Creato da romanodavide il 02/03/2006
Collaboratore de La Repubblica. Per contattarmi: 366-3701812

Area personale

 

Tag

 

Archivio messaggi

 
 << Settembre 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
  1 2 3 4 5 6
7 8 9 10 11 12 13
14 15 16 17 18 19 20
21 22 23 24 25 26 27
28 29 30        
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

FACEBOOK

 
 

Ultime visite al Blog

simone111181raf.camposluigi.cajanivincenzo.licalzif.dovettoomar2100deficitspendingiocomplicata_e_amaraSky_Eagleromanodavidehopelove10grazia.rosellihaldir72fambienm.a.r.y.s.e
 

Ultimi commenti

 

Chi puņ scrivere sul blog

Solo l'autore puņ pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

« Ora ci vogliono coraggio...Giornata della cultura e... »

Festa di gioia malgrado i divieti

Post n°83 pubblicato il 12 Agosto 2010 da romanodavide

Oggi inizia il Ramadan, uno dei cinque pilastri su cui si fonda l’Islam. Si ricorda infatti la rivelazione del Corano avvenuta – secondo la tradizione islamica - 14 secoli fa. A partire da oggi e per trenta giorni i musulmani osservanti – e spesso anche quelli laici – rinunciano a mangiare, bere, fumare e fare sesso durante il giorno. Spesso a sentire tutti questi precetti, i non musulmani sono portati a pensare che questo sia un periodo di sacrifici, e quindi di tristezza. Il Ramadan invece è una festa gioiosa. I divieti valgono solo per chi è in salute, e ne sono dunque esentate donne in gravidanza, anziani, bambini e malati. Questo è bene ripeterlo per chi – non conoscendo l’Islam – vede nel Ramadan una pratica pericolosa; ma giova ricordarlo anche a coloro che – islamici – vogliono comunque sottostare ai divieti anche se non stanno bene.
Durante il Ramadan si prega e si leggono parti del Corano, si mangia tutti
insieme dopo il calare del sole, ed è un periodo particolarmente raccomandato
per le buone azioni in favore dei meno fortunati. Se conoscete qualche
musulmano, sorprendetelo positivamente: porgetegli un "Ramadàn karìm", l’
augurio tipico di questa festa. Ma Ramadan karim va augurato anche a tanti
altri musulmani milanesi: a tutti coloro che non hanno ancora una moschea dove pregare, per esempio. Ramadan karim a chi costruisce le case e gli uffici in cui viviamo, ricevendo paghe da fame, senza sicurezza, e ha già visto da vicino cosa significa rischiare o addirittura perdere la vita per pochi euro all’ora.
Ramadan karim a tutti quelli che lavorano onestamente nella nostra città,
regolari e non. Ramadan karim a quelli che stanno in prigione, magari solo
perché non hanno avuto un interprete decente. Ramadan karim ai tanti
ristoratori musulmani che tengono aperto anche ad agosto. Ramadan karim ai
tanti padri che si spaccano la schiena nel nostro paese e mandano tutto quello
che possono a moglie e figli a casa. Ramadan karim alle donne islamiche, alla
loro difficile quanto commovente lotta per l’emancipazione. E uno speciale
Ramadan karim anche al mio amico senegalese Nary - laureato in giornalismo a Dakar, ed emigrato in Italia per mantenere i figli in Africa - che vende libri
a chi passeggia in Corso Vittorio Emanuele: un esempio di tenacia ed umiltà
anche per tanti nostri connazionali. Ramadan karim ai tanti che, come lui,
spendono cinque euro al giorno per chiamare casa solo per poter sentire le voci dei propri figli, che mi raccontano di come il sacrificio maggiore sia proprio non essere lì a vedere i propri bambini crescere, giorno dopo giorno. E infine Ramadan karim anche al sindaco e De Corato: perché sappiano essere i rappresentanti di tutte le comunità della nostra città, islamica compresa.


Davide Romano

Pubblicato su La Repubblica-Milano l'11 agosto 2010

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Vai alla Home Page del blog