Creato da: Davide2nove il 16/10/2005
La legge è uguale per gli altri

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Maggio 2022 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31          
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Te la sanno raccontar

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 3
 

Ultime visite al Blog

madrenatura.erboanca48ctrlibfillylanzonecristinazerocomerenamtt82rossellapichierripavonepapenfinefraxiandDavide2novegiovannibello_2006Boooooohhh0lucad74EnricoMoroni
 

Ultimi commenti

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 
 

 

 
« VELTRONI UOMO NUOVO  :|DEMOCRATIC PARTY »

DIVORZIO ALL'ITALIANA.

Post n°142 pubblicato il 14 Febbraio 2008 da Davide2nove
Foto di Davide2nove

Bene,a a quanto pare Casini (tenendo fede al suo cognome) ha preso una decisione. Una scelta coraggiosa anche se avversa all'economia delle cose, in quanto quello che sta succedendo con i due listoni è il modo più rapido ed efficace per risolvere l'irrisolvibile problema della contestatissima leggere elettorale.

I due partitoni sono a tutti gli effetti "il nuovo che avanza" (si lo so riusciranno a buttare in merda anche il nuovo che avanza, ma almeno fatela germogliare na cazzo d'idea) e la scelta di Casini, anche se fatta per mantenere un'identità, risulta ad un tratto anacronistica. Va bene così.. ogniuno per se e Dio per tutti, anche se con tutti i Vescovi che ha Pierferdi dalla sua....heheheh

Un'altro divorziato dalla nascita è quel "non si capisce che minchia vuole fare" Montezemolo. Bhe in verità si capisce cosa vuole fare, ma sta temporeggiando un po' troppo. Contro di lui c'è il peso del successo.

Il presidente di tutto, ma soprattutto della Ferrari (non vorreste mica mettere la Ferrari a paragone con la ConfIndustria vero!) fin'ora ha avuto una bella vita ricca di cariche onorifiche e vittorie sportive. La sua parte la già scelta ed è quella contraria all'uomo che invidia (indovina chi!), solo che la parte che ha scelto (non aveva altre soluzioni) fa solo figure di merda.

Così Montezemolo appoggia il governo Prodi anche se fischiato dai veri industriali, quelli che sanno come vanno le cose. Così Montezemolo bacchetta il governo Prodi quando l'industria, com'era prevedibile, va male. L'aggravante del successo dicevo... ha solo una parte per scendere in pista e potrebbe garantirgli il primo vero insuccesso della vita.

Alla fine tutto dipende dall'invidia, che ha quanto pare colpisce anche quelli che hanno tutto. Se non avesse il terrore dell'ombra del Cavaliere potrebbe dare un senso alle sue velleità politiche ed entrare nel gioco dalla parte giusta, invece di affiancare e tentennare addosso ai perdenti. Un'industriale di sinistra... ma che cazzata è?

Non vi sembri strano l'accostamento Casini-Montezemolo. Entrambi sono rosi da uno dei sentimenti più tipicamente italiani. Un sentimento che ricade anche su molti elettori. Molta gente non ha idea di chi Berlusconi sia e di cosa faccia e così invece di votare l'uomo grazie al quale guarda la televisione senza pagare canoni, preferiscono votare un pirla che ha smerdato ed affondato IRI, Cirio, Alfa, Euro.

L'ignoranza è brutta, ma legata all'invidia è micidiale.

Davide

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Vai alla Home Page del blog