Creato da dolceamarolu il 02/01/2009

Dolceamaro

...altrimenti ci arrabbiamo...

 

 

AUGURI CON IL CUORE

Post n°121 pubblicato il 22 Dicembre 2009 da dolceamarolu

Sarebbe bello pensare che Babbo Natale esita ancora.

Per una volta sogno di essere una bambina e auguro ai miei AMICI di trovare il 25 mattina come regalo da scartare quel che non hanno avuto mai il coraggio di chiedere a Babbo Natale.

Sognare è un privilegio che auguro a tutti i miei amici. 

Non  perdete mai, nonostante le letterine mai scritte, la fantasia di sognare,di essere o avere.

Buon Natale persone vere che viaggiano per i blog con un bel cuore sincero!

Io, come al solito, ho scritto nei sogni i miei desideri ,ma, se non sono possibili, auguro che i miei amici veri abbiano i loro....

Con tutto il mio cuore!!

 
 
 

L'ANIMA PURTROPPO NON FUNZIONA COME UN WC

Post n°120 pubblicato il 11 Dicembre 2009 da dolceamarolu

Scriva tutto ciò che sente. Lo tiri fuori dall'anima, lo metta sulla carta e poi lo butti via. Dice la leggenda che il fiume Piedra è talmente freddo che tutto ciò che vi cade - foglie, insetti, piume - si trasforma in pietra. Chissà se non sarebbe una buona idea buttare nelle sue acque anche la sofferenza.

 "Sulla sponda del fiume Piedra mi sono seduta e ho pianto"

 

 

 

Oggi non riesco a pensare che un fiume con scritte parole basti. mi chiedo se il mio incubo finirà mai. Quando mi rispondo di sì so di illudermi, quando mi rispondo di no non lo voglio accettare e sempre incubo rimane.

 

 

 
 
 

LU FOR PRESIDENT

Post n°119 pubblicato il 02 Dicembre 2009 da dolceamarolu

VOGLIO FARE POLITICA ANCHE IO, HO DECISO!

Ebbene sì, se voglio posso essere assurda come loro, so di averne le capacità.

Allora: prima ci vietano il cellulare alla guida – cosa di cui a pochi frega a giudicare da tutti quelli che guidano con l’orecchio appiccicato alla spalla (non saranno mica tutti nati con quella malformazione no??) – adesso vietato anche FUMARCI  nella propria macchina.

Ricapitolando: in casa mia o altrui non si fuma, nei locali e al lavoro neppure, non è che prima o poi mi trovo il vigile anche sul balcone che è l’unico posto dove ancora posso intossicarmi in santa pace?

Illustrerò ora a lorsignori il mio programma di modifica del Codice della Strada e di sicuro, visto come vanno le cose, qualcuno ne prenderà possesso per farne una cosa vera….MA DI SICURO!

VIETATO cambiare stazione all’autoradio – a meno che non sia 103.3- PENA accensione di uno o più petardi nel vano cd – o porta usb per i più “tecnologicizzati”  e 1 punto sottratto dalla patente.

VIETATO sbadigliare o strofinarsi gli occhi se non fermi ad un semaforo con il rosso PENA una secchiata di acqua ghiacciata in piena faccia  a cura dell’ufficiale che ti ferma e 2 punti sottratti dalla patente

VIETATO alle femminucce o ai capelloni uomini  legarsi i capelli o spostarsi il ciuffo da una parte all’altra durante la marcia PENA rasatura immediata della zucca a “palla di biliardo”, 3 punti sottratti alla patente e 200 punti sulla tessera della Coop

VIETATO infilare le dita nel naso o nelle orecchie (e questa farebbe anche parte del Codice dell’Educazione..) ma soprattutto con l’aggravante del controllo sul risultato dell’ispezione  PENA 5 punti patente e aggiunta sulle note delle patenti cartacee – o al laser in rilievo su quelle plastificate – del titolo di “er monnezza”

VIETATO controllare la velocità sul contachilometri per più di 3 secondi PENA abbuono della multa per eventuale eccesso di velocità ma partono 4 punti patente più azzeramento punti sulla carta Agip

VIETATO distrarsi ad aprire il finestrino ed esporre il dito medio ad un altro automobilista. Atteggiamento consigliato: inchiodare, tirare fuori il coglionazzo dall’abitacolo e sbattergli la capoccia contro al finestrino fino alla completa rottura dello stesso al fine di agevolarlo nei prossimi incontri automobilistici. PENA amputazione delle falangi utilizzate per il gesto e rigatura della fiancata dx o sx a scelta con fresa a ferro più 3 punti sottratti dalla patente

VIETATISSIMO infine pensare alla guida a questioni di lavoro, di famiglia, d’amore, di amicizia, alla lista della spesa, alle torture da infliggere al primo che capita x sfogarsi e ad eventuali altri cazzi e mazzi o ADDIRITTURA canticchiare qualsiasi motivetto – a meno che non sia l’inno nazionale- PENA distruzione immediata con kalashnikov dell’autovettura ed inserimento di un microchip nel cervello (non effettuabile da carabinieri, tranquilli!) in modo da essere solo automi perfetti, il mondo sarà più sicuro e sano!

Io penso che ci voglia giudizio in tutto quel che si fa e non una legge. PUNTO!

E comunque si parla di auto e non delle due ruote e io vi frego, TIEEEEEEEEE

E ora sono nervosetta, vado a fumare…si CAZZO MA DOVE????

 
 
 

LA RICERCA DELLA FELICITA'

Post n°118 pubblicato il 26 Novembre 2009 da dolceamarolu

"Fu in quel momento che cominciai a pensare a Thomas Jefferson, e alla dichiarazione d'indipendenza, quando parla del diritto che abbiamo alla vita, libertà e ricerca della felicità, e ricordo di aver pensato, come sapeva di dover usare la parola ricerca. Perché la felicità è qualcosa che possiamo solo inseguire, e che forse non riusciremo mai a raggiungere, qualunque cosa facciamo."

 

 

 
 
 

CORTISONE MON AMOUR

Post n°117 pubblicato il 16 Novembre 2009 da dolceamarolu

Zizizi ho retto, ho retto imbottita di tachipirina e ovviamente senza dottore e poi....
Il dottore in verità mi serve solo x ricette e certificati. Solo che i certificati x ora sono stati troppo pochi per scelta. Ma questa volta mi è toccato il cortisone!
Per fortuna: aereosol Lo odio da morire ma il fegato mi ha fatto solo "cucù" invece che fare il "truzzo".

Caro il mio blog-diario, l'essere "malaticcia" fa fare strane riflessioni.
Tante cose sulle quali riflettere, tanti bivi fra i quali scegliere, e soprattutto tanti film con sfondi che nella vita reale hanno poco a che vedere.

Ho scoperto (più o meno dai!) come scaricare film da utorrent e il secondo film che ho scaricato è stato "Sette anime". Un film che dal cinema già mi aveva coinvolto moltissimo e che anche adesso mi emoziona da morire.
Quante cose si perdono per la strada nella gente e che bisogna trovare nei films?
La vita di tutti i giorni ovviamente non è così.
Ci sono vasi di Pandora che in realtà sono vasetti di omogenizzato, ci sono mamme che si innamorano piano piano delle belve, ci sono persone che vivono di egoismo e per le quali provo pena, ci sono persone che lottano per tirare avanti ogni mese con i conti, ci sono persone che odiano, ci sono persone che sono orbe davanti a tutto, ci sono persone che fingono, ci sono persone che valgono.
Ci sono persone che non si dimenticano, ci sono vite che non aspettano, ci sono persone che amano, ci sono persone sole e infelici, ci sono persone non sole e infelici.
Beh, Superlu come mi chiamano, rientra in qualcuna di queste categorie.
Superlu, che in realtà è solo Lu, ha aperto e chiuso un vaso di Pandora ma ha aperto una gran Matrioska.

Lu ha scoperto cose che voi umani non immaginate neppure....


Lu ha tante cose da scrivere diario-blog, Lu ha visto che se cambi la foto le persone non ti visitano e ne è moooolto felice perchè, chi invece lo fa, è un super-lu-amico ed è una gran bella conferma.

Superlu ha troppo dentro ma si accorge che non sorride e non fa più sorridere e allora CI e MI regala una risata serena.

"Jack, avendo problemi di erezione, si reca dal dottore che dopo la visita gli dice: "Il problema e' che i muscoli del tuo pene sono malati! L'unico trattamento effettuabile e' una nuova terapia sperimentale". "Cos'e'?" chiede Jack. "Beh, consiste nel trapiantare i muscoli dalla proboscide di un elefantino nel tuo pene!". Jack ci pensa un po' e poi accetta. Un mese dopo l'operazione a Jack e' dato il via per usare il suo nuovo attrezzo. Prepara una romantica serata con la sua ragazza portandola al miglior ristorante della citta'. A meta' cena sente qualcosa agitarsi e ingrandirsi tra le gambe fino al punto di sentire male. Jack allora slaccia la zip dei pantaloni e subito il suo nuovo cazzo si lancia fuori, va sul tavolo, prende un panino e torna nei pantaloni. La donna all'inizio e' strabiliata, poi con un sorriso malizioso dice: "E' incredibile! Lo puoi fare di nuovo?". Jack risponde con gli occhi lacrimanti: "Beh, forse si', ma non credo che ci stia un altro panino nel mio culo!".

 


 

 

 

 
 
 

BUUUUUU!!!!

Post n°116 pubblicato il 11 Novembre 2009 da dolceamarolu

Pare che ultimamente io faccia paura alla gente, in particolar modo ai signori maschietti, anche quelli che pensano di essere Superman.....anche esperti relatori e psicologi del comportamento....

...sono troppo brava io o IO ho preso gli attributi dei maschietti che non si trovano più in giro?

 

Non sono così cattiva, sono gli altri che mi disegnano così......

 

oppure no?????

 

 

 

TO BE OR NOT TO BE????

 

 

...o mi nascondo io?

 

 

CUCU'!!!!!

.....Mi sa che se non mi trovi.....ci sarà pure un motivo no???

 
 
 

SMILE OR NO SMILE?

Post n°115 pubblicato il 04 Novembre 2009 da dolceamarolu

A quanto pare essere afflitti dalla tristezza o vedere il mondo tutto nero non è poi così negativo. Secondo uno studio australiano, infatti, le persone tristi sono meno credulone, migliorano la loro capacità di giudicare gli altri e hanno anche una migliore memoria. Il professore di psicologia Joseph ha affermato: "Mentre il buonumore sembra promuovere la creatività, flessibilità, cooperazione e fiducia sulle scorciatoie mentali, il cattivo umore innesca un pensiero più attento verso il mondo esterno. La nostra ricerca suggerisce che la tristezza  promuove l'elaborazione di strategie migliori per gestire le situazioni.  Il buonumore non è universalmente desiderabile: le persone col cattivo umore sono meno prone ad errori di giudizio e producono migliori messaggi persuasivi".

....sarà... ma quando ho la "piagnarola" in qualche modo il telecomando finisce in frigo, non trovo le chiavi della macchina e le fregature dai cretini me le becco comunque!!

 
 
 

DITE BENE FRATELLI

Post n°114 pubblicato il 30 Ottobre 2009 da dolceamarolu

Don Andrea Santoro, parroco della chiesa delle Piagge a Firenze.

Un prete “punito” e sollevato dal suo incarico per aver celebrato le nozze in chiesa dell'ex trans Sandra Alvino con il suo compagno Fortunato.

Un prete amato, un prete che ha FATTO e non solo PREDICATO, un uomo che ha creato il  laboratorio di innovazione sociale il Pozzo, che ogni giorno si occupa dal doposcuola per i bambini alla scuola di alfabetizzazione per adulti e stranieri; dal recupero e riciclaggio dei rifiuti all'inserimento lavorativo di persone svantaggiate; dal commercio equo e solidale al fondo di microcredito, che ha creato persino una casa editrice.

Eccolo lì, sollevato dall’incarico che aveva dal 1994, allontanato dalle persone che lo amano e che nulla possono contro la potente e bigotta Chiesa.

Poco importa delle persone alle quale mancherà, poco male se ha celebrato un matrimonio d’amore della coppia, poco importa se si è fatto amare, che si sia fatto il mazzo per aiutare gente. Importa la facciata, importano i “principi”, importa un codice di perbenismo illusorio, importa essere coerenti!!

Se parliamo di coerenza faccio un piccolo esempio che mi riguarderà prima o poi: le persone divorziate non possono fare la comunione in chiesa. Va bene, consideriamola così: se io non ti dico che sono divorziata e tu mi somministri la comunione, sei un peccatore anche tu? E ancora: mi sbaglio o fu Gesù a interrompere la lapidazione della Maddalena che di professione faceva la prostituta perdonandola per i propri peccati? E i divorziati sono da considerarli ancora peggio quindi?

Non chiediamoci come mai i giovani prima di tutti e poi molti altri cattolici si allontanino dalla Chiesa se la Chiesa allontana buoni pastori da una umanità non si considera pecorona!

Parliamo di perbenismo e di bigottismo? Chi mi spiega queste associazioni per favore?

 

MARRAZZO FREQUENTA TRANS e viene spedito in un CONVENTO DI SUORE

ESISTONO PRETI PEDOFILI e la giustizia per loro non conta, li mandano in ritiro spirituale (come Don Santoro??)

IL PAPA stringe la mano e sorride ad un politico noto per andare con MINORENNI (e qui mi fermo)

 

E DON SANTORO VIENE CACCIATO??

 

E IO NON POTRO’ FARE LA COMUNIONE??

 
 
 

E BRAVO MARIO......SEGUE....

Post n°113 pubblicato il 28 Ottobre 2009 da dolceamarolu

 
 
 

IL CAPODANNO CELTICO

Post n°112 pubblicato il 24 Ottobre 2009 da dolceamarolu

Non ho mai condiviso la festività di Halloween trovandola ridicola e non appartenente alla nostra cultura, senza contare poi che la notte del 31 ottobre mi devo ricordare di staccare il campanello per non dover uscire in terrazza a tirare secchiate d’acqua a chi disturba il mio sonno. Ho voluto poi, curiosa come al solito, indagare sulle tradizioni e le origini di questa festa.

Devo dire che ora mi stà molto più simpatico Halloween, soprattutto perché ho scoperto che le origini sono proprio Celtiche e quindi…come potrei disdegnarla adesso? Fermo restando le secchiate d’acqua ovviamente….

Sherlocklu  ha scoperto che….

In Europa la ricorrenza si diffuse con i Celti. Questo popolo festeggiava la fine dell'estate con Samhain, il loro capodanno. In gaelico Samhain significa infatti "fine dell'estate" A sera tutti i focolari venivano spenti e riaccesi dal "sacro falò" curato dai druidi vicino alla reale Collina di Tara. Nella dimensione circolare del tempo, caratteristica della cultura celtica, Samhain si trovava in un punto fuori dalla dimensione temporale che non apparteneva né all'anno vecchio e neppure al nuovo; in quel momento il velo che divideva dalla terra dei morti si assottigliava ed i vivi potevano accedervi. I Celti non temevano i propri morti e lasciavano per loro del cibo sulla tavola in segno di accoglienza per quanti facessero visita ai vivi.

I Celti credevano nelle fate e negli elfi, entrambe creature considerate però pericolose: le prime per un supposto risentimento verso gli esseri umani; i secondi per le estreme differenze che intercorrevano appunto rispetto all'uomo. Secondo la leggenda, nella notte di Samhain questi esseri erano soliti fare scherzi anche pericolosi agli uomini e questo ha portato alla nascita e al perpetuarsi di molte altre storie terrificanti. Si ricollega forse a questo la tradizione odierna e più recente per cui i bambini, travestiti da streghe, zombie, fantasmi e vampiri, bussano alla porta urlando con tono minaccioso: "Dolcetto o scherzetto?"

L'usanza di Halloween è legata anche alla leggenda di Jack, un pigro ma astuto fattore, sempre propenso a indispettire la gente. Si narra che osò sfidare il diavolo, il quale, terrorizzato, fu costretto a rifugiarsi su un albero. Al fine di impedire che il diavolo discendesse, il furbo Jack incise una croce sul tronco. Soltanto dopo un lungo battibecco i due giunsero ad un compromesso: in cambio della libertà, Lucifero avrebbe dovuto risparmiare la dannazione eterna a Jack. Durante la propria esistenza il fattore,sicuro che non sarebbe andato all'inferno, commise tanti peccati che, quando morì, non andò in Paradiso. Rimasto sulla terra, colse una zucca e vi intagliò un volto,inseritavi una candela, ne fece una lanterna. Cominciò da quel momento a peregrinare senza tregua alla ricerca di un luogo di riposo. Halloween sarebbe dunque il giorno nel quale Jack,va alla caccia di un rifugio. Gli abitanti di ogni paese sono tenuti ad appendere una lanterna fuori dalla porta per indicare all'infelice anima che la loro casa non è posto per lui.

Ma ho scoperto anche che l’intaglio delle zucche ha anche una tradizione della mia Toscana che era legata ad un gioco chiamato “dello zozzo. Nel periodo compreso tra settembre e novembre si svuotava una zucca, le si intagliavano delle aperture a forma di occhi, naso e bocca; all'interno della zucca si metteva poi una candela accesa. La zucca veniva poi posta fuori casa, nell'orto, in giardino ma più spesso su un muretto, dopo il tramonto e per simulare un vestito le si applicavano degli stracci o addirittura un abito vero e proprio. In questo modo avrebbe avuto le sembianze di un mostro provocando un gran spavento nella vittima dello scherzo, in genere uno dei bambini, mandato fuori casa con la scusa di andare a prendere qualcosa.

 I SOLITI BURLONI TOSCANI, ALTRO CHE!!!

 
 
 
Successivi »
 

AREA PERSONALE

 

FACEBOOK

 
 

COUNTER

 

IL MIO SCRITTORE PREFERITO

 

ULTIME VISITE AL BLOG

joe1767greta77minetxenix1sols.kjaersergio.cupinimaradalandulgasatabatha81pippolenci3bevinibrunobarbaraperetti92poeta.72matildevillacanescioltodgl10card.napellus
 
Il ragazzo cominciò a invidiare la libertà del vento, e avvertì che avrebbe potuto essere come il vento. Niente lo impediva, se non lui stesso.
 
Citazioni nei Blog Amici: 5
 

I MIEI LINK PREFERITI

TAG