Creato da: Davide2nove il 16/10/2005
La legge è uguale per gli altri

Area personale

 

Archivio messaggi

 
 << Maggio 2022 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
            1
2 3 4 5 6 7 8
9 10 11 12 13 14 15
16 17 18 19 20 21 22
23 24 25 26 27 28 29
30 31          
 
 

Cerca in questo Blog

  Trova
 

Te la sanno raccontar

FACEBOOK

 
 
Citazioni nei Blog Amici: 3
 

Ultime visite al Blog

madrenatura.erboanca48ctrlibfillylanzonecristinazerocomerenamtt82rossellapichierripavonepapenfinefraxiandDavide2novegiovannibello_2006Boooooohhh0lucad74EnricoMoroni
 

Ultimi commenti

Chi può scrivere sul blog

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 
 

 

 
« DIVORZIO ALL'ITALIANA.NO, WE CAN'T »

DEMOCRATIC PARTY

Post n°143 pubblicato il 16 Febbraio 2008 da Davide2nove
Foto di Davide2nove

Ok... è ufficiale Veltroni si è bevuto il cervello. L'ansia di volersi dimostrare diverso e la scimmia che gli è presa per Barak Obama gli hanno fatto partorire l'ultima malsana idea: cambiare nome alla festa dell'Unità!!No no... non è uno scherzo. Il primo Democratic Party si terrà a Firenze, è già stato deciso.

Questo nuovo colpo di genio mi stimola tutta una serie di considerazioni. Prima fra tutte che ancora una volta l'elettorato viene trattato come un conglomerato di idioti. Certo dietro la campagna elettorale di "Uomo nuovo" Veltroni ci sarà un nutrito gruppo di statisti e specialisti del marketing che con i loro impersonali sondaggi cercano di ridurre le persone a dei numeri. E' anche vero che chi voterà ancora a sinistra è un COGLIONE e come tale sarà trattato. Però far finta di essere un americano che ci viene a salvare dai Nazisti distribuendo cioccolata è veramente troppo.

Dopo lo "YES WE CAN!" (cosa naturale per gli americani visto che parlano inglese) ora il PD (o chi per lui) pensa che l'espediente anglosassone possa far vincere un'elezione già persa.

Ora... non è perchè io sono di destra e quindi un po' nazionalista che dico ciò, ma... NOI SIAMO ITALIANI CAZZO! L'inglese va bene per il commercio, il turismo e per viaggiare, ma se parli agli italiani di quello che farai per loro lo devi fare in italiano. Comunque sia il fatto che sta mandria di incapaci stia usando degli espedienti fa capire quanto poco abbiano effettivamente da dare.

Oggi  ho sentito uno stralcio di discorso di Veltroni al TG. Sapete che diceva? Che abbasserà le tasse. Pensate spiegasse come? Ma va la'! Il bello è che nessuno lo spiega mai, mentre il discorso è estremamente semplice:

L'italia è uno stato che ha delle spese e fa parte di una confederazione (quella minchiata dell'Europa Unita per chi non se lo ricordasse) che prevede degli standart per il PIL e per il deficit. L'italia per il prossimo anno non erediterà soldi da Nazioni morte, ne scoprirà nel proprio territorio giacimenti di petrolio, ne le parole faranno cadere soldi dal cielo. Di conseguenza, non avendo altri mezzi che non siano le tasse, l'Italia non avrà altro modo di recuperare il deficit che chiedere soldi ai suoi cittadini.

Ok.. più facile ancora. Se hai una barca bucata come un groviera e non hai niente con cui tappare i buchi, l'unica cosa che hai per non affondare sono i secchi in mano ai passeggeri. Ma prima o poi le braccia si stancano. Un governo che non ha un piano strutturale concepito per ridurre spese e perdite è destinato ad affondare.. proprio come ha fatto l'ultimo.

Hanno tassato tutto e tutti, hanno inasprito la lotta all'evasione fiscale, hanno buttato intere famiglie sul lastrico... ci sono soldi in più? No no... troppa acqua nella barca.

Io scrivendo naturalmente non posso fare altro che un appello ai COGLIONI, nella speranza che qualcuno si ravveda. Cari COGLIONI, non ve ne accorgete? Il PD è sempre la stessa gente e, anche se ora parlano in Inglese, corrispondono ad un misero rimpasto di governo.

Concludo con un consiglio a Veltroni nella lingua che preferisce:

VELTRONI.... FUCKOFF!

Davide

 
Condividi e segnala Condividi e segnala - permalink - Segnala abuso
 
 
Vai alla Home Page del blog