CONTROSCENA

Il teatro visto da Enrico Fiore

 

AREA PERSONALE

 

TAG

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Febbraio 2024 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29      
 
 
Citazioni nei Blog Amici: 3
 

 

« Alice nel paese del pornoLa scomparsa di Franco d... »

Un Eduardo politico fra Totò e Moscato

Post n°602 pubblicato il 25 Giugno 2012 da arieleO
 

Rimane in vista dall'inizio alla fine (e addirittura piazzato sulla soglia di casa) il cumulo degl'indumenti smessi da trasformare in vestitini per i bambini poveri. E basterebbe quest'invenzione a dire dell'intelligenza e della precisione che attendono a «Yo, el heredero (Io, l'erede)», lo spettacolo che, per la regia di Francesco Saponaro, ha chiuso al San Ferdinando il Napoli Teatro Festival Italia. Si tratta, infatti, di un'invenzione che riassume e sottolinea come meglio non si sarebbe potuto i temi e i contenuti portanti di una commedia che, senz'alcun dubbio, è la più politica di Eduardo e - pur scritta nel lontano 1942 - rivela una strana e inquietante attualità.
   Siamo di fronte al contrasto fra la ricca famiglia Selciano e Ludovico Ribera, il figlio di quel don Prospero che per trentasette anni è stato ospitato, appunto, in casa Selciano: alla morte del padre, Ludovico - sostenendo che la «diserzione agevolata dalla vita» procuratagli dalla carità pelosa dei suoi benefattori ha impedito a don Prospero di spendere l'esistenza in maniera produttiva - si presenta a reclamarne l'eredità, il «patrimonio di sentimenti» che in concreto significa tutte le comodità di cui godeva il genitore.
   L'attualità della commedia, dunque, consiste in un'evidente metafora: la famiglia Selciano è lo Stato ad un tempo assistenziale e corruttore, quello Stato che delega le coscienze dei cittadini a farsi gestire solo da lui. Ma Saponaro - ecco un'altra dimostrazione di acume e inventiva - potenzia quella metafora proprio evitando di trasformarla in messaggio ideologico, e sciogliendola, al contrario, in un autentico trionfo della più codificata espressività popolare napoletana: vedi l'impagabile pantomima circa l'assegnazione dei posti a tavola, in cui fanno irruzione la tarantella e il Totò che s'abbuffa di spaghetti in «Miseria e nobiltà».
   In tal senso va anche la voce registrata di Enzo Moscato che canta impareggiabilmente «Palomma», «'Mmiez' ' o ggrano», «Cinematografo» e «Napulitanata». Mentre, l'ennesimo guizzo creativo, su quel balletto d'ipocriti e ignavi incombe il muto giudizio (lo sguardo dal basso che in letteratura appartiene al «valet de chambre») della servitù che sta continuamente ad origliare.
   Splendidi, infine, gli attori spagnoli in campo: da citare, accanto alla decana Concha Cuetos (Dorotea), almeno Ernesto Alterio (Ludovico), José Manuel Seda (Amedeo) e Natalie Pinot (Caterina). E allora, è troppo se dico che il Festival ha chiuso col suo spettacolo migliore?

                                                Enrico Fiore

(«Il Mattino», 25 giugno 2012)

 
Commenta il Post:
* Tuo nome
Utente Libero? Effettua il Login
* Tua e-mail
La tua mail non verrà pubblicata
Tuo sito
Es. http://www.tuosito.it
 
* Testo
 
Sono consentiti i tag html: <a href="">, <b>, <i>, <p>, <br>
Il testo del messaggio non può superare i 30000 caratteri.
Ricorda che puoi inviare i commenti ai messaggi anche via SMS.
Invia al numero 3202023203 scrivendo prima del messaggio:
#numero_messaggio#nome_moblog

*campo obbligatorio

Copia qui:
 
 
 

INFO


Un blog di: arieleO
Data di creazione: 16/02/2008
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

ULTIME VISITE AL BLOG

figio19cleomaraFicone1400leo00marcoalfa4delynnoasc.ferraradefranceschi.chrisasdiwalgiugnolifabrizioherzwehrcomp.robyelena.licausiokgirlgiuseppina.farina
 

ULTIMI COMMENTI

solo tu beppe puoi interpretare questi personaggi...
Inviato da: roberto
il 11/12/2013 alle 16:45
 
Cara Floriana, anche per me è stato un piacere incontrarLa....
Inviato da: arieleO
il 12/11/2013 alle 09:39
 
Caro Maestro Fiore, condivido ( per quello che vale) la...
Inviato da: floriana
il 11/11/2013 alle 19:40
 
Cara Francesca, innanzitutto la ringrazio per...
Inviato da: Federico Vacalebre
il 16/10/2013 alle 17:14
 
Gentile Francesca, credo che nessuno possa risponderLe...
Inviato da: arieleO
il 16/10/2013 alle 17:10
 
 

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
I messaggi e i commenti sono moderati dall'autore del blog, verranno verificati e pubblicati a sua discrezione.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 
 

© Italiaonline S.p.A. 2024Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963