CONTROSCENA

Il teatro visto da Enrico Fiore

 

AREA PERSONALE

 

TAG

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Ottobre 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31  
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 3
 

 

« Pirandello, cercasi il regista"L'opera da tre soldi... »

La gemella salentina di Bocca di Rosa

Post n°526 pubblicato il 15 Febbraio 2012 da arieleO
 

Bocca di Rosa, quella che «metteva l'amore sopra ogni cosa», non è comparsa soltanto dalle parti di De André. Adesso, per esempio, ne incontriamo un'altra, una sua sorella gemella che si chiama proprio Rosa e si aggira all'Elicantropo, nello spettacolo «Iancu, un paese vuol dire» presentato dai Cantieri Teatrali Koreja.
   La frase monca del titolo si completa nella battuta, più volte ripetuta, «Un paese vuol dire non essere soli». E il bianco totale indotto dalla regia di Salvatore Tramacere (bianco lo spazio scenico, bianco il costume dell'interprete, bianca la sedia su cui sta seduto dall'inizio alla fine) allude, insieme, all'innocenza della visione e alla morte, simbolicamente richiamata, nei rituali della tradizione contadina, per l'appunto da quel colore.
   Infatti, il testo, di Francesco Niccolini e Fabrizio Saccomanno, rievoca (attraverso i personaggi popolari di Tuglie, in provincia di Lecce) «un sud che oggi non c'è più, piazze e comunità che si sono svuotate e si sono imbarbarite, o sono state svendute». E quest'amara constatazione degli autori determina uno spettacolo che si colloca, di conseguenza, fra la storia e il mito, fra la cronaca e l'invenzione, fra la quotidianità e il sogno.
   Spicca, fra i personaggi citati, giusto quello di Rosa Parata, una prostituta che, durante la seconda guerra mondiale, salva le altre donne del paese dalla violenza dei soldati polacchi. E a far da catalizzatore del predetto scarto fra la quotidianità e il sogno interviene - nel prosieguo di una rappresentazione straordinariamente vivace, e sempre sospesa fra il drammatico e il comico - nientemeno che Graziano Mesina, fuggito dal carcere di Lecce e del cui essersi nascosto proprio lì a Tuglie tutti, bambini compresi, favoleggiano.
   In definitiva, uno spettacolo a metà fra l'«Antologia di Spoon River» e il cunto siciliano, a cui, del resto, riportano le affinità fra il dialetto salentino qui adottato e quello di Catania. E splendida, come ulteriore suggello di un'operazione ad un tempo raffinata e coinvolgente, è la prova attorale dello stesso Fabrizio Saccomanno. Assolutamente da vedere.

                                             Enrico Fiore

(«Il Mattino», 15 gennaio 2012)

 
 
 
Vai alla Home Page del blog
 
 

INFO


Un blog di: arieleO
Data di creazione: 16/02/2008
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

defranceschi.chrisasc.ferraraasdiwalgiugnolifabrizioherzwehrcomp.robyelena.licausiokgirlgiuseppina.farinaparenteartesonia.riccomedeur2010MrFantastic70puelkerollie0
 

ULTIMI COMMENTI

solo tu beppe puoi interpretare questi personaggi...
Inviato da: roberto
il 11/12/2013 alle 16:45
 
Cara Floriana, anche per me è stato un piacere incontrarLa....
Inviato da: arieleO
il 12/11/2013 alle 09:39
 
Caro Maestro Fiore, condivido ( per quello che vale) la...
Inviato da: floriana
il 11/11/2013 alle 19:40
 
Cara Francesca, innanzitutto la ringrazio per...
Inviato da: Federico Vacalebre
il 16/10/2013 alle 17:14
 
Gentile Francesca, credo che nessuno possa risponderLe...
Inviato da: arieleO
il 16/10/2013 alle 17:10
 
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom