CONTROSCENA

Il teatro visto da Enrico Fiore

 

AREA PERSONALE

 

TAG

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Agosto 2022 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
1 2 3 4 5 6 7
8 9 10 11 12 13 14
15 16 17 18 19 20 21
22 23 24 25 26 27 28
29 30 31        
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 3
 

 

« Un "Week-end" di paranoiaA Montevergine con lo sc... »

Il ritorno di Moscato al Piccolo

Post n°731 pubblicato il 20 Ottobre 2013 da arieleO
 

Ecco il racconto di una piccola vittoria conseguita dalla Napoli nobilissima (quella della cultura) che ancora esiste e resiste, nonostante tutta l'indifferenza dei politici e tutte le inadempienze degli amministratori locali.
   Giulia Cogoli è una donna che conta nella Milano che conta. Fra l'altro dirige il Festival della Mente di Sarzana. E lì, nel settembre dell'anno scorso, approdò Enzo Moscato con il suo «Toledo suite». Giulia Cogoli, che s'era letteralmente innamorata di quel recital, si diede subito da fare perché Ronconi ed Escobar - anche loro fra gli spettatori di «Toledo suite» e, del resto, non meno entusiasti di lei - lo portassero al Piccolo. E così, Moscato è tornato al Piccolo a vent'anni di distanza da quando Strehler lo invitò a rappresentarci «Embargos».
   Ma Giulia Cogoli ha fatto qualcosa di più. Dal momento ch'era il suo compleanno, il giorno prima del debutto ufficiale s'è comprata, a titolo di regalo, una replica straordinaria dello spettacolo, pagando di tasca propria il Teatro Studio e la compagnia. E come se non bastasse, al termine ha offerto, nel foyer dello Strehler, una cena di gala all'intera Milano di rango che aveva invitato a vedere «Toledo suite».
   Sembra una favola, soprattutto se consideriamo il fatto che, per «Napoli '43», qui da noi Moscato non ha avuto nemmeno una lira. Ed è inutile sottolineare il contrasto eclatante che si stabilisce fra la disattenzione subìta da «Napoli '43» e l'autentico trionfo che nel Teatro Studio del Piccolo ha ottenuto «Toledo suite»: inutile anche perché proprio sull'ossimoro - insieme spiazzante e stimolante - si fonda e si regge «Toledo suite», con una coerenza tanto ferrea quanto appassionata.
   Qui, infatti, la musica va intesa come la soglia fra il tormento di una condizione asfittica e il conforto di un'evasione sognata. E non a caso, allora, tra una canzone e l'altra vengono chiamate a parlare della musica le puttane, appunto, di «Toledo suite», il testo che faceva parte, nell'88, di «Tiempe sciupate»: le puttane chiuse «rint'a cchelli celle 'e monache in peccato».
   La soglia in questione si manifesta, peraltro, già nel velatino che chiude il boccascena, e soprattutto nei lineari, e pure raffinatissimi, disegni-segni di Mimmo Paladino che su quel velatino vengono proiettati. E non mette conto, al riguardo, d'insistere né sull'interscambio continuo fra canzoni leggere come «Cerasella» o «Anema e core» e brani risentiti come «Youkali» e «To my little radio» di Brecht, né sulle spezzature e le dissonanze che tramano gli arrangiamenti di Pasquale Scialò.
   Appartengono alla Napoli nobilissima che ha trionfato a Milano anche i tre giovani ma già sapienti musicisti che accompagnavano Enzo Moscato: Claudio Romano alla chitarra, Paolo Sasso al violino e Paolo Cimmino alle percussioni. Ma uscendo, infine, dal territorio della cronaca, è opportuno annotare che il cerchio si chiude perfettamente.
   Se Moscato, con il suo spettacolo, può invitare gli spettatori a mobilitarsi contro il sonno della ragione e la miopia dei potenti prendendo in prestito un verso soprattutto della canzone di Brecht: «Fa' che non cada improvviso il silenzio», d'altronde il Teatro Studio del Piccolo è stato intitolato a Mariangela Melato, che dedicò l'ultima sua fatica a «Il dolore» di Marguerite Duras. E della Duras compare nel recital di Moscato quell'«India song» che - l'ennesimo ossimoro - è percorsa dall'inizio alla fine da una straziata e tuttavia dolcissima contraddizione: «Canzone, tu che non vuoi dir niente e tu che mi dici tutto».
   Non è lo scarto medesimo fra la Napoli dell'ignavia, che tace, e la Napoli della poesia, che grida giorno dopo giorno la propria sia pur lacera dignità?

                                                      Enrico Fiore

(«Il Mattino», 20 ottobre 2013)

 
 
 
Vai alla Home Page del blog
 
 

INFO


Un blog di: arieleO
Data di creazione: 16/02/2008
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

Ficone1400leo00marcoalfa4delynnoasc.ferraradefranceschi.chrisasdiwalgiugnolifabrizioherzwehrcomp.robyelena.licausiokgirlgiuseppina.farinaparenteartesonia.ricco
 

ULTIMI COMMENTI

solo tu beppe puoi interpretare questi personaggi...
Inviato da: roberto
il 11/12/2013 alle 16:45
 
Cara Floriana, anche per me è stato un piacere incontrarLa....
Inviato da: arieleO
il 12/11/2013 alle 09:39
 
Caro Maestro Fiore, condivido ( per quello che vale) la...
Inviato da: floriana
il 11/11/2013 alle 19:40
 
Cara Francesca, innanzitutto la ringrazio per...
Inviato da: Federico Vacalebre
il 16/10/2013 alle 17:14
 
Gentile Francesca, credo che nessuno possa risponderLe...
Inviato da: arieleO
il 16/10/2013 alle 17:10
 
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom