Der Steppenwolf

fatui sragionamenti lucidi

 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 

AREA PERSONALE

 

ULTIME VISITE AL BLOG

Smeraldo08pippolenci3acer.250ixtlannfarfallinaa19iltuocognatino1modiglianaEL.DIABL0cassetta2thejumpingJabel.RMAGNETHIKACorpo_Di_Rosaossimoramorkyak
 

ULTIMI COMMENTI

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

EMILE CHARTIER

 

Niente è più pericoloso di un'idea quando è l'unica che si ha.

Emile Chartier

 

 

 

Se io potrò impedire

Se io potrò impedire
a un cuore di spezzarsi
non avrò vissuto invano-
Se allevierò il dolore di una vita
o guarirò una pena-

o aiuterò un pettirosso caduto
a rientrare nel nido
non avrò vissuto invano.


Emily Dickinson

 

 

FELICITÀ

Felicità: finché dietro a lei corri
non sei maturo per essere felice,
pur se quanto è più caro tuo si dice.

Finché tu piangi un tuo bene perduto,
e hai mete, e inquieto t'agiti e pugnace,
tu non sai ancora che cos'è la pace.

Solo quando rinunci ad ogni cosa,
né più mete conosci né più brami,
né la felicità più a nome chiami,

allora al cuor non più l'onda affannosa
del tempo arriva, e l'anima tua posa.

H. Hesse

 

 

LAO TZE

Niente esiste al mondo più adattabile dell'acqua. E tuttavia quando cade sul suolo, persistendo, niente può essere più forte di lei.

 

 

RIDERE

 

L'unica cura contro la vanità è il riso, e l'unico difetto ridicolo è la vanità.

Henri Bergson

 

 

FËDOR DOSTOEVSKIJ

Se avete in animo di conoscere un uomo, allora non dovete far attenzione al modo in cui sta in silenzio, o parla, o piange; nemmeno se è animato da idee elevate. Nulla di tutto ciò! - Guardate piuttosto come ride.

 

 

 

 

« Michela Murgia – AccabadoraPaul Auster - Trilogia d... »

Brendan O’Carroll - Agnes Browne mamma

Post n°237 pubblicato il 22 Novembre 2019 da ixtlann
 

 

 

"Era severa con se stessa perché, nonostante negli ultimi quattordici anni avesse partorito sette volte, a trentaquattro anni dimostrava almeno trentaquattro anni."

 

Qualcuno sapendo che sono sempre in cerca di libri "divertenti", o quanto meno faceti, a seguiti di un mio post sui libri che fanno fare quattro risate,  mi ha consigliato questo romanzo, anzi mi ha consigliato la saga, 4 volumi, dicendo che avendo visto i miei gusti, era sicura mi sarebbe piaciuto.

Mah! Strano, probabilmente non riesco a farmi capire eppure i libri citati avrebbero dovuto parlare per me, così non è stato.

 

"«Nome e numero di previdenza sociale?» «Non ce l'ho,» replicò Agnes. «Non ha un nome?» Adesso l'impiegata aveva alzato gli occhi. «Ma certo che ce l'ha,» si intromise Marion. «Si chiama Agnes, come sant'Agnese, Agnes Browne.» «Non ho un numero di previdenza sociale.» «Tutti ce l'hanno, signora!» «Be', io no!» «Suo marito lavora?» «No, non più.» «Allora è iscritto alle liste di disoccupazione?» «No.» «Perché no?» «È morto.»"

 

Mi sono imbattuto in un testo che se avessi affrontato senza alcuna aspettativa avrei definito, tutto sommato leggibile, o quanto meno interessante, perché era una saga familiare  ma molto diversa da quelle che mi era capitato di leggere fin ora.

Le saghe familiari che avevo avuto modo di leggere, ad esempio quella dei Cazalet, (Elizabeth Jane Howard ) o anche quelli della Thirkell, ci raccontano di famiglie più o meno agiate di ville, di usi e abitudini della classe medio alta, ma anche i Durrell, che tutto sommato non se la passano bene fanno parte sempre dello stesso tipo di società, inglesi, ben educati con una forte attenzione al linguaggio  e alle forme!

 

"«Dunque, com'è morto suo marito?» «Un ranger,» rispose Agnes. «Gli ha sparato?» chiese l'altra, incredula. «È stato ammazzato?» «Da chi?» Agnes glielo domandò come se avesse scoperto qualcosa di cui lei stessa era all'oscuro. «Dal ranger, suo marito è stato ucciso da un ranger?» Agnes era perplessa. Rimuginò un istante, poi un'illuminazione le rischiarò il viso. «Ma no, tesoro! Da un Ford Ranger, è stato investito da un Ranger, il fuoristrada!»"

 

Qui ci spostiamo in Irlanda, nel 1967, a Dublino, nel "Jarro" (St Jarlath's Street), quartiere popolare dove praticamente "si conoscevano praticamente tutti. Di giorno era un via vai ininterrotto di ambulanti, carrozzine e carretti, giacché gli uomini e le donne del posto costituivano il novanta per cento dei commercianti di Moore Street e George's Hill. Inoltre il Jarro forniva forza lavoro sia al mercato del pesce sia a quello delle verdure, mentre il resto degli uomini abili erano portuali, barrocciai o disoccupati."

E chiaro che l'ambiente determina anche il linguaggio e le forme adottate, quindi questo romanzo e sicuramente più popolare dei precedenti, e le storie che ci racconta  hanno sicuramente un tono diverso.

La cosa può anche essere interessante, forse più vera, come i sentimenti che ci mostra, ma, per far ridere si affida alla trivialità.

 

"Le tastava e le stringeva: sono banane, mica cazzi, non è che diventano più grosse se le palpi!»"

 

Battutacce sconce e leggermente volgari, che io definirei da quattro soldi, e che sicuramente non suscitano in me il riso.

Peccato, se non fosse per questo particolare, sembrerebbe il copione di un  film di Spencer Tracy e Katharine Hepburn. Magari senza Spencer Tracy.

La prosa, se si sorvola su alcuni passaggi inutili, è davvero adeguata e rende bene la visione d'insieme, così come i personaggi che con poche pennellate sono perfettamente rappresentati, reali, immediati, vivi, dai più grandi ai ragazzi, che qui chiaramente hanno grande spazio, infatti potrebbe essere un libro per ragazzi se solo fosse un po' più casto, e non giudicatemi un bacchettone, perché in realtà sono tutt'altro.

 

"L'istruttore prese qualche appunto e mise via la penna.

«Dai, chiudi il becco! Chi se ne frega di quello che pensa? Sembra un cazzo gigante!» Ridacchiarono.

«Sssh... arriva,» disse Marion.

«Chiedigli come si chiama. O'Fallon, scommetto! Ci scommetto!!»

L'istruttore aprì la portiera, si sedette, e la richiuse. «Bene, Mrs Monks, possiamo partire.»

«La prego, mi chiami Marion.»

«D'accordo...»

«E lei come si chiama?» domandò Marion. Le due amiche aspettavano, speranzose.

«Oh, mi scusi.» Le porse la mano. «Tom.» Sorrise.

«E poi?» insistette lei.

«Tom O'Katz.»"

 

Tutto sommato, come dicevo anche piacevole, se solo si fosse risparmiato qualche trivialità e avesse rinunciato a voler essere comico, perché per il resto le storie ci sono e sono abbastanza vero, alcune forti, altre commoventi, e non manca un finale a sorpresa.

Non so se leggerò il resto della serie, forse quando mi sarà passata la delusione provocatami da questo finto comico!

 

 

 
 
 
Vai alla Home Page del blog
 
 

INFO


Un blog di: ixtlann
Data di creazione: 25/11/2013
 

CONTATTA L'AUTORE

Nickname: ixtlann
Se copi, violi le regole della Community Sesso: M
Età: 69
Prov: PZ
 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Febbraio 2023 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
    1 2 3 4 5
6 7 8 9 10 11 12
13 14 15 16 17 18 19
20 21 22 23 24 25 26
27 28          
 
 

 

SENECA

Non esiste vento favorevole per il marinaio che non sa dove andare.

 

 

 

BERTRAND RUSSEL

Temere l'amore è temere la vita, e chi teme la vita è già morto per tre quarti

 

OSCAR WILDE

Regala la tua assenza a chi non dà valore alla tua presenza

 

SE TU AVESSI DORMITO?,

Se tu avessi dormito?,

E se, nel sonno, tu avessi sognato?

E se, nel sogno,

tu fossi entrato nel paradiso

e lì avessi colto uno strano, bellissimo fiore?

E se, al risveglio,

ti ritrovassi quel fiore in mano?


Samuel Taylor Coleridge

 

 

IL MOMENTO

Se ne va, se ne va, se ne va!

Se n'è andato!

E col momento,

se n'è andata l'eternità!

            Juan Ramòn Jiménez

 

 

N.NUR-AD-DIN

 

Nasciamo senza portare nulla,

moriamo senza poter portare nulla,

ed in mezzo,

nell'eterno che si ricongiunge

nel breve battito delle ciglia,

litighiamo per possedere qualcosa.

                              

 

 

IL RAGGIO VERDE

In particolari circostanze,

quando il sole scompare dietro l'orizzonte,

nel preciso momento in cui l'ultima luce diretta ci colpisce,

può da esso generarsi un raggio verde

che passando attraverso i nostri occhi,

ha la capacità di illuminare la nostra essenza,

permettendoci di dare uno sguardo

dentro di noi e

vedere chi siamo!

 

 

STRANO VAGARE NELLA NEBBIA

È strano vagare nella nebbia!
Solo è ogni cespuglio e pietra,
Nessun albero vede l'altro,
Ognuno è solo.

Pieno di amici era per me il mondo,
Quando la mia vita era ancora luminosa;
Adesso, che la nebbia cala,
Nessuno si vede più.

In verità, nessuno è saggio
Se non conosce il buio,
Che piano ed inesorabilmente
Da tutti lo separa.

Strano, vagare nella nebbia!
Vivere è essere soli.
Nessuno uomo conosce l'altro,
Ognuno è solo.

 

H. Hesse

 

 

AMBROSE BIERCE

Riso:  Convulsione interna che altera i lineamenti del viso ed è accompagnata da suoni inarticolati.

È infettivo e, seppure intermittente, incurabile.

 

 

 

OVIDIO

La Fama, che gode con le sue calunnie

a confondere vero e falso, e che dal nulla si dilata

per forza di menzogna