rappresentare la ns. Nazione.

Povera Italia tra una guerra e l'altra il tuo Popolo non ha ancora capito niente... e pensare che la chiamano DEMOCRAZIA...

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
« Precedenti
Successivi »
 
 

Tag

 

Archivio messaggi

 
 << Dicembre 2018 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
31            
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 5
 

Ultime visite al Blog

loner1tavolo8pantano55alessandro_rocalumnaeaustralia65rachelefantinuoliluma76zoppeangeloWars.and.Hategeremiamancinichiudi.gli.occhibob6820lorenzapatella
 

Ultimi commenti

Chi può scrivere sul blog

Tutti gli utenti registrati possono pubblicare messaggi e commenti in questo Blog.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom