CONTROSCENA

Il teatro visto da Enrico Fiore

 

AREA PERSONALE

 

TAG

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Luglio 2019 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31        
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 3
 

 

« Addio a Cobelli il dissacratoreLa moglie, il marito e l... »

Dedica di Moscato al fratello Salvio

Post n°563 pubblicato il 17 Marzo 2012 da arieleO
 

«Di tanti / che mi corrispondevano / non è rimasto / neppure tanto / Ma nel cuore / nessuna croce manca / È il mio cuore / il paese più straziato». Sì, davvero Enzo Moscato potrebbe farli suoi, quei versi di Ungaretti. Dopo aver aperto la stagione del Nuovo con la riproposta di «Compleanno», lo spettacolo in memoria di Ruccello, adesso presenta al San Ferdinando una riproposta di «Ritornanti» che - giusto il sottotitolo «Parole da un non luogo» - si rivela come una commossa dedica al fratello Salvio, morto esattamente un anno fa.
   Per la cronaca, gli attori in campo (lo stesso Moscato, Cristina Donadio e Giuseppe Affinito) interpretano, rispettivamente, «Spiritilli», «Cartesiana» e appunto «Parole da un non luogo», il testo composto per l'occasione; «Little Peach»; «Rondò». Ma i momenti alti (e, s'intende, più emozionanti) sono quelli in cui sulla pantomima di Carlo Guitto, che imita gesti e movimenti dello scomparso, s'innesta la voce registrata di Salvio che recita brani di «Kinder-Traum Seminar» e «Magnificenza del Terrore».
   Tra le sagome che riprendono dalle edicole dei vicoli l'immagine tipica delle anime del Purgatorio, ne compare una nuda che a poco a poco viene rivestita e accoglie, ai suoi piedi, la chitarra di Salvio. È l'equivalente della sedia vuota che compariva in «Compleanno». E come in «Compleanno» Enzo Moscato quasi abbracciava, da dietro, quella sedia, così, adesso, si abbandona a una danza lieve intorno a quella sagoma, sussurrando una trasognata «Palummella».
   Si determina, dunque, la koinè fra i vivi e i morti che già spasimava in «Co'Stell'Azioni». E penso che il sottotitolo di questo «Ritornanti» richiama la definizione del teatro che spesso mi ripeteva Carmelo Bene: «È il non luogo del nostro buio». Perché questo fa talvolta il teatro: trasforma il passato in un eterno presente.

                                                  Enrico Fiore

(«Il Mattino», 17 marzo 2012)

 
 
 
Vai alla Home Page del blog
 
 

INFO


Un blog di: arieleO
Data di creazione: 16/02/2008
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

comp.robyelena.licausiokgirlasc.ferraragiuseppina.farinaparenteartesonia.riccomedeur2010MrFantastic70puelkerollie0napoli776studiolegalegrittirino.alfieripinolacine
 

ULTIMI COMMENTI

solo tu beppe puoi interpretare questi personaggi...
Inviato da: roberto
il 11/12/2013 alle 16:45
 
Cara Floriana, anche per me è stato un piacere incontrarLa....
Inviato da: arieleO
il 12/11/2013 alle 09:39
 
Caro Maestro Fiore, condivido ( per quello che vale) la...
Inviato da: floriana
il 11/11/2013 alle 19:40
 
Cara Francesca, innanzitutto la ringrazio per...
Inviato da: Federico Vacalebre
il 16/10/2013 alle 17:14
 
Gentile Francesca, credo che nessuno possa risponderLe...
Inviato da: arieleO
il 16/10/2013 alle 17:10
 
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom