CONTROSCENA

Il teatro visto da Enrico Fiore

 

AREA PERSONALE

 

TAG

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Settembre 2021 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28 29 30      
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 3
 

 

« Omaggio a Napoli fra la ...Leopardi, Martone e l'e... »

Eduardo in forma di sceneggiato

Post n°578 pubblicato il 03 Maggio 2012 da arieleO
 

Credo che non vi possano essere dubbi. «Sabato, domenica e lunedì» - la commedia che l'altra sera ha chiuso su Raiuno con un successo di ascolti, quasi cinque milioni, e il 20 per cento di share il ciclo eduardiano affidato a Massimo Ranieri nella triplice veste di regista (con Franza Di Rosa), protagonista e traduttore-adattatore (con Gualtiero Peirce) dei testi - costituisce il logico seguito di «Napoli milionaria!»: basterebbe considerare la straordinaria somiglianza stabilita dalla battuta della cameriera Virginia tra suo fratello Michele e Gennaro Jovine.
   Del resto, badiamo, in proposito, all'anno, il 1959, in cui la commedia in questione fu scritta: si profilavano all'orizzonte il famigerato «boom» economico e un benessere troppo in fretta (e spesso disinvoltamente o addirittura disonestamente) raggiunto. E in breve, il tema dei rapporti ormai avvelenati fra i coniugi Peppino e Rosa Priore sembra dichiarare che la «nottata» non è ancora passata. Di modo che il famoso ragù - autentico filo conduttore del plot - si pone come simbolo e, di più, come metafora: simbolo dell'epoca nella quale la famiglia era un valore e metafora di un'usanza rituale che diventa (proprio come la Forma di Pirandello, il maestro di Eduardo) lo «scudo» dietro cui porsi al riparo dalle tensioni e dall'imprevedibilità della vita.
   Ma, rispetto a tutto questo, la versione di «Sabato, domenica e lunedì» proposta da Raiuno si riduceva al solito bozzetto naturalistico da sceneggiato, che significava soltanto se stesso e, per giunta, adottava gag che, se non cancellavano, almeno disturbavano le implicazioni profonde del testo: vedi, già in apertura, l'insistito montaggio alternato fra la ricetta del ragù sciorinata da Rosa e i tentativi compiuti da Peppino per aprire la porta d'ingresso con la chiave non sua. E circa la traduzione, ecco che, riferendosi alla cameriera, Cefercola sostituiva con un bel «gli darete tutte le disposizioni» l'eduardiano «darete a lei tutte le disposizioni».
   Infine, gl'interpreti. Massimo Ranieri era un Peppino che pareva più stizzoso («'nguttuso», si direbbe senza traduzione) che amareggiato e Monica Guerritore una Rosa con una cadenza dialettale che pareva più siciliana che napoletana. E fra gli altri, nei limiti del bozzetto di cui sopra, i migliori risultavano Ernesto Lama (Attilio), Luigi Petrucci (Luigi Ianniello) e Tommaso Bianco (Antonio Piscopo).

                                               Enrico Fiore

(«Il Mattino», 3 maggio 2012)

 
 
 
Vai alla Home Page del blog
 
 

INFO


Un blog di: arieleO
Data di creazione: 16/02/2008
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

marcoalfa4delynnoasc.ferraradefranceschi.chrisasdiwalgiugnolifabrizioherzwehrcomp.robyelena.licausiokgirlgiuseppina.farinaparenteartesonia.riccomedeur2010MrFantastic70
 

ULTIMI COMMENTI

solo tu beppe puoi interpretare questi personaggi...
Inviato da: roberto
il 11/12/2013 alle 16:45
 
Cara Floriana, anche per me è stato un piacere incontrarLa....
Inviato da: arieleO
il 12/11/2013 alle 09:39
 
Caro Maestro Fiore, condivido ( per quello che vale) la...
Inviato da: floriana
il 11/11/2013 alle 19:40
 
Cara Francesca, innanzitutto la ringrazio per...
Inviato da: Federico Vacalebre
il 16/10/2013 alle 17:14
 
Gentile Francesca, credo che nessuno possa risponderLe...
Inviato da: arieleO
il 16/10/2013 alle 17:10
 
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom