Serendipity

In cerca di equilibrio e di un caldo abbraccio...

 

ULTIME VISITE AL BLOG

gianniamorehookeryerathel2Coralie.fremozionivere.mmoreno.botticchioLisbeth79Dream_HunterAmanda28Nikos64cinziadecarliluca1911Aphrodite0379lorenzo1mazara1950Primosireluca.coccetta
 
Citazioni nei Blog Amici: 97
 

 

E' molto, molto difficile mettere d'accordo cuore e cervello… Pensa che, nel mio caso, non si rivolgono nemmeno la parola.
(da "Crimini e misfatti" di W. Allen)

 

FACEBOOK

 
 

ULTIMI COMMENTI

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Luglio 2019 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31        
 
 

 

 

« MissingPrincipio d'induzione. »

Bloody

Post n°1169 pubblicato il 12 Luglio 2010 da Writer_lady

Ci sono paesi in cui le donne sono costrette a “dimostrare” la verginità.

Perché non arrivare intatte significa a priori adulterio.

In Occidente queste stesse donne si fanno ricostruire l’imene per salvarsi.

Se il sangue all’atto della penetrazione è poco, infatti, puoi essere ripudiata.

Infamata.

Reietta.

E ci sono donne che debbono augurarsi di avere le mestruazioni la prima notte di nozze, per fingere che sia il frutto della deflorazione.

Diventa prova di illibatezza ciò che in quella cultura è considerato sangue impuro.

Paradossi come il fatto che io stia scrivendo il termine “cultura” e voglia dire barbarie.

Ci sono donne prese quando hanno il ciclo, perché è il loro “dovere” di moglie.

E poi insultate perché hanno insozzato il maschio.

 

Ecco.

Atiq Rahimi lo racconta.

E io volevo a mia volta riferirlo ai signori che ogni anno mi ascoltano con attenzione e paziente gentilezza all’Università della terza età.

Ma “la dirigenza” che mi ha commissionato la conferenza mi raggiunge via telefono.

“E’ un po’ forte. Non adatto al nostro pubblico. Ci abbiamo ripensato.”

“Perché – chiedo io disgustata - perché è vero?”

Commenti al Post:
socionica
socionica il 12/07/10 alle 20:21 via WEB
Condivido il tuo disgusto Stefy...le verità fanno paura...ma la dirigenza non ha preso in considerazione che tra i gentili signori che frequentano l'università della terza età, ci porebbero esser menti piùà fresche ed aperte delle loro????
Buon a serata...un abbraccio**
 
 
Writer_lady
Writer_lady il 12/07/10 alle 20:27 via WEB
E' proprio questo il punto. Hai colpito l'ammiraglia :) Ciao Chiara!
 
LuceNera0
LuceNera0 il 12/07/10 alle 20:37 via WEB
Si. Perchè è vero.
 
 
Writer_lady
Writer_lady il 12/07/10 alle 20:44 via WEB
...
 
fatastrega2
fatastrega2 il 12/07/10 alle 21:01 via WEB
La verità non la vuole ascoltare nessuno Lady...fà male!!!buona serata :))Angela
 
 
Writer_lady
Writer_lady il 12/07/10 alle 21:06 via WEB
E si può vivere di menzogne sempre?
 
blu_dada
blu_dada il 12/07/10 alle 21:03 via WEB
:( Sono disgustata anch'io. Non ci sono parole. Sappiamo...
 
blu_dada
blu_dada il 12/07/10 alle 21:04 via WEB
Dimenticavo questo: TI ABBRACCIO FORTISSIMO! :)
 
 
Writer_lady
Writer_lady il 12/07/10 alle 21:05 via WEB
Dada...il tuo abbraccio è sempre forte. Soprattutto fuori di qui. Perché è vero. E io l'ho sentito sul serio nei momenti del bisogno. :)
 
   
blu_dada
blu_dada il 13/07/10 alle 16:37 via WEB
Io ci sono... punto. :)
 
     
Writer_lady
Writer_lady il 13/07/10 alle 19:45 via WEB
E io ti ringrazio :))
 
Lisbeth79
Lisbeth79 il 12/07/10 alle 21:22 via WEB
E certo! la verità è scomoda. Meglio allontanarla perch è le cose brutte accadono solo agli altri e non ci riguardano: ecco la loro filosofia di vita. Complimenti. Non ho parole, Stef! un abbraccione.
 
 
Writer_lady
Writer_lady il 13/07/10 alle 08:18 via WEB
Quanto è vero Angie! C'è un'assuefazione da orrore e da delusione che nasce dal troppo...
 
mpt2003
mpt2003 il 12/07/10 alle 22:37 via WEB
eheh...ricordi? ad un certo punto la protagonista del libro dice al suo uomo "non ho mai capito perchè per voi uomini l'orgoglio sia così legato al sangue"...tu a quei gagliardi e tosti signori volevi sbattere in faccia la verità cioè che si sentono potenti solo facendo male?..sempre il potere maschile è andato avanti con il sangue e il sopruso e il potere....inutile negarlo, è brutto dirlo ma troppo spesso i maschi ragionano con altro che non è il cervello....che sappiano usare(più o meno bene) solo quello?:)
 
 
Writer_lady
Writer_lady il 13/07/10 alle 08:12 via WEB
Quella frase ha colpito tantissinmo anche me!!!!
 
Cindyli
Cindyli il 13/07/10 alle 00:57 via WEB
Tanti anni fa ( e forse nemmeno così tanti) era così anche da noi. La mattina successiva alla notte di nozze, si doveva esporre al balcone il lenzuolo " sporco" di sangue,a dimostrazione dell'avvenuta deflorazione. Tutti dovevano vedere per poi congratularsi con il novello sposo... Forse la dirigenza ha retaggi ancora troppo vicini. Un bacio...notte!
 
 
Writer_lady
Writer_lady il 13/07/10 alle 08:12 via WEB
Il che significa che i ruoli sono una cosa e l'ignoranza un'altra. I ruoli (vd. tuo post) li difendo anche io. L'ignoranza no.
 
   
Cindyli
Cindyli il 13/07/10 alle 21:09 via WEB
Sono daccordo con te, l'ignoranza, soprattutto quella travestita da cultura, è una delle maschere più tristi del nostro tempo. Buona serata ^_^
 
Nickolas10gen2006
Nickolas10gen2006 il 13/07/10 alle 07:09 via WEB
Leggevo i commenti e mi domandavo Atiq Rahimi, l'autore, è un uomo? E la "dirigenza" dell'Ute che ti ha telefonato è un uomo?
Leggo un libro dove un'intera popolazione è colpita da una cecità inspiegabile. Leggendo mi accorgo che tutti i ciechi hanno un "fattore" che li accomuna: la paura. La paura rende ciechi. La cecità produce egoismo, crudeltà, degradazione, abbrutimento. ("cecità" Saramago)
Al di là della logica del denaro (si poteva escludere eventualmente un altro libro), siamo certi la "dirigenza", o se preferisci gli italiani, non siano colpiti da una epidemia?
 
 
Writer_lady
Writer_lady il 13/07/10 alle 08:11 via WEB
La "dirigenza" è composta da donne. Questo per me è davvero deludente. Si ripongono speranze nelle persone e loro poi ci deludono. Magari accade anche a noi di essere fonte di delusione per loro, chissà. Ma se da qualcuno speravo aiuto per parlare di donne...erano le donne! Buona giornata Nick...:)
 
Red_Lady
Red_Lady il 13/07/10 alle 08:51 via WEB
Le grandi religioni che coprono qualche miliardo di persone nel mondo sono maestre di discriminazione riguardo le donne, anche quella cattolica, non dimentichiamolo, impediscono rabbini, preti o imam donna, coprono la testa delle donne in chiesa, coprono il viso, se non addirittura il corpo, perché la donna (ecco il velo in testa) è origine del peccato e portatrice dello stesso, dalla cacciata dall’Eden a sempre. Se si accettano queste cose come fossero normali, se ancora oggi c’è gente che pensa che il delitto d’onore esiste nei fatti ( di ogni giorno! ) anche se non è più nel Codice, come stupirsi se si cerca di censurare chiunque abbia voglia di entrare culturalmente nei problemi, nei drammi, nelle tragedie che riguardano le donne di ogni latitudine? 100 donne morte l'anno nel mondo e piu' di tre al giorno in Italia per mano assassina di chi almeno una volta ha detto loro di amarle. Per fortuna. Ciao Stef, ti abbraccio tanto..:*
 
 
Writer_lady
Writer_lady il 13/07/10 alle 09:23 via WEB
Quello che dici è talmente vero che osservo che l'Università per cuio lavoro è di matrice cattolica. E come vedi copre esattamente come altre religioni. La religione diventa apparato e politica nel senso deteriore del termine. Non è questione di Islam o Cristianesimo. Io, per me, sono deista alla Voltaire. E l'omertà sulle violenze alle donne, come osservate tu e Nick, qui in Italia sta diventando norma...
 
   
Red_Lady
Red_Lady il 13/07/10 alle 09:31 via WEB
Mentre scriviamo è avvenuto l'ennesimo delitto passionale(...), ormai è cadenza giornaliera.
 
     
Writer_lady
Writer_lady il 13/07/10 alle 19:45 via WEB
Ho letto :(
 
fatastrega2
fatastrega2 il 13/07/10 alle 10:29 via WEB
No cara con la menzogna non si vive si muore dentro....buon giorno Lady:)Angela
 
 
Writer_lady
Writer_lady il 13/07/10 alle 19:45 via WEB
Buona serata Angela cara...
 
Zero.elevato.a.Zero
Zero.elevato.a.Zero il 13/07/10 alle 11:36 via WEB
Io mi chiedo, me lo chiedo sinceramente, è possibile che una cultura possa influire talmente sulla visione di un essere umano al punto di fargli apprezzare mancanza di libertà ed umiliazione quotidiana come strumenti necessari? Per mia natura direi che accettare volontariamente un regime di ristrettezze, come nella vita militare o nella clausura monacale è una libera scelta, che potrei anche non condividere, ma che merita rispetto per l’espressione di una volontà individuale. In questo caso però, si tratta di creature che cercano di eludere un mondo con delle regole che non hanno scelto loro, di evadere da una prigione fatta di archetipi e privilegi con un paludamento di religione (ma il Corano a leggerlo bene non ne parla in questi termini).
Un’altra cosa mi perplime, non vorrei che lo sbandieramento di uno stato laico consenta dietro l’equanime rispetto di religioni e di costumi l’oltraggio ai dettati costituzionali che sono un enunciato di libertà. È necessario un aiuto attivo e cosciente della collettività alle giovani donne musulmane che vivono la realtà italiana, che pure non è il paradiso, quando tentano l’affrancamento da un padre padrone o da un marito schiavista. Mi domando come possano nazioni che accettano queste tradizioni (pur consapevole che il delitto d’onore è scomparso dal nostro codice solo nel vicino 1981) chiedere di fare parte dell’Europa.
La verginità, come molte altre cose, è il simbolo di una paura maschile, forse sarebbe bene dare un nome a questa paura per comprenderla e ridicolizzare il senso di questa aberrazione. È in fondo il timore del confronto e della mancata possibilità di sentirsi, in quanto unico, l’uomo migliore e l’amante più capace, senza capire che quello che lega l’amore è il sentimento, che una coppia resta assieme per una scelta condivisa, oppure consapevolmente slega questo nodo per una decisione personale, non per il capestro di una legge o di una tradizione.
Ho sempre in mente la formula del matrimonio che ho pronunciato, la quale contiene una promessa vicina all’impossibile, ma non per questo da tentare di mantenere con tutte le forze, con una frase che dice: “per amarti ed onorarti ogni giorno della mia vita”. Ma anche sposarsi è una scelta e non un obbligo di legge.
 
 
Writer_lady
Writer_lady il 13/07/10 alle 19:49 via WEB
Chi chiede di far parte lo fa in nome dell'economia, non di una tradizione, ahimé. L'onorare...quanti, anche della nostra cultura lo fanno? Anche solo con un convivente? Sono d'accordo con te: è il sentimento l'unico vero nodo. E ogni altro vincolo che divenga obbligo è solo capestro. Grazie Max...un'analisi che mi ha commossa.
 
Red_Lady
Red_Lady il 13/07/10 alle 11:44 via WEB
Basta molto meno di una cultura ( e subcultura ) e delle religioni per stravolgere la capacità di ragionare nelle teste della gente, sono bastati 15 anni di bombardamento mediatico per deformare questo paese, per far diventare giusto quello che è sbagliato e viceversa. Sono millenni che la gente crede alle favole raccontate in nome e per conto di qualcuno che nessuno ha mai visto né sentito parlare. E ci crede, è questo il vero dramma.
 
 
Writer_lady
Writer_lady il 13/07/10 alle 19:50 via WEB
E' stato un lavoro lento e meticoloso di condizionamento. Così lontano e impeccabile nel tempo che è come un processo di mitridizzazione...
 
   
Red_Lady
Red_Lady il 13/07/10 alle 23:41 via WEB
Ecco, esatto, 'notte Stef..:*
 
     
Writer_lady
Writer_lady il 14/07/10 alle 08:50 via WEB
'giorno Red...
 
lujeky
lujeky il 13/07/10 alle 13:08 via WEB
La cosa ridicola è che lo spacciano per multiculturalismo....
 
 
Writer_lady
Writer_lady il 13/07/10 alle 19:50 via WEB
Chi?
 
mpt2003
mpt2003 il 13/07/10 alle 22:22 via WEB
quello che a me ha colpito di quella donna è come subisca il mondo maschile, ma come appena le si presenta la possibilità di aggirarlo, non ci pensi un attimo a farlo, quasi che nelle donne non ci sia supina sottomissione al dettame maschile, quindi vuol dire che la testa delle donne gli uomini non la dominano e che basta un niente per essere ingannati....questo è indubbiamente ancora più doloroso, però fa ben sperare, perchè se le donne subiscono ma non condividono, basta dargli una leva e la mentalità viene divelta....:))'notte. mp
 
 
Writer_lady
Writer_lady il 14/07/10 alle 08:49 via WEB
In certi casi la paura diventa accettazione. Impotenza. Poi magari la disperazione diventa coraggio. Ciao Mp. Ora leggo "Rosso come una sposa"...:)
 
   
mpt2003
mpt2003 il 14/07/10 alle 11:24 via WEB
Letto!!! bello davvero!...
 
     
Writer_lady
Writer_lady il 14/07/10 alle 11:38 via WEB
Sai che l'autrice a Settembre viene a Pordenonelegge? Dici che vale la pena allora? Speriamo...
 
     
mpt2003
mpt2003 il 14/07/10 alle 12:04 via WEB
A me è piaciuto...:)
 
Dream_Hunter
Dream_Hunter il 14/07/10 alle 00:07 via WEB
Se avessi tenuto una conferenza sulle intercettazioni o su come i nostri politici si affannano a rubare forse non ci sarebbero stati veti. Questo è paradossalmente "accettato" e fa parte della nostra cultura ormai!!! Dire come stanno in realtà le cose denunciando la barbarie di certi atteggiamenti "protetti" da retaggi millenari non è ammesso: è troppo forte!!! Non mi va di aggiungere altro per non alimentare il mio senso di disgusto verso queste persone incapaci di "smuovere" la staticità della normalità. Un abbraccio intenso per una notte serena. Ciao, Pietro :D
 
 
Writer_lady
Writer_lady il 14/07/10 alle 08:48 via WEB
Temo ci sarebbero stati anche in quel caso, invece. :( Ciao Pietro. Buon rientro a lavoro...
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.
 
 
 

INFO


Un blog di: Writer_lady
Data di creazione: 06/11/2007