CONTROSCENA

Il teatro visto da Enrico Fiore

 

AREA PERSONALE

 

TAG

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Giugno 2019 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 3
 

 

« La scomparsa di Franco d...Napoli senza "maschera" »

Le parole sapienti di Angela Pagano

Post n°604 pubblicato il 03 Settembre 2012 da arieleO
 

Da un lato autori decisivi come Raffaele Viviani, Eduardo De Filippo e Giuseppe Patroni Griffi, dall'altro un'interprete raffinata come Angela Pagano, un consulente musicale sapiente come Nicola Piovani e una regista attenta come Norma Martelli. Questa la formula vincente che connotava «Non ho parole», lo spettacolo presentato al Maschio Angioino nell'ambito della rassegna «Ridere». E per giunta, il titolo metteva in campo anche una salutare ironia contro i troppi che (soprattutto a proposito del teatro) parlano di cose che non sanno.
   Angela Pagano, invece, le parole non solo ce le ha (e abbiamo visto di quale caratura), ma le conosce, le capisce e le sa adoperare come ormai pochissimi dei suoi colleghi. Ed è inutile, quindi, dilungarsi nei commenti circa l'alto livello espressivo a cui ha portato, poniamo, «'O sapunariello» e «Comme 'a fronna», i brani di «De Pretore Vincenzo» e «Filumena Marturano» e quelli de «Il mio cuore è nel Sud» e «Scende giù per Toledo». Mentre il canto - ben assistito dalla fisarmonica di Eduarda Iscaro e dal pianoforte di Francesco Bancalari - si poneva come l'estensione e il potenziamento naturali di quelle parole.
   A dire, poi, dell'intelligente coerenza interna che presiedeva allo spettacolo sul filo della sacrosanta ironia polemica di cui sopra, basta l'esempio di «Faciteme magna'», l'irresistibile poesia nella quale Viviani oppone all'immateriale retorica della posteggia (la «musica scucciante») i concretissimi sapore e piacere del vermicello a vongole.
   La sigla di tutto questo? Il modo in cui Angela Pagano ha dato voce al barocco - tremante, sprezzante, maleodorante, delirante, scompisciante, e pure capace di arrampicarsi fino in cima ai pinnacoli di un sentimento così disperato come indomito - ch'è del Patroni Griffi di «Scende giù per Toledo». Davvero indimenticabile.

                                       Enrico Fiore

(«Il Mattino», 3 settembre 2012) 

 
 
 
Vai alla Home Page del blog
 
 

INFO


Un blog di: arieleO
Data di creazione: 16/02/2008
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

elena.licausiokgirlasc.ferraragiuseppina.farinaparenteartesonia.riccomedeur2010MrFantastic70puelkerollie0napoli776studiolegalegrittirino.alfieripinolacinefortunato.calvino
 

ULTIMI COMMENTI

solo tu beppe puoi interpretare questi personaggi...
Inviato da: roberto
il 11/12/2013 alle 16:45
 
Cara Floriana, anche per me è stato un piacere incontrarLa....
Inviato da: arieleO
il 12/11/2013 alle 09:39
 
Caro Maestro Fiore, condivido ( per quello che vale) la...
Inviato da: floriana
il 11/11/2013 alle 19:40
 
Cara Francesca, innanzitutto la ringrazio per...
Inviato da: Federico Vacalebre
il 16/10/2013 alle 17:14
 
Gentile Francesca, credo che nessuno possa risponderLe...
Inviato da: arieleO
il 16/10/2013 alle 17:10
 
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom