CONTROSCENA

Il teatro visto da Enrico Fiore

 

AREA PERSONALE

 

TAG

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Settembre 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30        
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 3
 

 

« Beckett, un respiro sul ...Se la purga di Bebé la b... »

Gioco di specchi tra Modugno e Fiorello

Post n°761 pubblicato il 10 Dicembre 2013 da arieleO
 

Appena si apre il sipario, parte il racconto del tipo strano che s'aggirava intorno a casa sua e che, dicevano, di notte si trasformava in lupo mannaro. Comunque fosse, un giorno regalò, a lui piccolino, un vecchio disco di Domenico Modugno. E si capisce subito, dunque, quali sono gli scopi, le forme e i contenuti di «Penso che un sogno così...», lo spettacolo che Giuseppe Fiorello ha scritto insieme con Vittorio Moroni e adesso presenta al Diana.
   Si tratta, in breve, di «un avventuroso gioco di specchi», come lo stesso Fiorello efficacemente l'ha definito: nel senso che qui s'intrecciano l'autobiografia del protagonista, calata dalla regia di Giampiero Solari e dalle scene di Patrizia Bocconi nell'atmosfera un po' favolistica indotta dalla piena dei ricordi, e la vicenda umana e artistica del Mimmo nazionale, dal primo lavoro (presso un gommista di Torino che prima lo sfruttò e poi lo pagò soltanto con quattro copertoni) al trionfo conquistato con la mitica canzone di cui nel titolo.
   Il «trait d'union» fra le due dimensioni è costituito dal personaggio del padre di Fiorello, che, ovviamente, era uno sfegatato ammiratore di Modugno, ne conosceva una per una tutte le canzoni e non faceva altro che cantarle, in ogni momento della giornata e a qualsiasi occupazione fosse in quel momento dedito, a cominciare, non meno ovviamente, dalla guida dell'automobile.
   Ci si offre, così, una nutritissima antologia dei brani del cantautore nazionalpopolare per antonomasia, da quelli poco noti (tipo «Malarazza» o «Lu salinaru») ai notissimi e addirittura proverbiali «Amara terra mia», «Resta cu mme», «Io, mammeta e tu», «Tu si' 'na cosa grande», «Piove» e «Vecchio frac», passando, manco a dirlo, per «Nel blu dipinto di blu» e per «Che cosa sono le nuvole?», la canzone cofirmata da Pasolini e corredata nella circostanza delle immagini di Totò e Ninetto Davoli tratte dal film omonimo.
   Qua e là gli accenni a taluni capitali avvenimenti pubblici, dalla tragedia di Marcinelle al sogno/incubo rappresentato dall'Ilva di Taranto, ovvero il benessere mischiato con l'avvelenamento. E la rievocazione di «Volare», la miniserie di Raiuno sulla «grande storia di Domenico Modugno» interpretata dallo stesso Giuseppe Fiorello.
   Non resta, allora, che annotare la bravura e la simpatia che il mattatore dispensa a piene mani nello spettacolo. E altrettanto meritevoli risultano i chitarristi che lo accompagnano, Daniele Bonaviri e Fabrizio Palma. Applausi per tutti.

                                                   Enrico Fiore

(«Il Mattino», 10 dicembre 2013)

La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/Controscena/trackback.php?msg=12553431

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
Nessun trackback

 
Commenti al Post:
Utente non iscritto alla Community di Libero
roberto il 11/12/13 alle 16:45 via WEB
solo tu beppe puoi interpretare questi personaggi "unici". sei fantastico. un caro saluto da un tuo fans. roberto
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.
 
 
 

INFO


Un blog di: arieleO
Data di creazione: 16/02/2008
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

defranceschi.chrisasc.ferraraasdiwalgiugnolifabrizioherzwehrcomp.robyelena.licausiokgirlgiuseppina.farinaparenteartesonia.riccomedeur2010MrFantastic70puelkerollie0
 

ULTIMI COMMENTI

solo tu beppe puoi interpretare questi personaggi...
Inviato da: roberto
il 11/12/2013 alle 16:45
 
Cara Floriana, anche per me è stato un piacere incontrarLa....
Inviato da: arieleO
il 12/11/2013 alle 09:39
 
Caro Maestro Fiore, condivido ( per quello che vale) la...
Inviato da: floriana
il 11/11/2013 alle 19:40
 
Cara Francesca, innanzitutto la ringrazio per...
Inviato da: Federico Vacalebre
il 16/10/2013 alle 17:14
 
Gentile Francesca, credo che nessuno possa risponderLe...
Inviato da: arieleO
il 16/10/2013 alle 17:10
 
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom