Ultimi commenti

 

I miei Blog Amici

Citazioni nei Blog Amici: 5
 

Ultime visite al Blog

PiantaGrane.69lorco0cavecanem000smoothfoxterrierprofilo_verok_a_r_m_alancilrottoDeneirdisilluso70escapefromthepassionshangri.laIncrocioDiEmozionifinemaggiobybenny2009robby1265
 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

FACEBOOK

 
 

Area personale

 
Creato da: memoriedia_g il 11/02/2008
Un modo semplice per formarsi un'opinione non teleguidata

 

 
Cose che dimentico »

Stanca di patetiche bugie

Post n°1 pubblicato il 11 Febbraio 2008 da memoriedia_g


Non guardate la televisione. Cercatevi le informazioni da soli, ad esempio su Internet. Pare faticoso, ma non e' impossibile.

Ad esempio ero stanca di politici, che fanno affermazioni opposte su argomenti, sui quali non dovrebbero esserci dubbi, tipo l'andamento dell'economia. Ho quindi fatto il seguente esercizio: ho recuperato da Internet i dati relativi ai due parametri economici considerati in generale i piu' importanti per giudicare l'andamento dei conti pubblici. Ho recuperato gli anni in cui si sono susseguite le varie legislature. Ho messo a fuoco gli ultimi governi.

Vi riporto i risultati nudi e crudi (cliccate nel riquadro). Ognuno si faccia l'opinione, che crede, ma quando i politici ci vengono a raccontare e promettere, ricordiamoci dei dati reali.

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/DatiNumerici/trackback.php?msg=4083873

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
 
Nessun Trackback
 
Commenti al Post:
ciko31
ciko31 il 11/02/08 alle 23:15 via WEB
Credo a quello che dici con il grafico dei dati che esponi,ma il problema rimane con gli aumenti i ricchi aumentano e i poveri anche e il cetriolo è sembre dell'ortolano.Ciao
(Rispondi)
 
vicki_il_vichingo
vicki_il_vichingo il 11/02/08 alle 23:49 via WEB
prova ad andare un pò più indietro, e vedrai negli anni 80 passare il debito pubblico passare in meno di dieci anni dal 55 al 117%. Erano gli anni della milano da bere.. e chi era il miglior amico (andavano a puttane insieme) del più potent eid allora? prova ad indovinare...
(Rispondi)
 
ATARU_71
ATARU_71 il 11/02/08 alle 23:54 via WEB
E' sempre apprezzabile chi si pone domande,cerca risposte e poi le rende pubbliche. sul tema il grafico non lascia dubbi,ma è anche vero che i giudizzi sulle varie legislature, si devono basare anche su altri elementi. Forse, se posso fare una battuta, il giudizio migliore lo dai proprio tu nel tuo post: "Ho messo a fuoco gli ultimi governi." ciao e complimenti per la tua ricerca.
(Rispondi)
 
melkiades
melkiades il 12/02/08 alle 23:52 via WEB
La politica non può essere cieca è giusto guardare alla crescita del PIL ed ai conti dello Stato, ma bisogna anche salvaguardare il benessere di una nazione. Alcuni paesi europei come la scandinavia hanno scelto di crescere meno ma di distribuire la ricchezza alla popolazione sottoforma di servizi ed ammortizzatori sociali. Investono sui giovani sovvenzionando la ricerca , mettendo in moto l'industria e la conseguente occupazione. La loro polita è indirizzata al crescere meno ma vivere meglio. Da loro un parlamentare guadagna meno di un usciere di Palazzo Chigi. Sembra che il mestiere del politico sia trovare il modo per rimanere attaccato alla poltrona o essere rieletto. Il mestiere per cui gli abbiamo eletti è che si prendano cura degli elettori....e rimpallarsi responsabilità reciproche serve a non attuare quelle scelte che , magari in tempi lunghi diano dei risultati. Se oggi ti tartasso, ma i benfici li vedrai tra 5 anni, sicuramente non sarò rieletto perchè una politica severa comporta dei sacrifici che fisiologicamente mi rendono impopolare. Così il mio antagonista verrà eletto e godrà dei benefici della mia politica. Sai quando il PIL aumenta , ma il mio stipendio resta fermo , non ho la percezione di essere più ricco . Figurati se poi i prezzi aumentano. Daccordo c'è stato l'aumento vertiginoso del petrolio che ha coinvolto tutto il resto, ma la politica forse non poteva arrestare gli aumenti ma almeno poteva trovare delle forme di intervento per adeguare i redditi più bassi. Sicuramente Prodi stava facendo una politica opulata di risanamento dei conti pubblici, ma forse era troppo assorto da questo lavoro che ha dimenticato di alzare gli occhi e vedere cosa stava succedendo al resto del paese.
(Rispondi)
 
 
memoriedia_g
memoriedia_g il 13/02/08 alle 00:17 via WEB
giusto quello che dici, ma stante la poverta' dei nostri politici, incapaci di sviluppare discorsi complessi come il tuo, mi limito a suggerire di dare maggiore importanza ai numeri che agli slogan elettorali
(Rispondi)
 
 
ddt54
ddt54 il 21/03/08 alle 11:19 via WEB
Sono del parere che i conti in ordine siano la base primaria per una buona politica, come accade in ogni azienda e in ogni famiglia che si rispetti. Fatta questa premessa bisogna anche precisare che la crescita economica e il PIL in Italia siamo "quasi costretti" a ricercarla grazie a quel mastodontico debito pubblico lasciatoci in eredità dalla allegra finanza dell'epoca Craxiana e in parte anche dalla cosidetta politica interclassista di 50 anni di Democrazia Cristiana che negli anni 70 ha ritenuto più importante ricercare e mantenere i suffraggi elettorale che ..correre il rischio di riformare istituzioni come la scuola e rendere efficente uno stato la cui organizzazione fatta di timbri, bolli e carte bollatte risaliva ancora al regno delle 2 Sicilie. Dico questo perchè bisogna sempre ricordare che i vari ministri dell'economia che iniziano a scrivere verso Settembre di ogni anno la fiinanziaria, prima di ogni considerazione ddebbono dettrarre dall'ammontare della ricchezza 70 miliardi di euro di interesse. Questo grazie all'euro altrimenti erano 187 mila miliardi di lire. Non vi è dubbio che in molti paesi in cui ha imperato negli ultimi 20 anni un forte vento di liberalismo esistano problemi di distribuzione di redditto, non è il caso di ricordare l'assistenza pessima assistenza sanitaria britannica, oppure la vita di alcuni quartieri delle città americane vittime del Regarismo e oggi della politica di Bush. In Italia il problema esiste e purtroppo sta sempre peggiorando, però è giusto ricordare che la riccezza per distribuirla bisogna produrla, guardando con un minimo di spirito critico i dati italiani, ci si rende conto che sostanzialmente l'economia italiana, il cosidetto pil, è ferma. Che fare? L'unica strada è quella realmente liberale, cioè quella iniziata con Bassanini e proseguita con Bersani: liberalizzare l'intero paese dalle corporazioni e dalle strutture burocratiche inutili e costose di una organizzazione statale che in epoca di internet e di globalizzazione non hanno alcun senso di esistere. Il nostro paesa e la nostra politica ha urgente e profondo bisogno di efficenza ed organizzazione, altrimenti sarà una totale catastrofe.
(Rispondi)
 
rik64
rik64 il 13/02/08 alle 00:51 via WEB
..... il grafico non tiene presente fi una sola cosa: LA CLASSE OPERAIA è PASSATA DAL VIVERE DECENTEMENTE ALLA POVERTA!!
(Rispondi)
 
 
memoriedia_g
memoriedia_g il 13/02/08 alle 15:04 via WEB
e' vero, ma forse anche questo e' coerente da quanto emerge dai dati numerici: nel momento in cui "qualcuno" svuota le casse dello Stato (cioe' l'avanzo primario), si svuotano anche le tasche dei cittadini
(Rispondi)
 
Vecchio_e_Orso
Vecchio_e_Orso il 16/02/08 alle 17:17 via WEB
brava, continua a cercare le risposte e a renderle pubbliche... se anche i governi passati che hanno "superato" il tuo esame avessero dedicato più tempo a meglio pubblicizzare e partecipare al popolo i risultati ottenuti forse oggi faticheremo meno per "ribattere" il 13 aprile chi ha continuato a succhiare il sangue degli italiani, erede come giustamente citava un blogger, di chi negli anni "80 dilapidò anche i benefici della discesa inflattiva a favore di pochi "tesoretti" incluso quello personale in svizzera;-) ad maiora e ciao bella, non EX!!!!!
(Rispondi)
 
lacolpadiesistere
lacolpadiesistere il 16/02/08 alle 21:09 via WEB
comparare i dati è esempio di onestà intellettuale,virtù che difetta nel mondo politico,basato solo sulla retorica e disprezzo del popolo e della verità,ciao,gianni
(Rispondi)
 
I.miei.omaggi
I.miei.omaggi il 17/02/08 alle 13:12 via WEB
per giudicare la salute di un'azienda privata si usano strumenti tipo il famoso Basilea2.
in base a dei parametri universalmente riconosciuti un'azienda viene classificata. alcuni parametri consistono per esempio nel numero di insoluti fatti o ricevuti...
in base a questa classifica poi ne seguono vantaggi o svantaggi, per esempio mutui bancari a interessi migliori o peggiori, agevolazioni varie, eccetera.

per quanto riguarda invece i governi non si capisce come mai non possa esistere una graduatoria matematica riconosciuta da tutti gli schieramenti politici in modo tale che l'indicatore dell'andamento della nazione ci dia l'esatto stato delle cose. anche a noi poveri e bistrattati cittadini.
ivece se ne sentono di diverse ogni giorno: prodi ha fatto peggio di berlusconi, berlsconi ha fatto meglio di d'alema, eccetera eccetera. il tesoretto esisteva fino a 6 mesi fa, ora non esiste più (se l'è magnato il cane di rosy bindi???). e questo avviene sia in televisione che su internet, non credere che quello che si rimedia in rete possa essere l'esatta verità. sto vedendo troppe aziende in questo periodo che sono costrette a far cassa integrazione o a chiudere perchè non sono in grado di pagare le TASSE!
mi chiedo come sia possibile credere ancora a delle persone del genere... io ho smesso.
(Rispondi)
 
 
memoriedia_g
memoriedia_g il 17/02/08 alle 19:03 via WEB
anch'io sono partita dal medesimo sconcerto nell'ascoltare opinioni cosi' disparate su questioni che dovrebbero essere oggettive; approfitto per dire che sono consapevole dei limiti della mia analisi (solo su due parametri), ma in un blog bisogna essere brevi, e poi mi interessava suggerire il metodo
(Rispondi)
 
MidnightBlues_M
MidnightBlues_M il 17/02/08 alle 13:33 via WEB
La democrazia è tanto migliore quanto è intelligente e consapevole il demo. Per questo non ha molto senso addossare le colpe di tutto alla politica. Nel bene e nel male, ci rappresenta. Soprattutto nel male...
(Rispondi)
 
 
memoriedia_g
memoriedia_g il 17/02/08 alle 19:33 via WEB
e' vero, la politica e' specchio dei cittadini, e quindi e' dai cittadini che deve partire la reazione; come si fa? possiamo cominciare ad esempio a suggerire alla gente di provare a ragionare, e non ascoltare gli slogan della TV?
(Rispondi)
 
inquieto.rr
inquieto.rr il 17/02/08 alle 14:16 via WEB
ottima ricerca e ottima risposta data a Rik, l'ultimo governo ha fatto i miracoli per recuperare lo spreco del nano e company ma ovviamente è caduto perchè per recuperare il maltolto si è reso inevitabilmente impopolare....
(Rispondi)
 
Privilege_bg
Privilege_bg il 17/02/08 alle 14:20 via WEB
Ottimo metodo per cercare le informazioni corrette che rispecchino la realtà. Recentemente, anch'io ho pubblicato un post riguardante i politici e la loro la mediocrità morale, oltre che l'incapacità di operare nel ruolo che rivestono! E' davvero raccapricciante constatare chi amministra il bene pubblico e dovrebbe fare l'interesse di tutti i cittadini! Un salutone, buona domenica, ciaooo Privilege_BG
(Rispondi)
 
Re_di_Cuori65
Re_di_Cuori65 il 17/02/08 alle 15:28 via WEB
Ciao... a me sembra che la cosa più importante sia non tanto la tua ricerca in se ma quanto il fatto che per avere queste informazioni sia necessario cercarsele su internet. Ma non sarebbe compito dei professionisti dell'informazione fare questo? Dove sono i veri giornalisti (quelli televisivi soprattutto)? A preparare l'ennesimo servizio sul delitto di Cogne? mah!!!
(Rispondi)
 
 
memoriedia_g
memoriedia_g il 17/02/08 alle 19:06 via WEB
concordo concordo, anche perche' cercarsi le cose da soli e' faticoso...
(Rispondi)
 
amansus
amansus il 17/02/08 alle 16:22 via WEB
attesa la fondatezza del tuo grafico, credo che la tua analisi abbia centrato appieno il titolo del tuo post .... con stima amansus
(Rispondi)
 
vagamente.o
vagamente.o il 17/02/08 alle 16:48 via WEB
Non mi sono mai interessata molto dei politici...so solo che siamo in mano loro e che chi occupa la poltrona pensa sempre alla stessa cerchia e chi sta male sono sempre i bisognosi!
(Rispondi)
 
 
memoriedia_g
memoriedia_g il 17/02/08 alle 19:09 via WEB
capisco il senso di rassegnazione, e' ampiamente giustificato, ma e' proprio su questo che contano i manipolatori delle opinioni e delle nostre vite
(Rispondi)
 
G.attonero
G.attonero il 17/02/08 alle 19:31 via WEB
un saluto, come darti torto...
(Rispondi)
 
doha.1
doha.1 il 17/02/08 alle 22:01 via WEB
il problema èc che a noi ci riempiono la testa di chiacchiere e non ci capiamo più niente. Pensa u, che io ho un'amica che vota un politico perchè è bello e gli piace fisicamente...... Come pensi che ne possiamo uscire fuori????
(Rispondi)
 
 
memoriedia_g
memoriedia_g il 18/02/08 alle 21:56 via WEB
ehm ehm... ammetto che e' dura... proviamo a perseverare nello spargere germi di intelligenza...?
(Rispondi)
 
 
 
doha.1
doha.1 il 19/02/08 alle 00:54 via WEB
ma io mi domando??.... siamo all'altezza....o la nostra è solo presunzione!!!........
(Rispondi)
 
james_volt
james_volt il 18/02/08 alle 10:25 via WEB
brava intuizione giusta: mettere a fuoco gli ultimi 4 governi... ma con tutti i politici e politicanti dentro e a porte sbarrate!
(Rispondi)
 
bucefalo18
bucefalo18 il 18/02/08 alle 13:49 via WEB
Che dire, il fatto è che ormai da che parte si guardi vi è un senso di sfiducia totale, di diffidenza, ma tanto non cambierà niente, "loro" giocano sul fatto che l'uomo (italiano medio, cioè me!) è un animale gregario che inconsapevolmente tende a seguire il dominante... bee, bee, bee
(Rispondi)
 
 
memoriedia_g
memoriedia_g il 18/02/08 alle 21:59 via WEB
esatto, basta guardare gli ultimi messaggi che circolano; stasera ho sentito dire in TV che veniamo da "decenni" (sic!) di malgoverni (riferendosi a prodi) - evidentemente si assume che gli italiani non sappiano neppure contare fino a due
(Rispondi)
 
delfinoceano
delfinoceano il 18/02/08 alle 18:19 via WEB
Ottimo lavoro il tuo grafico, condivido il fine ed il fatto che le notizie vere vanno cercate e non assorbite dagli incatatori televisivi. Coltiviamo sempre la speranza di un mondo ed anche di un governo migliore. Ciao.
(Rispondi)
 
frankd8
frankd8 il 18/02/08 alle 18:31 via WEB
Hai ragione, ora confronta gli stessi dati con l'economia mondiale, raffronta cali e aumenti con l'indice mondiale e con gli stati dove la politica del lavoro è come la nostra, valuta la politica di quegli stati dove la tendenza è diversa dalla nostra, valuta se sono state fatte nuove infrastrutture e la percentuale di tasse a cui sono soggetti i cittadini. Ah nelle tasse considera tutte le locali, non solo le statali.
(Rispondi)
 
 
memoriedia_g
memoriedia_g il 18/02/08 alle 22:01 via WEB
ehi frank! non vorrai far fare tutto il lavoro sporco solo a me!!! (muovendo nervosamente il sigaro fra i denti)
(Rispondi)
 
dennis.cazar
dennis.cazar il 18/02/08 alle 18:46 via WEB
La cosa importatnte qui è che non ci si deve fidare di nessuno, i politici mentono spudoratamente e i giornalisti non fanno il loro lavoro, che è quello di verificare quello che dicono i politici e di smascherare menzogne e mistificazioni. Usiamo internet per informarci!!!
(Rispondi)
 
 
memoriedia_g
memoriedia_g il 18/02/08 alle 22:01 via WEB
esatto, era uno dei miei intenti
(Rispondi)
 
littlewalter
littlewalter il 19/02/08 alle 10:32 via WEB
buongiorno, non che io non sia d'accordo nel rilevare scempi e disastri, della passata amministrazione ma anche di questa. vorrei solo chiederti di mettere le fonti della documentazione. buone giornate
(Rispondi)
 
 
memoriedia_g
memoriedia_g il 19/02/08 alle 17:08 via WEB
la fonte e' Internet: sono andata su google, ho impostato la ricerca su "deficit" e "avanzo primario", vengono fuori vari siti da cui ho ricavato i valori numerici per i singoli anni; ho inserito tali valori in un foglio excel, che mi ha calcolato le percentuali di differenza. L'esercizio e' replicabile da chiunque
(Rispondi)
 
beppe1406q
beppe1406q il 21/02/08 alle 00:07 via WEB
Benvenuta! Ti ringrazio per essere passata. Trovo che il tuo blog sia partito alla grande,con un argomento interessante e di grande attualità. In questi giorni di strombazzamenti vari, c'è bisogno di corretta informazione e certo non saranno nè i politici nè certi giornalisti lecchini a darcela,pertanto ben venga chi ,come te,può sopperire a questa grave lacuna. Buon lavoro. Ciao,a presto. Beppe
(Rispondi)
 
Andrea0603
Andrea0603 il 24/02/08 alle 01:20 via WEB
COMPLIMENTI X QUESTO TUO BLOG CARISSIMA AMICA !!!! PS TI HO AGGIUNTO NELLA LISTA ANCHE DEI BLOG AMICI DOPO ESSERE NELLA LISTA AMICI !!!!!! A PRESTO BACI BACI BACI CIAO DA ANDREA BUONA DOMENICA A TE
(Rispondi)
 
genky
genky il 24/02/08 alle 23:05 via WEB
Citare la fonte grazie. Ciao
(Rispondi)
 
 
memoriedia_g
memoriedia_g il 25/02/08 alle 18:09 via WEB
la fonte e' Internet: sono andata su google, ho impostato la ricerca su "deficit" e "avanzo primario", vengono fuori vari siti da cui ho ricavato i valori numerici per i singoli anni; ho inserito tali valori in un foglio excel, che mi ha calcolato le percentuali di differenza. L'esercizio e' replicabile da chiunque
(Rispondi)
 
luponero11
luponero11 il 25/02/08 alle 11:20 via WEB
quanto inutile spreco di tempo............... la politica sarà sempre cio che è,,,,, e noi, la massa, saremo sempre considerati per ciò che effettivamente siamo, (utile) zavorra servibile a tutti gli usi..... so long lupo
(Rispondi)
 
NickCarter0
NickCarter0 il 28/02/08 alle 21:40 via WEB
ma perche' perdere tempo con queste stronzate....c'e' una parola sola RIVOLUZIONE tutti a casa , bisogna cambiare sistema... chiamatelo come volete capitalismo consumismo globalizazzione ecc...questo sistema non ci porta da nessuna parte... e ora di svegliarsi , per quanto tempo ancora volete farvi fregare.?.?.
(Rispondi)
 
 
memoriedia_g
memoriedia_g il 28/02/08 alle 21:53 via WEB
tu in concreto cosa proponi per fare la rivoluzione?
(Rispondi)
 
 
 
PA53
PA53 il 29/02/08 alle 20:06 via WEB
Mio padre, da rivoluzionario tranquillo diceva che non basta più la ghigliottina a mano... occorre quella elettrica per arrivare a tagliare la testa a tutti quelli che lo meritano...
(Rispondi)
 
PA53
PA53 il 29/02/08 alle 11:54 via WEB
Strano un blog così... ma ancora più strano il fatto che ti meravigli! Se affronti questi argomenti, se si toccano temi vicini al credo ideologico è ovvio che qualcuno si sente piccato. Molti dati sono noti, vengono pubblicati, ma in effetti non ci importano, non si pone importanza all'effetto generale quando siamo totalmente centrati sui nostri piccoli bisogni quotidiani. Sono disposto a sacrificare mio figlio non comprando l'ultimo modello di cellulare e insegnargli la rinuncia? Se non lo faccio - e lo fanno pochissimi - cosa può importare il bilancio dello Stato? Rinuncino gli altri no? Lo stesso vale per il riciclaggio dei rifiuti, l'impegno sociale, la fedeltà al lavoro... JFK diceva cose sacrosante, cosa facciamo per un interesse collettivo?
(Rispondi)
 
 
memoriedia_g
memoriedia_g il 29/02/08 alle 13:31 via WEB
concordo con PA53, aggiungendo che quando la maggioranza degli italiani prendera' coscienza di questi temi, probabilmente sara' tardi; e' anche vero che ognuno di noi, se ci crede, puo' provare a dare un piccolissimo contributo affinche' la presa di coscienza non tardi troppo
(Rispondi)
 
 
 
PA53
PA53 il 29/02/08 alle 20:05 via WEB
Non smetterò mai di lottare per far capire che esiste un modo diverso di essere e che l'ignavia e la malafede non sono "normali". Ma qualche volta cascano proprio le braccia... Montanelli diceva che dobbiamo fare un'esperienza, anche difficile, per capire il pericolo che rischiamo con certe persone. Giusto, ma perchè dobbiamo passare questa esperienza due volte e rischiamo anche la terza?
(Rispondi)
 
ninograg1
ninograg1 il 01/03/08 alle 08:14 via WEB
se posso dire la mia: come sputtanare la poliitca in 60 secondi........ brava!! :)
(Rispondi)
 
Willy_Shakespeare
Willy_Shakespeare il 02/03/08 alle 17:43 via WEB
...ho dato in fretta un occhio. mi sembri una persona onesta e desiderosa di oggettività. è da apprezzare il tuo "slogan" (il messaggio lo leggerò con calma perchè ora sono appena tornato da un pranzo di cresima!!! %) Non sono nè di dx nè di sx, mi ritengo fortunato di aver conosciuto i Principia Cybernetica (che sto studiando insieme alle medicine alternative) e ti anticipo solo una cosa, a caldo. Le vicende umane, non si possono descrivere solo con la statistica: dal 2001 in poi, ci sono 11 settembre e 2 conflitti internazionali (afganistan e iraq), petrolio che da 40$ va a 100$...e dio solo sa cos'altro. Allora mi pare un pò di paragonare la strada che fai in auto con quella che fai a cavallo... che ne dici?
(Rispondi)
 
 
memoriedia_g
memoriedia_g il 02/03/08 alle 20:01 via WEB
dico che e' tutto vero quanto affermi, ma non e' che negli ultimi due anni la situazione internazionale o il petrolio si siano miracolosamente risanati, e allora come mai i numeri degli ultimi due governi sono cosi' diversi? non mi pare che Prodi abbia operato in condizioni migliori, anzi... il petrolio e' andato ai massimi nel corso del 2007. Vogliamo analizzare altri parametri, non strettamente statistici, altri punti di vista?(ad esempio l'aspetto morale, la coerenza, l'amore per la verita', il buon esempio di rettitudine da dare ai cittadini). Facciamolo e vediamo cosa viene fuori dal confronto...
(Rispondi)
 
 
 
Willy_Shakespeare
Willy_Shakespeare il 02/03/08 alle 21:18 via WEB
bè, se parli così, sei un pò troppo faziosa allora dai! non mi pare proprio che "eticamente" i due governi si possano contraddistinguere... Ma, se proprio proprio...vediamo un pò: la legge sul fumo (ci voleva dai! ma ci voleva Sirchia x farla poi???), la leva militare (sai quanto denaro e tempo sprecato prima??). Mi isembrano buoni esempi...poi se lo pseudonano s'è fatto i suoi comodi non lo so (e secondo me è propaganda illusoria quella che lo accusa quanto quella che lo idolatra), ma sinceramente PER ME (per me...) è secondario, se insieme ci sono quelle che convengono a tutti. Riguardo l'andamento negli ultimi due anni, lo hanno detto a dx e a sx che ci sono stati fattori indipendenti dall'italia. Se fosse stato al governo la dx e fossi un onesto elettore di dx, non direi quindi che è stato merito suo...per dire. Ma devvero ritieni che il governo prodi (buon uomo per diana chi lo nega mansueto com'è) abbia governato 20 mesi bene?
(Rispondi)
 
 
 
 
memoriedia_g
memoriedia_g il 03/03/08 alle 11:26 via WEB
Sull'aspetto etico non mi sono pronunciata (perche' dici che sono faziosa?): la tematica e' troppo soggettiva ed e' giusto che ognuno lo giudichi come crede. Sul tema "numeri" insisto nel dire che non dovrebbe esserci arbitrio: gli ultimi due governi hanno lavorato entrambi in difficili situazioni economiche (concordiamo tutti su questo?), eppure la matematica ci da un esito diverso dei risultati: l'unico modo per sovvertire la matematica e' trovare altri parametri di giudizio e sostenere che quelli da me presi in considerazione non sono significativi
(Rispondi) (Vedi gli altri 3 commenti )
 
 
 
 
Willy_Shakespeare
Willy_Shakespeare il 03/03/08 alle 14:59 via WEB
Lo dico perchè leggo "Vogliamo analizzare altri parametri, non strettamente statistici, altri punti di vista?(ad esempio l'aspetto morale, la coerenza, l'amore per la verita', il buon esempio di rettitudine da dare ai cittadini). Facciamolo e vediamo cosa viene fuori dal confronto..." e allora mi pare che parti prevenuta, perchè io tutto sto idilio morale nel governo Prodi proprio non l'ho visto. Ma veniamo al nocciolo: la matematica (in questo caso statistica) va bene per studiare l'aspetto meccanico della realtà, ma ti fa prendere dei granchi che non sono innocui, perchè fanno scatenare GUERRE ideologiche (e poi come diretta conseguenza quelle che mostrano il SANGUE). Sai perchè fa prendere granchi? perchè ti fa astrarre la realtà che solo astratta però non è. Ed è utile farne astrazione. Ma non per vederci solo quella! Esempio? immagina 3 situazioni. 1) Un tuo amico ti è dritto di fronte, magari ti sta pure sorridendo in faccia. A un certo punto (e non lo prevedi e non lo calcoli perchè non lo puoi minimamente immaginare con tutta la matematica che vuoi) col sorriso ti molla una sberla dritta in faccia che pesa 5 kg. 2) ora immagina la stessa scena. il tuo amico ti sorride, ma ti dice "tra due secondi ti faccio male...". Tu non capisci, al limite ti incuriosisci, e poi ti molla la stessa sberla di 5 kg. Stessi spazi stessi tempi. 3) ...tutto come prima, il tuo amico sorride, ma a certo punto ti guarda male e parte per darti la stessa sberla di 5 kg , che magari riesci a prevedere e a scansarne 2 kg. Bene, nelle 3 scene matematicamente le misure di tempi e spazi delle azioni e il carico di sberla sono le stesse, ma umanamente quelle tre sberle non saranno percepite e vissute ugualmente da te, le vivrai traumaticamente a livello psico-emotivo in modo diversissimo, saranno shock diversi e sarai portata a motivazioni e capacità di reazione divera. Ma matematicamente sono tre identiche situazioni! La matematica è vera, ma non è la "verità"! Dici che "l'unico modo per sovvertire la matematica e' trovare altri parametri di giudizio e sostenere che quelli da me presi in considerazione non sono significativi ". Sovvertire la matematica?? (troviamo burro che sostituisca burro?) non si può! ma non possiamo fermarci a lei per dedurre i fenomeni umani! vedere la realtà solo matematicamente va bene se abbiamo di fronte macchine. Ma a fare la politica, la storia, l'ideologia, l'economia...non sono macchine. L'economia? i soldi sono pezzi di carta con numeri scritti sopra. Che altro? Nulla! Non hanno scritto sopra i nostri sacrifici! le nostre ambizioni! i nostri progetti! Eppure ma ce li vediamo dentro! perchè la nostra emotività ce li mette dentro! L'economia non gira con i soldi! mai! gira con i sogni di 5 miliardi di persone come me e te. L'economia non gira "con" i soldi perchè non gira "soldi", gira ben altro. E allora dei coefficienti per dire se un governo ha fatto bene o ha fatto male con tutto sto pandemonio di questi ultimi 10 anni... a me non dicono tanto. Spero sia un limite mio... Baci Ciao
(Rispondi)
 
 
 
 
memoriedia_g
memoriedia_g il 07/03/08 alle 12:17 via WEB
ogni opinione espressa senza volgarita' e' benvenuta, ma continuo a pensare che un'analisi di natura economica debba essere effettuata su base matematica; i fattori umani entrano in gioco sotto tantissimi altri punti di vista, ma non e' questo lo scopo del blog: scopo del blog e' fornire dati statistici disponibili in generale a tutti, ma noti a pochi, dai quali poi ognuno puo' trarre le conclusioni che crede (oppure continuare a non capirci niente); non e' scopo del blog "dedurre i fenomeni umani"
(Rispondi)
 
 
 
 
Willy_Shakespeare
Willy_Shakespeare il 07/03/08 alle 22:47 via WEB
"dati statistici dai quali ognuno può dedurre quello che crede"...ma non "dedurre i fenomeni umani". Meglio se non ci capisco niente allora va... Cmq ho scritto troppo, me ne rendo conto, per dire che la matematica deve essere un punto di partenza, al limite, non di arrivo. Ma a quanto pare un punto di partenza per non dedurre l'unica cosa che conta. Mah. Ciao ciao
(Rispondi)
 
bedavid
bedavid il 02/03/08 alle 23:10 via WEB
Credo che sia utile ascoltare le opinioni di tutti, anche se condizionate da influenze politiche. Ma per farsi idea credo che, come pensi tu, bisogna fare un po' da soli: chiudere tv e giornali e cercare le fonti in un altro modo. In generale, sono stufo di promesse fatte in campagna elettorale poi non mantenunte; speriamo che stavolta, indipendentemente da chi vinca, cambi qualcosa davvero. Ciao! Davide
(Rispondi)
 
 
Willy_Shakespeare
Willy_Shakespeare il 03/03/08 alle 13:47 via WEB
ci mancherebbe altro! anche perchè, chi non le ha? ma se si vuole essere obiettivi lo si dice e si riconosce anche il limite dell'opinione no? Lo spero anch'io Davide che cambi. L'ho sempre sperato. E che si chiami Berlusca, che si chiami Veltroni, che si chiami Grillo, se uno vuole cambiare strategie per i risolvere i problemi, io lo seguo. Dio in terra c'è venuto in Terra una volta, e l'hanno messo in croce! ...figuriamoci se non sbagliano Berlusca, Veltroni o il Grillo di turno! ma la cosa importante è IDEE NUOVE! azioni NUOVE! e poi sbaglia! ma così si cresce raga... è conservare il vecchio il tarlo del paese. è la mafia che non vuole cambiare. questo penso...fino a quando non mi verranno idee nuove. e sono qui per cercarle con voi (dx o sx). Ciao Davide
(Rispondi)
 
 
 
Willy_Shakespeare
Willy_Shakespeare il 03/03/08 alle 13:53 via WEB
...va bè ho scritto un pò in fretta preso dal fervore, si legge no? volevo solo aggiungere che il vecchio non si cancella, si cambia ripartendo da lì. il vecchio mostra il bene e il male, e da lì si deve ripartire per non cominciare da zero ogni volta e ricommettere gli stessi errori. non fraintendetemi in questo...
(Rispondi)
 
luponero11
luponero11 il 09/03/08 alle 17:19 via WEB
vi ho letto attentamente, e ora gradirei una risposta sincera se avete voglia...... perche andare a votare????? io dopo tante volte haimè inutili, quest'anno a malincuore non vado..... forse Ho ragione io..... so long lupo
(Rispondi)
 
 
memoriedia_g
memoriedia_g il 11/03/08 alle 08:53 via WEB
Puo' sembrare inutile, e' vero, eppure rinunciare a votare e' come dargliela vinta, sancire che ormai siamo fuori gioco; io credo che esista sempre un criterio che alla fine puo' guidarci (l'intuito, il senso morale, l'interesse personale, il meno peggio). Sinceramente per come sono fatta io, rinunciare alla scelta mi imbarazzerebbe
(Rispondi)
 
 
 
tenerodiscreto
tenerodiscreto il 12/03/08 alle 11:46 via WEB
sul sito lavoce.info puoi trovare questa analisi fatta anche su altri parametri http://www.lavoce.info/articoli/-vero_falso/pagina1000283.html Brava,anch'io ho smesso di credere a quanto dicono nei talk show, da un bel po'.
(Rispondi)
 
 
 
 
memoriedia_g
memoriedia_g il 12/03/08 alle 13:14 via WEB
ringrazio del suggerimento; da una prima visione mi pare un buon riferimento per avere dei dati piu' completi ed estesi
(Rispondi)
 
 
Willy_Shakespeare
Willy_Shakespeare il 12/03/08 alle 16:07 via WEB
io a votare ci andrò, perchè per darmi quel diritto hanno perso la vita nel sangue centinaia di uomini, donne, ragazzi e bambini. allora penso potresti andarci anche tu, e magari lasciare scheda bianca. però vacci. è solo una formalità di una questione di principio (magari insensata perchè non è statisticamente oggettivabile), però... meglio andarci. (secondo me eh...)
(Rispondi)
 
ninograg1
ninograg1 il 13/03/08 alle 23:56 via WEB
ciao ti ho aggiunta ai miei blogamici
(Rispondi)
 
progigi
progigi il 15/03/08 alle 12:00 via WEB
Ciao, complimenti per questo blog, il tuo diagramma di sintesi è molto interssante , io però non credo che qualche singolo dato macroeconomico sia significativo per descrivere una economia complessa come la nostra.
Per valutare una politica economica è necessaria una analisi più complessa: partendo da un contesto internazionale, per poi approfondire lo studio della ripartizione delle risorse.
Ti auguro un buon fine settimana.
(Rispondi)
 
 
memoriedia_g
memoriedia_g il 15/03/08 alle 14:51 via WEB
Hai ragione ovviamente. Infatti non pretendo di sintetizzare l'economia italiana. Lo scopo e' fornire qualche dato statistico di aiuto contro le menzogne dei politici.
(Rispondi)
 
 
 
progigi
progigi il 22/03/08 alle 12:20 via WEB
Felice Pasqua!
(Rispondi)
 
SlutMachine
SlutMachine il 19/03/08 alle 00:19 via WEB
è una ricerca effettuata unicamente con macro dati, dunque le conclusioni sono poco affidabili. i macro dati non hanno neppure valore statistico, per numerosi motivi, tra i quali la distorsione del campione, sempre che di campione si possa parlare, nel caso di raffronto tra due elementi (pil e avanzo primario) che con l'andamento dell'economia ben poco ci azzeccano. il metodo è semplicistico. è come mangiare gelato puffo e dire che i cartoni animati fanno schifo. quanto a ciò che scrivi sotto, non so che ti abbiano scritto i tizi di sx o di dx, ma il primo degli slogan è definirli "simpatizzanti".
(Rispondi)
 
 
memoriedia_g
memoriedia_g il 19/03/08 alle 10:22 via WEB
Che la ricerca sia effettuata con macro-dati e' gia' stato detto piu' volte. Che tali macro-dati non abbiano valore statistico e' una novita', visto che vengono utilizzati da tutti gli organismi istituzionali (compresa la CEE) per effettuare valutazioni. Del tutto fuori luogo sembra il riferimento al "campione": qui si parla di dati di bilancio pubblici a consuntivo, non di stime o di sondaggi. Affermare poi che PIL e avanzo primario non hanno attinenza all'economia diventa quasi comico. Direi in linea con gli atteggiamenti dei nostri politici.
(Rispondi)
 
ddt54
ddt54 il 19/03/08 alle 07:40 via WEB
Sono almeno 4 anni che guardo in tv soltanto qualche partita di basket della Dinamo, la squadra di A2 della mia città. le trasmissioni che parlano di politica le trovo banali alla pari di quelle per intrattenimento, se non proprio socilmente pericolose come quelle di Maria De Filippi e Alda D'Ausario. Questo vale anche per TV e per quelle trasmissioni di falso "sinistrismo" e populismo dei vari Floris e Santoro; quest'ultimo poi è l'inventore e creatore di quella tv che dando la parola alla piazza, in genere organizzata ad hoc, ha di fatto creato negli spettattori l'illusione della politica dei cittadini in tv; niente di più falso. Quanto ai numeri che diligentemente hai raccolto sono la conferma di quanto immagginavo, vista l'allegra finanza creativa delle gestioni berlusconiane del potere. Oggi però mi rettrista tanto assistere ad una campagna elettorale dove proprio la politica e l'economia sono assenti perchè tutti i candidati rincorrono il consenso "sparando" stupidate popolari se non vero e proprio gossip. Una vergogna, ho aderito con entusiasmo al progetto del PD e non mi pento affatto, ero anche candidato nelle liste di Letta e Soru, tuttavia la gestione di veltroni in questa prima fase mi è piaciuta molto poco, e la campagna elettorale ancora meno. Carissima amica non posso che Complimentarmi con questo tuo blog, la politica è per me partecipazione e passione per cui leggere di uomini e donne che la intendono nella mia stessa maniera non può che farmi particolarmente contento.
(Rispondi)
 
nikomara0
nikomara0 il 21/03/08 alle 21:13 via WEB
scusa...appena arrivato....artigiano e voto a destra...giusto per conoscenza...io come forse altri..guardiamo a quello che c'è in giro....vedo gente con sempre meno soldi, politici di tutte e due le parti che curano più i loro interessi che non a quelli del popolo che dovrebbe essere sovrano invece è bue. Io credo di votare il meno peggio ma da quello che sono le disposizioni fiscali effettuate dai governi di sinistra anche negli ultimi mesi sono demenziali e toccano tutti noi. Io nel primo prodi ho licenziato i miei dipendenti...con berlusconi ho preso qualcuno col contratto a termine...ora è impossibile prendere a lavorare qlc...o mangia lui o mangio io.....quindi non mi fare i numeri....quelli te li potrei fare io...all'arrivo di prodi due anni fa ero in attivo di circa 6000 euro...oggi faccio fatica a stare a 1000 euro in rosso. Però abbiamo contratti fatti dai nostripolitici di cnsulenzead amici per 150.000 euro...e quelli incidono sui tuoi numeri e le nostre tasche... io non so coe andrà a finire il 13 aprile, ma chiunque arrivi...noi staremo sempre peggio....ci sentiamo fra un anno....ma tu vai avanti con le tue analisi...ciao
(Rispondi)
 
 
memoriedia_g
memoriedia_g il 22/03/08 alle 01:39 via WEB
do il benvenuto al primo commento sostanzialmente critico, ma basato su dati concreti e non su ragionamenti confusi; ovviamente anche in questo caso ci sarebbe da approfondire se e' plausibile attribuire il disastro ai soli due anni di governo Prodi, o e' piu' credibile estendere le responsabilita' a chi nei cinque anni precedenti aveva de facto svuotato le casse dello stato (creando una situazione insostenibile che non poteva durare); in generale penso sia comunque utile ogni testimonianza espressa in termini concreti ed e' utile che ognuno ci rifletta con la propria testa
(Rispondi)
 
 
ddt54
ddt54 il 22/03/08 alle 06:39 via WEB
Hai forse ragione, però bisogna anche chiederci perchè un governo è costretto a volte aumentare le tasse, non credo che prodi o chichesia fosse al governo lo abbia fatto perchè odiano gli italiani. Le tasse sono esclusivamente la risultante di una situazione contabile che nel caso della nazione Italia tendeva al disastro. Questa situazione non l'hanno creata, ne Prodi e nemmeno Berlusconi, ma è figlia della allegra finanza dei tempi del Caf di cui però bisogna anche dire che Berlusconi ha ingaggiato parecchia adepti, a partire da Cichitto, per finire in Tremonti (consulente di reviglio e altri ministri PSI). La tua situazione di artigiano è identica a quella di molti italiani a stipendio o pensione che non arrivano a fine mese pur rinunciando a consumi che a volte non sono superflui. nel mio caso esempio, sono in pensione da 2 anni come funzionari di una grossa azienda italiana, posso assicurarti che la mia era, ed è, in terminidi volume, una discreta prensione, eppure vedo che all'inizio riuscivo insieme a quella di mia moglie a metter da parte un certa ciffra che oggi si è notevolmente ridimensionata. Quanto alle lamentele degli italini in genere sulle tasse bisogna anche aggiungere che gli stessi continuano imperterriti a giocare al superenalotto 58 milioni di schedine ad ogni estrazione che equivalgono a 156 euro anno a persona, pur sapendo che la vincita è praticamente impossibile e quei soldi di fatto sono una tassa sull'ignoranza di quel popolo che d'esser sovrano mi pare importi poco, visto come in genere spreca il proprio potere decisionale. Onde evitare cattive interpretazioni di parte, quest'ultima mia frase è riferita soprattutto alla scelta della pessima classe dirigente tout cour, con ovvio riferimento soprattutto a quella di amministrazioni locali, regionali e anche parlamentari.
(Rispondi)
 
nikomara0
nikomara0 il 21/03/08 alle 21:16 via WEB
p.s....buona primavera a tutti comunisti, nostalgici, democratici e finti tali....quella arriva per fortuna anche senza elezioni....
(Rispondi)
 
 
ddt54
ddt54 il 22/03/08 alle 06:43 via WEB
...Ma quest'anno è molto fredda.... esattamente come la crisi economica mondiale... perfino in sardegna ieri mattina il termometro registrava appena 5 gradi. ....se consideri che era quasi obbligo fare il primo bagno a pasquetta....
(Rispondi)
 
nikomara0
nikomara0 il 22/03/08 alle 12:14 via WEB
solo un parere a riguardo di enalotto e super e vari.Premetto che se gioco 2 euro al mese è tanto, ma se i soldi che guadagno li butto via così sono uno scemo e questo vale per chi lo fa. Ma nessuno mi impone di giocare.Dal canone tv per darlo a pippo baudo alla tassa di circolazione per avere le città congestionate dal traffico, la tassa per le malattie equand ho bisogno di un esame mi danno auntamento a 120 giorni s va bene.....ma se ritardo di pagare iva irpef o qualsiasi cosa son dolori. Il problema è come vengono spesi i soldi che mi vengono detratti non quelli che uso per portare a gardaland i miei figli..Ciao e buona pasqua
(Rispondi)
 
 
ddt54
ddt54 il 22/03/08 alle 12:43 via WEB
Sul problema della qualità della spesa pubblica non posso che concordare pienamente, però bisogna anche ricordare che da almeno 25 anni la discussione sulla legge finanziaria è un autentico mercato delle vacche, dove ogni onorevole con un congruo pacchetto di voti personali lo nette in vendita al miglior offerente in cambio di un contributo straordinario per la festa del patrono, oppuure per per la costruzione di un campanile ecc. A questo aggiungasi il dramma di una inefficente burocrazia perchè è inefficente l'organizzazione dello stato. Quando dico questo mi guardo bene dall'accusare alcun dipendente pubblico, per altro anch'esso vittima, ma l'intera classe dirigente politica, incluso le organizzazioni indacali dei lavoratori e dei datori di lavoro. A questo aggiungasi che queste disefficenze hanno portato alla creazione di innumerevoli studi di presunti consulenti ed esperti che non fanno altro che gravare sugli operatori economici; uffici e servizi dove sempre più spesso si celano anche le stesse organizzazioni, confindustria compresa. Esempio emblematico di quanto affermo e che tutta la classe politica Italiana sa bene di quante energie economiche e di impegno del parlamento si sprecano per una legge di contabilità dello stato così concepita; tutta via rdopo il 30 dicembre di ogni anno si guardano bene dal fare una riforma che non ha alcun costo economico ma che sarebbe di grande utilità per un funzionamento fluido delle istituzioni.
(Rispondi)
 
settimocielo_1966
settimocielo_1966 il 22/03/08 alle 13:18 via WEB
Per una Pasqua serena ricorda che ad esserci non siamo solo noi, ma ci sono tanti altri che vivono silenziosi in povertà. Il mondo corre in fretta, non ti chiedo di fermarlo, chiedo solo di chiudere gli occhi pregando Gesù che possa regalarci un agnello pasquale con speranza, amore ed una nuova vita. Auguri di cuore da un amico o amica che prega per chi non ha nulla per gioire. Il Cielo
(Rispondi)
 
 
nikomara0
nikomara0 il 22/03/08 alle 18:54 via WEB
ecco a proposito cristo risorto non credo necessiti di agnello...perciò preghiamo anche per gli agnelli e se possibile evitiamo di macellarli al solo fine di celebrare una festa religiosa che a loro risulta mattanza....scusa ho debordato dalla politica...p.s. non sono vegetariano
(Rispondi)
 
 
 
ddt54
ddt54 il 22/03/08 alle 18:57 via WEB
In sardegna dovremmo pregare anche per i maialini, visto in occasione della pasqua molti finiscono nello spiedo.
(Rispondi)
 
memoriedia_g
memoriedia_g il 22/03/08 alle 21:25 via WEB
nella mia evoluzione cristiano-buddista non attribuisco piu' particolare importanza alle ricorrenze religiose classiche, pero' mi associo volentieri ai vari auguri, come segnale di buona educazione p.s. ok anche ad estenderli ad agnellini, maialini e bestiario di qualsiasi natura...
(Rispondi)
 
 
ddt54
ddt54 il 24/03/08 alle 11:06 via WEB
Su questi rituali delle feste, comunque falsamente religiose, debbo dire che concordo in pieno col "rag. Fantozzi", quando le classifica come manifestazionio inventate dall'unione commercianti. La tragica realtà e che purtroppo tutti noi, io compreso, siamo inseriti in un meccanismo sociale che accetta queste manifestazioni di abominevole pazzia sociale ed economica per quello che in realtà non sono... La rabbia maggiore però la provo quando assisto al complice silenzio di santa romana chiesa su questi argomenti, come per moltissime altre cose.
(Rispondi)
 
ipostasideltempo
ipostasideltempo il 24/03/08 alle 19:11 via WEB
Mi chiedo;chi ti da la sicurezza che i dati internet,siano piu veritieri delle manovre televisive?Non credi che i media hanno preso il sopravvento per controllare completamente delle menti debilitate da un'informazione costantemente controllata dal potere centrale?
(Rispondi)
 
 
memoriedia_g
memoriedia_g il 24/03/08 alle 19:24 via WEB
dubitare e' sempre opportuno e lecito, pero' credo che uno dei pochi pregi sicuri del mio umile blog e' lavorare su dati certi, cioe' dei parametri economici riconosciuti ufficialmente e ufficialmente soggetti a pubblicazione; io li ho reperiti su Internet per brevita', ma sono dati di bilancio a consuntivo dello Stato, e quindi (mi auguro) non opinabili
(Rispondi)
 
web_friendship
web_friendship il 01/04/08 alle 01:09 via WEB
Una volta due amici si trovarono a pranzo con due polli arrosto in tavola. Uno si assentò un momento e l'altro mangiò tutti e due i polli. Per la matematica statistica ne mangiarono uno ciascuno:) La teoria è una cosa e la pratica un'altra.
(Rispondi)
 
 
ddt54
ddt54 il 01/04/08 alle 07:27 via WEB
Definire la matematica e la statistica in modo così semplicistico è un offesa alle leggi naturali della scienza. Quel che si ignora sempre della statistica e che questo sistema di calcolo matematico non dà mai certezze ma probabilità. I leader che nella attuale campagna elettora ci bombardano e ci assillano con i sondaggi stanno commettendo un falso perchè in ogni caso con oltre il 30% di indecisi le probabilità che i risultati di quel sondaggio diventino realtà sono molto basse, però loro li propinano a noi "popolo sovrano" come parola di Dio. Sempre a proposito di sondaggi esempio una cosa che i leader non hanno mai detto è la percentuale di orientamento di quel 30% di indecisi, perchè se ipotizassimo, sempre per esempio, che il 70% di quel 30% fossero storicamente elettori di sinistra è molto probabile che molti di questi all'ultimo momento decidano d'andare a votare e votare contro Berlusconi per motivi ideologici; lo stesso dicasi nel caso contrario per gli odiati comunisti.
(Rispondi)
 
 
memoriedia_g
memoriedia_g il 01/04/08 alle 21:19 via WEB
Con i dati di questo blog la statistica non ha nulla a che vedere. Sono dati a consuntivo. Se parlo di una partita di pallone e dico che statisticamente la squadra A vince contro la squadra B, faccio statistica; se affermo che la squadra A ha battuto B per due a zero, do un risultato finale. In questo blog fornisco dei risultati finali. Si puo' sostenere che il risultato finale non conta e conta di piu' se la squadra ha giocato bene o male, ma non si puo' dire che il risultato finale e' un dato dubbio, statistico o previsionale.
(Rispondi)
 
ddt54
ddt54 il 01/04/08 alle 07:44 via WEB
Domenica ho trascorso la giornata all'interno di un gazebo del PD a rispondere alle domende degli elettori e a proporne io stesso a loro. Per me è stato un modo nuovo di fare propaganda, visto che ero abituato al volantinaggio e ai dibattiti sul genere feste sdell'Unità. E' stata una esperienza interessante anche perchè le domande che mi rivolgevano erano tutte di carattere pratico finalizzate alla risoluzione dei problemi quotidiani, come l'aumento dei prezzi, i salari bassi, il sistema pensionistico, il lavoro per i giovani e la loro precarietà. Cose che vivo anch'io giorno per giorno. Non vi nascondo le mie difficoltà nello spiegare, e farmi capire, che i prezzi non sono la conseguenza dell'euro, ma sono la risultante di un mercato di materie prime impovvisamente impazzito, dove il solo petrolio è passato nel giro di 36 mesi da 25 - 30 dollari al barile a 105. Ancor più difficile è stato spiegare che nonostante l''Italia sia un paese con forte componente agricola importiamo il 50% di cereali e granaglie che in fatto di aumenti nei mercati internazionali hanno percentualmente superato quelli del petrolio, in virtù di un erratto concetto ecologico e scientifico sull'uso dei bio carburanti che sta di fatto sottraendo terreni alla coltivazione di grano e altre cereali per alimentazione umana e animale. per non parlare di altre problematiche come l'Iraq e il Medio Oriente, di cui proprio non mi è stato chiesto niente. Qualcuno ha accennatto alle quete nelle cariche elettive e pochissimi dei pacs. Confesso che ragionando a mente fredda ho detto a me stesso se il il linguaggio della politica che usiamo nel rivolgerci al cittadino per averne il consenso è quello giusto, perchè mi sto convincendo he dovremo rivoluzionarlo pe rfarci capire.
(Rispondi)
 
ddt54
ddt54 il 02/04/08 alle 15:45 via WEB
Vi decidete a scrivere qualcosa.... ALTRIMENTI MI ARRRRABBBBIO............. PS: l'abbondanza di consonanti non è un errore, fa parte della genetica del territorio da cui provengo. A proposito la padrona di casa è pregata di svuotare la messaggeria, vorrei ringraziarla per avermi scelto come amico.
(Rispondi)
 
mel12
mel12 il 07/04/08 alle 12:57 via WEB
ma il grafico dovrà essere aggiornato dopo le elezioni? a me mi sa che rimane tal quale. Ciao
(Rispondi)
 
 
ddt54
ddt54 il 07/04/08 alle 14:28 via WEB
Errore di valutazione gravissimo.... Stando alla campagna elettora e alla matematica del Sole 24 ore succederà che se vince Ventroni avremo una diminuzione della curva seppur leggera, mentre se vince Berlusconi, sempre stando ai matematici del Sole 24 Ore quella curva riinizierà a crescere come è avvenuto dal 2001 al 2006. preciso che il Sole 24 ore non è l'organo utticiale sel Soviet Supremo e nemmeno del PD, ma l'organo ufficiale della imprenditoria italiana, cui perfino Berlusconi con le sue aziende è associato.
(Rispondi)
 
 
memoriedia_g
memoriedia_g il 07/04/08 alle 16:26 via WEB
poiche' lo spirito del blog e' riportare dati certi a consuntivo, potro' aggiornare i dati su base annuale, appena noti i risultati dell'anno precedente; per ora posso solo lasciare spazio alle previsioni, come quelle del Sole 24 Ore citate nel precedente commento
(Rispondi)
 
 
 
mel12
mel12 il 07/04/08 alle 18:12 via WEB
disamina come sempre attenta e minuziosa, però mi sembra di aver sentito che qualcuno minaccia di imbracciare i "fucili" se non si cambiano alcune cose, compreso il grafico ahahahah . Mà....a questo punto sono confuso.....ciao
(Rispondi)
 
ddt54
ddt54 il 07/04/08 alle 22:59 via WEB
Pur essendo un grande estimatore del porf Basaglia, debbo confessare che almeno un errore la legge sulla chisura dei manicomi l'abbia commesso: quello di non rinchiudere uno come Bossi.
(Rispondi)
 
 
mel12
mel12 il 08/04/08 alle 08:11 via WEB
in effetti è così, la politica sopratutto di stampo italiana dimostra come al solito che, pur di far arrivare al potere determinati gruppi è disposta a calpestare le legittime aspettative di cittadini alle prese con le difficoltà del quotidiano... speriamo che si ravvedano, tutti.
(Rispondi)
 
m841d8
m841d8 il 09/04/08 alle 02:04 via WEB
Discorso di Robert Kennedy, 18 marzo 1968, Università del Kansas: “Non troveremo mai un fine per la nazione né una nostra personale soddisfazione nel mero perseguimento del benessere economico, nell’ammassare senza fine beni terreni. Non possiamo misurare lo spirito nazionale sulla base dell’indice Dow-Jones, né i successi del paese sulla base del prodotto nazionale lordo (PIL). Il PIL comprende anche l’inquinamento dell’aria e la pubblicità delle sigarette, e le ambulanze per sgombrare le nostre autostrade dalle carneficine dei fine-settimana. Il PIL mette nel conto le serrature speciali per le nostre porte di casa, e le prigioni per coloro che cercano di forzarle. Comprende programmi televisivi che valorizzano la violenza per vendere prodotti violenti ai nostri bambini. Cresce con la produzione di napalm, missili e testate nucleari, comprende anche la ricerca per migliorare la disseminazione della peste bubbonica, si accresce con gli equipaggiamenti che la polizia usa per sedare le rivolte, e non fa che aumentare quando sulle loro ceneri si ricostruiscono i bassifondi popolari. Il PIL non tiene conto della salute delle nostre famiglie, della qualità della loro educazione o della gioia dei loro momenti di svago. Non comprende la bellezza della nostra poesia o la solidità dei valori familiari, l’intelligenza del nostro dibattere o l’onestà dei nostri pubblici dipendenti. Non tiene conto né della giustizia nei nostri tribunali, né dell’equità nei rapporti fra di noi. Il Pil non misura né la nostra arguzia né il nostro coraggio, né la nostra saggezza né la nostra conoscenza, né la nostra compassione né la devozione al nostro paese. Misura tutto, in breve, eccetto ciò che rende la vita veramente degna di essere vissuta. Può dirci tutto sull’America, ma non se possiamo essere orgogliosi di essere Americani.”
(Rispondi)
 
 
memoriedia_g
memoriedia_g il 09/04/08 alle 09:15 via WEB
Concordo al 100% con le parole di Robert Kennedy. Chi lo desidera, usi anche questo spazio per dibattere su tali temi (la salute delle nostre famiglie, la qualità della loro educazione o la gioia dei loro momenti di svago, etc.); sono temi importanti, che ovviamente evadono dal mio scopo originale. Io mi accontento di segnalare che esistono dati numerici, oggettivi e di non difficile interpretazione, che potrebbero aiutarci a formarci un'opinione, ma che ci vengono taciuti dai mass-media.
(Rispondi)
 
witog
witog il 09/04/08 alle 03:36 via WEB
Adotto metodi personali: senza farmi influenzare, presto attenzione e non disdegno la tv che è lo strumento più ricco e meno impegnativo. Ascolto le persone con attenzione e se è il caso, cerco conferme. ...L'analisi dei fatti, con precisa riflessione, è essenziale e già so che ben pochi si soffermano oltre l'apparenza. L'opinione è altresì influenzata dalle proprie origini morali e dalla sua matrice che trapela costante.
(Rispondi)
 
ddt54
ddt54 il 09/04/08 alle 11:09 via WEB
Col compagno Kennedy pernso che ogni cittadino con un minimo di giudizio non possa che concordare; tuttavia voglio far notare ai lettori e agli appassionati di politica e di economia, come nel loro linguaggio il termine pil, sia visto come un senso quasi religioso, tanto che è entrato nell'uso comune anche del cittadino medio. tutto ciò a discapito del termine "redditto medio pro capite" identificativo della distribuzione e della qualità della ricchezza tra i cittadini. betatificare il pil come di fatto avviene è sempre scarsamente indicativo perchè al limite l'intera riccezza di una nazione può esser posseduta da pochissime persone, come avviene in molte dittatture di paesi araba e africani. Nei gloriosi anni della Milano da bere e del consumismo sfrenato il "mitico" governo del CAF si autobeatificava che l'Italia era diventata la quinta potenza economica del mondo perchè aveva scavalcato la Gran Bretagna governata dalla Tacher; in quegli stessi anni però eravamo al 25 posto come redditto pro capite, dove non a caso tra primi 12 posti c'erano le economie dei paesi nordici, della Svizzera, del Canada, e della stessa GB. Paesi dove già da allora esisteva un elevato rispetto per la natura e una assistenza per i cittadini che andava dal concepimento fino alla tomba. Nella mia vita professionale mi è capitato di assistere nei primi anni70, ad una gara pre la progettazione e costruzione di un grande impianto chimico in un paese nordico; allora in Italia l'ecologia era una scienza sconosciuta, in questo paese invece alla prima riunione collegiale, prima ancora di parlare di prezzi e caratteristiche tecniche, ci dissero che per loro era prioritario che le acque di scarico confluissero in delle vasche con dei pesci resistenti a vari gradi di inquinamamento. Tutto ciò prima che le stesse acque venissero depurate in un impianto con specifiche rigidissime. Ho portato questo esempio perchè proprio in quegli anni si posero le basi per i molti disastri ambientali di questa nostra Italia.
(Rispondi)
 
ddt54
ddt54 il 09/04/08 alle 15:59 via WEB
BASTA FINO A LUNEDI' PARLO SOLO DI DONNE... Che ne pensate delle quote per superare la disparità nell'ambito degli incarichi politici? Fino ad oggi si è fatto un gran parlare. Uomini e donne si trovano in perfetto accordo che così la situazione non può andare perchè produce una democrazia e una rappresentanza che non è espressione della realtà civile di un paese democratico. Molti, anzi tutti, i favorevoli alle cosidette quote parlano di "costrinzione" dei partiti a candidare il 50% di donne.
(Rispondi)
 
ddt54
ddt54 il 09/04/08 alle 17:47 via WEB
Ovviamente da parte dei detentori del potere all'interno dei partiti e delle istituzioni, solo parole retoriche ...e fatti quasi zero. Nello stesso PD che pure si vanta d'aver candidato il 42% di donne se si abbandonano per un attimo gli slogan e si guarda alla realtà, si scopre che ad esser elette saranno appena il 10%. Che fare? meglio che proporre? La nuova UDI, Unione Donne Italiane, tempo fa ha raccolto le firme per una proposta di legge di iniziativa popolare affinchè in ogni lista presentata per qualsivoglia carica elettiva il 50% deve esser donna per essere legale, in questa maniera, sostengono le donne dell'UDI è garantita la parità. Personalmente non concordo con loro, certamente non per bieco maschilismo, o peggio per ragioni di potere, semplicemente perchè, matematicamente parlando la percentuale delle elette a ricoprire incarichi rischia di esser ancora una volta bassa, anzi decisamente inferiore a quel 50% sognato e tanto sperato con questo genere di quote. Che fare? Semplice, nella furura nuova legge elettorale inserire un articoletto che preveda le cosidette quote in fase di conteggio e attribuzione seggi, cioè ripartire i seggi per ciascuna circoscrizione elettorale in base alla percentuale nazionale di donne e uomini risultante dall'ultimo censimento. In questa maniera vengono a cessare tutte le meline e le ipocrisie di partiti ee uomini di potere perchè di fatto in questo modo i primi, debbono per forza di cose candidare una percentuale di donne almeno pari, se non maggiore a quella rilevata dal censimento e i secondi non hanno più alcuna scusa cui appigliarsi. Ho parlato di questo argomento anche per evidenziare che la matematica non è un qualcosa di astratto, per di più spesso insegnata da butte donne frustrate, simili spesso nei comportamenti pedagogici a delle autentiche fighe di ferro, ma una scienza reale e pratica che se utilizzata con criterio trova applicazione anche in un mondo quello della politica troppo spesso occupato da ciarlatani e imbonitori
(Rispondi)
 
 
nikomara0
nikomara0 il 10/04/08 alle 22:45 via WEB
SCUSA MA DI CHE DIAVOLO STAI PARLANDO? Fare le proporzioni degli elettori uomini e donne e far eleggere in base al sesso? oltre che incostituzionale (ogni persona è uguale) possiamo fare la quote "vecchi" o giovani o mezza età...xchè i nostri governanti sono oltre i 50? che percentuale di persone tra i 20 e 35 ci sono? bene tanti allora in percentuale i seggi....e quanti sono mancini? in percentuale i seggi.....andiamo avanti così con queste proposte....fa bene...
(Rispondi)
 
 
 
ddt54
ddt54 il 11/04/08 alle 15:10 via WEB
Dimentichi che in qualsiasi caso la stessa legge elettorale è una legge costituzionale, tanto che la stessa attuale porcata caldedroliana è difficile sa soprimere. Detto questo contuno ad essere del parere della suddivisione dei seggi per sesso, invece è decisamente incostituzionale una eventuale ulteriore sudivisione tra vecchi e giovani indipendentemente dal sesso.
(Rispondi)
 
 
 
 
nikomara0
nikomara0 il 12/04/08 alle 09:08 via WEB
scusa xchè secondo te la divisione x età è non costituzionale e fra sessi si? se non sbaglio recita che siamo tutti eguali per sesso razza religione, quindi xchè io donna devo votare per donna e uomo per uomo? è una divizione per sesso quindi razzista...io dovrei essere libero di votare e mandare al parlamento chi mi rappresenta di + ...uomo o donna che sia...giovane o vecchio che sia...come da legge non è eleggibile senatore unodi meno di 40 anni mi sembra io vorrei l'ineleggibilità dopo i 65...se sono maturi per la pensione i lavoratori lo devono essere anche i politici...andate in casa di riposo, andate in barca, godetevi i soldi rapinati agli italiani creando leggi ad hoc per ingrassare i vostri deretani, destra e sinistra che siano...sono tutti uguali le liste oggi sono costrizioni fatte dai partiti per metterci chi vogliono ed è da cambiare...subito...basta l'ultimo caso di torino dove hanno messo capolista un operaio della Tyssen....lo metto allo stesso piano di cicciolina o di luxuria...una presa in giro dell'Italia...e nota con la I maiuscola
(Rispondi) (Vedi gli altri 1 commenti )
 
 
 
 
ddt54
ddt54 il 12/04/08 alle 16:07 via WEB
Penso anch'io che limitare l'elezione di una persona in funzione dell'età sia in ogni caso incostituzionale in Italia e in ogni angolo dell'occidente . Anche a me la cosa non piace anche perchè altrimenti non avremmo potuto godere a suo tempo di persone di alto profilo come Pertini e oggi di Napolitano, diverso è il fatto invece se l'ordinamento nazionale pravedesse che qualsiasi cittadino chiamato alle cariche elettive può ricoprirle solo e soltanto per 2 mandati non cumulabili consigli regionali e parlamento Europeo. Questo garantirebbe realmente un ricombio generazionale quasi automatico, putroppo però allo stato attuale, in Italia, anch'esso è incostituzionale, ma tra molti esponeti di diversi partiti, tra i quali in primis c'è il PD che ha previsto qualcosa del genere nel proprio statuto, sta iniziando a prendere corpo una eventualità del genere: Diciamo che con un pò di buona volontà qualche articoletto sull'argomento potrebbero inserirlo anche nella prossima legge elettorale che come detto è legge costituzionale, però temo che sia dura, molto dura perchè nelle secrete stanze di tutti i partiti siedono in molti sclerotizzati dal potere che si guardano bene dal cederlo; De Mita è stato un caso simbolico di questa repubblica, ancor più significativo però è stato quello d'esser "ingaggiato" da un altro partito. Diciamo che questasarebbe una battaglia trasversale da portare avnti con forza da parte della base di tutti i partiti, possibilmente in modo congiunto con quella della rappresentanza femminile, ma visti i risultati ottenuti da queste ultime temo che ci sia da fare una autentica guerra civile.
(Rispondi)
 
ddt54
ddt54 il 11/04/08 alle 15:11 via WEB
Madame, un pò di memoria, controlli il pieno della messageria.... Sorriso
(Rispondi)
 
ddt54
ddt54 il 15/04/08 alle 15:59 via WEB
Lo confesso: durante la notte elettorale ero indeciso se trasformarmi in italiano medio acquistando gratta e vinci e giocando al lotto e superenalotto, visto che Silvio ha intenzione di far detrarre la spesa dall'Irpef, oppure di chiedere asilo politico al Nepal, dove la sinistra nei giorni scorsi ha vinto alla grande.
(Rispondi)
 
 
nikomara0
nikomara0 il 16/04/08 alle 22:28 via WEB
Scusa la fanchezza..tu parti pure per il Nepal...noi continuiamo a costruire l'Italia, e c'è bisogno di tutti gli uomini di volontà...di sinistra e di destra...se si governa bisogna farlo per il bene di tutti.é in amore che vince chi fugge, non nelle cose reali
(Rispondi)
 
ddt54
ddt54 il 17/04/08 alle 16:17 via WEB
Chiedo scusa, anzi ti prego di non prendertela, però ho l'impressione che parli come il papa quando dici di ...ricostruire l'Italia, tanto Silvio ora ripartira il tesoretto ottenuto rincorrendo gli evasori proprio tra quegli stessi evasori, magari con le più nobili delle giustificazioni.
(Rispondi)
 
 
nikomara0
nikomara0 il 20/04/08 alle 23:10 via WEB
berlusconi farà quello che crede sia meglio fare...secondo lui chiaro...io ti prego di informarti sul forfettone che ha varato prodi per gli autonomi....un VERO regalo agli evasori...e non preoccuparti non mi offendo se esprimi le tue opinioni....sono importanti come quelle di qualsiasi altro cittadino italiano che sia elettore o meno e devono essere ascoltate....
(Rispondi)
 
ninograg1
ninograg1 il 12/07/08 alle 22:03 via WEB
sono qui oltre che salutarti anche per un piccolo problema di una nostra collega blogger questo è il link http://blog.libero.it/robindisherwood/5062257.html al post se puoi postalo sul tuo e fallo girare con i tuoi contatti sia di profilo che di blog, grazie.nn passare dal mio vai direttamente sul suo e fai copia e incolla non sono qui per farmi pubblicità, ciao
(Rispondi)
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.
 
 

 

 

(presunti) pregi e difetti del presente blog


Difetto:

i parametri oggetto dell'indagine sono solo due, per motivi di brevita' e per poterli contenere in un unico grafico leggibile. Ho scelto deficit/PIL e avanzo primario, perche' considerati dagli economisti fra i piu' significativi, per giudicare lo stato di salute della finanza pubblica. Ovviamente ne esistono tanti altri ugualmente utili (inflazione, debito pubblico, ricchezza media etc etc.). Come molti sapranno, il deficit/PIL e' un parametro che il governo deve cercare di tenere piu' basso possibile, mentre l'avanzo primario rappresenta quanto c'e' nelle casse dello Stato e occorrerebbe tenerlo piu' alto possibile (se si approssima allo zero, e' davvero bruttissimo segno...)

Pregio:

Il blog si basa su pochi semplici dati numerici di dominio pubblico (nel senso che sono ufficialmente pubblicati, non nel senso che sono diffusi con facilita'). Non si tratta quindi di opinioni, o di stime, o di previsioni, bensi' di dati di bilancio pubblici a consuntivo.