Creato da Eos13 il 30/08/2012

Aiutiamoci

La conoscenza è libertà e sicurezza

 

« FinalmenteIn memoria »

Educazione di genere

Post n°90 pubblicato il 18 Aprile 2015 da Eos13

 

Educazione di genere. Il racconto della maestra Pina: "Ecco che cosa facciamo in classe"

Pina Caporaso

Pina Caporaso

Quando un maschio e una femmina, anche molto piccoli, giocano insieme, subito i

grandi tendono ad attribuire ai due una relazione di fidanzamento. Pina Caporaso,

maestra elementare di Pistoia, nella sua classe (la seconda della scuola "Galileo Galilei")

lavora moltissimo sul tema dell'amicizia. Perché se un bambino o una bambina stanno bene

insieme o provano una simpatia reciproca, ben venga. Pina, tra i banchi, è abituata anche a

usare il femminile quando serve: e quando ai suoi alunni e alle sue alunne ha proposto un

progetto sui mestieri, le femmine non hanno avuto problemi né titubanze a dire che

da grandi vorranno fare le muratrici, le biciclettaie, le meccaniche. I dubbi e le

resistenze, piuttosto, appartengono agli adulti: "Quando si tira in ballo l'educazione di

genere, i genitori sono convinti che in classe noi insegnanti impartiamo chissà quali nozioni.

Come se ci mettessimo lì a confondere ai bambini le idee. L'ideologia gender è

diventata lo spauracchio collettivo per due motivi: da un lato perché sussiste la

sempiterna paura della libertà, quando invece noi forniamo delle mappe che

consentano ai bambini di orientarsi nella complessità, di riconoscere la propria identità

e non averne paura. Dall'altro perché viviamo in un Paese omofobo che crede che

combattere gli stereotipi di genere, cosa che la scuola purtroppo contribuisce e

veicolare, equivalga a incoraggiare i bambini all'omosessualità, come se quest'ultima

fosse una scelta o un condizionamento che viene dall'esterno".

L'anno scorso Pina ha partecipato a un incontro organizzato da La Manif pour tous al quale -

tramite le parrocchie - erano arrivati anche parecchi genitori: "Per un po' sono rimasta

zitta ad ascoltare. Poi, accorgendomi come i relatori non avessero la benché minima

idea del lavoro che viene svolto in classe, come se maestre e maestri, ai bambini, facessero

il lavaggio del cervello, mi sono alzata e ho preso la parola. Spiegando che l'educazione di

genere è uno sguardo, non un progetto specifico: significa guardare in modo diverso alle

dinamiche che avvengono in una classe, significa usare un linguaggio appropriato,

contrastare i luoghi comuni. Non sono mica temi nuovi: pensiamo al libro 'Dalla parte delle

bambine', pubblicato quarant'anni fa. La novità è che questi argomenti, adesso, prendono

sempre una piega polemica: guardiamo al caso di Trieste, dove i genitori mica sono

andati a protestare con gli insegnanti. Al contrario, si sono rivolti ai giornali".

Pina, insieme alla sua quarta di tre anni fa, ha realizzato il documentario "Bomba liberi tutti":

"Ai genitori ho chiesto solo la liberatoria per le riprese, non sono stata a spiegare nel dettaglio

quale attività avremmo fatto. Perché l'educazione di genere è un approccio da tenere sempre,

non da inserire in un'ora specifica. E gli insegnanti devono essere adeguatamente formati

perché facciano proprio quello sguardo".


 

La URL per il Trackback di questo messaggio è:
https://blog.libero.it/Donneunite/trackback.php?msg=13181938

I blog che hanno inviato un Trackback a questo messaggio:
Nessun trackback

 
Commenti al Post:
advmiky
advmiky il 05/05/15 alle 00:02 via WEB
Ebbene la paura delle diversità in generale e non solo sulla "teoria gender" dovrebbe essere trattata come una priorità da debellare ma purtroppo l'ignoranza di chi decide sull'istruzione è "maestra" e a volte fa ancor più confusione quindi Pina ti comprendo benissimo, l'indignazione ha fatto alzare in piedi a dire la mia anche a me in un dibattito a Piombino (PD). Ti ringrazio per il tuo apporto e mi auguro che ci siano sempre più insegnati come te ad educare i figli di un "futuro prossimo" libero da ipocrisie e preconcetti.
 
Gli Ospiti sono gli utenti non iscritti alla Community di Libero.
 

AREA PERSONALE

 

ARCHIVIO MESSAGGI

 
 << Febbraio 2024 >> 
 
LuMaMeGiVeSaDo
 
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29      
 
 

CERCA IN QUESTO BLOG

  Trova
 
Citazioni nei Blog Amici: 2
 

ULTIME VISITE AL BLOG

ParStranoEos13cercasi_sorrisoGi.Joe.wizardSoloLunaSenzaStelleannaincantomi.descrivodeejay70_80carloreomeo0norman.stansfieldbelladinotte16coldlyRudy752psicologiaforense
 

ULTIMI COMMENTI

CHI PUÒ SCRIVERE SUL BLOG

Solo l'autore può pubblicare messaggi in questo Blog e tutti gli utenti registrati possono pubblicare commenti.
 
RSS (Really simple syndication) Feed Atom
 
 

AVVISO AI NAVIGANTI

Questo blog non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcun periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7/3/2001-

Le immagini sono reperite nel web, quindi valutate di pubblico dominio. Se gli autori avessero qualcosa in contrario alla pubblicazione, non avranno altro che da segnalarlo al creatore che provvederà alla rimozione del materiale utilizzato.
I testi e le parole contenuti nel blog sono di proprietà esclusiva dell'autore e ne è espressamente vietata la riproduzione senza il consenso dello stesso.
Per quanto riguarda testi, canzoni, poesie e parole di altri autori, è sempre riportata la citazione. 

 

 

 
 
 

© Italiaonline S.p.A. 2024Direzione e coordinamento di Libero Acquisition S.á r.l.P. IVA 03970540963