**TEST**
 
Creato da paoloproietti.rnk il 02/12/2012
YOGA E ALTRE STRANEZZE

LA PRATICA DELLO HATHA YOGA - VIDEO

 

 

clicca sui titoli per visualizzare i videoclip:

NUOVI VIDEO:  

-  "THE DANCE OF THE GODS"

 - " LO YOGA DANZATO DEI SIDDHA"

 - " IL RESPIRO DELL'AQUILA"

 - "NATYA YOGA E QI GONG"

 - "MAYURASANA (LA POSTURA DEL PAVONE)"


 

 

Cerca in questo Blog

 
  Trova
 

Area personale

 
 

Ultimi commenti

 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 
 

 

 
« OM AH HUM: MENTE, PAROLA E CORPOKAMAKALA, il triangolo d... »

SRI VIDYA

Citakasha (spazio cosciente o senziente)  è lo spazio infinito  che, nella rappresentazione pittorica, avvolge (è) l'isola delle gemme, maṇidvīpa* (*vedi su questo Blog: "GLI AMANTI DI PRIMA DELL'INIZIO")

isola delle gemme





Maṇidvīpa è un piccolo paradiso con alberi da frutto sui cui rami miriadi di coppie di uccelli sono intenti a fare l'amore. 
Le  sue spiagge  sono bagnate dal Mare senza Sponde detto "Oceano di Latte"  (o Oceano di Nettare) e sono formate da milioni e milioni di pietre preziose. 

Al centro dell'isola , su di un letto altare, la Dea  Tripurasundarī: "la bella delle tre città" (vedi su questo Blog: "ODE ALLA BELLA DEI TRE MONDI" ) danza (fa l'amore) sopra il corpo di uno Shiva che pare destarsi da un lungo sonno: Sakala Shiva

Tripurasundarī, che nei testi è descritta come una bellissima ragazza di sedici anni, è detta anche  Rājarājeśvarī (" Regina delle Regine"), Lalitā ("Colei che gioca") e Ṣoḍaśī (che vuol dire "sedici", che sta ad indicare sia la sua età che il numero di sillabe che compongono il suo mantra (uno dei suoi mantra, composto dalle 15 sillabe KA E I LA HRIM HA SA KA HA LA HRI SA KA LA HRIM più una sedicesima sillaba o gruppi di sillabe, cosiddetta segreta).

lalita

Ma il suo "Vero Nome" è Śrī Vidyā, che si potrebbe tradurre con SPLENDIDA CONOSCENZA, ad indicare che la pratica a lei dedicato (recitazione dei due mantra detti Hadi e Kadi collegata allo Śrī Yantra o Śrī  Cakra) è la forma più elevata di SADHANA  ADVAITA (non duale), perchè conduce contemporaneamente a bhoga (prosperità, godimento dei piaceri e dei beni materiali) e a mokṣa (liberazione, realizzazione.)

sri yantra


सकल Sakala significa invece "con parti" e, in senso lato, indica  il mondo materiale, la manifestazione, mentre "l'immanifesto" ( che è rappresentato spesso da shiva shava o Shiva cadavere, che nella raffigurazioni  giace spesso  sotto il corpo dello shiva risvegliato dalla danza della Dea, è detto निष्कल niṣkala (non diviso, senza parti, informe), parola che significa vagina e va inteso come la "femmina misteriosa " del taoismo, matrice insondabile di tutta la manifestazione. 

shiva  kali

 

Sakala è parola che compare nel "Mantra della Dea" descritto nel 32 versetto del Saundarylahari di Shankara Bhagavadpada

Il verso recita (translitterazione ASCII): 


shivaH shaktiH kAmaH kShitiratha raviH shi itakiraNaH  
smaro haMsaH shakrastadanu ca parA  mAra harayaH |  
amii hRllekhAbhistimRbhir avasAneShu ghaTitA  
bhajante varNAste tava janani nAmAvayavatA
 

In italiano, più o meno , si potrebbe tradurre:

Shiva, Shakti, Kama, Kshiti, poi Ravi, Shitakirana, 
Smara, Hamsa, Shakra, e dopo di loro Para, Mara, Hari - 
questi, ponendo alla fine i tre HRIM, diventano le lettere che compongono il tuo nome, o Madre.
 

Ogni divinità è rappresentata da una sillaba. 
Anzi è una sillaba. 
Ma non sempre la medesima sillaba rappresenta la medesima divinità. 

Il mantra indicato dal sutra di Shankara è il mantra della dea TRIPURASUNDARI anzi è la Dea
Il corpo del mantra (della Dea) è lo Sri Yantra.  

 

 

vediamo come si costruisce  il mantra: 

Shiva è KA (lo sposo della Dea Nera, Kali)
Shakti è E (o EM il bija mantra della Yoni). 
Kama è I ( ī ). 
Kshiti (la Terra ) è LA (Lam). 

Ravi (il Sole) è HA
Sitakirana (La Luna) è SA
Smara (Amore) è KA
Hamsa (L'oca cosmica, ma qui il Cielo) è HA
Shakra (Indra) è LA

Para è SA
Mara è KA
Hari è LA

Aggiungendo i tre Hrileka (HRIM) si ottiene il mantra delle 15 sillabe (ne esiste una sedicesima, ma è, teoricamente, segreta, o meglio viene data, pare al singolo discepolo dal maestro, per alcuni sarà il pranava OM per altri uno degli Sri vidya pranava ovvero HRIM, SRIM, AIM, KLIM, SAUH ): 



KA E I LA HRIM 
HA SA KA HA LA HRIM 
SA KA LA HRIM

ma si trova anche:

OM KA E I LA HRIM HA SA KA HA LA HRIM SA KA LA HRIM AIM 

oppure:

OM KA E I LA HRIM HA SA KA HA LA HRIM SA KA LA HRIM SHRIM

o, ancora:

OM KA E I LA HRIM HA SA KA HA LA HRIM SA KA LA HRIM KLIM 

 



KA E I LA HRIM HA SA KA HA LA HRIM SA KA LA HRIM è detto KADI MANTRA , come tutti i mantra che cominciano con la sillaba KA 
Il primo HRIM indica la kundalini fuoco (Vahni)
Il secondo la kundalini sole (Surya
Il terzo la kundalini luna (Soma). 



Esiste anche una diversa interpretazione del sutra che dà luogo ad un diverso mantra detto HADI MANTRA, che si dice essere stato insegnato direttamente dal dio Kama 
Il secondo ed il terzo verso sono identici, ma il primo, anziché KA E I LA HRIM suona così: 
HA SA KA LA HRIM, dove:

HA sta per Shiva
SA sta per Shakti
KA sta per Kama
LA sta per Kshiti

Avremo quindi un Kadi MantraKA E I LA HRIM HA SA KA HA LA HRIM SA KA LA HRIM) che corrisponde alla meditazione sullo sri yantra dall'esterno all'interno, e conduce(?) alla realizzazione spirituale

 

 

 

 

ed un Hadi Mantra ( HA SA KA LA HRIM HA SA KA HA LA HRIM SA KA LA HRIM) che corrisponde alla meditazione sullo sri yantra dall'interno all'esterno e conduce alla realizzazione dei desideri terreni

 

Tripurasundari danza sul corpo esanime  di Shiva, lo risveglia con la forza del desiderio  e lo porta alla condizione di SHIVA SAKALA (Manifestazione)

Sakala
è Shiva che riconosce se stesso nella Dea: SO'HAM o SA'HAM  (Io sono questo, Io sono questa) 

Shiva Sakala è la forma percepibile di Sat Chit Ananda (Esistenza, Consapevolezza, Beatitudine Suprema)
Shiva sakala è lo stato naturale, libero dalle sovrapposizioni. 
Lo stato in cui l'Uomo è "uno" con la manifestazione ovvero lo stato delle infinite possibilità espressive dell'Essere. 

 
 
 
Vai alla Home Page del blog