**TEST**

CONTROSCENA

Il teatro visto da Enrico Fiore

 

AREA PERSONALE

 

TAG

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Febbraio 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29  
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 3
 

 

« Hrabal, oltre la superbi...La vita è sogno - 1 »

Un Pirandello tra farsa e musical

Post n°521 pubblicato il 29 Gennaio 2012 da arieleO
 

Dunque, Mariano Rigillo, nei panni di Sampognetta, è fra i protagonisti dell'allestimento di «Questa sera si recita a soggetto» di Pirandello in scena al Diana per la regia del giovane Ferdinando Ceriani, l'assistente di Scaparro. E qualcuno dei soloni che presiedono al teatro di oggi me lo vuol dire come faccio a dimenticare che nell'anno di grazia 1987 Rigillo, nei panni di Hinkfuss, fu tra i protagonisti, sempre al Diana, dell'allestimento di «Questa sera si recita a soggetto» per la regia di un signore che si chiamava Giuseppe Patroni Griffi?
   Dopo «Sei personaggi in cerca d'autore» e «Ciascuno a suo modo», «Questa sera si recita a soggetto» è il momento riepilogativo della trilogia del «teatro nel teatro». E con particolare risalto vi si accampano, perciò, lo scambio e lo scontro continui fra la realtà e la finzione, tra la forma (sotto specie del testo teatrale in sé) e la vita (sotto specie della messinscena). E puntualmente arriva, la vita, a contraddire e, infine, a distruggere quella forma. È per questo che il cuore di Mommina si ferma mentre lei sta cantando per le sue due bambine «Ah! che la morte ognora / è tarda nel venir» dal «Trovatore»: mentre, cioè, sta rifugiandosi, contro l'imprevedibilità della vita, nella forma codificata per antonomasia, giusto il melodramma.
   Patroni Griffi sottolineava tutto questo con l'invenzione acutissima delle due bambine che, freneticamente, applaudivano la mamma morta credendo che stesse ancora recitando. Ceriani, invece, riduce le due bambine a una e s'inventa una Mommina che non canta, e muore, sì, ma subito dopo, nel risuscitare come Prima Attrice, pronuncia una battuta dei «Sei personaggi». E quel contesto da musical farsesco, con Hinkfuss (figuriamoci, il portavoce di Pirandello!) che di tanto in tanto, ad opera di Ruben, il figlio di Rigillo, si mette a suonare la tromba? E la Signora Ignazia che dice «Somarici» invece di Pomarici?
   Basta così, via. Non resta che annotare lo stile e la maestria tecnica come al solito messi in campo da Mariano Rigillo. E convince, al suo fianco, anche Anna Teresa Rossini nel ruolo della Signora Ignazia. Quel che rimane è francamente da dimenticare.

                                                           Enrico Fiore

("Il Mattino", 23 gennaio 2012)

 
 
 
Vai alla Home Page del blog
 
 

INFO


Un blog di: arieleO
Data di creazione: 16/02/2008
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

giugnolifabrizioherzwehrasc.ferraracomp.robyelena.licausiokgirlgiuseppina.farinaparenteartesonia.riccomedeur2010MrFantastic70puelkerollie0napoli776studiolegalegritti
 

ULTIMI COMMENTI

solo tu beppe puoi interpretare questi personaggi...
Inviato da: roberto
il 11/12/2013 alle 16:45
 
Cara Floriana, anche per me è stato un piacere incontrarLa....
Inviato da: arieleO
il 12/11/2013 alle 09:39
 
Caro Maestro Fiore, condivido ( per quello che vale) la...
Inviato da: floriana
il 11/11/2013 alle 19:40
 
Cara Francesca, innanzitutto la ringrazio per...
Inviato da: Federico Vacalebre
il 16/10/2013 alle 17:14
 
Gentile Francesca, credo che nessuno possa risponderLe...
Inviato da: arieleO
il 16/10/2013 alle 17:10
 
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom