CONTROSCENA

Il teatro visto da Enrico Fiore

 

AREA PERSONALE

 

TAG

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Giugno 2019 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
          1 2
3 4 5 6 7 8 9
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 3
 

 

« Salemme, una farsa che d...L'autore (Scarpa), il c... »

Leopardi fra dee-jay e X Factor

Post n°640 pubblicato il 08 Dicembre 2012 da arieleO
 

A proposito de «L'infinito», la commedia di Tiziano Scarpa allestita dallo Stabile del Veneto e presentata nella Sala Assoli dalla Fondazione Salerno Contemporanea, il pomposo comunicato stampa parla di un testo «originale e acuto» che procede «fra battute salaci e momenti di potente riflessione». Ma, a conti fatti, se la «salacità» si spinge qui fino alla scatologia, per contro è piuttosto difficile imbattersi in una qualche riflessione, e men che mai «potente».
   In breve, s'immagina un incontro fra il ventunenne Leopardi, che ha appena scritto la celeberrima poesia di cui nel titolo, e due suoi quasi coetanei di oggi: Andrea, uno studente svogliato che sta per sostenere gli esami di maturità (dovrà rispondere, manco a dirlo, proprio su «L'infinito»), e la di lui fidanzata Cristina. E sebbene abbia letto con la massima attenzione il testo di Scarpa (comprese le varianti) e le note di regia di Arturo Cirillo, giuro che non sono riuscito a capire se si vuol sostenere che fra il giovane Leopardi e i giovani di adesso c'è una sostanziale identità oppure un abisso.
   L'unica cosa certa è che, alla fine, si scopre che quell'incontro Andrea e Cristina l'hanno soltanto sognato. Ma allora a Scarpa e a Cirillo toccherebbe spiegarci per quale misterioso motivo Andrea, che sogna di fare il dee-jay, e Cristina, che sogna di partecipare a X Factor, dovrebbero, contemporaneamente, sognare d'incontrare Giacomo Leopardi. Se la logica non è un'opinione, dovrebbero sognare d'incontrare Claudio Coccoluto e Simona Ventura.
   Via. E dal canto suo, la regia di Cirillo, ossequiosa nei confronti del testo fino alla pedanteria, non va molto oltre la riduzione a un gioco di ombre dietro uno schermo semitrasparente delle presunte sequenze osé (Leopardi che va in bagno e i due fidanzati che fanno l'amore).
   Resta solo da annotare la recitazione andante dello stesso Cirillo (Leopardi), di Andrea Tonin (Andrea) e di Margherita Mannino (Cristina). E insomma, uno spettacolino ininfluente, se proprio vogliamo dirla con generosità.

                                               Enrico Fiore

(«Il Mattino», 8 dicembre 2012)

 
 
 
Vai alla Home Page del blog
 
 

INFO


Un blog di: arieleO
Data di creazione: 16/02/2008
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

comp.robyelena.licausiokgirlasc.ferraragiuseppina.farinaparenteartesonia.riccomedeur2010MrFantastic70puelkerollie0napoli776studiolegalegrittirino.alfieripinolacine
 

ULTIMI COMMENTI

solo tu beppe puoi interpretare questi personaggi...
Inviato da: roberto
il 11/12/2013 alle 16:45
 
Cara Floriana, anche per me è stato un piacere incontrarLa....
Inviato da: arieleO
il 12/11/2013 alle 09:39
 
Caro Maestro Fiore, condivido ( per quello che vale) la...
Inviato da: floriana
il 11/11/2013 alle 19:40
 
Cara Francesca, innanzitutto la ringrazio per...
Inviato da: Federico Vacalebre
il 16/10/2013 alle 17:14
 
Gentile Francesca, credo che nessuno possa risponderLe...
Inviato da: arieleO
il 16/10/2013 alle 17:10
 
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom