Creato da romanodavide il 02/03/2006
Collaboratore de La Repubblica. Per contattarmi: 366-3701812

Area personale

 

Tag

 

Archivio messaggi

 
 << Ottobre 2020 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30 31  
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

FACEBOOK

 
 

Ultime visite al Blog

simone111181raf.camposluigi.cajanivincenzo.licalzif.dovettoomar2100deficitspendingiocomplicata_e_amaraSky_Eagleromanodavidehopelove10grazia.rosellihaldir72fambienm.a.r.y.s.e
 

Ultimi commenti

 

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

 

« Il desiderio della rivol...La lettera di Amici Di I... »

Dagli ebrei dialogo con il Libano

Post n°35 pubblicato il 18 Luglio 2006 da romanodavide

Beirut chiama, Milano risponde: con il dialogo. Questo vuole essere il significato della manifestazione che si terrà oggi di fronte al Consolato libanese di via Larga. Non sarà un atto di ostilità verso il Libano, anzi, vuole essere l’esatto opposto. Sarà un sit-in per il Libano. Perché si possa finalmente liberare dalle milizie Hezbollah e ottenere la piena sovranità sul proprio territorio, come auspicato anche dal nostro Presidente del Consiglio e come richiesto dalla risoluzione Onu 1559 del 2004. Nessun paese al mondo può vivere in pace in presenza di milizie armate al proprio interno, capaci perfino di iniziare una loro guerra “privata” con uno stato vicino, a dispetto dell’opinione del governo legittimamente eletto. Neppure l’Iran e la Siria, principali sponsor dei guerriglieri Hezbollah, accetterebbero mai delle milizie indipendenti a Teheran o a Damasco. La seconda richiesta dei manifestanti sarà invece l’impegno per la liberazione dei due soldati israeliani rapiti. Ma non ci saranno polemiche. L’idea di riprodurre anche in questi giorni l’eterna divisione tra filo-israeliani e filo-arabi sarebbe controproducente per tutti. Quello di oggi sarà un tentativo di dialogo con il governo del Libano da parte di un pezzo della società civile e politica milanese, Comunità ebraica in testa. Il motivo del coinvolgimento degli ebrei milanesi nella crisi israelo-libanese è particolare e si può riassumere in tre principali aspetti. Il primo è certo quello del timore per le sorti di Israele. La vicinanza a questo stato non è infatti solo politica o religiosa, molti dei membri della comunità vivono con angoscia questi giorni pensando ai propri amici o parenti che abitano lì. Basta pensare al Kibbutz di Sasa, dove vivono diversi ebrei di origine italiana, e ai momenti difficili che sta passando a causa della vicinanza al confine libanese. Il secondo aspetto per cui la comunità si sente toccata da questa crisi, è il legame affettivo esistente con il Libano. Sono infatti centinaia gli ebrei libanesi (il più noto al pubblico è certo il giornalista Gad Lerner) che hanno trovato rifugio a Milano all’inizio degli anni ’80. Tra loro è ancora palpabile il legame e la nostalgìa che tuttora provano per il paese dei cedri. C’è poi un terzo motivo per cui gli ebrei milanesi sono allarmati dalla crisi in medio oriente, ed è legato all’antisemitismo: la comunità sa che dietro a certe accuse rivolte alle operazioni militari israeliane in Libano c’è qualcosa di più della normale critica politica. Tant’è vero che a Padova sono già apparse le prime scritte antisemite, proprio sui muri della locale Comunità. Un fatto inquietante, che ha messo in pre-allarme anche l’ebraismo milanese. Un atto perpetrato da gruppi dell’estrema sinistra padovana. E dovrebbe far riflettere che proprio loro - i primi a negare qualsiasi legame tra l’eccesso di critiche verso Israele e l’antisemitismo - scelgano i luoghi dove si svolge la normale vita delle famiglie ebree per insozzarli con le loro scritte offensive. Fonte: mio articolo su La Repubblica del 18 luglio 2006

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/DavideRomano/trackback.php?msg=1422594

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
 
>> WAR su pEaCe!!!
Ricevuto in data 18/07/06 @ 10:28
La cultura bellicosa israeliana inizia a fare le sue prime vittime. Ecco due bambine israeliane s... (continua)
 
>> Online multiplayer rpg games. su Sexy online rpg games.
Ricevuto in data 19/04/08 @ 14:28
Free online rpg multiplayer games. Can play free online rpg games. Online rpg games. Free online ... (continua)
 
Commenti al Post:
fudosky
fudosky il 25/07/06 alle 11:29 via WEB
Eccolo il dialogo di israele: Gli aerei israeliani dovranno bombardare dieci edifici a più piani nei sobborghi meridionali di Beirut, roccaforte di Hezbollah, per ogni nuovo razzo a lunga gittata che colpirà il porto settentrionale di Haifa, terza città dello Stato ebraico per importanza. Lo ha reso noto la radio dell'Esercito, secondo cui l'ordine all'aviazione è stato impartito personalmente dal capo dello stato maggiore interforze, generale Dan Halutz; questi ha fatto in particolare riferimento alla zona di Dahaya della capitale libanese, dove maggiore è la concentrazione di militanti e sostenitori del Partito di Dio. Domenica ad Haifa l'esplosione di razzi scagliati dai guerriglieri di Hezbollah aveva provocato la morte di due persone.
(Rispondi)
 
Leah70
Leah70 il 12/09/06 alle 22:55 via WEB
Perchè gl iebrei della diaspora sono di sinistra e gli ebrei sabra nati e cresciuti in Heretz Israel no? Non capisco l'atteggiamento sinistroide degli israeliti italiani! Ho molti amici ebrei israeliani e non ce ne è uno che voterebbe a sinistra in Italia, anzi sono spaventatissimi per l'assoluta mancanza di conoscenza dei reali problemi di Israele! Sarà anche vero che l'Occidente ha un complesso di colpa alto come l'Empire State Bilding di N.Y., ma non si risolve tutta la questione dicendo "poveri palestinesi"! La situazione deve essere approfondita! Chi difende Israele? Chi più di Israele ha dimostrato in questI PRIMI ANNI DEL 2000, di saper anche rinunciare e soffrire, di cedere e lottare? Amo Israele perchè è la nostra origine, perchè non riconsciamo più il suo diritto ad esistere e a difendersi?
(Rispondi)
 
lottersh
lottersh il 25/03/09 alle 05:02 via WEB
winder, insufficient, levitra cheap airy, elasmosaurus, cheap soma dermatogen, youth, levitra vardenafil hci medicina erysipelothrix, seminymph, generic levitra online febrile, dimethylcarbinol, purchase generic levitra ilioxiphopagus, buccaneer, generic levitra 20mg harmaline, pyostomatitis, buy levitra now epituberculosis, enzyme, generic levitra cion, horologer, discount male levitra medications online azosulfamide, equimolecular, generic levitra online triakisoctahedron, allotriosmia, buy generic levitra exrerience, hoemother, buy levitra in uk slicking, hematein, levitra on line bypass, teratogens, levitra online plasmagene, hydroxyephedrine, best buy generic levitra online
(Rispondi)
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.