CONTROSCENA

Il teatro visto da Enrico Fiore

 

AREA PERSONALE

 

TAG

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Marzo 2024 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
        1 2 3
4 5 6 7 8 9 10
11 12 13 14 15 16 17
18 19 20 21 22 23 24
25 26 27 28 29 30 31
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 3
 

 

« Un Plauto in esilio fra ...Un adulterio contro l'apartheid »

Quella madre vista come una Medea

Post n°599 pubblicato il 22 Giugno 2012 da arieleO
 

«È la verità. Dico che è la verità. Ma dico anche che dipende dai punti di vista, c'è più di una verità, ecco cosa intendo dire. Dico solo che è tutto soggettivo, c'è la verità e c'è quello che la gente crede che sia la verità». È questa la battuta-chiave di «Taking care of baby (Prendersi cura del bambino)», il dramma dell'inglese Dennis Kelly che, ispirato a una storia vera, ha debuttato al Nuovo nell'ambito del Napoli Teatro Festival Italia.
   A pronunciare la battuta citata è lo psicologo dottor Millard, chiamato ad esaminare una madre trentenne, Donna McAuliffe, accusata di aver ucciso i suoi due bambini. Ma, evidentemente, si tratta di una battuta che traduce la posizione e gl'intenti dell'autore, il quale - dichiarando di aver ricavato il testo, parola per parola, da interviste e corrispondenza - mette in campo un vero e proprio dibattito fra i rappresentanti emblematici dei colpevolisti, degli innocentisti e, naturalmente, di quel circo mediatico che sfrutta sia gli uni che gli altri.
   Accanto a Millard, il quale sostiene che Donna è affetta dalla sindrome di Leeman-Keatley e, dunque, non è imputabile, compaiono infatti un marito, Martin, convinto al contrario che la moglie sia una Medea senza scusanti, un reporter a caccia del proverbiale scoop e in mezzo - a far la parte di una società cinica che giudica solo in base al tornaconto - Lynn Barrie, la madre di Donna, che si preoccupa soprattutto dell'impatto che la vicenda potrebbe avere sulla campagna elettorale in cui è impegnata. E tutti si ritrovano, a turno, davanti a un intervistatore che rappresenta, è ovvio, le certezze e i dubbi della pubblica opinione.
   Di qui la regia di Fabrizio Arcuri: buona parte del testo tradotta in video, reiterate incursioni degli attori fra il pubblico, una telecamera a circuito chiuso che trasforma gli spettatori in sala nell'uditorio di una conferenza di Millard. Ma è una regia senza emozione. E tocca a un'assai brava (soprattutto in video) Isabella Ragonese rendere la sofferenza, lo smarrimento, l'ambiguità e le reticenze di Donna. Al suo fianco, fra gli altri, la non meno convincente (soprattutto dal vivo) Francesca Mazza nell'altrettanto complesso ruolo di Lynn.

                                        Enrico Fiore

(«Il Mattino», 22 giugno 2012)

La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/Controscena/trackback.php?msg=11402571

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
Nessun trackback

 
Commenti al Post:
Nessun commento
 
 
 

INFO


Un blog di: arieleO
Data di creazione: 16/02/2008
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

figio19cleomaraFicone1400leo00marcoalfa4delynnoasc.ferraradefranceschi.chrisasdiwalgiugnolifabrizioherzwehrcomp.robyelena.licausiokgirlgiuseppina.farina
 

ULTIMI COMMENTI

solo tu beppe puoi interpretare questi personaggi...
Inviato da: roberto
il 11/12/2013 alle 16:45
 
Cara Floriana, anche per me è stato un piacere incontrarLa....
Inviato da: arieleO
il 12/11/2013 alle 09:39
 
Caro Maestro Fiore, condivido ( per quello che vale) la...
Inviato da: floriana
il 11/11/2013 alle 19:40
 
Cara Francesca, innanzitutto la ringrazio per...
Inviato da: Federico Vacalebre
il 16/10/2013 alle 17:14
 
Gentile Francesca, credo che nessuno possa risponderLe...
Inviato da: arieleO
il 16/10/2013 alle 17:10
 
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 
 

© Italiaonline S.p.A. 2024Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963